.
Annunci online

  Aurora86 AZZURRA LIBERTA' - * BLOG MORALMENTE INFERIORE *
 
Diario
 





   


HOME PAGE BLOG

AZZURRA LIBERTA'-ASCOLTA
 

INNO FORZA ITALIA-ASCOLTA
 



In una democrazia è il popolo
che sceglie i leader, non sono
i leader che scelgono il popolo.
Silvio Berlusconi 02/12/2006

MENO MALE CHE SILVIO C'E'



PROGRAMMA DI GOVERNO
2008-2013


TUTTI I CANDIDATI DEL
POPOLO DELLA LIBERTA'





Vota Berlusconi

 




...andremo avanti con la forza
della gente contro i parrucconi
della politica.-Silvio Berlusconi
P.zza S.Babila Milano 18/11/2007





Vota Berlusconi
 






"Lightmysite.it promuove il tuo blog  
sui motori di ricerca con
Promoblog
- fai luce sul tuo blog..."                  


"La difesa della libertà è la
missione più alta,più nobile,
più entusiasmante che      
ciascuno di noi possa avere
l'avventura di fare."     
Silvio Berlusconi  
























"E' sorta in questi anni 
un'altra Italia, umile e  
tenace , orgogliosa e    
onesta, moderata  ma   
ferma  nel  difendere   
i  principi  di  libertà,   
che  non  ha  nessun    
passato da nascondere 
e  che  soprattutto non 
ha paura di sperare e di
credere. Questa  Italia 
siamo  noi,  si  chiama  
FORZA  ITALIA  "     
Silvio Berlusconi





STO LEGGENDO:
CAMBIARE REGIME
La sinistra e gli ultimi
45 dittatori(Einaudi)


"Cos'altro dovrebbe fare
la sinistra,se non lottare
contro  le dittature  e
battersi per liberare i
popoli oppressi?"



LA GRANDE BUGIA 
"Le sinistre italiane e
il sangue dei vinti".
 


GRAZIE ORIANA: PENSIERI
E PAROLE INEDITI DOPO
L'11 SETTEMBRE.



Technorati Profile

Add to Technorati Favorites

Save This Page
del.icio.us my del.icio.us
Registra il tuo Blog
I am Aurora86 on del.icio.us
Add me to your network




Aurora86
? Grab this Headline Animator

Enter your email address:

Delivered by FeedBurner

Subscribe in a reader


Add to Google Reader or Homepage
Subscribe in NewsGator Online
Subscribe in Rojo
Add to My AOL
Add to netvibes
Subscribe in Bloglines
Add to The Free Dictionary

Add to Plusmo
Subscribe in NewsAlloy
Add to Excite MIX
Add to netomat Hub
Add to fwicki
Add to flurry
Add to Webwag
Add to Attensa
Receive IM, Email or Mobile alerts when new content is published on this site.
Add Aurora86 to ODEO
Subscribe in podnova

Add to Pageflakes

Subscribe to Aurora86

I heart FeedBurner

Visit the Widget Gallery
View blog reactions


Liquida



BlogItalia.it - La directory italiana dei blog

Blog Aggregator 3.3 - The Filter

Elenco dei Blog italiani blog Directory, inserisci il tuo

Blog-Show la vetrina italiana dei blog!












































PUBBLICIZZA GRATUITAMENTE
IL TUO SITO CON FREE -      
PUBBLICITA' GRATIS ! ! !      
CLICCA QUI...










"Troppo spesso è stata dimenticata   
la moralità del fare, la moralità del    
realizzare il programma annunciato  
agli elettori, la moralità dell’operare  
per mantenere gli impegni e per         
mantenere la parola data.                  
Per noi, la moralità nella politica        
consiste soprattutto nel mantenere  
gli impegni."   Silvio Berlusconi 


ARCHIVIO
SETTEMBRE 2008
AGOSTO 2008
LUGLIO 2008
GIUGNO 2008

MAGGIO 2008
APRILE 2008
MARZO 2008
FEBBRAIO 2008
GENNAIO 2008
DICEMBRE 2007
NOVEMBRE 2007
OTTOBRE 2007
SETTEMBRE 2007
AGOSTO 2007
LUGLIO 2007 

GIUGNO 2007
MAGGIO 2007
APRILE 2007
MARZO 2007
FEBBRAIO 2007
GENNAIO 2007
DICEMBRE 2006
NOVEMBRE 2006
OTTOBRE 2006
SETTEMBRE 2006
AGOSTO 2006
LUGLIO 2006
GIUGNO 2006
MAGGIO 2006







who's online


      

AURORA86
FEED IMAGES








18 maggio 2006

I CRIMINI DEL COMUNISMO: LA CINA DI MAO

LA CINA DI MAO

I soviet della cina del sud.
Nato dalla scelta di Mosca di radicare il movimento comunista internazionale nelle lotte anticoloniali dei paesi arretrati, oltre che in quelle proletarie del mondo industrializzato, il Pc cinese negli anni '20 si allea con i nazionalisti del Guomindang e trova le prime basi nelle città costiere della Cina. Nel 1927, tuttavia, il Pcc ritiene di maturi i tempi per strappare il potere al proprio alleato e organizza l'insurrezione armata a Canton e a Shanghai. Ma il tentativo fallisce e il Pcc deve subire la dura reazione del Capo del Guomindang, Chiang Kai-shek, che fa fucilare a migliaia i militanti comunisti. Sconfitto nelle città, il Pcc è costretto a riorganizzarsi nelle campagne e trova le proprie nuove basi nei villaggi della Cina del sud. Fornisce la giustificazione di tale scelta il giovane Mao Zedong nel Rapporto sul movimento contadino dello Hunan (1927): il movimento comunista cinese deve radicarsi tra i contadini e avere il suo nerbo nell'"esercito popolare di liberazione" che conduce la lotta contro il Guomindang. La prima esperienza politica orientata in tal senso è quella guidata da Peng Pai nel 1928 in alcuni villaggi del Guangdong: i quadri del Pcc sobillano i contadini poveri a espropriare i ricchi possessori delle terre; l'esercito comunista stesso (e non un'apposita polizia politica come in Urss) si incarica della punizione esemplare del nemico di classe; i proprietari non sono eliminati in segreto, ma, coinvolgendo la popolazione dei villaggi, a conclusione di processi pubblici nei quali i contadini sono istigati a denunciare, giudicare e mettere a morte i loro nemici; la punizione del nemico di classe, conformemente del resto a una tradizione di crudeltà tutta cinese, comporta abitualmente il supplizio pubblico, la tortura, nonché, spesso, il cannibalismo di vendetta. In quattro mesi, dai villaggi del Guoandong fuggono 50 mila persone. L'esperienza viene ripetuta ed estesa nei "soviet" guidati da Mao sui monti tra lo Hunan e lo Jiangxi (1927-31): secondo Domenach, solo il terrore, al di fuori dei combattimenti, fa 186 mila vittime. Oltre i proprietari torturati e giustiziati, vi sono molte migliaia di vittime della purga condotta da Mao contro i quadri meno allineati del partito e dell'esercito, che comporta anch'essa episodi di indicibile crudeltà nei confronti degli epurati e dei loro familiari. Nel 1931 in Hunan e Jiangxi si arriva alla Proclamazione della Repubblica cinese dei soviet, il cui Consiglio dei commissari del popolo è presieduto da Mao. Ma, nello stesso anno, criticato per i suoi metodi terroristici, Mao perde la direzione del partito. Inoltre, attaccati dai nazionalisti del Guomindang, i comunisti devono abbandonare le loro basi e attraverso una "lunga marcia" di ben 10 mila km si spostano nel nord, fino alla regione dello Shengxi, dove nel 1936 occupano la capitale Yanan. Da Yanan il Pcc, sospese le ostilità col Guomindang, conduce la resistenza contro i giapponesi, che hanno invaso la Cina nel 1937.

Il comunismo di Yanan.
A Yanan, Mao, che ha recuperato il potere, stabilisce il nucleo di quella che un decennio più tardi sarà la Repubblica popolare cinese e delinea le strutture del suo comunismo basato sull'alleanza tra i contadini e l'esercito. L'espropriazione degli agricoltori ricchi assicura un indubbio sostegno da parte dei contadini poveri. Ma la pressione fiscale sul mondo contadino è comunque terribile: nel 1941 viene prelevato il 35% del raccolto, 4 volte più che nelle zone controllate dal Guomindang. Mao non disprezza inoltre il traffico di oppio, che assicura al Pcc fino al 1945 tra il 26 e il 40% delle entrate. Il potere è totalitario e traduce in forme cinesi i metodi staliniani. Nella campagna di "rettifica" del 1942-43 contro gli intellettuali comunisti dissidenti, che è affidata a Kang Sheng, un comunista cinese preparato dall'Nkvd, si mette a punto il metodo delle sessioni di lotta: l'inquisito è esposto pubblicamente alle accuse di una popolazione istigata dai quadri del partito e costretto all'"autocritica". La vittima più illustre è Wang Shiwei, un intellettuale che ha difeso la libertà di critica contro Mao. Sono molte le esecuzioni e impressionante è la catena dei suicidi.

La fondazione della Repubblica popolare.
Sconfitto il Giappone, il Pcc riprende la lotta contro il Guomindang, e, forte dell'appoggio dei contadini, riesce nel 1949 battere definitivamente Chiang Kai-shek e a proclamare la Repubblica popolare cinese. Tra il 1946 e il 1952 la riforma agraria, sperimentata prima nel sud e poi a Yanan, coinvolge tutto il paese. Nelle grandi "riunioni di amarezza" i proprietari e i contadini ricchi vengono accusati e umiliati dalla massa dei contadini, coordinata dai quadri comunisti, condannati a morte e pubblicamente giustiziati. Mao dichiara nel 1950: "Dobbiamo uccidere tutti quegli elementi reazionari che meritano di essere uccisi". Il mondo contadino si lega con un patto di sangue al partito. Tra il 1956 e il 1957 l'agricoltura viene poi collettivizzata, ma l'impresa, a differenza di quanto era avvenuto nell'Urss, non aliena al partito i contadini: viene attuata sulla base del villaggio e lascia ancora al contadino la possibilità di abbandonare la cooperativa. Complessivamente le lotte agrarie portano comunque nei campi di concentramento più dell'1% degli abitanti delle campagne.
Tra il 1949 e il 1957, intanto, il Pcc rafforza il proprio controllo sulle città, attraverso una serie di purghe urbane che emarginano o eliminano, uno dopo l'altro, i diversi nemici di classe. Nel 1949-52 una prima "campagna contro la criminalità" porta all'eliminazione fisica di 2 mil. di "banditi" e alla deportazione di altrettanti residenti nelle città (secondo dati del Pcc). Nelle città viene generalizzato il sistema del controllo reciproco (baojia), inizialmente introdotto dal Guomindang: si formano i comitati di strada e di quartiere, responsabili del controllo sui cittadini; sono imposti il certificato di residenza urbana e la registrazione delle visite di estranei. Le vie delle città cominciano a essere costellate di cassette per le denunce anonime. I comitati urbani sono inoltre incaricati di disciplinare l'intervento della popolazione nei grandi processi pubblici, che, nelle città come già nelle campagne, vengono intentati ai "controrivoluzionari". Nel 1950 viene scatenata la "campagna contro i controrivoluzionari": si legalizza la retroattività della pena e con ciò si rendono punibili anche i "controrivoluzionari storici". Mao teorizza esplicitamente la persecuzione della dissidenza: "Dopo aver annientato i nemici armati, resteranno ancora i nemici non armati; è inevitabile che combattano disperatamente contro di noi e noi non dobbiamo mai prenderli alla leggera". Nel 1951 vi sono le campagne dei "tre contro" e dei "cinque contro", dirette a sgominare la borghesia cittadina, e la "campagna di riforma del pensiero" contro gli intellettuali occidentalizzati: vengono istituti i "collettivi di lavoro", cui debbono affiliarsi gli intellettuali per potere svolgere un'attività culturale e davanti ai quali devono periodicamente presentarsi per dare conto dei propri "progressi". I missionari vengono sistematicamente colpiti con l'accusa di spionaggio, e, tra il 1950 e il 1955, sono cancellati dalla Cina. Così, senza scomodi testimoni, dopo il 1955, il governo può internare nei campi di concentramento centinaia di migliaia di cristiani di tutte le confessioni. Gli operai sono sollecitati a ispezionare i libri contabili delle imprese e a condurre le "tigri capitaliste" alle riunioni di lotta nelle quali vengono accusate e giudicate pubblicamente. Schiacciati dalle tasse, obbligati a mettere i capitali a disposizione dello stato dal 1953, obbligati ad affiliarsi a società pubbliche di approvvigionamento dal 1954, nel gennaio 1956 gli imprenditori accettano in massa la "proposta" della collettivizzazione delle imprese. Nel 1955 è la volta della "campagna per l'eliminazione dei controrivoluzionari nascosti", diretta contro gli intellettuali che cercano di mostrare una qualsiasi forma di indipendenza: vittima illustre lo scrittore marxista Hu Feng. Finisce sotto accusa il 10% dei quadri del partito. Mao nel 1957 valuta in 800 mila le persone eliminate dalle purghe urbane (su 2-3 mil. del complesso delle vittime dalla fine della guerra), ma è probabile che esse siano più di un milione. Gli internati nei campi di concentramento sono il 4% degli abitanti delle città. Si valuta che durante questi anni nelle città vi siano 700 mila suicidi. Nel maggio 1957 Mao vara infine una liberalizzazione intellettuale ("Cento fiori") che lascia venire allo scoperto le critiche dei "compagni di strada". Ma essa viene cancellata nel giugno da una nuova "campagna contro gli elementi di destra", la quale consente di colpire appunto le persone che si sono esposte con le critiche sollecitate appena il mese precedente: Mao stabilisce che la nuova campagna debba epurare il 5% di ogni unità di lavoro e di fatto essa porta nei campi 400-700 mila quadri. Dopo le ondate di repressione del 1949-57 e in omaggio al principio maoista "Non dimenticate la lotta di classe", tutti i cinesi si trovano ufficialmente classificati in una "categoria rossa" (operai, contadini poveri, quadri del partito, soldati dell'esercito popolare, "martiri rivoluzionari") o in una "categoria nera" (proprietari, contadini ricchi, controrivoluzionari, "cattivi elementi", "elementi di destra"): l'appartenenza viene trasmessa ai discendenti ed è decisiva per l'assegnazione dei benefici statali e per le assunzioni. Basandosi sull'insieme delle ricerche recenti, Margolin valuta in 6-10 mil. le vittime del terrore comunista tra il 1949 e il 1957.

Il sistema concentrazionario. Viene organizzato completamente solo dopo le campagne degli anni '50. Si arriva al campo di concentramento dopo essere passati per i "centri di detenzione" nelle città, dove si svolge l'istruttoria (a volte anche per dieci anni e con 3 mila ore di interrogatori) e dove alla sera i reclusi sono tenuti allo studio obbligatorio del marxismo-leninismo e del pensiero di Mao: gli inquisiti hanno l'obbligo di passare per la meditazione, la confessione e il pentimento. Struttura principale del sistema concentrazionario è il laogai (abbreviazione di laodong gaizao, "riforma attraverso il lavoro"), campo di concentramento e di lavoro, strumento principale della repressione, che è spesso occultato dietro l'insegna di imprese industriali o agricole. I reclusi vi sono organizzati militarmente e sono privi di diritti civili. La sottoalimentazione è deliberata (12-15 kg di riso al mese, ma il lavativo può vederla scendere fino a 9 kg) e mira a spezzare la volontà dell'internato. Il lavoro dura almeno 12 ore al giorno, ma si incoraggia la competizione tra i reclusi affinché prolunghino il lavoro fino a 16 o 18 ore. Non c'è giorno di riposo, se non nelle feste nazionali, quando si è tenuti a subire interminabili prediche ideologiche. Il lavoro è affiancato dall'indottrinamento e gli internati esercitano reciprocamente e periodicamente un controllo di ortodossia ideologica. L'aggravio delle pene è frequente per ogni tipo di mancanza. La violenza da parte delle guardie è rara, ma frequente quella demandata agli altri detenuti. Vi passano decine di milioni di cinesi: in media vi sono recluse 10 mil. di persone. La mortalità media è del 5% annuo: in tutto è probabile che nei laogai siano morte 20 mil. di persone. L'esercito massacra i detenuti implicati nelle rivolte, che, soprattutto all'inizio, sono numerose. Dopo l'eventuale rilascio, gli internati nel laogai (al 95%) passano nel jiuye, campo di sorveglianza, dove possono avere con sé le famiglie e cambiare eventualmente attività. Nel laojiao ("rieducazione attraverso il lavoro") avviene invece la detenzione amministrativa (decisa dalle autorità di governo senza necessità di un formale processo), che è più leggera, più breve (qualche anno), e accompagnata da un piccolo salario (peraltro quasi del tutto trattenuto per il vitto e l'alloggio). Vi sono poi un migliaio di prigioni, che hanno la funzione delle nostre carceri di massima sicurezza e nelle quali è concentrato solo il 13% dei reclusi. Sotto Mao, di fatto, il più delle volte la condanna è una condanna a vita. Da tenere presente inoltre la larga discrezionalità della quale godono le corti nel decidere la pena: Mao non vuole che il diritto penale sia formalizzato in un codice (il primo codice penale sarà emanato solo nel 1979, tre anni dopo la sua morte) e affida lo svolgimento dei processi alla indefinita "coscienza rivoluzionaria" dei giudici.

La conquista del Tibet.
Nel 1949 l'esercito cinese occupa il Tibet, retto dai monaci buddisti, lo smembra da un punto di vista amministrativo e lo sottrae all'autorità del Dalai Lama. Gli anni peggiori culminano nel 1959 con la collettivizzazione forzata, l'insurrezione che la segue (a partire dalla regione orientale del Kham fino alla capitale Lhasa), la brutale repressione di questa, e la fuga in India del Dalai Lama, accompagnato da 100 mila seguaci. Ma la guerriglia khampa dura fino al 1972 e Lhasa vede una nuova insurrezione anticinese nel 1969. Nel 1984 il governo tibetano in esilio accusa i cinesi di avere sterminato 1 mil. 200 mila tibetani (uno su quattro). Altri studi limitano i morti a 800 mila. Solo in minima parte i luoghi di culto sono lasciati aperti.

Il Grande Balzo in Avanti (1958).
Confortato dai buoni raccolti del 1957, nel maggio 1958 Mao propone nuovi ambiziosissimi traguardi quantitativi per l'agricoltura cinese e sollecita la creazione di nuove infrastrutture industriali e imponenti lavori di irrigazione. Fa appello alla volontà rivoluzionaria del partito: "tre anni di sforzi e mille anni di felicità". Ma, frattanto, viene internato nei campi di concentramento il personale dell'Ufficio centrale di statistica, che ha espresso dubbi sulla realizzabilità dei progetti di Mao. In agosto annuncia la formazione delle "comuni popolari": gigantesche unità produttive e sociali, destinate a raggruppare ciascuna migliaia o decine di migliaia di famiglie contadine, dove tutto diviene comune (pasti in comune, riposo in grandi camerate collettive, collettivizzazione anche degli oggetti di uso personale) e non c'è vita privata familiare. Mao pensa che esse si dovranno rendere autosufficienti attraverso lo sviluppo di attività industriali interne. Abolisce il diritto di tenere piccoli orti privati e di abbandonare le cooperative di appartenenza.
In breve gli effetti si rivelano disastrosi. Una serie di fattori aggiuntivi aggravano la catastrofe agricola: l'applicazione dei metodi del biologo sovietico Lysenko (che, sulla base dell'idea della solidarietà della specie, ha teorizzato la coltura ultraintensiva); la decisione centrale di sostituire in modo generalizzato le colture industriali e quelle dei cereali minori con la coltivazione di cereali più nutrienti, ma anche più delicati, come riso e grano (anche in Tibet, dove il grano viene tutto perduto); la fretta e la scarsa competenza con cui vengono intraprese le opere di irrigazione (che spesso sono poi abbandonate o si rivelano pericolose); l'imprevidenza con cui si avviano ovunque le improvvisate industrie volute da Mao (tragico esempio gli altiforni artigianali realizzati nelle comuni, che, oltre tutto in maniera completamente antieconomica, riescono a produrre solo acciaio di pessima qualità); alcune scelte dettate unicamente da un pregiudizio ideologico che sconfina nella follia (lo sterminio dei passeri - accusati di sfruttamento perché sottraggono i chicchi della semina - che determina la proliferazione dei parassiti e la perdita di interi raccolti). Sordo alle critiche del ministro della guerra Peng Dehuai, subito rimosso ed emarginato, nell'agosto 1959 Mao impone un'accelerazione degli sforzi e annuncia l'estensione delle comuni popolari alle città (che però non verrà mai attuata). Ai primi segni della tragedia Mao reagisce lanciando una vera offensiva militare contro le comuni dove i segni di fallimento sono più evidenti: internamenti di massa, uso sistematico della tortura, requisizione degli utensili da cucina individuali, proibizione di accendere fuochi.
I raccolti tra il 1959 e il 1961 sono in larga parte perduti, il bestiame si dimezza, la superficie coltivata diminuisce di un terzo, la mortalità si impenna e crolla la natalità: indipendentemente dalle mancate nascite, le stime delle morti attribuibili alla carestia oscillano tra i 20 mil. (cifra riconosciuta dalle autorità cinesi nel 1988) e i 43 mil. (studi occidentali; ma accettata anche dal segretario postmaoista del Pcc Zhao Ziyang). E' la più grande carestia dell'intera storia umana. Nel 1961, senza perdere nominalmente il suo ruolo di presidente del Pcc, Mao viene sostituito nel governo da un direttorio formato dal presidente della repubblica Liu Shoaqi (il quale ammette che la carestia è frutto di errori umani almeno per il 70%) e da comunisti a lui fidati, come il segretario generale del Pcc Deng Xiaoping. Si torna lentamente ai metodi del 1957: cooperative di villaggio, diritto di tenere orti privati a scopo di autoalimentazione, imprese artigianali libere. L'agricoltura cinese sarà nuovamente ai livelli del 1952 solo nel 1983.

La Rivoluzione Culturale.
Con l'intento di recuperare il controllo sul partito, nella primavera 1966 Mao lancia ai giovani l'appello a una "grande rivoluzione culturale proletaria" contro il burocratismo dei quadri dirigenti e il "revisionismo": "il mondo vi appartiene"; "è sulla pagina bianca che si scrive la poesia più bella"; "ribellarsi è giusto"; "non vogliamo la gentilezza, vogliamo la guerra"; "fate fuoco sul quartier generale". Rispondono a milioni soprattutto gli studenti, che, spesso non iscritti al Pcc, ma fanaticamente devoti a Mao e impugnando il "libro rosso" delle sue citazioni, formano i nuclei delle "guardie rosse". Si impadroniscono delle università, convinti, secondo il principio maoista, che esse debbano formare non "esperti", bensì "rossi". Li appoggiano, inizialmente, il ministro della guerra Lin Biao e l'esercito. In sostegno al movimento si decide in estate la chiusura (che si protrarrà per un anno) di scuole e università. Molte iniziative sono spontanee, ma, dal centro, attraverso il ministro della sicurezza Kang Sheng, Mao influenza le campagne di lotta, facendo pervenire alle guardie rosse liste di persone da colpire. In ottobre il movimento delle guardie rosse viene aperto ai "mal nati" "neri", che ne approfittano per reinserirsi nella vita sociale e spesso esibiscono un fanatismo ancora maggiore dei nati entro le "categorie rosse". In novembre il movimento viene aperto agli operai con la decisione di formare gruppi di guardie rosse dentro le fabbriche: aderiscono soprattutto gli operai giovani e precari. Dal dicembre si tenta di estenderlo alle campagne, attraverso la decisione di formare gruppi nei villaggi, ma le campagne resteranno sempre piuttosto sorde all'apppello. Sotto la direzione delle guardie rosse, i laogai inaspriscono il trattamento dei prigionieri.
Le guardie rosse catturano quadri e intellettuali (classificati come "nona categoria fetida" dei "neri", in omaggio al principio maoista: "la classe capitalista è la pelle, gli intellettuali sono i capelli che spuntano sulla pelle"), li umiliano pubblicamente, e, in "riunioni di lotta" in cui le vessazioni degenerano spesso in spettacoli pubblici di tortura, li costringono all'"autocritica". Tra le vittime eccellenti vi sono Liu Shaoqui, costretto all'autocritica, imprigionato, torturato fino a portarlo alla pazzia, colpito da una polmonite che i medici non vogliono curare e che ne causerà la morte nel 1969; Peng Dehuai, già emarginato nel 1959, che è ora costretto all'autocritica, viene bastonato fino ad avere spezzata la colonna vertebrale, subisce 130 sessioni di interrogatorio e muore di cancro nel 1974; il figlio di Deng Xiaoping, torturato fino ad essere reso paraplegico; l'ex-ministro della sicurezza Luo Ruiqing, fedele di Deng Xiaoping, lasciato per tre anni con un piede rotto dopo le violenze subite e trascinato di villaggio in villaggio a scopo dimostrativo; molti grandi scrittori; almeno un decimo degli insegnanti. Si suicidano o vengono uccisi almeno 142 mila insegnanti, 53 mila tecnici e scienziati, 500 professori di medicina, 2600 tra scrittori e artisti. Il 60% dei membri del Comitato Centrale del Pcc, tre quarti dei segretari provinciali e 3-4 mil. di quadri (su 18) vengono espulsi. Il movimento colpisce anche i simboli della presenza straniera: i palazzi e anche i cimiteri "imperialisti" vengono saccheggiati e distrutti; il vestiario di tipo occidentale viene proibito. Nell'ansia di liberare la Cina dalle sue tradizioni millenarie, e soprattutto dal conservatorismo "confuciano", si distruggono opere d'arte, libri, manoscritti, gran parte degli arredi dei templi.
A partire da Shanghai, nel gennaio 1967, le amministrazioni locali vengono rovesciate dalle guardie rosse, che si impadroniscono del potere a livello locale. Preoccupati, Mao e l'esercito adesso oscillano più volte tra il sostegno alla ribellione e il tentativo di riprendere il controllo. Il 1967 e buona parte del 1968 vedono il movimento degenerare in scontri tra fazioni diverse delle guardie rosse, "ribelli" e "conservatori": talvolta le battaglie sono condotte anche con l'impiego dell'artiglieria pesante, dei carri armati e dei caccia. Nel 1968 l'esercito riprende il controllo, reprime il movimento rivoluzionario attraverso feroci massacri, scioglie le guardie rosse, e, infine, invia 5 mil. e mezzo di giovani (ma prima del 1976 saranno già 15-20 mil.) a "rieducarsi" nelle campagne. Due mil. di nuovi prigionieri riempiono i laogai. L'ondata di terrore dall'alto si attenua solo nel 1971 dopo la misteriosa morte di Lin Biao, erede designato di Mao.
Le fonti cinesi ufficiali valutano in 725 mila il numero delle vittime della Rivoluzione Culturale (e della seguente repressione), ma gli studiosi occidentali le stimano più frequentemente tra i 2 e i 4 mil. Uno studio americano recente arriva a congetturare tra i 15 e i 20 mil. di morti.

              

 


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. crimini comunismo cina mao

permalink | inviato da il 18/5/2006 alle 15:25 | Versione per la stampa

sfoglia            giugno
 

 rubriche

Diario
Immagini del giorno
Trinariciuti
Politica
Miseria,Terrore e Morte
Silvio Berlusconi
Parole in libertà

 autore

Ultime cose
Il mio profilo

 link

MARA CARFAGNA
IDEAZZURRA
NON SOLO NAPOLI
AG BELLUNO
KOMUNISTELLI
PER IL POPOLO DELLA LIBERTA'
FILIPPO
IL BERRETTO A SONAGLI
FAZIOSO LIBERALE
PENSIERI IN VOLO
VOCERIBELLE
MARALAI
AMPIORESPIRO
F. STORACE
LA DESTRA NEWS
IL VELINO
YOUTUBE
CASA DELLE LIBERTA':
FORZA ITALIA
FORZA ITALIA GIOVANI
FORZA ITALIA SENATO
FORZA ITALIA CAMERA
FORZA ITALIA GRUPPO EUROPEO
ALLEANZA NAZIONALE
LEGA NORD
UDC
NUOVA DEMOCRAZIA CRISTIANA
NUOVO PSI
MOVIMENTO PER L'AUTONOMIA
PARTITO LIBERALE
PARTITO REPUBBLICANO
RIFORMATORI LIBERALI
STEFANIA CRAXI
ALESSANDRA MUSSOLINI
PENSIONATI
MOVIMENTO SOCIALE-FIAMMA TRICOLORE
PARTITO POPOLARE EUROPEO
CIRCOLO DELLA LIBERTA'
CIRCOLO GIOVANI
MEDIA:
ADNKRONOS
ANSA
AVVENIRE
CORRIERE DELLA SERA
DAGOSPIA
FAMIGLIA CRISTIANA
IL FOGLIO
IL GIORNALE
IL LEGNO STORTO
IL MANIFESTO
IL MESSAGGERO
IL SECOLO XIX
ILSOLE24ORE
IL TEMPO
ITALIA LIBERA
LA 7
LA DISCUSSIONE
L'ESPRESSO
LIBERAZIONE
LIBERO
L'OPINIONE
L'OSSERVATORE ROMANO
LA PADANIA
LA STAMPA
LA TV DELLA LIBERTA'
L'UNITA'
MEDIASET
NOI PRESS
PANORAMA
POTERE SINISTRO
QUOTIDIANONAZIONALE
RAGIONPOLITICA
RAI
RAI TELEVIDEO
RASSEGNA STAMPA
REPUBBLICA
SONDAGGI POLITICO-ELETTORALI
TGCOM
THINK-TANK:
FONDAZIONE LIBERAL
FREE FOUNDATION
IDEAZIONE
ISTITUTO BRUNO LEONI
MAGNA CARTA
WEB JOURNAL:
BLOG-SHOW
BOOKCAFE
LIQUIDA
DICEVI? BLOGS JOINER
TOCQUEVILLE-LA CITTA' DEI LIBERI
FORUM:
ALFEMMINILE
CORRIERE FORUM
DONNA MODERNA
FORUM NUOVO PSI
FUORI DI TESTA
GIOVANI IT.- POLITICA
L’UNITA’
LA STAMPA FORUM
MARCO TRAVAGLIO FORUM
POLITICA ON LINE
REPUBBLICA
ULIVO/PD
SITI…ONOREVOLI:
ANTONIO PALMIERI
BENEDETTO DELLA VEDOVA
CLEMENTE MASTELLA
CARLO GIOVANARDI
GIULIO TREMONTI
RENATO BRUNETTA
PAOLO GUZZANTI
TOTO’ CUFFARO
AURORA86 CONSIGLIA:
!!:::GOVERNO PRODI
123 BETA
A CONSERVATIVE MIND
ACROSS THE BORDER
ADESTRA
AD SIDERA
AG AVERSA
AGE-VERNACOLESE
AKELA THE WOLF
ALEPUZIO
ALESSANDRA FONTANA
A LOOK TO THE RIGHT
ALTERNATIVA POPOLARE
AMANDACCO
AMERICAMERCATOINDIVIDUO
AMERICA THE BEAUTIFUL
ANNI DI SANGUE
ANTIKOMUNISTA
ANTIEUROPEO
ARCHEOPTERIX
ARMONIA DEI SENSI
ASTROLABIO
ATROCE PENSIERO
AZIONE GIOVANI
BALESTRATESI
BANDO ALL'IPOCRISIA
BARNEY PANOFSKY
BARRY GOLDWATER
BATTITORE LIBERO
BIETTO(ANCHE SE NON CI SEI PIU')
BIG DOGS WEBLOG
BLAKNIGHTS
BLOGIORNALE
BLOG PER SILVIO
BOTTOMLINE
C'E' WALTER
CALAMITYJANE
CALIMERO
CALVIN
CAMELOT DESTRA IDEALE
CAMILLO
CANTOR
CAPPERI
CARLO MENEGANTE
CATEPOL
CASTELLO BIANCO
CENSURAROSSA
CENTRODESTRA
CIRCOLO DELLA LIBERTA’ GOLFO DEL TIGULLIO
CIRCOLO GIOVANI FIRENZE CENTRO STORICO
CIRCOLO DELLA LIBERTA’ IL CAMINETTO
CIRCOLO LIBERTA’ TORINO
CHE CI DEVI FARE
CIVILTA'
COMMERCIALISTA
CONTROCORRENTE
C'E' POCO DA RIDERE
DALL’ALTRA PARTE
DAVERIK
DAW
DEBORAH FAIT
DEEARIO
DEIMM
DESTRA LAB
DIETRO LE LINEE NEMICHE
DILLA TUTTA
DORIA
DUMBS OX DAILY
EL BOARO
FABIO SACCO
FACE THE TRUTH
FATTI&MISFATTI
FENOMENI IN GIRO NON C’E’ NE
FREEDOMLAND
FREE THOUGHTS
FORT
FORZA FRIULI
FORZA ITALIA-BLOG
FULVIA LEOPARDI
GABIBBO
GAETANO SAGLIMBENI
GAWFER
GEMELLE GLITTER
GERMANYNEWS
GIANNI DE MARTINO
GIANFRANCO FINI PREMIER
GIANGIACOMO’S THINK THANK
GINO
GIOVANNI VAGNONE
GIOVANI AZZURRI VENETO
GIOVANI CON SILVIO
GIULIA NY
GRAZIE BERLUSCONI
GRENDEL FROM THE MOOR
HARRY
HARRY'S WORLD
HURRICANE
I DIAVOLI NERI
IGNAZIO ARTIZZU
IN GOD WE TRUST
ING.GAS NEO CON WEBLOG
INGEGNERBLOG
INNOVAZIONE GIOVANI
IL BARONE NERO
IL BLOG DELL'ANARCA
IL CAMPER
IL CASTELLO
IL CIELO SOPRA KABUL
IL FILO A PIOMBO
IL GIOVINE OCCIDENTE
IL GIULIVO
IL GRANDE GABBIANO
IL GRINCH
IL MANGO DI TREVISO
IL MASCELLARO
IL MIO MONDO
IL MISCREDENTE
IL NANO
IL RE DELLA MONNEZZA
IL REAZIONARIO
IL SIGNORE DEGLI ANELLI
IL SORVEGLIATO SPECIALE
IN ETERE
INYQUA
IL MOTEL DEI POLLI ISPIRATI
IL RUMORE DEI MIEI VENTI
IO&LUI
ITALIA LAICA
ITALIAN LIBERTARIANS
ITURADASTRA
JIHADI DU JOUR
JOYCE
KAGLIOSTRO
KATTOLICO
KRILLIX
L'USSARO
LA CASA DELLE LIBERTA' BLOG
LA CITTADELLA
LADYJADINA
LA GRANDE FORZA DELLE IDEE
LA LIBERTA’ VA CONQUISTATA OGNI GIORNO
LA RISCOSSA
LA TAVOLA ROTONDA
LA TERRA DI MEZZO
LA TESTATA
LA VOCE DEL PADRONE
LE BARRICATE
LEFTKILLER
LE GUERRE CIVILI
LIBERALIDEA
LIBERALI PER ISRAELE
LIBERIAMO MASSA
LIBERTA' AZZURRA(LA)
LIBERTARIAN POST
LISISTRATA
LOGICA
LUCAP.
LUCARIELLO.TK
LUXOR
M&A
MANOLO
MAODDI
MARCOPAOLOEMILI
MARINIELLO
MATTEO SANNA
MELANDRINA
MEMORIE DI UN TERRONE
MEZZOGIORNOEUROPEO
MIKEREPORTER
MITHRANDIR
MISSIONARIO
MONDIAL POST
MONDOPICCOLO
MUSICAEPOLITICA
NNHOCAPITO
NEBBIA IN VALPADANA
NE QUID NIMIS
NEOCON ITALIANI
NON PORGIAMO L'ALTRA GUANCIA
NON SI ABBIA TIMORE DI PUNIRE CAINO
NEXTCON
OGGI
OLIFANTE
ORPHEUS
OTIMASTER
PARBLEU
PARLA PER TE
PAROLIBERO
PARTIGIANO WILLIAM
PASSAGGIO A NORD EST
PASSAGGIO AL BOSCO
PAROLE&PENSIERI
PATRIOTI SI NASCE
PEGGIO SORU
PENDENTE A DESTRA
PERLAS
PESCARA LIBERA
POLITICALLY-SCORRECT
POLITICANDO
PORNOROMANTICA
POSIZIONE AUTARCHICA
PRO AMERICAN MOVEMENT
PROVOCAZIONE
PSEUDOSAURO
QUALCOSA DI DESTRA
QUID TUM?
RADICI E LIBERTA'
REJECT THE UN
ROBI
ROBINIK
ROLLI
SALVATORE LAURO
SARA-90
SARA PETELLA
SAURA PLESIO
SCHEGGE DI VETRO
SCHELETRI-SINISTRI
SCIOPENAUER
SGS
SICILIA RADICALE
SIETE PROPRIO COGLIONI
SIGLOBAL
SILVIOBERLUSCONIFANSCLUB
SILVIO NON FARMI ASTENERE PIU'
SINISTRERIA
SLIVERS OF MY SOUL
SONGCODES
SOSTIENI LANDRIANO
STARSAILOR
STATO MINIMO
STUDENTI PER LA LIBERTA'-MI
STUDIO LEGALE FIORIN
SUPERUOMO
SVULAZEN
TBLOG
TEXAS FRED
TEOCON
THANK YOU AMERICA
THE BRAIN WASH
THE HOLE IN THE WALL
THE JUST CHOICE
THE MOTE IN GOD’S EYE
THE NEW OBJECTIVIST
THE REAL CONSERVATIVE
THE RIGHT NATION
THUMBRIA
UGO MARIA CHIRICO
UPL
USER 2501
VALEFORN
VALERIO METRONIO
VELVET
VEXILLA
VIRGILIO FALCO
VITA E PASSIONI
VIVENDO E IMPARANDO
VOCIRPINE
VOTA SILVIO
W LA LIBERTA'
WALKING CLASS
WIND ROSE HOTEL
ZANZARA

Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0

Feed ATOM di questo blog Atom