.
Annunci online

  Aurora86 AZZURRA LIBERTA' - * BLOG MORALMENTE INFERIORE *
 
Diario
 





   


HOME PAGE BLOG

AZZURRA LIBERTA'-ASCOLTA
 

INNO FORZA ITALIA-ASCOLTA
 



In una democrazia è il popolo
che sceglie i leader, non sono
i leader che scelgono il popolo.
Silvio Berlusconi 02/12/2006

MENO MALE CHE SILVIO C'E'



PROGRAMMA DI GOVERNO
2008-2013


TUTTI I CANDIDATI DEL
POPOLO DELLA LIBERTA'





Vota Berlusconi

 




...andremo avanti con la forza
della gente contro i parrucconi
della politica.-Silvio Berlusconi
P.zza S.Babila Milano 18/11/2007





Vota Berlusconi
 






"Lightmysite.it promuove il tuo blog  
sui motori di ricerca con
Promoblog
- fai luce sul tuo blog..."                  


"La difesa della libertà è la
missione più alta,più nobile,
più entusiasmante che      
ciascuno di noi possa avere
l'avventura di fare."     
Silvio Berlusconi  
























"E' sorta in questi anni 
un'altra Italia, umile e  
tenace , orgogliosa e    
onesta, moderata  ma   
ferma  nel  difendere   
i  principi  di  libertà,   
che  non  ha  nessun    
passato da nascondere 
e  che  soprattutto non 
ha paura di sperare e di
credere. Questa  Italia 
siamo  noi,  si  chiama  
FORZA  ITALIA  "     
Silvio Berlusconi





STO LEGGENDO:
CAMBIARE REGIME
La sinistra e gli ultimi
45 dittatori(Einaudi)


"Cos'altro dovrebbe fare
la sinistra,se non lottare
contro  le dittature  e
battersi per liberare i
popoli oppressi?"



LA GRANDE BUGIA 
"Le sinistre italiane e
il sangue dei vinti".
 


GRAZIE ORIANA: PENSIERI
E PAROLE INEDITI DOPO
L'11 SETTEMBRE.



Technorati Profile

Add to Technorati Favorites

Save This Page
del.icio.us my del.icio.us
Registra il tuo Blog
I am Aurora86 on del.icio.us
Add me to your network




Aurora86
? Grab this Headline Animator

Enter your email address:

Delivered by FeedBurner

Subscribe in a reader


Add to Google Reader or Homepage
Subscribe in NewsGator Online
Subscribe in Rojo
Add to My AOL
Add to netvibes
Subscribe in Bloglines
Add to The Free Dictionary

Add to Plusmo
Subscribe in NewsAlloy
Add to Excite MIX
Add to netomat Hub
Add to fwicki
Add to flurry
Add to Webwag
Add to Attensa
Receive IM, Email or Mobile alerts when new content is published on this site.
Add Aurora86 to ODEO
Subscribe in podnova

Add to Pageflakes

Subscribe to Aurora86

I heart FeedBurner

Visit the Widget Gallery
View blog reactions


Liquida



BlogItalia.it - La directory italiana dei blog

Blog Aggregator 3.3 - The Filter

Elenco dei Blog italiani blog Directory, inserisci il tuo

Blog-Show la vetrina italiana dei blog!












































PUBBLICIZZA GRATUITAMENTE
IL TUO SITO CON FREE -      
PUBBLICITA' GRATIS ! ! !      
CLICCA QUI...










"Troppo spesso è stata dimenticata   
la moralità del fare, la moralità del    
realizzare il programma annunciato  
agli elettori, la moralità dell’operare  
per mantenere gli impegni e per         
mantenere la parola data.                  
Per noi, la moralità nella politica        
consiste soprattutto nel mantenere  
gli impegni."   Silvio Berlusconi 


ARCHIVIO
SETTEMBRE 2008
AGOSTO 2008
LUGLIO 2008
GIUGNO 2008

MAGGIO 2008
APRILE 2008
MARZO 2008
FEBBRAIO 2008
GENNAIO 2008
DICEMBRE 2007
NOVEMBRE 2007
OTTOBRE 2007
SETTEMBRE 2007
AGOSTO 2007
LUGLIO 2007 

GIUGNO 2007
MAGGIO 2007
APRILE 2007
MARZO 2007
FEBBRAIO 2007
GENNAIO 2007
DICEMBRE 2006
NOVEMBRE 2006
OTTOBRE 2006
SETTEMBRE 2006
AGOSTO 2006
LUGLIO 2006
GIUGNO 2006
MAGGIO 2006







who's online


      

AURORA86
FEED IMAGES








17 luglio 2009

UNA FORTE LEADERSHIP

Grazie al governo italiano per lo splendido lavoro, vero amico , una forte leadership, queste tre frasi del presidente Barack Obama  sono solo alcune tra le tante che i leader mondiali hanno indirizzato a Silvio Berlusconi e al governo italiano, tutti ma proprio tutti, da Sarkozy a Gordon Brown , da Angela Merkel al segretario dell’ONU Ban Ki – Moon sono stati prodighi di complimenti per l’organizzazione del G8 e per come Berlusconi ha presieduto e diretto i lavori del summit, anche il presidente Napolitano ha avuto parole di elogio e ha definito il summit “ un indubbio successo personale di Berlusconi”.

Tutto ciò basta e avanza per catalogare come spazzatura mediatica tutto quello che si è scritto in questi ultimi tempi  sulla stampa italiana e straniera a proposito di negligenze dell’organizzazione italiana del G8, del governo e di Berlusconi, persino il Financial Times , uno dei giornali stranieri che più duramente avevano attaccato Berlusconi è stato costretto a riconoscere che il Premier ha vinto la sua scommessa dimostrandosi uno “statista di rango internazionale”, e persino L’Economist oggi ammette a denti stretti il successo ed elogia il Cav., ritengo superfluo quindi ,soffermarmi ancora una volta, su come determinati gruppi editoriali italiani , con giornalisti gonfi di bile e con la bava alla bocca, raccontino le loro speranze e desideri spacciandoli come realtà, gli italiani a tutto questo sono abituati ormai da lustri e chi vota Berlusconi e il PDL al massimo si fa quattro risate, quello che sorprende invece è come testate straniere,una volta considerate autorevoli, si siano ridotte a fare un mero lavoro di copia e incolla amplificando di fatto la spazzatura giornalistica italiana, i casi sono due : “ o risparmiano sui collaboratori e quindi non hanno corrispondenti propri dall’Italia, oppure questi ultimi se ci sono, è evidente che frequentano determinati salotti giornalistici con risultati a dir poco sconcertanti.
 
E così dopo il  G8 all’Aquila, le foto che hanno fatto il giro del mondo non sono quelle di Villa Certosa o Palazzo Grazioli (anche se tra fotomontaggi e quant’altro nulla può più sorprendere) , bensì quelle dei leader mondiali accompagnati dal Premier Berlusconi in mezzo alle macerie del terremoto d’Abruzzo.
 
Tra una sessione e l’altra Berlusconi ha accompagnato il cancelliere tedesco Angela Merkel a visitare il paese di Onna completamente distrutto,uno dei simboli del terremoto d’Abruzzo e poi Barack Obama e il presidente russo Medvedev tra le macerie del centro storico dell’Aquila.
 
Sul piano dei lavori il G8 si è concluso con l’approvazione del piano anticrisi che prevede tra l’altro il no al protezionismo, nuove regole, l’importanza del lavoro e la lotta ai paradisi fiscali, tutte cose chieste e auspicate per primo dal nostro ministro dell’economia Tremonti, poi nel summit allargato alle economie emergenti , G14,  importante accordo anche sul clima per contenere entro due gradi l’aumento della temperatura sul pianeta, infine approvate importanti dichiarazioni sull’acqua e sul continente africano con l’aumento del fondo destinato alla lotta alla fame aumentato da 15 a 20 miliardi di dollari, è vero che questi accordi e dichiarazioni andranno poi trasformati in fatti, ma è indubbio che questo è stato uno dei vertici più produttivi degli ultimi decenni, fatto riconosciuto da tutti i grandi media internazionali.
 
Insomma questo G8 si è concluso con una cocente delusione per i gufi anti italiani e per gli odiatori di professione, e con un'altra grande vittoria di Silvio Berlusconi, adesso bisogna solo preparaci a vedere come sfogheranno la bile che hanno in corpo i giornalisti militanti di gruppi finanziari editoriali posseduti da “ ingegneri tangentisti rei confessi”, e un opposizione di “morti che camminano”, Pansa dixit, nonché guitti e giacobini da operetta che in nome della “legalità” e per personali tornaconti politici ed editoriali, titillano il peggio del paese, ovvero frustrati&sfigati , ignoranti nell’anima e invidiosi sociali , che come i sudditi di una volta, si esaltano quando qualche VIP o politico cade in disgrazia, ma sempre sudditi rimarranno, a prescindere da Berlusconi.
Ci sarà ancora da ridere per molti anni, e a tutti costoro io mi permetto di consigliare delle robuste cure per i loro malridotti fegati.
 

 


17 giugno 2009

GREAT TO SEE YOU MY FRIEND















3 aprile 2009

G20 UNA SVOLTA STORICA?

Barack Obama parla di “svolta storica” nel G20 di Londra, più o meno sullo stesso tono i commenti degli altri leader mondiali, in effetti sono state prese delle decisioni coordinate che hanno pochi precedenti nella storia moderna.
Le misure decise per contrastare la crisi economica mondiale infatti sono di forma e di sostanza, è stato approvato uno stanziamento di 1000 miliardi a favore del FMI oltre allo stimolo fiscale di 5000 miliardi entro il 2010, nonché un intesa contro i cosiddetti “paradisi fiscali” e relativa lista nera, e un nuovo consiglio per la stabilità finanziaria globale, questi i provvedimenti più importanti.
Stiamo sostenendo una espansione fiscale concertata e senza precedenti che creerà milioni di posti di lavoro , e che ammonterà, entro la fine dell'anno prossimo, a 5 mila miliardi di dollari; aumenterà la produzione del 4 per cento e accelererà la transizione a un'economia verde, “una crisi globale richiede una soluzione globale" che "abbia al suo centro le esigenze e i posti di lavoro delle famiglie dei lavoratori non soltanto nei paesi industrializzati, ma anche in quelli emergenti e nei paesi più poveri", si legge nel comunicato finale del vertice, e in quest’ultimo passaggio voluto fortemente da Silvio Berlusconi c’è tutto il riconoscimento dell’impegno dell’Italia al tavolo dei capi di stato e di governo delle maggiori economie mondiali.
Secondo Barack Obama il vertice è stato molto produttivo e costituisce una svolta per la ripresa respingendo tentazioni protezionistiche, il premier inglese Gordon Brown ha elencato tutti i punti sui quali è stato raggiunto l’accordo: “abbiamo raggiunto il consenso per fare tutto ciò che è necessario per ristabilire la crescita economica e l'occupazione e prevenire un'altra crisi come quella attuale”, secondo il cancelliere tedesco Angela Merkel, si tratta di «un compromesso storico in risposta a una crisi eccezionale»,soddisfatto anche il presidente francese Nicolas Sarkozy: «I risultati ottenuti vanno aldilà di quello che potevamo immaginare i paesi del G20 hanno deciso di riformare in profondità l’organizzazione finanziaria internazionale con un rafforzamento delle regole,che poi è la cosa che chiede da mesi il nostro ministro dell’economia Tremonti.
Sono state «smentite le previsioni pessimistiche della vigilia». Dal G20 di Londra è uscita una «forte e unanime affermazione della volontà di cooperare per uscire dalla crisi e prendere misure coordinate», così si è espresso Berlusconi, «ho detto a Obama che si deve tirare su le maniche per far uscire il mondo dalla crisi visto che la crisi arriva proprio dall'America. Lui mi ha risposto che ho ragione e che l'importante è restare tutti insieme per risolvere i problemi».
''E' partita la regolamentazione finanziaria che troverà compimento al G8 alla Maddalena'', per il premier ''al summit in Sardegna puntiamo a un vero e proprio codice sia sull'agire dei protagonisti del mondo finanziario ed economico, sia sull'attività' di vigilanza degli istituti mondiali, anche a livello nazionale''.
Infine con la consueta pragmaticità che lo contraddistingue , Silvio Berlusconi ha chiamato accanto a se sia il primo ministro russo Medvedev che il presidente degli USA Obama a posare per una foto ricordo insieme a lui, mettendo così un primo ponte per il riavvicinamento delle due potenze.








12 febbraio 2009

PRATICO E CONCRETO

Barack Obama mi sembra un uomo molto pratico e concreto,come piace a me, così Silvio Berlusconi dopo la telefonata del presidente USA al premier italiano.
Il presidente Obama ha ringraziato l’Italia per l’impegno nello scenario del medio oriente e dell’Afghanistan, Berlusconi ha confermato tutti gli impegni assunti.
E’ la terza volta che i due leader si sentono personalmente, la prima telefonata risale allo scorso ottobre, quando a Washington, per salutare l'uscente George W. Bush, il presidente del Consiglio chiamò sia Obama che John McCain, all'epoca impegnati in campagna elettorale, la seconda invece è dello scorso 7 novembre, quando fu il presidente eletto degli Stati Uniti a contattare Berlusconi dopo la vittoria del 4 novembre.
Nella telefonata di oltre mezz’ora sono stati affrontati tutti i maggiori temi di politica internazionale a partire dalla crisi economica mondiale, e i due leader hanno espresso la volontà comune di una forte collaborazione per fronteggiare insieme le sfide globali restando in stretto contatto.
Prima del G8 di luglio in Italia, si incontreranno personalmente al G20 di Londra il 2 Aprile e subito dopo al vertice NATO a Strasburgo.
A proposito di Obama, non vi sarà certo sfuggita l’enfasi con la quale Walter Veltroni,qualche giorno fa ha comunicato alla stampa di aver ricevuto dal presidente USA una lettera di ringraziamento, beh si è scoperto che quella lettera altro non era che una fotocopia, opportunamente modificata nel nominativo, indirizzo e paese di riferimento, che la Casa Bianca ha inviato in risposta alle migliaia e migliaia di persone che si sono congratulate con il neo presidente eletto, insomma lo stesso testo a Veltroni ma anche alla casalinga di Voghera o un Ayatollah islamico, un copia incolla chilometrico.
Non gliene va bene una che sia una , non chiamatelo più Walter Veltroni, è più opportuno Paolino Paperino…..






21 gennaio 2009

UN SENTITO GRAZIE A GEORGE BUSH

Nel giorno del giuramento e dell’ insediamento del neo presidente degli USA, Barack Obama a Washington, mi sembra quanto mai opportuno ringraziare George Bush, un uomo di grandi principi e di grandi ideali che , negli anni della sua presidenza, ha sempre operato con la sincerità e la spontaneità di colui che crede in ciò che fa.
Gli otto anni della presidenza Bush sono stati segnati dall’attacco dell’11 settembre 2001 alle torri gemelle e dalla conseguente difesa degli USA e dell’occidente dal terrorismo fondamentalista islamico, culminati con la guerra in Iraq e Afghanistan , che pur tra qualche errore di valutazione e strategia, del resto solo chi non opera non sbaglia, ha conseguito importanti risultati.
Il simbolo della presidenza Bush rimane a mio modesto avviso, la foto che ritrae le donne irachene in fila, che sfidando bombe e terroristi, si recano a votare per eleggere democraticamente i loro rappresentanti in parlamento, dopo decenni che non succedeva in quel paese.
Senza contare poi che i superstiti e i familiari delle centinaia di migliaia di morti, vittime della feroce dittatura di Saddam Hussein, hanno avuto finalmente giustizia, il dittatore iracheno infatti è stato processato e giustiziato e con lui diversi suoi complici che si sono macchiati di crimini tremendi, e presto toccherà ad altri, tra i quali il famigerato Alì il Chimico.
Il neo presidente Obama ha prestato giuramento, e nel suo discorso inaugurale davanti ad un grande folla e milioni di persone che in tutto il mondo hanno seguito l’avvenimento epocale, infatti è la prima volta in assoluto che viene eletto alla presidenza degli USA un afroamericano, non ha nascosto grande soddisfazione : “ sessantanni fa un nero non poteva neanche entrare in un bar”, e ha ribadito la sfida al terrorismo : “ vi sconfiggeremo” , ha promesso inoltre un “ritiro responsabile “ dall’Iraq e provvedimenti urgenti per la crisi economica che è poi la prima e più importante sfida da affrontare.
Al neo presidente dunque, non si può che augurare di non deludere le speranze e le aspettative che l’America e il mondo ripongono su di lui.



















25 novembre 2008

LUXURIA COME OBAMA

Luxuria come Barack Obama, così titola il quotidiano comunista Liberazione in riferimento alla vittoria di Vladimir Luxuria nell’edizione 2008 del reality  di Rai Due    “L’isola dei famosicondotto da Simona Ventura, che ha avuto picchi altissimi di ascolto.
La trans ed ex parlamentare di Rifondazione Comunista ha battuto in finale l’agguerrita seduttrice Belen Rodriguez con il 56% dei voti, e ha dato sfogo all’emozione tra lacrime e sorrisi.
A questo proposito c’è da registrare l’immediata inversione di rotta dei dirigenti di Rifondazione Comunista che, alla notizia della sua partecipazione al programma, avevano chiaramente mostrato di non gradire, adesso invece il segretario Ferrero è pronto ad offrirle una candidatura e un seggio al parlamento europeo anche se lei frena.
E’ la dimostrazione che, sotto sotto,anche i compagni amano questi programmitrash” , del resto se hanno indici di ascolto altissimi qualcuno li deve pur guardare, chi l’avrebbe mai detto, adesso il riscatto della sinistra massimalista italiana passa attraverso Luxuria e L’isola dei famosi, chissà cosa ne penserebbero Togliatti e Berlinguer, non ci sono più i compagni duri e puri di una volta.











7 novembre 2008

UNA LAUREA NON SI NEGA A NESSUNO

Mentre in tutto il mondo l’effetto dell’elezione alla presidenza degli Stati Uniti di Barack Obama sta suscitando un misto di curiosità e speranza,tanto che,anche chi non si riconosce nei democratici americani guarda al neo presidente USA con simpatia, in Italia purtroppo sta avendo effetti deleteri.
I pistolini di Stalin e di Pol Pot, che un tempo in piazza bruciavano le bandiere americane perché simbolo di capitalismo, imperialismo e chi più ne ha più ne metta, dopo essere stati sconfitti dalla storia e costretti dal fallimento e dalla vergogna a cambiare più volte nomi e simboli, adesso sono tutti americani e addirittura, udite udite, rivendicano come propria la vittoria di Barack Obama.
E così gli ex comunisti, adesso mimetizzati nel partito democratico, frustrati dalla cocente sconfitta alle elezioni nazionali di Aprile , e dai ceffoni in serie che prendono in ogni competizione elettorale dal Friuli alla Sicilia passando per Roma, hanno accolto la vittoria di Obama con una sorta di transfert in cui si identificano talmente tanto, che credono di aver vinto anche in Italia, o perlomeno siano sul punto di farlo, tanto da inscenare negli ultimi giorni una specie di campagna elettorale a scoppio ritardato, purtroppo per loro non serve aver vinto in Ohio e in California, servirebbe per cominciare almeno vincere in Abruzzo, ma anche lì hanno buone possibilità che ancora una volta gli elettori li prendano a ceffoni.
Si rilassino e stiano tranquilli e sereni, l’Italia ha già voltato pagina, e ha scelto Silvio Berlusconi per la “nuova stagione”, se continuano così,alla prossima campagna elettorale tra cinque anni,magari per perdere di nuovo,ci arriveranno con il fegato a pezzi.
Hanno perso la testa,solo così si spiega l’attacco al Premier Berlusconi mentre è impegnato in un vertice internazionale a Mosca, dove in una conferenza stampa dai toni assolutamente cordiali spiegava al Premier Russo Medvedev , che si adopererà per far si che i rapporti tra USA e Russia siano più ravvicinati, e che Barack Obama è «bello, giovane e abbronzato» e quindi «ha tutto per andare d'accordo» ,una carineria scherzosa insomma.
Il “perdente di successoVeltroni, si è spinto a chiedere una nota ufficiale di scuse, seguito dal vice Franceschini e via via da un codazzo isterico di frustrati, che non avendo nulla da proporre, non hanno di meglio da fare che cercare un pretesto qualunque per attaccare Berlusconi e creare polemiche prive di qualunque fondamento,roba da manicomio,patetici.
La reazione del Premier non si è fatta attendere : “ Uno può sempre prendere la laurea del coglione quando vuole. Se uno vuole prendersi una laurea pubblica, ogni occasione è buona.
Pensavamo ci fossero tanti imbecilli in circolazione" ha aggiunto il presidente del Consiglio "quello che non immaginavamo è che fossero così imbecilli da auto dichiararsi pubblicamente.
Questo si chiama parlare chiaro e preciso, del resto quelli di sinistra non hanno il senso dell’humour, al mattino si vedono allo specchio e già si sono rovinati la giornata, di questi tempi, visto l’attuale stato del nostro sistema scolastico e universitario che è una fabbrica di ignoranti e somari, una laurea non si nega a nessuno, io un modello di “attestato di laurea” lo metto a disposizione.
E adesso “ FORZA COGLIONI” , è il momento di tirare fuori dal cassetto e indossare le t-shirt con la scritta “ IO SONO UN COGLIONE” , avanti fateci godere.

I CARE, WE CAN, BERLUSCONI WIN !!!

FORZA COGLIONI

PRESIDENTE SIAMO CON TE

MENO MALE CHE SILVIO C’E’






10 settembre 2008

MCCAIN VOLA NEI SONDAGGI

Secondo l’ultimo sondaggio Gallup, il senatore dell’Arizona John McCain ha il favore di 49 americani su 100 contro il 43 del suo rivale democratico, il senatore dell’Illinois Barack Obama.
Non è più tempo di sogni, utopie e fuochi artificiali, dopo il crollo delle ideologie e con la crisi economica che ha colpito il mondo occidentale, le uniche certezze rimangono i valori,la fede e l’identità, McCain lo ha capito bene e infatti promette il “cambiamento possibile” , che può essere fatto solo da chi ha l’esperienza giusta e le cicatrici sulla pelle, al contrario di Barack Obama che oltre a promettere improbabili nuovi sogni si barcamena nel dibattito politico a seconda degli umori della platea degli elettori,denotando una non sufficiente convinzione nelle sue idee, che non è riuscito a mascherare con l’oratoria e gli effetti speciali.
Un altro errore di Obama è stato quello di non scegliere come candidata alla vicepresidenza Hillary Clinton, è vero che inevitabilmente si sarebbe dovuto portare dietro anche il marito di quest’ultima, ma è altrettanto vero che una grossa fetta di sostenitori democratici,che già non stravedevano per il senatore dell’Illinois, avranno serie difficoltà.
Obama ha preferito affidarsi per il ticket a Joe Biden, uomo dell’establishment, esperto di politica estera.
La convention repubblicana di St.Paul che ha incoronato ufficialmente come candidato alla presidenza John McCain ,nonostante l’uragano Gustav è stata un successo, gli occhi dell’America si sono puntati tutti sulla candidata alla vicepresidenza, Sarah Palin ,44 anni, governatore dell’Alaska , soprannominata il “pitbull con il rossetto”.
E’ l’asso nella manica di John McCain , chiamata a correre per la vicepresidenza tra la sorpresa generale, incarna perfettamente il modello di donna ideale dell’americano medio : credente, antiabortista, moglie e mamma di 5 figli,nonché donna in carriera.
Anche grazie  a lei i sondaggi arridono a McCain, e sicuramente grazie a lei arriveranno i voti di quell’America tradizionalista,credente e rurale, che alla fine ,come sempre, faranno la differenza.

INTERVENTO DI JOHN MCCAIN



INTERVENTO DI SARAH PALIN


INTERVENTO DI MRS CINDY MCCAIN






10 giugno 2008

BARACK OBAMA COPIA TREMONTI

Il candidato democratico alla Casa Bianca,Barack Obama ha proposto, se sarà eletto, udite udite , la sua Robin Hood Tax, che si propone di “tassare i guadagni inattesi delle compagnie petrolifere per venire incontro agli americani che soffrono le conseguenze del caro-petrolio, farò pagare a società come la Exxon una tassa sugli extraprofitti e useremo i fondi per aiutare le famiglie a pagare i costi astronomici per l'energia”.
A questo punto forse è il caso di avvertire il “Tremonti Americano” che sul suo programma potrebbe abbattersi la scomunica dei sostenitori,anche italiani, della “concorrenza e del mercato globalizzato e deregolarizzato” , non solo, potrebbero tacciarlo di facile demagogia e populismo, da qualche parte negli USA ci sarà pure un Bersani Americano.
Ma,forse più semplicemente occorre considerare che l’alternativa,data l’attuale congiuntura, non è tra colbertismo e liberalismo,bensì tra astrattismo e realismo, ovvero evitare gli errori e gli orrori di chi non è nato liberale e non conosce il mercato, il mercato non è assenza di regole, non è solo spiriti animali ottimali, è basato sulle regole, sulla parità delle condizioni, sulla proporzionalità delle situazioni. Il mercato non esclude, ma spesso anzi presuppone anche le ragioni generali dell’interesse pubblico.






9 giugno 2008

HILLARY CLINTON GETTA LA SPUGNA YES WE CAN

L’interminabile campagna delle primarie USA del Partito Democratico è finalmente giunta al termine, dopo la chiusura delle urne in South Dakota e Montana che hanno dato a Barack Obama la certezza della nomination , qualche giorno di riflessione e un incontro nemmeno troppo segreto con il candidato democratico alla Casa Bianca, Hillary Clinton ha gettato la spugna ,ha ringraziato i suoi sostenitori e li ha invitati ad appoggiare Obama.
«Il modo per continuare la nostra lotta e raggiungere i nostri scopi ora è convogliare le nostre forze sull'elezione di Barack Obama. A lui miei complimenti, il mio endorsement e il pieno sostegno. A voi chiedo di lavorare sodo per Barak come avete fatto per me. Sono stata con lui al Senato per quattro anni e con lui in questa campagna. Ho visto la sua forza e la sua determinazione. In lui ho visto incarnarsi il sogno americano» .«Ora io,lui e voi siamo uniti nella stessa lotta, perché abbiamo una economia prospera e perché tutti posano avere generi alimentari, pensione e un sistema sanitario accessibile a tutti». «Un giorno vivremo in un'America dove tutti avranno un'assicurazione sanitaria. Per questo dobbiamo lottare perché Obama venga eletto. Sarà un'America più forte in cui tutti avranno più dignità. Per questo dobbiamo aiutare Barack Obama a essere eletto». «Per questo ora dico con lui Yes we can».
Non c’è certezza su chi sarà il candidato vicepresidente che accompagnerà Obama nella corsa alla Casa Bianca, la Clinton ha fatto sapere che non lo ha chiesto,ma accetterebbe se le venisse offerto.
Intanto Obama vorrebbe almeno due mandati ,voglio inaugurare le Olimpiadi di Chicago nel 2016 dice,ma intanto delinea chiaramente le linee della sua politica estera se sarà eletto : “Gerusalemme dovrà restare la capitale d'Israele e non dovrà essere divisa” e farà di tutto per impedire che Teheran entri in possesso di armi nucleari, dichiarazioni che hanno suscitato le vivaci proteste da parte dei Palestinesi.
Il candidato repubblicano McCain intanto da tre mesi ormai con la nomination in tasca,prepara la battaglia d’autunno per la casa Bianca, la potentissima lobby ebraica d’America è senz’altro schierata al suo fianco anche se Obama tenta di suscitare simpatie con le sue dichiarazioni su Gerusalemme e Teheran.
Ma il vero motivo della prossima campagna elettorale sarà se gli USA sono pronti ad eleggere un presidente nero, e a questo proposito sarà interessante vedere se proprio tutti i sostenitori di Hillary Clinton lo voteranno o magari una almeno una parte riverserà i suoi voti su McCain.
In autunno sapremo, si prevede comunque una battaglia all’ultimo voto.













24 aprile 2008

PENNSYLVANIA , HILLARY CLINTON BATTE OBAMA

In USA le primarie del partito democratico per la corsa alla Casa Bianca hanno fatto tappa in Pennsylvania dove Hillary Clinton ha battuto Barack Obama con circa dieci punti di distacco e ha festeggiato con i sostenitori che gridavano "Yes, She Can" al quartier generale di Filadelfia.
In Italia Veltroni e Franceschini direbbero un soffio,un incollatura.
Barack Obama mantiene il vantaggio sul conto totale dei delegati , inclusi i superdelegati,alla convention, il senatore dell’Illinois ne avrebbe adesso 1.694, la ex First lady 1.556.
La partita è ancora comunque tutta da giocare e adesso si sposta in Indiana dove si vota il 6 Maggio e Obama è dato in lieve vantaggio.
In campo repubblicano è tutto deciso da un pezzo e John McCain indubbiamente avvantaggiato può prepararsi bene e con calma alla battaglia presidenziale d’autunno,anzi i sondaggi interni del partito repubblicano lo vedono in vantaggio su entrambi i concorrenti democratici:
McCain-Obama 48-42 McCain-Clinton 51-48











sfoglia     giugno       
 

 rubriche

Diario
Immagini del giorno
Trinariciuti
Politica
Miseria,Terrore e Morte
Silvio Berlusconi
Parole in libertà

 autore

Ultime cose
Il mio profilo

 link

MARA CARFAGNA
IDEAZZURRA
NON SOLO NAPOLI
AG BELLUNO
KOMUNISTELLI
PER IL POPOLO DELLA LIBERTA'
FILIPPO
IL BERRETTO A SONAGLI
FAZIOSO LIBERALE
PENSIERI IN VOLO
VOCERIBELLE
MARALAI
AMPIORESPIRO
F. STORACE
LA DESTRA NEWS
IL VELINO
YOUTUBE
CASA DELLE LIBERTA':
FORZA ITALIA
FORZA ITALIA GIOVANI
FORZA ITALIA SENATO
FORZA ITALIA CAMERA
FORZA ITALIA GRUPPO EUROPEO
ALLEANZA NAZIONALE
LEGA NORD
UDC
NUOVA DEMOCRAZIA CRISTIANA
NUOVO PSI
MOVIMENTO PER L'AUTONOMIA
PARTITO LIBERALE
PARTITO REPUBBLICANO
RIFORMATORI LIBERALI
STEFANIA CRAXI
ALESSANDRA MUSSOLINI
PENSIONATI
MOVIMENTO SOCIALE-FIAMMA TRICOLORE
PARTITO POPOLARE EUROPEO
CIRCOLO DELLA LIBERTA'
CIRCOLO GIOVANI
MEDIA:
ADNKRONOS
ANSA
AVVENIRE
CORRIERE DELLA SERA
DAGOSPIA
FAMIGLIA CRISTIANA
IL FOGLIO
IL GIORNALE
IL LEGNO STORTO
IL MANIFESTO
IL MESSAGGERO
IL SECOLO XIX
ILSOLE24ORE
IL TEMPO
ITALIA LIBERA
LA 7
LA DISCUSSIONE
L'ESPRESSO
LIBERAZIONE
LIBERO
L'OPINIONE
L'OSSERVATORE ROMANO
LA PADANIA
LA STAMPA
LA TV DELLA LIBERTA'
L'UNITA'
MEDIASET
NOI PRESS
PANORAMA
POTERE SINISTRO
QUOTIDIANONAZIONALE
RAGIONPOLITICA
RAI
RAI TELEVIDEO
RASSEGNA STAMPA
REPUBBLICA
SONDAGGI POLITICO-ELETTORALI
TGCOM
THINK-TANK:
FONDAZIONE LIBERAL
FREE FOUNDATION
IDEAZIONE
ISTITUTO BRUNO LEONI
MAGNA CARTA
WEB JOURNAL:
BLOG-SHOW
BOOKCAFE
LIQUIDA
DICEVI? BLOGS JOINER
TOCQUEVILLE-LA CITTA' DEI LIBERI
FORUM:
ALFEMMINILE
CORRIERE FORUM
DONNA MODERNA
FORUM NUOVO PSI
FUORI DI TESTA
GIOVANI IT.- POLITICA
L’UNITA’
LA STAMPA FORUM
MARCO TRAVAGLIO FORUM
POLITICA ON LINE
REPUBBLICA
ULIVO/PD
SITI…ONOREVOLI:
ANTONIO PALMIERI
BENEDETTO DELLA VEDOVA
CLEMENTE MASTELLA
CARLO GIOVANARDI
GIULIO TREMONTI
RENATO BRUNETTA
PAOLO GUZZANTI
TOTO’ CUFFARO
AURORA86 CONSIGLIA:
!!:::GOVERNO PRODI
123 BETA
A CONSERVATIVE MIND
ACROSS THE BORDER
ADESTRA
AD SIDERA
AG AVERSA
AGE-VERNACOLESE
AKELA THE WOLF
ALEPUZIO
ALESSANDRA FONTANA
A LOOK TO THE RIGHT
ALTERNATIVA POPOLARE
AMANDACCO
AMERICAMERCATOINDIVIDUO
AMERICA THE BEAUTIFUL
ANNI DI SANGUE
ANTIKOMUNISTA
ANTIEUROPEO
ARCHEOPTERIX
ARMONIA DEI SENSI
ASTROLABIO
ATROCE PENSIERO
AZIONE GIOVANI
BALESTRATESI
BANDO ALL'IPOCRISIA
BARNEY PANOFSKY
BARRY GOLDWATER
BATTITORE LIBERO
BIETTO(ANCHE SE NON CI SEI PIU')
BIG DOGS WEBLOG
BLAKNIGHTS
BLOGIORNALE
BLOG PER SILVIO
BOTTOMLINE
C'E' WALTER
CALAMITYJANE
CALIMERO
CALVIN
CAMELOT DESTRA IDEALE
CAMILLO
CANTOR
CAPPERI
CARLO MENEGANTE
CATEPOL
CASTELLO BIANCO
CENSURAROSSA
CENTRODESTRA
CIRCOLO DELLA LIBERTA’ GOLFO DEL TIGULLIO
CIRCOLO GIOVANI FIRENZE CENTRO STORICO
CIRCOLO DELLA LIBERTA’ IL CAMINETTO
CIRCOLO LIBERTA’ TORINO
CHE CI DEVI FARE
CIVILTA'
COMMERCIALISTA
CONTROCORRENTE
C'E' POCO DA RIDERE
DALL’ALTRA PARTE
DAVERIK
DAW
DEBORAH FAIT
DEEARIO
DEIMM
DESTRA LAB
DIETRO LE LINEE NEMICHE
DILLA TUTTA
DORIA
DUMBS OX DAILY
EL BOARO
FABIO SACCO
FACE THE TRUTH
FATTI&MISFATTI
FENOMENI IN GIRO NON C’E’ NE
FREEDOMLAND
FREE THOUGHTS
FORT
FORZA FRIULI
FORZA ITALIA-BLOG
FULVIA LEOPARDI
GABIBBO
GAETANO SAGLIMBENI
GAWFER
GEMELLE GLITTER
GERMANYNEWS
GIANNI DE MARTINO
GIANFRANCO FINI PREMIER
GIANGIACOMO’S THINK THANK
GINO
GIOVANNI VAGNONE
GIOVANI AZZURRI VENETO
GIOVANI CON SILVIO
GIULIA NY
GRAZIE BERLUSCONI
GRENDEL FROM THE MOOR
HARRY
HARRY'S WORLD
HURRICANE
I DIAVOLI NERI
IGNAZIO ARTIZZU
IN GOD WE TRUST
ING.GAS NEO CON WEBLOG
INGEGNERBLOG
INNOVAZIONE GIOVANI
IL BARONE NERO
IL BLOG DELL'ANARCA
IL CAMPER
IL CASTELLO
IL CIELO SOPRA KABUL
IL FILO A PIOMBO
IL GIOVINE OCCIDENTE
IL GIULIVO
IL GRANDE GABBIANO
IL GRINCH
IL MANGO DI TREVISO
IL MASCELLARO
IL MIO MONDO
IL MISCREDENTE
IL NANO
IL RE DELLA MONNEZZA
IL REAZIONARIO
IL SIGNORE DEGLI ANELLI
IL SORVEGLIATO SPECIALE
IN ETERE
INYQUA
IL MOTEL DEI POLLI ISPIRATI
IL RUMORE DEI MIEI VENTI
IO&LUI
ITALIA LAICA
ITALIAN LIBERTARIANS
ITURADASTRA
JIHADI DU JOUR
JOYCE
KAGLIOSTRO
KATTOLICO
KRILLIX
L'USSARO
LA CASA DELLE LIBERTA' BLOG
LA CITTADELLA
LADYJADINA
LA GRANDE FORZA DELLE IDEE
LA LIBERTA’ VA CONQUISTATA OGNI GIORNO
LA RISCOSSA
LA TAVOLA ROTONDA
LA TERRA DI MEZZO
LA TESTATA
LA VOCE DEL PADRONE
LE BARRICATE
LEFTKILLER
LE GUERRE CIVILI
LIBERALIDEA
LIBERALI PER ISRAELE
LIBERIAMO MASSA
LIBERTA' AZZURRA(LA)
LIBERTARIAN POST
LISISTRATA
LOGICA
LUCAP.
LUCARIELLO.TK
LUXOR
M&A
MANOLO
MAODDI
MARCOPAOLOEMILI
MARINIELLO
MATTEO SANNA
MELANDRINA
MEMORIE DI UN TERRONE
MEZZOGIORNOEUROPEO
MIKEREPORTER
MITHRANDIR
MISSIONARIO
MONDIAL POST
MONDOPICCOLO
MUSICAEPOLITICA
NNHOCAPITO
NEBBIA IN VALPADANA
NE QUID NIMIS
NEOCON ITALIANI
NON PORGIAMO L'ALTRA GUANCIA
NON SI ABBIA TIMORE DI PUNIRE CAINO
NEXTCON
OGGI
OLIFANTE
ORPHEUS
OTIMASTER
PARBLEU
PARLA PER TE
PAROLIBERO
PARTIGIANO WILLIAM
PASSAGGIO A NORD EST
PASSAGGIO AL BOSCO
PAROLE&PENSIERI
PATRIOTI SI NASCE
PEGGIO SORU
PENDENTE A DESTRA
PERLAS
PESCARA LIBERA
POLITICALLY-SCORRECT
POLITICANDO
PORNOROMANTICA
POSIZIONE AUTARCHICA
PRO AMERICAN MOVEMENT
PROVOCAZIONE
PSEUDOSAURO
QUALCOSA DI DESTRA
QUID TUM?
RADICI E LIBERTA'
REJECT THE UN
ROBI
ROBINIK
ROLLI
SALVATORE LAURO
SARA-90
SARA PETELLA
SAURA PLESIO
SCHEGGE DI VETRO
SCHELETRI-SINISTRI
SCIOPENAUER
SGS
SICILIA RADICALE
SIETE PROPRIO COGLIONI
SIGLOBAL
SILVIOBERLUSCONIFANSCLUB
SILVIO NON FARMI ASTENERE PIU'
SINISTRERIA
SLIVERS OF MY SOUL
SONGCODES
SOSTIENI LANDRIANO
STARSAILOR
STATO MINIMO
STUDENTI PER LA LIBERTA'-MI
STUDIO LEGALE FIORIN
SUPERUOMO
SVULAZEN
TBLOG
TEXAS FRED
TEOCON
THANK YOU AMERICA
THE BRAIN WASH
THE HOLE IN THE WALL
THE JUST CHOICE
THE MOTE IN GOD’S EYE
THE NEW OBJECTIVIST
THE REAL CONSERVATIVE
THE RIGHT NATION
THUMBRIA
UGO MARIA CHIRICO
UPL
USER 2501
VALEFORN
VALERIO METRONIO
VELVET
VEXILLA
VIRGILIO FALCO
VITA E PASSIONI
VIVENDO E IMPARANDO
VOCIRPINE
VOTA SILVIO
W LA LIBERTA'
WALKING CLASS
WIND ROSE HOTEL
ZANZARA

Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0

Feed ATOM di questo blog Atom