.
Annunci online

  Aurora86 AZZURRA LIBERTA' - * BLOG MORALMENTE INFERIORE *
 
Diario
 





   


HOME PAGE BLOG

AZZURRA LIBERTA'-ASCOLTA
 

INNO FORZA ITALIA-ASCOLTA
 



In una democrazia è il popolo
che sceglie i leader, non sono
i leader che scelgono il popolo.
Silvio Berlusconi 02/12/2006

MENO MALE CHE SILVIO C'E'



PROGRAMMA DI GOVERNO
2008-2013


TUTTI I CANDIDATI DEL
POPOLO DELLA LIBERTA'





Vota Berlusconi

 




...andremo avanti con la forza
della gente contro i parrucconi
della politica.-Silvio Berlusconi
P.zza S.Babila Milano 18/11/2007





Vota Berlusconi
 






"Lightmysite.it promuove il tuo blog  
sui motori di ricerca con
Promoblog
- fai luce sul tuo blog..."                  


"La difesa della libertà è la
missione più alta,più nobile,
più entusiasmante che      
ciascuno di noi possa avere
l'avventura di fare."     
Silvio Berlusconi  
























"E' sorta in questi anni 
un'altra Italia, umile e  
tenace , orgogliosa e    
onesta, moderata  ma   
ferma  nel  difendere   
i  principi  di  libertà,   
che  non  ha  nessun    
passato da nascondere 
e  che  soprattutto non 
ha paura di sperare e di
credere. Questa  Italia 
siamo  noi,  si  chiama  
FORZA  ITALIA  "     
Silvio Berlusconi





STO LEGGENDO:
CAMBIARE REGIME
La sinistra e gli ultimi
45 dittatori(Einaudi)


"Cos'altro dovrebbe fare
la sinistra,se non lottare
contro  le dittature  e
battersi per liberare i
popoli oppressi?"



LA GRANDE BUGIA 
"Le sinistre italiane e
il sangue dei vinti".
 


GRAZIE ORIANA: PENSIERI
E PAROLE INEDITI DOPO
L'11 SETTEMBRE.



Technorati Profile

Add to Technorati Favorites

Save This Page
del.icio.us my del.icio.us
Registra il tuo Blog
I am Aurora86 on del.icio.us
Add me to your network




Aurora86
? Grab this Headline Animator

Enter your email address:

Delivered by FeedBurner

Subscribe in a reader


Add to Google Reader or Homepage
Subscribe in NewsGator Online
Subscribe in Rojo
Add to My AOL
Add to netvibes
Subscribe in Bloglines
Add to The Free Dictionary

Add to Plusmo
Subscribe in NewsAlloy
Add to Excite MIX
Add to netomat Hub
Add to fwicki
Add to flurry
Add to Webwag
Add to Attensa
Receive IM, Email or Mobile alerts when new content is published on this site.
Add Aurora86 to ODEO
Subscribe in podnova

Add to Pageflakes

Subscribe to Aurora86

I heart FeedBurner

Visit the Widget Gallery
View blog reactions


Liquida



BlogItalia.it - La directory italiana dei blog

Blog Aggregator 3.3 - The Filter

Elenco dei Blog italiani blog Directory, inserisci il tuo

Blog-Show la vetrina italiana dei blog!












































PUBBLICIZZA GRATUITAMENTE
IL TUO SITO CON FREE -      
PUBBLICITA' GRATIS ! ! !      
CLICCA QUI...










"Troppo spesso è stata dimenticata   
la moralità del fare, la moralità del    
realizzare il programma annunciato  
agli elettori, la moralità dell’operare  
per mantenere gli impegni e per         
mantenere la parola data.                  
Per noi, la moralità nella politica        
consiste soprattutto nel mantenere  
gli impegni."   Silvio Berlusconi 


ARCHIVIO
SETTEMBRE 2008
AGOSTO 2008
LUGLIO 2008
GIUGNO 2008

MAGGIO 2008
APRILE 2008
MARZO 2008
FEBBRAIO 2008
GENNAIO 2008
DICEMBRE 2007
NOVEMBRE 2007
OTTOBRE 2007
SETTEMBRE 2007
AGOSTO 2007
LUGLIO 2007 

GIUGNO 2007
MAGGIO 2007
APRILE 2007
MARZO 2007
FEBBRAIO 2007
GENNAIO 2007
DICEMBRE 2006
NOVEMBRE 2006
OTTOBRE 2006
SETTEMBRE 2006
AGOSTO 2006
LUGLIO 2006
GIUGNO 2006
MAGGIO 2006







who's online


      

AURORA86
FEED IMAGES








10 marzo 2008

E ADESSO CHI RIPAGHERA' MASTELLA?

Chiesta l'archiviazione della posizione di Clemente Mastella nell'ambito dell'inchiesta Why Not sulle presunte frodi milionarie ai danni dell'Unione Europea. La procura generale di Catanzaro ha confermato oggi la notizia.
Al momento, invece, sempre secondo quanto riferito dalla Procura generale, non c'è alcuna richiesta di archiviazione per il Presidente del Consiglio, Romano Prodi, iscritto anch'egli nel registro degli indagati dal sostituto procuratore Luigi De Magistris, che ipotizzava l'accusa di abuso di ufficio.
Secondo il procuratore generale Vincenzo Iannelli, che ha presentato la richiesta di archiviazione insieme ai sostituti procuratori Domenico De Lorenzo e Alfredo Garbati, non ci sono elementi di responsabilità a carico dell'ex Guardasigilli.
"Dopo questa richiesta di archiviazione, mi chiedo chi mi ripagherà del male che mi è stato fatto. Un male costruito senza alcun riguardo per fatti che non c'erano. Nonostante tutto, voglio dichiarare che la giustizia comunque c'è e che in essa bisogna avere fiducia, e che ci sono in Italia tantissimi magistrati onesti e seri che svolgono le loro funzioni tra indicibili difficoltà": lo afferma in una nota Clemente Mastella, che aggiunge di essere stato "umiliato, lapidato, cacciato dalla scena politica e istituzionale".
Clemente Mastella era stato indagato nell'inchiesta Why Not in relazione ai suoi presunti rapporti con l'imprenditore Antonio Saladino, ex presidente della Compagnia delle opere della Calabria ed anch'egli coinvolto nell'inchiesta. Era stato iscritto nel registro degli indagati dal pm Luigi De Magistris, ex titolare dell'inchiesta Why Not.

Mi dispiace sinceramente per Mastella, “ un martire della mala giustizia”,vittima in primis di un tipico magistrato in "crisi di autostima" perché il suo nome non compariva sulle prime pagine dei media o che voleva "cambiare la società da dentro le istituzioni" , ma più ancora vittima di "giacobini&forcaioli con vantaggi editoriali" che hanno titillato il peggio del paese tipo “i bruti e gli informi di Nietzche” e purtroppo Mastella non disponeva e non dispone di una simile potenza di fuoco mediatica.
Adesso che comunque il CSM ha accertato le responsabilità di De Magistris mi auguro che,insieme magari all'altra eroina Forleo,venga messo in condizione di non nuocere, lo si trasferisca in qualche sperduta procura interna della Sardegna,dove potrà occuparsi dei "furti di pecore a danno degli onesti allevatori".




2 marzo 2008

CHIUSO OGNI CONTATTO CON MASTELLA.

Il Popolo della libertà ha chiuso "qualunque contatto" con l’Udeur perché "non c’e’ sincronia tra l’immagine rappresentata da un certo modo di fare politica e quello che e’ il sentimento del popolo delle libertà". Lo ha affermato Silvio Berlusconi durante il suo intervento a Bari nel quale ha chiuso definitivamente ogni ipotesi di dialogo con Clemente Mastella.
"Veltroni - ha commentato il presidente Berlusconi - sta mettendo in campo uno spettacolo alla Houdini facendo dimenticare i disastri di Prodi. Parla di novità ma la novità e’ che vogliono farci tornare a un passato che non vogliamo più. Credo che la gente abbia capito che non ci siano persone di buonsenso che pensano che la sinistra può continuare a governare visti i danni che ci ha fatto".
Il leader del Popolo della libertà ha ribadito di essere "fiducioso" per la vittoria del centrodestra alle prossime elezioni politiche. "Anche se questo vorrà dire doversi assumere la responsabilità di una situazione molto, molto difficile. Ma credo che saremo all’altezza di questo compito. Sarà difficilissimo governare in queste condizioni, dopo che riceviamo questa terribile eredità che Prodi e il Pd di Prodi e di Veltroni ci hanno lasciato: una inflazione alta quanto mai prima, il prezzo del pane cresciuto del 12% e la pasta del 14% e una pressione fiscale che e’ massima.
Siamo pieni di immigrati extracomunitari e la sicurezza e’ ormai a rischio. Insomma c’e’ da tirarsi su le maniche e da chiedere a tutti gli italiani di stare insieme per fare cose, magari impopolari, ma che sono necessarie per tornare ad essere un Paese libero, occidentale e democratico. Siamo qui perché abbiamo deciso di assumerci questa responsabilità"’.

1/3/2008

Bene così,confesso che ero un po’ preoccupata per le notizie che davano le “truppe Mastellate” in procinto di accasarsi nel PDL, è un enorme sollievo non avere tra i piedi ne Casini ne Mastella.
In quanto a Veltroni, che tenta di propinare come novità se stesso e i rimasugli di un malgoverno che ha “stremato e impoverito l’Italia” ,procurando sfiducia e insicurezza, ci vuole ben altro, gli italiani fanno la spesa tutti i giorni quando se lo possono permettere, e i coglioni disposti a votare contro i loro interessi sono nettamente diminuiti.






16 febbraio 2008

NIENTE CASINI.

Forse ce l’abbiamo fatta, dopo Mastella che correrà da solo, oggi è arrivato anche l’annuncio di Casini,ma era ormai chiaro da giorni ,mancava solo l’ufficialità, lo ritengo un bel colpo abbiamo preso due piccioni con una fava.
L’indecente balletto di questi giorni fatto dall’UDC dentro o fuori, non era altro che l’anteprima di quanto sarebbe successo una volta al governo, veti,infinite mediazioni, distinguo, tatticismi , un film già visto che per fortuna non si ripeterà .
Intanto già da qualche giorno molte federazioni provinciali dell’UDC stanno correndo armi e bagagli nel PDL, a cominciare da quelle siciliane, in prima fila i parlamentari Drago e Mancuso, questo dopo già gli addii di Giovanardi,Baccini e Tabacci.
Secondo me Casini,Cesa e Buttiglione faranno la fine del centrista Bayrou in Francia ridotto ai minimi termini da Sarkozy e la Royal.
Sul piano del risultato delle prossime elezioni , cambia poco o nulla, in pratica da una vittoria comodissima a una vittoria comoda, i più recenti sondaggi danno il PDL+LEGA NORD senza l’UDC al 47-48% anche al senato non c’è partita sarebbero 157 gli eletti per il PDL + 14 della LEGA NORD, considerando gli sbarramenti regionali del senato l’UDC avrà non più di 3-4 senatori di cui 2 eletti in Sicilia.
L’altra notizia del giorno è l’annuncio di Gianfranco Fini che ha dichiarato alla direzione nazionale di AN lo scioglimento in autunno del partito per fondersi nel PDL, questo a me sembra anche l’investitura ufficiale di Fini per il dopo Berlusconi.







Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. berlusconi fini casini mastella udc scioglimento an pdl

permalink | inviato da Aurora86 il 16/2/2008 alle 16:31 | Versione per la stampa


23 gennaio 2008

E’ UNA COMPRAVENDITA DI SENATORI?

 Prodi è con l’acqua alla gola, il sen. Fisichella chiamato a Palazzo Chigi ha ribadito al presidente del consiglio che con l’ultima finanziaria votata per senso di responsabilità si è esaurito il rapporto di fiducia con il governo e conseguentemente voterà no al senato una nuova fiducia, anche Dini e Scalera dopo giorni di tentennamenti hanno annunciato il loro no, che uniti a Mastella e al gruppo UDEUR , al sen. dissidente Turigliatto e alla CDL portano i voti contrari al senato a quota 163,i voti della maggioranza allo stato si riducono a 150 a cui si potrebbero aggiungere i 7 voti dei senatori a vita, ma a meno di un clamoroso miracolo,che potrebbe sempre accadere , Prodi non ha alcuna possibilità di riottenere la fiducia.
Leggo sulle agenzie che in questo momento si sta valutando la possibilità che Prodi presenti le dimissioni prima del voto di domani al senato.
Ma la notizia importante è un’altra,secondo quanto dichiarato da Bossi,Prodi avrebbe chiesto la fiducia al gruppo della Lega Nord,promettendo loro il federalismo(Sic), le avances sarebbero state fatte al sen. Calderoli e all’ On. Maroni che naturalmente hanno risposto picche.
Io mi domando e vi domando questo mercato delle vacche è concussione oppure no?
E se non lo è , perché un magistrato di Napoli si sogna di mettere sotto inchiesta Berlusconi che aveva contattato alcuni senatori della maggioranza per portarli dalla sua parte?
Oppure se lo è anche Prodi finirà sotto inchiesta?
A voi le risposte.




22 gennaio 2008

ALLE URNE SUBITO,TEMO ESCAMOTAGE.

Questo in sintesi il pensiero di Silvio Berlusconi, sulla crisi aperta dall’annuncio di Clemente Mastella di uscire dalla maggioranza e votare no ad una nuova fiducia al governo Prodi.
"Il fatto di voler portare alle Camere la crisi ritengo sia un formalismo inutile a meno che non nasconda qualche trappola o che si voglia certificare la crisi per via parlamentare per cercare di guadagnare tempo e tentare di raccogliere altri voti".
Lo ha detto il leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi, in collegamento telefonico con Panorama del giorno su Canale 5, dopo aver sottolineato: "Credo che Prodi sia arrivato al capolinea e credo che non ci siano strade diverse se non prendere atto di questa crisi. Credo che il governo istituzionale non sia una soluzione, bisogna tornare alle urne in primavera. Ma Prodi - aggiunge - è pervicacemente attaccato al potere, ho saputo che anche stanotte nella riunione della sua parte politica si è proposto candidato. Secondo lui il leader non deve essere Walter Veltroni ma egli stesso".
Ci presenteremo alle elezioni con la lista del Popolo della Libertà insieme agli alleati che non vorranno confluire"., ha annunciato il leader azzurro, segnale importante che la CDL si sta ricompattando attorno al suo leader. "Il centrodestra sarà unito perché non ci sono mai state divisioni sul programma, né sui valori che sono quelli della libertà e dell’Occidente". Se si andrà ad elezioni anticipate a primavera "ci presenteremo con il Partito del popolo della libertà che negli ultimi sondaggi, prima di Natale, viene dato al 40%".
Insomma Berlusconi, nonostante sia ormai chiaro che Mastella non ritornerà sulle sue decisioni e che al senato non c’è più una maggioranza numerica dopo che quella politica è finita ormai da un pezzo,non si fida del tutto,e secondo me ha ragione, le poltrone sono un collante formidabile a cui Prodi & C sono aggrappati come polipi agli scogli, non sarei certo meravigliata se qualche senatore della CDL lanciasse una scialuppa di salvataggio,anche se è oggettivamente difficile salire su una barca che fa acqua da tutte le parti.






21 gennaio 2008

ESPRIMI UN DESIDERIO...





Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. mastella desiderio esprimi cadente

permalink | inviato da Aurora86 il 21/1/2008 alle 21:25 | Versione per la stampa


19 gennaio 2008

I GIORNI DELLE PROCURE.

La settimana che si sta chiudendo è stata influenzata dalle decisioni di procure e tribunali.
Dopo l’arresto ai domiciliari della moglie di Mastella, lo stesso ministro indagato e numerosi amministratori locali arrestati, è stata la volta del CSM , la cui sezione disciplinare ha condannato con la censura ,il trasferimento e la decadenza dalla funzione di PM , le numerose violazioni procedurali del Dott. De Magistris che ha indagato tra gli altri Prodi e Mastella.
Sempre ieri è giunta notizia che il governatore del Molise,Iorio, è indagato per concussione e abuso d’ufficio, ma la notizia più importante della giornata è stata sicuramentela sentenza del tribunale di Palermo nei confronti del governatore Cuffaro che è stato condannato a 5 anni di reclusione in primo grado,ma cosa importante è decaduta l’aggravante del favoreggiamento alla mafia: "Voglio ringraziare e abbracciare mia moglie, i miei figli, i miei genitori e i siciliani che mi hanno sostenuto in questi momenti difficili. Vorrei ringraziare anche i miei avvocati. È stata una giornata drammatica, difficile, ma mi conforta che ora tutti sanno che non ho favorito la mafia. So che devo da domani mattina di buon’ora ora come sempre incontrerò la gente e alle 8 devo sedermi al mio travolo di lavoro perché la Sicilia ha bisogno di un presidente che la faccia crescere. Sapevo di non aver fatto nulla per favorire la mafia". Poi il governatore annuncia il ricorso: "Assieme ai miei avvocati, lette le motivazioni della sentenza, ricorreremo in appello perché anche questi residui capi d’accusa possano cadere".
Infine,ciliegina sulla torta,non poteva mancare Berlusconi, la procura di Napoli ne ha chiesto il rinvio a giudizio, con l’accusa di corruzione, nell’ambito dell’inchiesta sulle segnalazioni a favore di cinque attrici fatte dal leader di Forza Italia al presidente di Rai Fiction Agostino Saccà.
Roba che non solo non sta in piedi,ma tecnicamente e giuridicamente difetta di un requisito importantissimo,anzi decisivo, ovvero l’autorizzazione della camera di appartenenza all’utilizzazione delle intercettazioni su cui si fonda l’ipotesi di reato.
Un ulteriore dimostrazione,caso mai ce ne fosse ancora bisogno,della politicizzazione di alcuni PM e Procure,dei “pacchetti di mischia” e “attacchi etero diretti” di cui solo l’altro giorno parlava Mastella,con la differenza che Berlusconi queste cose le dice da ormai 14 anni.
"Spero che si vada presto al voto e gli italiani ci diano una maggioranza sufficiente a poter fare una riforma in profondità della giustizia e della magistratura",questo il commento di Berlusconi.
Insomma è sembrato di rivivere una ordinaria giornata del periodo di “tangentopoli”, viene da pensare che schegge e pezzi consistenti della magistratura non abbiano del tutto rinunciato all’originale disegno di avere “governi condivisi”(Sic), speriamo non sia così.




17 gennaio 2008

MASTELLA : APPOGGIO ESTERNO AL GOVERNO.

Clemente Mastella ha confermato le dimissioni da ministro della giustizia (l’interim del dicastero è stato assunto da Prodi), «L'ho fatto per la mia onorabilità, perché non voglio sentirmi uno della casta. Voglio essere un cittadino comune nel giudizio rispetto alla magistratura».
Ha ribadito la sua fiducia nei giudici, ma non in “alcuni gip particolari”, ha difeso la moralità della sua famiglia e del partito parlando di “crisi di sistema”, perché di questo si tratta quando si è in presenza di «un gruppo di magistrati che se vuole mandare a casa un governo lo può fare».
A proposito del governo Mastella ha spiegato che darà l’appoggio esterno: “Noi non daremo l'apporto come prima, dove il compromesso era la condizione per tenere insieme la coalizione - ha precisato -, ma ci staremo nelle condizioni date. Rispettosi della logica del programma, della discussione sulla legge elettorale ma con i nostri valori sulla Chiesa, sui Dico, sulla politica estera».
Insomma da oggi in poi, altre “mani libere” in parlamento.




17 gennaio 2008

TERREMOTO UDEUR,MASTELLA SI DIMETTE.

Mi dimetto perché tra l’amore per la mia famiglia e il potere scelgo il primo".
Mi dimetto per senso dello Stato: avrei potuto restare al mio posto, ma non è possibile che in queste circostanze un ministro resti al suo posto".
Mia moglie ,alla quale voglio un mondo di bene e alla quale rinnovo il mio affetto, è stata presa in ostaggio, "ho sperato che la frattura tra politica e giustizia potesse essere ricomposta , e per questo ho lavorato giorno e notte; ma sono stato percepito da frange estremiste come un avversario da contrastare o un nemico da abbattere.
Ho avuto l’illusione di poter riuscire di riformare l’ordinamento giudiziario, ma questa mia illusione si è frantumata contro un muro di ostilità".
"Per delegittimare la mia opera è bastato che un piccolo nucleo di magistrati mettesse in moto un congegno violento per interrompere il mio lavoro. Ho sempre resistito a queste scorribande; ma di fronte a un ordine che ha il vantaggio di decidere sui tuoi destini senza rischiare niente, getto la spugna".
"È fuori da ogni logica il fatto che quello che fanno i politici è sempre illecito e quello che fanno i magistrati sempre lecito".
Non è possibile che la vita del governo possa appartenere a un pacchetto di mischia giudiziario, senza nemmeno attendere giudizi finali che non si nemmeno come e quando arriveranno".
Questi alcuni brani del discorso alla camera dei deputati di Clemente Mastella,ministro della giustizia che ha rassegnato le dimissioni dall’incarico,dopo aver saputo da fonti di stampa che la consorte Sandra Leonardo,presidente del consiglio regionale della Campania , era stata posta agli arresti domiciliari, con notifica del provvedimento solo nel pomeriggio.
Applausi bipartisan in parlamento,tranne poche eccezioni,tra le quali Di Pietro,cosa che ha convinto anche Prodi a respingere le dimissioni, invito alla quale il ministro ha testualmente risposto: “ci penserò”.
Solo dopo tutto ciò si è saputo che anche il ministro oltre alla consorte è indagato per diversi reati,sette sono quelli contestati: concorso esterno in associazione per delinquere, due episodi di concorso in concussione e uno di tentata concussione, un concorso in abuso d’ufficio e due concorsi in falso.
Ma è stato un vero e proprio terremoto giudiziario per l’UDEUR in Campania,complessivamente 23 arresti tra sindaci,assessori regionali ,amministratori ,politici e anche l’arresto dell’ingegner Carlo Camilleri, suocero di uno dei figli del ministro Clemente Mastella e di Sandra Leonardo .
Insomma bisogna riandare ai tempi di mani pulite per trovare simili interventi nei confronti di una singola forza politica,anche se piccola e regionale come quella di Mastella.
Domani Mastella probabilmente confermerà le dimissioni, ma da quello che ho potuto capire,almeno rispetto alle accuse che hanno portato alla restrizione della libertà della consorte, si tratta di cose assolutamente risibili,tipo una telefonata in cui riferendosi a un ex dirigente del partito si esprimeva così: “ quella persona è per me un uomo morto” ,nel senso politico naturalmente, c’è da preoccuparsi se un cittadino qualunque può essere privato della libertà per roba del genere.
Nei prossimi giorni ne sapremo sicuramente di più.





Update: "Quello che e’ successo al senatore Mastella e’ di una gravita’ inaudita. Mi dispiace per lui e per sua moglie Sandra e rinnovo a tutti e due l’espressione della piu’ convinta ed affettuosa solidarieta’ gia’ espressa in Parlamento dall’onorevole Bondi a nome mio e di Forza Italia.
Ma al di là dell’aspetto umano c’è un problema politico che è ancora più grave. Il ministro della Giustizia ha detto oggi in Parlamento le stesse cose che dico io ormai da molti anni e che mi hanno fruttato gli attacchi non solo della magistratura, ma anche di tanta parte della maggioranza di governo. Che faranno e che diranno adesso questi signori davanti alla drammatica denuncia del Ministro della giustizia? La condividono? E come mai in Parlamento tutti hanno dato a lui la solidarietà che non hanno mai dato a me? Era finta e solo a parole o nasceva dalla condivisione di quel giudizio e di quella denuncia? E che dicono il Presidente del Consiglio e il Governo della ‘emergenza democratica’, della ‘giustizia ad orologeria’, del ‘pacchetto di mischia’ e della ‘trappola scientifica mediatico-giudiziaria’ denunciate in Parlamento dal loro Guardasigilli?”. Lo ha affermato in una nota il presidente Silvio Berlusconi.

16/1/2008



11 dicembre 2007

MASTELLA SI AGITA DI NUOVO.

Insomma non c’è pace per il ministro della giustizia, non passa giorno ormai da un anno e mezzo che non sia costretto a minacciare il governo di crisi e di “alleanze di nuovo conio” .
Oggi ha solennemente promesso che “non parteciperà più al consiglio dei ministri” perché la bozza di riforma elettorale,il Vassallum : “ uccide i piccoli partiti come il nostro,faremo una dura battaglia in parlamento, se non va come deve andare, non saremo più alleati di questi alleati, leggo che Veltroni è intenzionato a non scontentare Berlusconi o il Prc,non capisco perché non deve scontentare loro e deve scontentare noi…”.
Se non ci fosse bisognerebbe inventarlo.




Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. mastella elettorale riforma

permalink | inviato da Aurora86 il 11/12/2007 alle 15:47 | Versione per la stampa


9 dicembre 2007

INTERCETTAZIONI ILLECITE.

C’è una nuova accusa contro il PM di Catanzaro De Magistris,già titolare dell’inchiesta Why Not poi avocatagli per incompatibilità, la procura di Roma su richiesta della procura generale ha accertato che De Magistris sin dal 20 Aprile scorso ha firmato una richiesta di acquisizione di tabulati telefonici di un utenza intestata al ministro Mastella,senza aver richiesto preventivamente l’autorizzazione alla camera di appartenenza del parlamentare,così come prevede la legge Boato.
Al CSM arriva dunque un nuovo atto dove si parla di «violazione di legge con grave ed inescusabile negligenza»,che si aggiunge a quello trasmesso dal ministro della giustizia in data 21 Settembre.
Il magistrato” respinge le accuse” ritenendole prive di fondamento mentre Mastella parla di “rischio per la mia libertà personale e le mie prerogative costituzionali come rappresentante del Parlamento
Insomma a questo De Magistris la troppa autostima, insieme alla irrefrenabile voglia di visibilità mediatica, lo ha portato a infischiarsene delle più elementari regole di tutela e riservatezza degli indagati, non gli sarà sembrato vero di avere per le mani ipotesi di reato,tutt’ora da dimostrare,nei confronti del presidente del consiglio e del ministro della giustizia,quale migliore occasione per uscire dall’anonimato di una grigia procura di provincia ? Quale migliore occasione di avere le prime pagine dei media per costruirsi una futura carriera politica o nell’ANM?
Dopo che gli è stata tolta la titolarità dell’inchiesta ,come ho già detto, speriamo che il CSM trasferisca sia De Magistris che la Forleo in qualche sperduta procura della Sardegna dove potranno dimostrare la loro abilità indagando sui furti di pecore a danno degli onesti allevatori.
Questo tipo di magistrati che si auto eleggono “rappresentanti della società civile” (Sic) sono un insulto ai tantissimi magistrati equi,imparziali,riservati e professionali che ogni giorno fanno in silenzio il proprio dovere.




7 dicembre 2007

LA CRISI E’ INEVITABILE,MA CHI STACCA LA SPINA?

Con l’ennesimo voto di fiducia al cardiopalmo al senato, dove il governo è stato salvato per l’ennesima volta dal voto favorevole di ben cinque senatori a vita,il tutti contro tutti nella maggioranza??? ha assunto dimensioni tragicomiche:
-Dini: "Mi pare che il governo stia arrivando al capolinea. Le dichiarazioni del presidente della Camera Bertinotti e quelle degli esponenti principali di Rifondazione comunista dicono che il governo ha fallito, ha fallito su pensioni, precariato, salari, sulla redistribuzione delle risorse e chiedono una verifica al governo che sposterebbe ancora di più al sinistra l'asse del governo''
-Ferrero: “ Considererei il fatto di uscire dal governo ma di rimanere in maggioranza come la condizione più fessa che ci possa essere”, questo dopo che il segretario del suo partito e il presidente della camera parlano senza mezzi termini di fallimento del governo.
-Di Pietro: "Piaccia o non piaccia, dopo il voto di fiducia di ieri in Senato, la maggioranza politica non c’è più e di questo va preso atto. Per questo noi dell’IDV chiediamo non solo una verifica politica ma che si avvii un nuovo processo costituente affinché la prossima coalizione sia una coalizione del fare sullo stesso programma e non della logica dello stare insieme solo contro qualcuno. Non se ne può più di litigiosità. Meglio scomporre e ricomporre i poli in modo più omogeneo".
-Mastella: "Ho parlato con il mio capogruppo alla Camera, se Rifondazione comunista o altri partiti della sinistra, nonostante l’impegno preso dal ministro Chiti ieri sera e da me stesso per evitare già ieri la crisi di governo, che ci sarebbe stata senza l’impegno di modificare alcuni elementi che nulla hanno a che fare con la vicenda della sicurezza, come i temi di genere e natura sessuale, se Rifondazione comunista dice che non si toccano e viene lasciato tutto inalterato, per noi, e mi rivolgo al presidente del Consiglio e il capo dello stato, è crisi di governo. Se è così, togliamo la fiducia al governo. Se, viceversa, Rifondazione e gli altri accettano l’idea che su questioni di rilevanza di valori non si può mortificare il parlamento conducendolo, in prigionia politica, attraverso strumenti da cavallo di Troia come quello del voto di fiducia, si discute liberamente".
-Bordon: «La situazione dimostra che da tempo non c’è più la maggioranza politica. Non credo che si possa aspettare gennaio, così non si può andare avanti».
-Sgobio(PDCI) : “Quello che è successo ieri è l’ennesima dimostrazione che i problemi per il Governo provengono dagli ’estremisti di centro, che usano le loro ’mani libere per picconare la coalizione”.
Queste alcune dichiarazioni che dimostrano ancora una volta,casomai ce ne fosse bisogno, che una maggioranza non c’è e non c’è mai stata ne politicamente e meno che mai nei numeri,in pratica fin qui hanno governato i senatori a vita, con il parlamento bloccato,incapace di legiferare perché basta un solo dissenso,non in aula ma in una qualsiasi commissione per bloccare tutto.
Si può pensare di andare avanti ancora così? Il paese ha bisogno di un “governo che governi”,non di un esecutivo impegnato solo a sopravvivere a se stesso a qualunque costo,aggrappati alle poltrone come polipi agli scogli.
Dopo tutte queste parole ci sarà qualcuno che si decide a staccare la spina per il bene dell’Italia?

              


22 ottobre 2007

PER IL BENE DELL’ITALIA,ANDATE A CASA…

Ormai è una babele, il tutti contro tutti che da sempre agita governo e presunta maggioranza sta raggiungendo in questi giorni livelli inauditi di ridicolo, dopo che una parte di maggioranza è scesa in piazza non si capisce se contro il loro stesso governo o se contro  l’altra parte che lo sostiene, che in quello stesso momento era riunita con l’opposizione a difendere la legge Biagi oggetto della manifestazione, Di Pietro ha pensato bene di attaccare Mastella per la vicenda De Magistris chiedendo implicitamente a Prodi le dimissioni del ministro della giustizia.
Mastella avrà anche tutti i difetti di questo mondo,ma ha il pregio di parlare chiaro e diretto, dopo aver apostrofato Di Pietro come “analfabeta del diritto” e rivendicato di non aver mai chiesto “prestiti e mercedes agli amici indagati”, ha chiesto un immediata verifica di maggioranza : “ormai è una guerra continua, se facciamo schifo ce ne andiamo”, e minacciato di non votare la finanziaria.
Prodi continua a stare in trincea continuando a ripetere che “va tutto bene” , ma forse lo dice soltanto per convincere se stesso mentre tutto crolla intorno a lui,questo dopo che reduce dal vertice europeo di Lisbona,la credibilità dell’Italia è scesa ai minimi termini,Francia,Inghilterra e Germania hanno dato vita a un super direttivo economico,escludendo l’Italia,e il presidente del consiglio ha candidamente ammesso di non” saperne nulla”.
Intanto al senato gli orfani e i delusi del Partito Democratico cercano nuove collocazioni politiche, circolano insistentemente voci di più senatori che sarebbero passati con diversi partiti del centrodestra, ogni votazione potrebbe essere l’ultima.
L’Italia ha bisogno di un “governo che governi” , autorevole e che sia in grado di decidere, questo Circo Barnum può solo fare danni, è diffusa comunque la convinzione che siamo ormai nei “minuti di recupero”, che possono essere uno,due,tre, ma poi la partita si chiuderà,la crisi è vicina.
Sarebbe altresì utile al paese risparmiare questa penosa agonia,
PER IL BENE DELL’ITALIA ,ANDATE A CASA, STACCATE LA SPINA.






20 ottobre 2007

MASTELLA INDAGATO:SI VADA AL VOTO.

Anche se dalla Procura di Catanzaro il no comment è ufficiale ,la conferma è ufficiosa, Clemente Mastella è indagato per abuso di ufficio e violazione della legge Anselmi sulle associazioni segrete, dal sostituto procuratore di Catanzaro Luigi De Magistris. Lo stesso per il quale, a settembre, il ministro della Giustizia ha chiesto al Csm il trasferimento cautelare urgente.
Mastella si e' detto tranquillo rispetto alla notizia della sua iscrizione nel registro degli indagati della Procura di Catanzaro per l'inchiesta Why Not: “"Mi sarei aspettato una qualche solidarieta' da parte della maggioranza di cui faccio parte e invece niente".
«Noi siamo per andare al voto in primavera. Prima ti togli il dente e meglio è, nell'interesse degli italiani, mentre il Senato discute, Sagunto rischia di essere espugnata. La maggioranza quasi non c'è più. Noi difendiamo Sagunto, ma sento che ci avviamo velocemente verso elezioni anticipate».
Intanto il governo ha battuto un altro record, per la prima volta nella storia repubblicana su oltre 1700  emendamenti presentati alla Finanziaria, l'Unione ne ha presentati 982, più di quelli dell'opposizione, fermi a 805, in pratica si fanno opposizione da soli.
Sempre nella finanziaria rischiano di volatilizzarsi oltre 450 milioni di euro, soldi dei contribuenti che serviranno per pagare le penali e altre spese alle imprese appaltatrici del Ponte di Messina,"non possiamo comportarci come i talebani cui non piaceva il Buddha" ha commentato Di Pietro,decidendo lo scioglimento della societa' per legge, "abbiamo buttato circa 450 milioni di euro. Per legge la societa' ha gia' avuto e speso 150 milioni per fare il progetto preliminare. Anzi hanno fatto anche tre gare. Stanotte i vincitori hanno brindato a champagne perche' dobbiamo pagare loro una penale del 10% per violazione contrattuale. Questi hanno fatto un utile senza nemmeno una cazzuola".
Mentre Prodi ostenta tranquillità, Berlusconi smentisce categoricamentequalsiasi ipotesi di shopping “ di senatori del centrosinistra, caso mai offro “una collocazione politicaagli esclusi del Partito Democratico, così risponde alle domande dei giornalisti il Cav. proprio mentre fa shopping in alcune  boutique del centro di Roma, e porta come esempio la DCA di Rotondi.
"No, non fatemi fare previsioni", dice sorridendo a chi lo interroga sui tempi della crisi. "C'é tanta gente che parla senza lavorare, io sono l'unico che lavora senza parlare: apprezzatelo", aggiunge scherzoso.
Che sia vero o no , l’atmosfera sembra quella degli ultimi giorni di Pompei.



17 ottobre 2007

UN MINISTRO… SQUILLO.

"Trovo sgradevole, inaccettabile questo modo di procedere. Quasi fossi un ministro-squillo.... Convocata senza nemmeno essere messa nelle condizioni di leggere un testo complesso che ho avuto solo pochi minuti prima del Cdm" E' lo 'sfogo' di Emma Bonino a Radio Radicale.
Roma, 17 ott. (Adnkronos)

 Succede anche questo nell’Italia di Prodi,quando un governo serio mette continuamente in discussione gli accordi già firmati con le parti sociali,accordi peraltro validati da un referendum a larghissima maggioranza e partecipazione dei lavoratori.

E’ la serietà al governo…

 

-LA SALIVA ALLA FINE SI SECCA!!

 

"Spero che alla manifestazione sul welfare del prossimo 20 ottobre i ministri non vadano. Gia' al Senato siamo attaccati con lo sputo, la saliva alla fine si secca". E' quanto ha dichiarato il ministro della Giustizia Clemente Mastella intervenendo alla puntata di 'Temporale', il programma di approfondimento politico condotto da Pierluigi Diaco su Canale Italia e in contemporanea con Sky.

Roma, 17 ott. (Adnkronos)




Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. governo mastella bonino ministro welfare squillo

permalink | inviato da Aurora86 il 17/10/2007 alle 22:16 | Versione per la stampa


17 ottobre 2007

NESSUN TRIBUNALE PUO’ CAMBIARE LA STORIA.

Sono rimasta allibita nell’apprendere che Mastella in qualità di ministro della giustizia ha autorizzato la procura di Roma ad indagare nei confronti del senatore Francesco Storace per il reato di cui all’art. 278 c.p., ovvero offese all’onore e al prestigio del capo dello stato.
Incredibile, ai tempi di Cossiga la sinistra dopo inenarrabili contumelie minacciò addirittura di incriminarlo per alto tradimento, eppure non si mosse nessuna procura a tutelarne “l’onore e il prestigio”.
In pratica si cerca di soffocare il dissenso e le libere opinioni in pieno stile sovietico,Storace sarebbe colpevole di aver esplicitato quello che pensa perlomeno la metà degli italiani: “Giorgio Napolitano non ha alcun titolo per distribuire patenti etiche. Per disdicevole storia personale, per palese e nepotistica condizione familiare, per evidente faziosità istituzionale”.
Durissima la reazione del senatore della Destra: “Non avevo dubbi che il regime autorizzasse un processo a un parlamentare dell'opposizione. Mastella tutela solo il Presidente del Consiglio cacciando De Magistris”.
Ma nessun tribunale potrà mai cancellare la verità storica: “ chi è stato complice “ideologico e morale” dell’impero del male, ha avallato la sanguinosa repressione degli operai di Danzica, di Nagy e dei martiri d’Ungheria, predicava l’eurocomunismo mentre De Gasperi, Adenauer , Martino ,Schumann ecc. costruivano l’Europa,firmava un manifesto l’11 Aprile 1975 in cui si invitavano tutti i comunisti e sinceri democratici(Sic) ad appoggiare con ogni mezzo Pol Pot e i Khmer Rossi, considerava fino a due anni fa la questione delle foiberevisionismo fuori tempo massimo” e che i profughi italiani di Fiume,Istria e Dalmazia se ne erano andati di loro spontanea volontà ecc.ecc.ecc.”,sembra quantomeno inopportuno che dia patenti di etica a destra e a manca.
E’ pur vero che i “pistolini di Stalin e Pol Pot”, costretti dalla “Vergogna” e dal “Fallimento” a cambiare più volte nomi e simboli , sono ormai biodegrabili,ecocompatibili,biologici ed arroganti, addirittura domenica scorsa si sono “centrifugati” oltre ogni cortina ideologica, ma le facce sono sempre le stesse. La distribuzione del potere e dei ruoli, sempre le stesse. Si sono dati da fare eccome! Altro che nuovo modo di concepire la politica.
E’ tutto da ridere,se non ci fosse da piangere…



Update: questa sera il sen.Storace interverrà a Matrix,canale 5 ore 23,15.


5 ottobre 2007

TRASFERITELI TUTTI,LA VERA CASTA.

Come ampiamente previsto, la puntata di ieri sera di AnnoZero dedicata al caso Catanzaro con, tra gli altri, il pm De Magistris e il gip di Milano Forleo, ha scatenato nuove polemiche tanto che persino il sonnecchiante Prodi si è sentito di intervenire : “Credo che la trasmissione non abbia avuto quelle doti di concretezza e serenità che deve avere una trasmissione che riguarda i problemi della giustizia.” e se lo dice lui…
Mastella è scatenato,stamane ha convocato una conferenza stampa nella sede dell’ UDEUR denunciando l’ennesimo attacco mediatico con contorno di “pesanti minacce personali”, e ha puntato l’indice contro i silenzi della maggioranza e l’atteggiamento di una sinistragaudente e intellettualmente corrosiva” (quella del nascente PD ,N.D.A.), poi l’attacco frontale : “O il Consiglio di amministrazione della Rai si dà una regola di comportamento, o attiveremo strumenti parlamentari sfiduciando questo Cda, non abbiamo alternative”, e ancora “"La gente sa quanto guadagniamo noi politici, ma nessuno sa davvero quanto guadagnano, ad esempio, Travaglio e Santoro”.  

Ieri Santoro&C hanno dato il peggio , un caso più unico che raro, un PM , De Magistris sulla cui attività gli ispettori del ministero,magistrati anche loro, hanno rilevato pesanti irregolarità sulla gestione delle inchieste e dell’ufficio,nonché violazioni di segreti d’ufficio, interviste non autorizzate alla stampa, intercettazioni di politici non autorizzate ecc. ecc. , si difende non nel Csm, a cui come per legge sono stati trasmessi gli atti per le eventuali sanzioni e trasferimento d’ufficio, ma dal Csm in televisione e nelle piazze dove guitti&giacobini da operetta, spalleggiati egregiamente da “giustizialisti con vantaggi editoriali”,tirano fuori il peggio del paese,che non si può ricondurre a un ceto o una categoria in particolare,è una categoria dello spirito,sono i bruti e gli informi di Nietzsche,ignoranti nell'anima e invidiosi sociali ,arruolando anche i ragazzi della Locride contro la mafia il cui slogan è diventato TRASFERITECI TUTTI, beata ingenuità, insomma un tentativo nemmeno troppo nascosto di intimidazione dell’organo di autogoverno dei magistrati,e colpevole di tutto viene additato il povero Mastella.

Questo De Magistris deve essere un altro di quei magistrati in “crisi di autostima” perché non compariva sulle prime pagine dei media, o si sentiva in colpa perché non aveva fatto nulla”per meritarsi un ispezione ministeriale”, adesso che le  ha ottenute,se il CSM  lo riterrà non idoneo a proseguire le sue inchieste, lasci libero il campo a qualche altro collega che magari lavorerà professionalmente e  in silenzio  rispettando tutti i crismi di legge.

A dar manforte a De Magistris in trasmissione è intervenuto il GIP di Milano Clementina Forleo, anche lei “autoeletta rappresentante della società civile”(Sic) per le note vicende relative a UNIPOL-BNL.

Insomma per costoro il codice deontologico dei magistrati che prevede equità,professionalità, sobrietà e soprattutto “terzietà” in ogni occasione a causa del delicato ruolo che svolgono, deve essere diventato “un optional”, ma si può capirli,hanno avuto buoni maestri.

Sarebbe stato molto utile inserire nella riforma della giustizia i "test attitudinali obbligatori" per i magistrati così come sono previsti per tutti i dipendenti pubblici,ma non è detto che a breve si faccia con un altro governo,anche tra i magistrati,purtroppo ci possono essere "disturbati mentali".
E’ questa “LA VERA CASTA” altro che i politici, come racconta Bruno Tinti,procuratore di Torino “Gruppi legittimi ma di natura privata, cioè le correnti, decidono su un bene pubblico, la giustizia con i propri rituali, i propri compromessi e le proprie spartizioni, c’è anche un blog
, al quale lo stesso Tinti partecipa, che racconta il malessere per «il male che le toghe fanno a se stesse».

Basta con questo "verminaio" e questo "cancro" che è dentro la magistratura,quando sarà estirpato,sarà sempre tardi per i danni che avrà provocato al sistema giustizia e alla fiducia dei cittadini nella stessa.

Naturalmente è doveroso dire che una buona parte dei magistrati non partecipa a questo scempio,sono tutti coloro che lavorano bene e fanno il loro dovere in silenzio,magari in qualche oscura procura a rischio della loro vita,ed è a questi appunto che i cittadini devono essere grati.

Se proprio si deve manifestare,lo si faccia per "ridurre lo stipendio ai magistrati", poichè i loro emolumenti si adeguano automaticamente a quelli dei parlamentari,che senso ha chiederne la riduzione per un migliaio di onorevoli e poi concederli senza battere ciglio per oltre ottomila toghe?

Bisogna ristabilire il primato della politica e dei politici!
Nella Costituzione proprio per questo è prevista la separazione dei poteri,chi è stato eletto deve poter svolgere il suo mandato senza remora alcuna.
I Magistrati sono giudicati dai magistrati, i politici devono essere giudicati dai loro pari,altrimenti non se ne esce più.

Bisogna ristabilire subito integralmente tutte le prerogative previste dall'art.68 della Costituzione.

Se i Padri Costituenti hanno previsto queste norme ci sarà pure un motivo.

Servono magistrati preparati e professionali,non quelli che si "autoeleggono" rappresentanti della società civile, quelli che sono "frustrati e in crisi di autostima" perchè non compaiono sulle prime pagine dei media, quelli che vogliono "governi condivisi" (Sic), quelli che che si rimproverano perchè non hanno fatto nulla per meritarsi un'ispezione del ministero, quelli che vogliono imporre al parlamento leggi e calendario dei lavori delle camere dimenticandosi che a loro tocca solo applicarle, quelli che "vogliono cambiare la società da dentro le istituzioni", quelli che sono 3 volte resistenti,quelli che dialogano tra diversi tribunali e associazioni tramite mailing-list per discutere su come isolare e fargliela pagare a quei colleghi che sono favorevoli alle riforme e collaborano con il ministero,  quelli che magistrato e PM si sentono telefonicamente per accordarsi(Sic) su come gestire il caso del cittadino-imputato,ovvero la versione riveduta e corretta del "giudice terzo", quelli che ecc. ecc.

Questi  TRASFERITELI TUTTI !!!



2 ottobre 2007

L'IRA DI MASTELLA.

 "Siamo pronti a sfiduciare la Rai"
"Fermate Annozero o chiederemo la sfiducia del cda della Rai". L'affondo dell'Udeur nei confronti della trasmissione di Michele Santoro è frontale. "Abbiamo saputo che si apprestano ad attaccare nuovamente Mastella. Se fosse vero, sarebbe inaccettabile. Non accetteremo di essere processati" afferma Antonio Satta, vicesegretario vicario dell'Udeur e segretario della commissione di Vigilanza Rai.
Secondo il partito del Campanile, Santoro starebbe preparando una trasmissione su Mastella. Cosa che era già accaduta in passato, suscitando l'ira del ministro della Giustizia. Che aveva raggiunto il culmine dopo una puntata di Ballarò che Mastella aveva definito "una gogna mediatica".
"E' un killeraggio che non porta da alcuna parte, se non ad iniziare una incomprensibile campagna di odio verso l'Udeur - prosegue Satta - Se questa volta il direttore generale e il presidente della Rai non interverranno per evitare questa ennesima vergognosa strumentalizzazione del servizio pubblico presenteremo al Senato, come già preannunciato, una mozione di sfiducia verso il cda della Rai".
Repubblica 01/10/2007

Egregio Ministro ce la stanno mettendo proprio tutta,per testare sin dove arriva la sua pazienza, Lei ha affermato più volte di sapere da quale parte della sinistra arrivano gli attacchi,beh lo hanno capito tutti,è quella sinistra un pò spocchiosa,vagamente radical chic, che la viene a pregare fino a casa quando gli servono i suoi voti,salvo poi consideralo alla stregua di un paria, quella del nascente partito democratico insomma.

Come va dicendo da qualche tempo non avrà sicuramente difficoltà a “battere nuova moneta” con “alleanze di nuovo conio”,allora si tolga lo sfizio, si alzi dai banchi del governo,in parlamento, e glielo dica Lei una volta tanto chiaro e forte , poi si dimetta : VAFFANCULO !!!




Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. mastella santoro udeur rai annozero sfiducia cda attacco

permalink | inviato da Aurora86 il 2/10/2007 alle 2:49 | Versione per la stampa


23 settembre 2007

VERTICE DI MAGGIORANZA ALL’ERGIFE?

Mastella chiede insistentemente che,al vertice di maggioranza previsto per mercoledì prossimo,partecipino anche Dini,Bordon,Manzione e tutti gli altri “microorganismi” che si sono formati al senato,poiché dice il Ministro della Giustizia è con loro che Prodi si deve chiarire,dicano quello che hanno intenzione di fare sulla finanziaria,altrimenti è inutile l’accanimento terapeutico.
Considerato che al vertice, oltre ai microorganismi in aumento costante,partecipano anche i segretari di 11 o 12 altri partiti,non ricordo bene è difficile tenere il conto,nonché i capigruppo parlamentari, suggerisco di affittare per l’occasione le sale congressi dell’Hotel Ergife,Palazzo Chigi potrebbe non bastare a contenere una tale folla.




Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. prodi maggioranza mastella bordon manzione dini vertice

permalink | inviato da Aurora86 il 23/9/2007 alle 20:14 | Versione per la stampa


21 settembre 2007

ALLEANZE DI NUOVO CONIO/2

"Per quanto mi riguarda il governo non corre pericoli i suoi nemici vengono da altre parti ci vuole un chiarimento con questi microrganismi".
“Voglio ripetere quello che ho ufficialmente detto a Telese. Siamo leali con Prodi, con questo governo e questa maggioranza finché Prodi rimane in piedi. Se saltasse, e non salterebbe per le nostre mine, è evidente che per chi parla di 'nuovo conio' noi saremmo preavvertiti e potremmo battere 'nuova moneta'".
Clemente Mastella 21/09/2007

E così coloro che nel Partito Democratico pensavano di avere l’esclusiva per le “alleanze di nuovo conio” sono serviti, anche il buon Clemente da Ceppaloni si prepara a battere “nuova moneta”.
Della serie “la precarietà al governo”.




Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. governo prodi mastella moneta alleanze nuovo conio

permalink | inviato da Aurora86 il 21/9/2007 alle 15:48 | Versione per la stampa


12 settembre 2007

POLTRONIFICIO PRODI .

 Ci sono almeno tre buoni motivi per aspirare legittimamente a una poltrona ben remunerata e partecipare con qualche speranza alla grande lotteria delle nomine del premiato “poltronificio Prodi”: aver contribuito con il premier al disastro dell’Iri, essere transitati almeno una volta dalle parti di Bologna, aver subito una sonora trombatura elettorale. A queste condizioni almeno uno strapuntino, se non una comoda poltrona, è garantita per chi voglia (e chi non vuole?) partecipare della grande abbuffata alla ricca tavola imbandita dal governo dell’Unione.

La nomina dell’inossidabile Fabiani, che i paleontologi ricordano essere stato nel Pleistocene instancabile mediatore tra il segretario Dc De Mita e il presidente dell’Iri Prodi, è soltanto l’ultima perla inanellata dal premier. Le cronache ci rammentano che al professore resta soltanto il rammarico, al quale porrà al più presto rimedio, di non avere ancora piazzato l’ultimo dei suoi fedelissimi rimasto a digiuno, Alessandro Ovi.

Si prendono tutto, con una spartizione senza precedenti”. Chi l’ha detto? Gennaro Migliore, di Rifondazione, all’indomani dell’ultima infornata di nomine all’Enav, alle autorità portuali, all’Anas, alla Cassa Depositi e Prestiti. E se lo dicono loro.

Era cominciata come era cominciata. Con Massimo D’Alema che, all’indomani della risicata vittoria elettorale, con la sua aria da maestrino leggeva a Porta a Porta la tesi numero nove del programma: “Ridurre ministri e ministeri”.

Risultato: la “carica dei 102”, record mondiale assoluto di affollamento governativo.

Poi l’assalto alle istituzioni: due comunisti alla Camera e al Quirinale, Marini presidente con i voti dei senatori a vita. Strada facendo, l’azzeramento dei vertici dei servizi senza un minimo di condivisione delle scelte con l’opposizione, e il vergognoso siluramento del generale della Finanza Speciale, colpevole di aver messo il naso nello scandalo Unipol.

Infine, l’assalto all’arma bianca a tutti gli enti e a tutte le posizioni di sottogoverno. Ecco spuntare così tutti i vecchi amici di Prodi all’Iri: Maurizio Prato all’Alitalia, l’ex direttore generale dell’Iri Ciucci all’Anas, Nicolò Piazza a Sviluppo Italia, Dominedò alla Patrimonio spa.
Non poteva mancare una “spruzzatina” di bolognesi (ad esempio alla Consob) e di “figli di”: primo fra tutti Filippo Andreatta, nel cda di Finmeccanica.

Gli alleati di Prodi non si sono fatti mancare nulla:

  • Pecoraro Scanio ha firmato una raffica di decreti di nomina alla presidenza dei parchi, non dimenticando Leo Autelitano, segretario dei verdi trombato alle elezioni in Calabria;
  • Rutelli si è appropriato del cinema, con nomine a Cinecittà, all’Istituto Luce, a Filmitalia;
  • Di Pietro ha sistemato anche il suo avvocato personale, Sergio Scicchitano;
  • il viceministro De Piccoli si è occupato delle autorità portuali di Bari, Trieste e Livorno, ma scalpita per sistemare un altro autorevole trombato, l’ex sindaco di Civitavecchia, Tidei.

Tra i grandi enti, le Poste sono già nel mirino. Purtroppo per Prodi Enel, Eni e Finmeccanica sono quotate in Borsa e dovrà aspettare le assemblee societarie del 2008. Ma non vede l’ora di arraffare anche queste: per Finmeccanica scalpita Zappa che, chi l’avrebbe mai detto, lavorava con il premier all’Iri.

L’unico colpo che non gli riuscito del tutto: la direzione generale della Rai, dove pure c’è un certo Cappon, che l’Iri ce l’ha nel sangue per paternità e per averci lavorato.

Prodi avrebbe voluto Perricone, che è andato alla Rcs. Ma il premier è stato ampiamente risarcito: è un settimanale rizzoliano Oggi, il cui direttore ha acquistato a peso d’oro le foto di Sircana e le ha tenute sapientemente sottochiave. Favori che non si dimenticano.
Thanks a Potere Sinistro

L'unico commento che si può fare a tutto ciò,è riconoscere fondate e motivate le preoccupazioni di Mastella,quando durante la fase di formazione del governo sbottò : " nemmeno la democrazia cristiana nel 1948 si sognava di occupare tutti gli spazi ,è in atto un arraffa arraffa mai visto",che purtroppo aggiungo io, non si fermerà certo qui.




23 luglio 2007

SOLIDARIETA’… MA DE CHE?

Continuo a non capire, leggo che Prodi ha "telefonato" al vicepremier Massimo D'Alema e al segretario dei Ds Piero Fassino. Nel corso della telefonata, Prodi ha espresso solidarietà ai due esponenti dei Ds per le vicende legate alle intercettazioni telefoniche del caso Unipol.
Tutto qui, ora a parte il fatto che suona un tantino strano che Prodi si ricordi soltanto oggi di solidarizzare dopo che la vicenda è da giorni su tutti i media,non sarà per caso che gli avranno ricordato di spendere qualche parola a loro favore vista la immediata,anche qui ,solidarietà, espressa al presidente del consiglio dopo l'avviso di garanzia della procura di Catanzaro?
E poi solidarietà di che? per non essere riusciti nelle "scalate bancarie" o per le intercettazioni delle telefonate apparse sulla stampa?
Solidarietà per l'accusa di "aggiotaggio", "insider trading" e complicità in un "disegno criminoso di ampia portata" o per la "merchant bank" sfumata?
Un pò di chiarezza che diamine,altrimenti il povero cittadino non si raccapezza più.
E poi perchè soltanto a D'Alema e Fassino? e al povero La Torre niente solidarietà?
Solo perchè in quelle telefonate dice che "Fassino non capisce un cazzo" ? ma questa è una cosa che in tanti pensano,io compresa,ed è bello ogni tanto "avere delle conferme".
Niente solidarietà nemmeno per Consorte eppure "faceva sognare". . . . .
E per i Grillo,Cicu e Comincioli? niente nemmeno per loro,forse perche sono di Forza Italia e non sono segretari,vicesegretari e ministri.
Eh ma non ci si comporta così, un po di solidarietà non si nega a nessuno.
Il tutto mentre Di Pietro e Mastella litigano per l'ennesima volta accusandosi a vicenda di "muoversi al di fuori della costituzione",il sen.Salvi DS,che invita a votare si alle richieste del Gip Forleo, e Luciano Violante chiede che: " qualcuno si occupi di vedere cosa accade nel tribunale di Milano"(SIC), chissà perchè quando lo chiedeva Berlusconi parlava di "attentato all'indipendenza della magistratura".
Insomma è una second life,in piena regola,non so voi ma io sto ridendo come una matta.
Telefonate 1 , Telefonate 2 ;




22 luglio 2007

IL MONDO ALLA ROVESCIA.

Non ci capisco più nulla, dopo l'iscrizione di Prodi nel registro degli indagati del tribunale di Catanzaro, e dopo la richiesta del Gip di Milano,Clementina Forleo di utilizzare le intercettazioni telefoniche dei politici coinvolti  nelle "scalate bancarie" ,sono rimasta basita nell'ascoltare e  leggere le reazioni e le dichiarazioni dei soggetti coinvolti a vario titolo nelle inchieste.
Il portavoce di Prodi,Sircana chiede "rispetto" per il "presidente del consiglio" che si autoassolve  e  si dichiara "estraneo ai fatti" contestati, urge una cura di fosforo per questi signori, di rispetto ne hanno avuto quanto ne volevano,nessuno infatti si è sognato di chiedere le "dimissioni perchè lui non è un cittadino qualunque", come è successo a qualche altro presidente del consiglio in passato, e allora di che si lamentano?
I DS invece parlano di "teoremi e complotti", di "ricostruzioni forzate" di "condanne preventive" e udite udite, chiedono "l'intervento del CSM", naturalmente con i vari D'Alema,Fassino,La Torre&C che protestano la loro "estraneità ed innocenza".
Sbaglio o sono gli stessi che fino a ieri, parlavano di "rispetto per il lavoro,le decisioni e l'autonomia dei magistrati" (Sic)?
E per finire Mastella in qualità di ministro della giustizia, minaccia "azioni ed ispezioni" , e ciliegina sulla torta anche Bertinotti oggi ha avuto da ridire sul Gip Forleo criticando la "fuga di notizie".
Davvero non so più che pensare o è il mondo alla rovescia o siamo su second life.
Suvvia,questi atteggiamenti lasciateli a Berlusconi che li ha nel suo DNA, perchè costretto da quando è "sceso in campo" a combattere contro tutto e tutti,perchè gli volete togliere l'esclusiva?
Da chi invece per una vita, ha "campato" sulle disgrazie giudiziarie altrui ci si aspetta bon ton e senso della misura,anche al ridicolo c'è un limite.




21 luglio 2007

L'INTEGRITA' MORALE DI FASSINO.

Il Gip di Milano Clementina Forleo titolare del fascicolo sulle intercettazioni dei politici nei casi Unipol e Antonveneta ha presentato le ordinanze al Parlamento relativamente a 68 telefonate su 73 a disposizione dei magistrati,per valutarne l'utilizzabilità ai fini dell'inchiesta.
 Sei i nomi dei politici che ricorrono nelle due ordinanze depositate dalla Forleo. In quella che riguarda più specificatamente la vicenda Antonveneta, le telefonate intercettate riguardano il senatore Luigi Grillo (Fi). Nella seconda ordinanza, quella relativa a Bnl e alla società editrice Rcs, le conversazioni per cui si chiede il via libera al Parlamento riguardano Massimo D'Alema, Piero Fassino e Nicola Latorre (tutti e tre Diessini), Salvatore Cicu e Romano Comincioli (entrambi di Forza Italia).
Sarà proprio il placet del Parlamento a rendere possibile la procedibilità penale nei confronti di suoi membri , inquietanti interlocutori di numerose di dette conversazioni soprattutto intervenute sull'utenza in uso al Consorte , i quali all'evidenza appaiono non passivi ricettori di informazioni pur penalmente rilevanti nè personaggi animati da sana tifoseria per opposte forze in campo, ma consapevoli complici di un disegno criminoso di ampia portata.
Questo scrive la Forleo in uno dei passaggi delle ordinanze.dove si ipotizzano i reati di "aggiotaggio" e "insider trading" per alcuni dei sei parlamentari coinvolti nelle "scalate bancarie".
Naturalmente tutti protestano innocenza e buona fede,ma questo è film già visto, così come non meraviglia il fatto che Mastella si prepari ad acquisire le ordinanze per controllarne la formale correttezza.
Del resto sono convinta anche io che la questione finirà in una bolla di sapone,ma intanto se ne parlerà a iosa e per diverso tempo.
Eh si, perchè il Gip Clementina Forleo fa parte a pieno titolo di quella particolare categoria di magistrati,che avuto come capi scuola i vari Spataro,Bocassini,Davigo,Colombo,Borrelli ecc. ed è proseguita sino ad oggi con i vari De Magistris,Woodcock,e appunto Forleo,giusto per citarne qualcuno.
Si tratta di una particolare "specie" di magistrato,che al posto di occuparsi di  reati sul serio e dimostrare in qualsiasi occasione fuori dalle aule e non,come prevede il codice deontologico equità,imparzialità e professionalità, sono in  crisi di "autostima"  perchè non appaiono sulle prime pagine dei media o non fanno nulla per meritarsi un ispezione ministeriale,e si autoeleggono "rappresentanti della società civile"(Sic), perchè vogliono "cambiare la società da dentro le istituzioni" ecc. ecc.
Tutto il contrario dunque da quello che ci si aspetta da un magistrato, tenuto conto della delicatezza del ruolo che ricopre.
Forse non aveva tutti i torti Umberto Bossi quando affermava che  a taluni magistrati bisognerebbe "raddrizzare la schiena".
Tornando al caso odierno tra le tante dichiarazioni in merito alla vicenda mi ha sorpreso quella di Di Pietro: "Non vi è alcun dubbio sul fatto che noi dell'Italia dei Valori voteremo in Parlamento a favore dell'autorizzazione all'utilizzo delle intercettazioni telefoniche trasmesse dal gip Forleo", aggiungendo che "quello che mi lascia perplesso, però, è l'affermazione perentoria e indicativa di responsabilità nei confronti di specifici soggetti politici prima che essa venga accertata. Mi riferisco in particolare al segretario dei Ds Piero Fassino sulla cui integrità morale mi sentirei, come mi sento, di mettere la mano sul fuoco".
Tutto qui,ma perchè solo Fassino? e perchè no D'Alema?
La prima cosa che mi viene in mente è perchè D'Alema non si è mai degnato di rispondere insieme a Veltroni alle lettere aperte,riprese da tutti i media, che  Di Pietro sottopose ai due in data 10/10/2000 chiedendo tra le altre cose,dopo l'accertamento di finanziamenti illeciti coperti dalla prescrizione: "a quale piano e a quale stanza  bussavano Gardini e Panzavolta quando portavano miliardi a Botteghe Oscure"?
Risposta che non c'è mai stata, altrimenti Di Pietro avrebbe " messo la mano sul fuoco" anche sull'integrità morale di D'Alema, o non è così?




5 luglio 2007

ANCHE I MAGISTRATI HANNO FIRMATO IL PROGRAMMA DI GOVERNO.

«L'impegno di scardinare la legge Castelli era nel programma di governo, abbiamo il dovere di pretendere che quegli impegni siano mantenuti».
«Dobbiamo fermare la separazione delle carriere,il tema della giustizia merita almeno lo stesso trattamento di quelli su cui l'Unione fa quadrato».
Così il PM di Milano Armando Spataro, nonchè esponente di spicco del CSM e dell'Associazione Nazionale Magistrati, spiega in un'intervista al Corriere la protesta contro il DDL di riforma dell'ordinamento giudiziario.
Mi sembra giusta e doverosa questa protesta,del resto se associazioni di magistrati hanno condiviso e almeno "virtualmente firmato" il programma di governo, questi "elettori" vanno tenuti in debita considerazione.
Così come è giusto e doveroso che ex magistrati adesso in parlamento,come Di Pietro, polemizzino minacciando di non votare con il ministro della giustizia,Mastella,che ha faticosamente trovato un punto di equilibrio parlamentare sul DDL che si vota prossimamente in senato,comunque all'acqua di rose rispetto a ciò che occorre al sistema giustizia italiano.
Nessuna meraviglia da parte mia e nemmeno credo da una grande parte di cittadini, all'equità e all'indipendenza di una buona parte della magistratura non ci crede più nessuno da un pezzo,Spataro è uno dei rappresentanti tipici di quei magistrati che si sono "autoeletti rappresentanti della società civile" e che "vogliono cambiare la società da dentro le istituzioni"(Sic).
E' dunque perfettamente normale per costoro che non ci sia nessuna separazione tra le funzioni di PM e di giudice , fare la stessa carriera,frequentare gli stessi uffici ecc.ecc., così magari,come è già spesso accaduto, si possono consigliare a vicenda sulle decisioni da prendere sui singoli casi, il tutto a danno dell'imputato di turno,altro che terzietà.
Quello che  non è normale,è che la "casta", invece di applicare le leggi, le voglia discutere e addirittura imporre il calendario dei lavori parlamentari,non succede in nessun paese civile,in Italia si,quando finirà questo verminaio?
Forse non aveva tutti i torti Umberto Bossi quando anni fa affermava che "a qualche magistrato ogni tanto bisognerebbe raddrizzare la schiena".




13 maggio 2007

PIU' FAMIGLIA PER TUTTI !



“Come cittadini e come cattolici affermiamo che  ciò che è bene per la famiglia è bene per il Paese. Perciò la difenderemo con le modalità più opportune da ogni tentativo di indebolirla sul piano sociale, culturale o legislativo. E chiederemo politiche sociali audaci e impegnative.”

Grande Successo del family day a Piazza S.Giovanni a Roma,gli organizzatori parlano di almeno un milione di persone in piazza, oltre ogni più rosea previsione dunque, un flop clamoroso invece la contromanifestazione di Piazza Navona ,organizzata da socialisti,radicali e sinistra massimalista, presenti solo poche migliaia di persone.

Per  ribadire la centralità della famiglia come cellula fondante della società e chiedere politiche sociali adeguate,nonché la difesa della stessa dagli attacchi sempre più frequenti dell’ “incenso laicista” tantissime persone comuni giunte da ogni parte d’Italia,intere famiglie con  bambini al seguito,ma non solo, erano presenti due ministri del governo Fioroni e Mastella, i senatori a vita Cossiga e Andreotti e tutta la CDL al gran completo, Fini,Buttiglione,Casini, Carolina Lussana per la Lega Nord, delegazioni di Alternativa Sociale,Fiamma Tricolore,Nuova DC e naturalmente Silvio Berlusconi che ha sciolto le riserve dei giorni scorsi ed è intervenuto insieme alla delegazione di Forza Italia.

Il Cav. ha spiegato che "ero in dubbio se venire oggi a piazza San Giovanni" perche' "non volevo che si pensasse alla volonta' di strumentalizzare questa manifestazione. Questa mattina, tuttavia, ho letto la vignetta della prima pagina del Manifesto" che raffigurava un dialogo tra due persone nel quale una dice all'altra: 'Family Day, ci saranno un sacco di preti' e l'interlocutore risponde 'e' meglio lasciare a casa i bambini?'. "Questa vignetta - ha sottolineato Berlusconi - mi ha fatto decidere di venire a portare la mia testimonianza perche' e' una cosa indegna. C'e' ormai un movimento che e' contro la Chiesa - ha concluso Berlusconi - e a cui si vuole impedire di esprimere le proprie opinioni",c'è già stata una Chiesa del silenzio ed era nei Paesi comunisti, non credo che si possa accettare che qualcuno la voglia anche qui".

"Forza Italia non ha nulla contro le coppie di fatto - precisa inoltre il leader azzurro - pensiamo che debbano essere tutelati i loro diritti, pensiamo che si debba fare attraverso il codice civile che può essere anche migliorato". E ancora. "Penso che ci sia un rigurgito di laicismo, che è stato il male della nascita della nostra Repubblica".

I cattolici che militano nel centrosinistra "si trovano in contraddizione con loro stessi - prosegue - perché stanno con degli alleati come quelli dell'estrema sinistra che in tutti i provvedimenti di questo governo, che è loro ostaggio, lasciano l'impronta e il segno della loro ideologia" che "non ha niente a che fare con la dottrina sociale della Chiesa".

Una bella manifestazione ,una bella giornata per la famiglia e per l’Italia.








Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. roma chiesa berlusconi forza italia mastella fioroni family day cdl

permalink | inviato da il 13/5/2007 alle 3:50 | Versione per la stampa


26 aprile 2007

MASTELLA SI AGITA .

"Il sistema migliore che funziona in Italia e' l'ipotesi di presidenzialismo come esiste a livello regionale, da applicare sia alla Camera sia al Senato". Lo ha detto il ministro della Giustizia Clemente Mastella, intervenendo dai microfoni del programma 'Radio anch'io'.
"Questa mi sembra la cosa piu' confortante - aggiunge - per il paese, ha dato buona prova di se, non ha eliminato i piccoli partiti, e li ha fatti contare per quello che sono, per quello che rappresentano". Ma anche "non ha mosso conflittualita' all'interno delle coalizioni, mi pare evidente che laddove avessi saputo che Parisi e Santagata avrebbero determinato un referendum contro di me, ci avrei pensato meglio ad allearmi con loro... questo mi pare evidente".

Se parte la macchina e viene dato l'annuncio che si va al refendum sulla legge elettorale, esco dal governo".

Adnkronos

 

Mastella così come altre piccole forze sia a sinistra come a destra sembra essere terrorizzato dall’ipotesi referendum che rischia di far pulizia dei piccoli partiti.

Io personalmente sono contraria all’ipotesi referendaria,anche perché si rischia di coalizzarsi in liste uniche,salvo poi ridividersi in parlamento all’indomani delle consultazioni elettorali ,molto meglio allora correggere l’attuale legge nei punti che riguardano il premio di maggioranza al senato e la soglia di sbarramento, si potrebbe pensare anche a un diritto di tribuna per quelle forze che non superano lo sbarramento che avrebbero almeno 1 o 2 rappresentanti nelle camere, mi pare che questa sia la migliore legge possibile.

Quasi a dare più consistenza alle minacce di Mastella, l’on.Fabris capogruppo alla camera  per l’UDEUR dichiara che il partito si riserva di votare la legge sul conflitto di interessi.


22 marzo 2007

CESARE BATTISTI: AVVIATO ITER PER L'ESTRADIZIONE.

La Corte Suprema brasiliana ha annunciato ieri sera di aver dato 40 giorni all'Italia per presentare una richiesta formale di estradizione di Cesare Battisti, ex-militante di estrema sinistra condannato all'ergastolo per omicidio dalla giustizia italiana.

Ieri il sostituto procuratore generale di Milano Nunzia Gatto infatti ha avviato la procedura per ottenere l'estradizione dell'ex terrorista,  leader dei Proletari armati per il comunismo (Pac) arrestato domenica a Rio de Janeiro dopo tre anni di latitanza,  divenuto scrittore noir, mentre il Guardasigilli Clemente Mastella ha promesso tempi rapidi per il suo trasferimento in Italia.

Bene,dopo che è stato stabilito l’iter formale della pratica di estradizione, resta soltanto un aspetto dell’intera vicenda che non è stato ancora del tutto chiarito,e cioè :” una volta estradato in Italia,quale ente o ministero si avvarrà dei servigi e delle consulenze  del  terrorista Cesare Battisti?”




Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. battisti estradizione mastella consulenze

permalink | inviato da il 22/3/2007 alle 2:30 | Versione per la stampa


13 marzo 2007

PRONTO A CADERE INSIEME AL GOVERNO.

«Io non ho mai firmato». Il Guardasigilli spiega: «La verità è che quando io non ho firmato il centrosinistra pensava di stravincere e che un partito piccolo come l’Udeur non sarebbe stato determinante, ». La conseguenza della premessa è che, «se mi pongono un dilemma, o al governo oppure tu devi firmare i Dico, io esco dal governo». Pronto a far cadere il governo Prodi,significherà auto-caduta, cado anch’io,se si ponesse, ma mi pare che l’abbiano scongiurata, la questione di fiducia, io voterei no».

Clemente Mastella e' convinto che non passera' il disegno di legge sui Dico. Ma qualora dovesse passare sarebbe legittimo promuovere un referendum abrogativo. Lo ha detto il ministro della Giustizia durante la registrazione di 'Porta a Porta'. "Credo che la legge non passi, ma laddove questo accadesse ritengo che questa promozione sarebbe legittima anche da parte del mio partito", ha detto il guardasigilli.

Adnkronos 12/03/2007

 

Mastella ha tutto il mio appoggio e la mia solidarietà, con calma e determinazione sta allargando sempre di più il solco che lo separa dalla sinistra radicale,giustizialista e anticlericalista.

Da politico intelligente ha capito che la caduta del governo Prodi è inevitabile, ma non prepara un ribaltone, bensì qualcosa di più raffinato,vuole rendersi autonomo e non farsi travolgere, starà alla finestra e poi farà il meglio per collocarsi nella posizione più utile.

Bravo Clemente,non mollare.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. mastella dico governo cadere

permalink | inviato da il 13/3/2007 alle 22:7 | Versione per la stampa


12 marzo 2007

SONO DIVENTATA OMOFOBA.

Non ho mai avuto antipatia per  gay o lesbiche,anzi ho alcuni amici che lo sono,e ho avuto sempre comprensione per i loro problemi quando qualcuno si è confidato con me.

Ero d’accordo a migliorare  leggi già esistenti per facilitare loro convivenza e tanti aspetti della vita quotidiana,ma non certo i DI.CO. che rappresentano un submatrimonio , questo fino a qualche giorno fa.

Adesso però non li sopporto più,hanno stufato, questo voler a tutti i costi imporre i loro diritti come cosa buona e giusta, quasi fossero un’etnia da tutelare o una specie da proteggere, con la tipica saccenteria di chi crede di essere “illuminato e all’avanguardia” e chi la pensa diversamente invece additato come “barbaro e troglodita” ,per non parlare del Papa e degli altri  esponenti della chiesa cattolica a cui si vorrebbe addirittura chiudere la bocca ,supportati in tutto ciò  da pseudo-intellettuali, capi e capetti di partito,giornalisti  d’assalto  e chi più ne ha più ne metta.

Sono rimasta disgustata dalla trasmissione AnnoZero ,dove a parte il fatto che si voleva a tutti i costi zittire il ministro Mastella ,e al solito denigrare chi come lui la pensa diversamente,sono state mostrate scene in una fascia di orario protetto di gay&lesbiche che definire vomitevoli è riduttivo.

Mi chiedo e vi chiedo: “sarà mai possibile agli utenti che pagano il canone, avere una televisione pubblica con giornalisti imparziali e professionali,e non “PROTESI E CIABATTE DI PARTITO”?

Ma la goccia che in me ha fatto traboccare il vaso è stata la manifestazione o meglio la carnevalata di sabato scorso a Roma dove si è deriso il Papa e la chiesa cattolica, per non parlare delle salve di fischi al ministro Mastella,  a cui assistevano compiaciuti colleghi di governo e esponenti di partiti della maggioranza.

Il peggio è stato dato quando addirittura è stato fischiato e contestato l’On. Benedetto Della Vedova, un liberal-radicale che secondo questi pagliacci ha il torto di stare con la CDL e quindi con Berlusconi.

Ebbene io a tutto questo DICO NO , basta con il voler imporre la dittatura delle minoranze, se esiste l’orgoglio gay, da oggi in poi in me c’è l’orgoglio dell’” Italia becera,integralista e fondamentalista “ , esprimo tutta la mia solidarietà a Benedetto Della Vedova, con la consapevolezza che adesso ha avuto la conferma che lui e i Riformatori Liberali stanno dalla parte giusta.

Da oggi in poi,per quanto mi è possibile mi batterò affinché non passi nessuna legge di regolamentazione di convivenze omo o eterosessuali che siano, per prima cosa scriverò ai principali esponenti dell’area liberale e dell’area liberalsocialista di Forza Italia,ovvero Martino,Biondi , Boniver , Prestigiacomo, Moroni, Vizzini, Cicchitto, ecc.ecc., chiedendo loro di non appoggiare,anzi affossare ,qualsiasi legge tendente a regolamentare le convivenze di cui sopra.

Preannuncio sin d’ora piena solidarietà a Mastella e al suo partito,così come alla sen. Binetti e a tutti coloro che nella Margherita e nella sinistra si batteranno per impedire a questi pagliacci di imporre alla maggioranza degli italiani i loro “capricci”.

Lo stato ha il dovere di tutelare la “famiglia naturale” così come prevede l’art.29 della Costituzione,chi si unisce in matrimonio ha dei diritti perché si assume degli obblighi e dei doveri verso lo stato e la società, a questa dunque devono essere destinate le risorse pubbliche.

Chi vuole convivere quali obblighi si assume verso lo stato e la società per avere dei diritti?

Oggi è già prevista per legge la convivenza anagrafica,chi vuole convivere senza distinzione  di omo o eterosessuale, faccia una scrittura privata davanti a un notaio  e se la regolamenti come meglio crede e ritiene opportuno, purchè non in contrasto con nessuna delle leggi vigenti, per gli aspetti economici si possono usare anche le polizze vita reciproche,ma non tocca allo stato regolamentare queste singole scelte.

Se a costoro non gli va bene che emigrino pure in qualche altro “stato civile”, non sentiremo la loro mancanza.

E che vadano tutti al diavolo.





sfoglia     febbraio        aprile
 

 rubriche

Diario
Immagini del giorno
Trinariciuti
Politica
Miseria,Terrore e Morte
Silvio Berlusconi
Parole in libertà

 autore

Ultime cose
Il mio profilo

 link

MARA CARFAGNA
IDEAZZURRA
NON SOLO NAPOLI
AG BELLUNO
KOMUNISTELLI
PER IL POPOLO DELLA LIBERTA'
FILIPPO
IL BERRETTO A SONAGLI
FAZIOSO LIBERALE
PENSIERI IN VOLO
VOCERIBELLE
MARALAI
AMPIORESPIRO
F. STORACE
LA DESTRA NEWS
IL VELINO
YOUTUBE
CASA DELLE LIBERTA':
FORZA ITALIA
FORZA ITALIA GIOVANI
FORZA ITALIA SENATO
FORZA ITALIA CAMERA
FORZA ITALIA GRUPPO EUROPEO
ALLEANZA NAZIONALE
LEGA NORD
UDC
NUOVA DEMOCRAZIA CRISTIANA
NUOVO PSI
MOVIMENTO PER L'AUTONOMIA
PARTITO LIBERALE
PARTITO REPUBBLICANO
RIFORMATORI LIBERALI
STEFANIA CRAXI
ALESSANDRA MUSSOLINI
PENSIONATI
MOVIMENTO SOCIALE-FIAMMA TRICOLORE
PARTITO POPOLARE EUROPEO
CIRCOLO DELLA LIBERTA'
CIRCOLO GIOVANI
MEDIA:
ADNKRONOS
ANSA
AVVENIRE
CORRIERE DELLA SERA
DAGOSPIA
FAMIGLIA CRISTIANA
IL FOGLIO
IL GIORNALE
IL LEGNO STORTO
IL MANIFESTO
IL MESSAGGERO
IL SECOLO XIX
ILSOLE24ORE
IL TEMPO
ITALIA LIBERA
LA 7
LA DISCUSSIONE
L'ESPRESSO
LIBERAZIONE
LIBERO
L'OPINIONE
L'OSSERVATORE ROMANO
LA PADANIA
LA STAMPA
LA TV DELLA LIBERTA'
L'UNITA'
MEDIASET
NOI PRESS
PANORAMA
POTERE SINISTRO
QUOTIDIANONAZIONALE
RAGIONPOLITICA
RAI
RAI TELEVIDEO
RASSEGNA STAMPA
REPUBBLICA
SONDAGGI POLITICO-ELETTORALI
TGCOM
THINK-TANK:
FONDAZIONE LIBERAL
FREE FOUNDATION
IDEAZIONE
ISTITUTO BRUNO LEONI
MAGNA CARTA
WEB JOURNAL:
BLOG-SHOW
BOOKCAFE
LIQUIDA
DICEVI? BLOGS JOINER
TOCQUEVILLE-LA CITTA' DEI LIBERI
FORUM:
ALFEMMINILE
CORRIERE FORUM
DONNA MODERNA
FORUM NUOVO PSI
FUORI DI TESTA
GIOVANI IT.- POLITICA
L’UNITA’
LA STAMPA FORUM
MARCO TRAVAGLIO FORUM
POLITICA ON LINE
REPUBBLICA
ULIVO/PD
SITI…ONOREVOLI:
ANTONIO PALMIERI
BENEDETTO DELLA VEDOVA
CLEMENTE MASTELLA
CARLO GIOVANARDI
GIULIO TREMONTI
RENATO BRUNETTA
PAOLO GUZZANTI
TOTO’ CUFFARO
AURORA86 CONSIGLIA:
!!:::GOVERNO PRODI
123 BETA
A CONSERVATIVE MIND
ACROSS THE BORDER
ADESTRA
AD SIDERA
AG AVERSA
AGE-VERNACOLESE
AKELA THE WOLF
ALEPUZIO
ALESSANDRA FONTANA
A LOOK TO THE RIGHT
ALTERNATIVA POPOLARE
AMANDACCO
AMERICAMERCATOINDIVIDUO
AMERICA THE BEAUTIFUL
ANNI DI SANGUE
ANTIKOMUNISTA
ANTIEUROPEO
ARCHEOPTERIX
ARMONIA DEI SENSI
ASTROLABIO
ATROCE PENSIERO
AZIONE GIOVANI
BALESTRATESI
BANDO ALL'IPOCRISIA
BARNEY PANOFSKY
BARRY GOLDWATER
BATTITORE LIBERO
BIETTO(ANCHE SE NON CI SEI PIU')
BIG DOGS WEBLOG
BLAKNIGHTS
BLOGIORNALE
BLOG PER SILVIO
BOTTOMLINE
C'E' WALTER
CALAMITYJANE
CALIMERO
CALVIN
CAMELOT DESTRA IDEALE
CAMILLO
CANTOR
CAPPERI
CARLO MENEGANTE
CATEPOL
CASTELLO BIANCO
CENSURAROSSA
CENTRODESTRA
CIRCOLO DELLA LIBERTA’ GOLFO DEL TIGULLIO
CIRCOLO GIOVANI FIRENZE CENTRO STORICO
CIRCOLO DELLA LIBERTA’ IL CAMINETTO
CIRCOLO LIBERTA’ TORINO
CHE CI DEVI FARE
CIVILTA'
COMMERCIALISTA
CONTROCORRENTE
C'E' POCO DA RIDERE
DALL’ALTRA PARTE
DAVERIK
DAW
DEBORAH FAIT
DEEARIO
DEIMM
DESTRA LAB
DIETRO LE LINEE NEMICHE
DILLA TUTTA
DORIA
DUMBS OX DAILY
EL BOARO
FABIO SACCO
FACE THE TRUTH
FATTI&MISFATTI
FENOMENI IN GIRO NON C’E’ NE
FREEDOMLAND
FREE THOUGHTS
FORT
FORZA FRIULI
FORZA ITALIA-BLOG
FULVIA LEOPARDI
GABIBBO
GAETANO SAGLIMBENI
GAWFER
GEMELLE GLITTER
GERMANYNEWS
GIANNI DE MARTINO
GIANFRANCO FINI PREMIER
GIANGIACOMO’S THINK THANK
GINO
GIOVANNI VAGNONE
GIOVANI AZZURRI VENETO
GIOVANI CON SILVIO
GIULIA NY
GRAZIE BERLUSCONI
GRENDEL FROM THE MOOR
HARRY
HARRY'S WORLD
HURRICANE
I DIAVOLI NERI
IGNAZIO ARTIZZU
IN GOD WE TRUST
ING.GAS NEO CON WEBLOG
INGEGNERBLOG
INNOVAZIONE GIOVANI
IL BARONE NERO
IL BLOG DELL'ANARCA
IL CAMPER
IL CASTELLO
IL CIELO SOPRA KABUL
IL FILO A PIOMBO
IL GIOVINE OCCIDENTE
IL GIULIVO
IL GRANDE GABBIANO
IL GRINCH
IL MANGO DI TREVISO
IL MASCELLARO
IL MIO MONDO
IL MISCREDENTE
IL NANO
IL RE DELLA MONNEZZA
IL REAZIONARIO
IL SIGNORE DEGLI ANELLI
IL SORVEGLIATO SPECIALE
IN ETERE
INYQUA
IL MOTEL DEI POLLI ISPIRATI
IL RUMORE DEI MIEI VENTI
IO&LUI
ITALIA LAICA
ITALIAN LIBERTARIANS
ITURADASTRA
JIHADI DU JOUR
JOYCE
KAGLIOSTRO
KATTOLICO
KRILLIX
L'USSARO
LA CASA DELLE LIBERTA' BLOG
LA CITTADELLA
LADYJADINA
LA GRANDE FORZA DELLE IDEE
LA LIBERTA’ VA CONQUISTATA OGNI GIORNO
LA RISCOSSA
LA TAVOLA ROTONDA
LA TERRA DI MEZZO
LA TESTATA
LA VOCE DEL PADRONE
LE BARRICATE
LEFTKILLER
LE GUERRE CIVILI
LIBERALIDEA
LIBERALI PER ISRAELE
LIBERIAMO MASSA
LIBERTA' AZZURRA(LA)
LIBERTARIAN POST
LISISTRATA
LOGICA
LUCAP.
LUCARIELLO.TK
LUXOR
M&A
MANOLO
MAODDI
MARCOPAOLOEMILI
MARINIELLO
MATTEO SANNA
MELANDRINA
MEMORIE DI UN TERRONE
MEZZOGIORNOEUROPEO
MIKEREPORTER
MITHRANDIR
MISSIONARIO
MONDIAL POST
MONDOPICCOLO
MUSICAEPOLITICA
NNHOCAPITO
NEBBIA IN VALPADANA
NE QUID NIMIS
NEOCON ITALIANI
NON PORGIAMO L'ALTRA GUANCIA
NON SI ABBIA TIMORE DI PUNIRE CAINO
NEXTCON
OGGI
OLIFANTE
ORPHEUS
OTIMASTER
PARBLEU
PARLA PER TE
PAROLIBERO
PARTIGIANO WILLIAM
PASSAGGIO A NORD EST
PASSAGGIO AL BOSCO
PAROLE&PENSIERI
PATRIOTI SI NASCE
PEGGIO SORU
PENDENTE A DESTRA
PERLAS
PESCARA LIBERA
POLITICALLY-SCORRECT
POLITICANDO
PORNOROMANTICA
POSIZIONE AUTARCHICA
PRO AMERICAN MOVEMENT
PROVOCAZIONE
PSEUDOSAURO
QUALCOSA DI DESTRA
QUID TUM?
RADICI E LIBERTA'
REJECT THE UN
ROBI
ROBINIK
ROLLI
SALVATORE LAURO
SARA-90
SARA PETELLA
SAURA PLESIO
SCHEGGE DI VETRO
SCHELETRI-SINISTRI
SCIOPENAUER
SGS
SICILIA RADICALE
SIETE PROPRIO COGLIONI
SIGLOBAL
SILVIOBERLUSCONIFANSCLUB
SILVIO NON FARMI ASTENERE PIU'
SINISTRERIA
SLIVERS OF MY SOUL
SONGCODES
SOSTIENI LANDRIANO
STARSAILOR
STATO MINIMO
STUDENTI PER LA LIBERTA'-MI
STUDIO LEGALE FIORIN
SUPERUOMO
SVULAZEN
TBLOG
TEXAS FRED
TEOCON
THANK YOU AMERICA
THE BRAIN WASH
THE HOLE IN THE WALL
THE JUST CHOICE
THE MOTE IN GOD’S EYE
THE NEW OBJECTIVIST
THE REAL CONSERVATIVE
THE RIGHT NATION
THUMBRIA
UGO MARIA CHIRICO
UPL
USER 2501
VALEFORN
VALERIO METRONIO
VELVET
VEXILLA
VIRGILIO FALCO
VITA E PASSIONI
VIVENDO E IMPARANDO
VOCIRPINE
VOTA SILVIO
W LA LIBERTA'
WALKING CLASS
WIND ROSE HOTEL
ZANZARA

Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0

Feed ATOM di questo blog Atom