.
Annunci online

  Aurora86 AZZURRA LIBERTA' - * BLOG MORALMENTE INFERIORE *
 
Diario
 





   


HOME PAGE BLOG

AZZURRA LIBERTA'-ASCOLTA
 

INNO FORZA ITALIA-ASCOLTA
 



In una democrazia è il popolo
che sceglie i leader, non sono
i leader che scelgono il popolo.
Silvio Berlusconi 02/12/2006

MENO MALE CHE SILVIO C'E'



PROGRAMMA DI GOVERNO
2008-2013


TUTTI I CANDIDATI DEL
POPOLO DELLA LIBERTA'





Vota Berlusconi

 




...andremo avanti con la forza
della gente contro i parrucconi
della politica.-Silvio Berlusconi
P.zza S.Babila Milano 18/11/2007





Vota Berlusconi
 






"Lightmysite.it promuove il tuo blog  
sui motori di ricerca con
Promoblog
- fai luce sul tuo blog..."                  


"La difesa della libertà è la
missione più alta,più nobile,
più entusiasmante che      
ciascuno di noi possa avere
l'avventura di fare."     
Silvio Berlusconi  
























"E' sorta in questi anni 
un'altra Italia, umile e  
tenace , orgogliosa e    
onesta, moderata  ma   
ferma  nel  difendere   
i  principi  di  libertà,   
che  non  ha  nessun    
passato da nascondere 
e  che  soprattutto non 
ha paura di sperare e di
credere. Questa  Italia 
siamo  noi,  si  chiama  
FORZA  ITALIA  "     
Silvio Berlusconi





STO LEGGENDO:
CAMBIARE REGIME
La sinistra e gli ultimi
45 dittatori(Einaudi)


"Cos'altro dovrebbe fare
la sinistra,se non lottare
contro  le dittature  e
battersi per liberare i
popoli oppressi?"



LA GRANDE BUGIA 
"Le sinistre italiane e
il sangue dei vinti".
 


GRAZIE ORIANA: PENSIERI
E PAROLE INEDITI DOPO
L'11 SETTEMBRE.



Technorati Profile

Add to Technorati Favorites

Save This Page
del.icio.us my del.icio.us
Registra il tuo Blog
I am Aurora86 on del.icio.us
Add me to your network




Aurora86
? Grab this Headline Animator

Enter your email address:

Delivered by FeedBurner

Subscribe in a reader


Add to Google Reader or Homepage
Subscribe in NewsGator Online
Subscribe in Rojo
Add to My AOL
Add to netvibes
Subscribe in Bloglines
Add to The Free Dictionary

Add to Plusmo
Subscribe in NewsAlloy
Add to Excite MIX
Add to netomat Hub
Add to fwicki
Add to flurry
Add to Webwag
Add to Attensa
Receive IM, Email or Mobile alerts when new content is published on this site.
Add Aurora86 to ODEO
Subscribe in podnova

Add to Pageflakes

Subscribe to Aurora86

I heart FeedBurner

Visit the Widget Gallery
View blog reactions


Liquida



BlogItalia.it - La directory italiana dei blog

Blog Aggregator 3.3 - The Filter

Elenco dei Blog italiani blog Directory, inserisci il tuo

Blog-Show la vetrina italiana dei blog!












































PUBBLICIZZA GRATUITAMENTE
IL TUO SITO CON FREE -      
PUBBLICITA' GRATIS ! ! !      
CLICCA QUI...










"Troppo spesso è stata dimenticata   
la moralità del fare, la moralità del    
realizzare il programma annunciato  
agli elettori, la moralità dell’operare  
per mantenere gli impegni e per         
mantenere la parola data.                  
Per noi, la moralità nella politica        
consiste soprattutto nel mantenere  
gli impegni."   Silvio Berlusconi 


ARCHIVIO
SETTEMBRE 2008
AGOSTO 2008
LUGLIO 2008
GIUGNO 2008

MAGGIO 2008
APRILE 2008
MARZO 2008
FEBBRAIO 2008
GENNAIO 2008
DICEMBRE 2007
NOVEMBRE 2007
OTTOBRE 2007
SETTEMBRE 2007
AGOSTO 2007
LUGLIO 2007 

GIUGNO 2007
MAGGIO 2007
APRILE 2007
MARZO 2007
FEBBRAIO 2007
GENNAIO 2007
DICEMBRE 2006
NOVEMBRE 2006
OTTOBRE 2006
SETTEMBRE 2006
AGOSTO 2006
LUGLIO 2006
GIUGNO 2006
MAGGIO 2006







who's online


      

AURORA86
FEED IMAGES








5 luglio 2009

IL GOVERNO PIU’ STABILE DELL’OCCIDENTE

Il mio governo è il più stabile e sicuro dell’occidente, così Silvio Berlusconi a bordo della nave crociera “Fantasia” , ormeggiata nel porto di Napoli, nel corso di una conferenza stampa indetta  per illustrare i preparativi in vista dell’imminente G8 all’Aquila.
Innanzitutto l’alleanza di governo: stabile e salda grazie al "legame inscindibile, anche di amicizia, tra le forze politiche" che compongono l'esecutivo, ha proseguito il Premier, poi “le due elezioni consecutive che abbiamo vinto”,quindi la popolarità personale: “La piu' alta in tutto l'Occidente, al 62,3%".
''Il governo ha fatto bene, e' fortissimo ed e' ancora piu' forte viste le crescenti debolezze dell'opposizione”, qui Berlusconi ha citato l’articolo di Pansa sul Riformista che ha definito l’opposizione “ un cadavere che cammina”, poi una veloce rassegna sui provvedimenti più incisivi del primo anno di governo e le operazioni di maggior successo in politica estera, infine il plauso al presidente Napolitano, il quale ha chiesto che cessino le polemiche politiche fino al termine del G8,“Speriamo che venga accolto l'invito del Capo dello Stato - ha detto Berlusconi - Penso che sia logico che il Capo dello Stato rivolga questo invito e che sia logico che venga accolto. Non ho altro da aggiungere”.
Anche il presidente della camera , Fini, da Madrid dove si trova in visita, ha risposto in modo chiaro e netto alle domande che gli sono state rivolte sulla tenuta del governo italiano : “ immaginare una crisi di governo in un futuro prossimo è fantasia, il governo gode di un ampia maggioranza nelle camere e di elevato consenso nel paese, il governo viene giudicato dalle cose che fa , tentare di gettare discredito su Berlusconi è un operazione che non scalfisce minimamente il feeling con i suoi elettori.
Personalmente penso che l’ultimo decreto di misure economiche varato dal governo, che contiene importanti misure anticongiunturali quali la detassazione degli utili reinvestiti o il bonus antilicenziamento per le imprese e la riduzione al minimo di oneri bancari vessatori come la commissione sul massimo scoperto, con qualunque nome venga definita o l’abolizione del ticket sanitario sulla specialistica per tutti i cittadini,  dimostra  appunto che il governo si occupa di cose concrete, non chiacchiere e  gossip, tanto che il provvedimento incontra una larga condivisione nei rappresentanti delle parti sociali e dei cittadini.
Le precisazioni sulla stabilità del governo sono state necessarie in quanto diverse testate di stampa straniere hanno ripreso i “desideri e le fantasie spacciate per realtà” dei zucconi del gruppo Repubblica – Espresso e di qualche altro gruppo editoriale sulla tenuta di Berlusconi e del governo, che sono appunto destinate a rimanere pii desideri, il governo è forte e coeso, altrettanto la maggioranza come hanno dimostrato gli ultimi appuntamenti elettorali, i problemi, se verranno, ci saranno quando avremo un opposizione che fa politica e non gossip, cosa di cui  al momento non si  scorge traccia all’orizzonte.






27 marzo 2009

PARTITO IL TERMOVALORIZZATORE DI ACERRA

Lo stato è tornato a fare lo stato”, con queste parole il Premier Silvio Berlusconi ha inaugurato il termovalorizzatore di Acerra in Campania che, praticamente mette fine alla fase acuta dell’emergenza rifiuti.
Silvio Berlusconi si era solennemente impegnato nella campagna elettorale del 2008 a mettere fine alla vergogna di Napoli e della Campania sommerse dai rifiuti , le cui immagini hanno fatto il giro del mondo, tanto che nel primo consiglio dei ministri di questa legislatura, tenutosi proprio a Napoli nel maggio scorso, furono emanati i decreti straordinari e d’urgenza che hanno permesso di completare i lavori di costruzione del termovalorizzatore di Acerra, bloccati più volte da veti burocratici e proteste di minoranze organizzate, nonché di aprire e mettere in funzione quelle discariche già individuate per lo smaltimento dei rifuti sotto la sorveglianza dell’esercito, come ad esempio quella di Chiaiano , dove le proteste sono durate poco, giusto il tempo di mandare qualche facinoroso in ospedale, e tutti si sono accorti che stavolta si faceva sul serio.
Questo però è solo un punto di partenza, occorre costruire al più presto gli altri 3 termovalorizzatori previsti dal piano di cui uno a Napoli, insistere e migliorare con la raccolta differenziata dei rifiuti, così che tra qualche anno le discariche non serviranno più, anzi saranno bonificate e liberate dai rifuti.
Durante la cerimonia il prefetto di Napoli ha letto un telegramma del Presidente della Repubblica, Napolitano che ha voluto complimentarsi con il Premier per il successo e lo ha ringraziato per il forte impegno e la determinazione che hanno permesso l’avvio dell’attività del termovalorizzatore frenata dagli ostacoli e dai ritardi , che “hanno determinato il precipitare dell’emergenza rifiuti” danneggiando l’immagine di Napoli, e anche dell’Italia intera dico io.
Ma oltre a risolvere il problema ambientale ci saranno anche vantaggi per le tasche dei cittadini, ha detto il Premier: "Avviamo il processo di smaltimento dei rifiuti attraverso la bruciatura, trasformando le immondizie in energia elettrica e quindi un risparmio per tutta la comunità italiana".
Alla cerimonia oltre al Premier erano presenti il sottosegretario con delega all’emergenza rifiuti Bertolaso, il sindaco di Milano Letizia Moratti e i dirigenti della A2A, la società che già gestisce i termovalorizzatori di Milano e di Brescia e per 15 anni gestirà quello di Acerra. E c'erano anche numerosi ministri: Stefania Prestigiacomo, Roberto Maroni, Mara Carfagna, Renato Brunetta, Claudio Scajola e Gianfranco Rotondi, nonché il sottosegretario alla presidenza del consiglio, Gianni Letta, presenti anche il sindaco di Napoli Rosa Russo Iervolino e il governatore Bassolino, che , forse assaliti da un sussulto di dignità e vergogna insieme, per come hanno contribuito al disastro di Napoli e della Campania a causa della loro insipienza e incapacità, non sono neppure saliti sul palco delle autorità.
Infine un corteo di protesta di qualche centinaio di persone , contro il termovalorizzatore, organizzato dai soliti noti non poteva mancare proprio il giorno dell’inaugurazione, ma sono ormai gli ultimi colpi di coda, hanno capito anche loro che, con il governo Berlusconi, l’aria è cambiata.




18 dicembre 2008

E NON SE NE VOGLIONO ANDARE

Lo Tsunami giudiziario che si sta abbattendo sul partito democratico ha conosciuto una nuova puntata,quella della giunta comunale di Napoli dove 4 componenti sono finiti agli arresti domiciliari, e cioè gli ex assessori Enrico Cardillo e Giuseppe Gambale, e gli assessori Felice Laudadio e Ferdinando Di Mezza, il provveditore Mautone e il colonnello della GdF Mazzucco, accusato di essere la talpa che rivelava agli indagati lo stato dell'inchiesta.
Le accuse vanno dall'associazione a delinquere alla turbativa d'asta alla corruzione. Indagati a piede libero anche i parlamentari Renzo Lusetti (Pd) e Italo Bocchino (Pdl), ma per questi ultimi l’implicazione nelle vicende oggetto dell’inchiesta appare del tutto nulla o marginale.
Oggetto dell'inchiesta è l'appalto per la manutenzione delle strade e del patrimonio pubblico e per la gestione di mense scolastiche, il cosiddetto «Global service», oggetto di una delibera per 400 milioni, a favore del’imprenditore Alfredo Romeo, ufficialmente mai appaltata per mancanza di fondi, ufficiosamente perché si temeva e a ragione, un inchiesta della procura partenopea.
Il sindaco Rosa Russo Iervolino,che per la verità non è coinvolta nell’inchiesta , ma questo non significa che è immune da colpe visto che non sapeva cosa facevano i suoi assessori, ha candidamente dichiarato che non intende farsi da parte come pure gli ha chiesto Veltroni, ma anzi azzererà la giunta e porterà a termine il suo mandato.
Insomma sia lei che Bassolino, governatore della regione Campania, non se ne vogliono andare , e questo dimostra,caso mai ce ne fosse ancora bisogno, tutta la pochezza e l’incapacità della leadership di Veltroni, e viene spontaneo chiedersi: “ma perché allora non vengono direttamente espulsi dal partito” ?
Quella napoletana è soltanto l’ultima di una serie di inchieste che sta colpendo le amministrazioni locali guidate dalla sinistra dappertutto in Italia, dalla Liguria all’Abruzzo,dalla Toscana alla Calabria, è semplicemente ridicolo scoprire ora la cosiddetta “questione morale” , per il semplice fatto che per la sinistra la questione morale è sempre esistita,basti pensare che leader attuali come Veltroni e D’Alema tanto per citare i primi che mi vengono in mente, ricevevano il loro stipendio da funzionari del PCI con i soldi del KGB, soldi che l'Unione Sovietica destinava, di tutti gli aiuti ai partiti comunisti d'occidente, il 45% al Pci, il tutto mentre Berlinguer faceva sermoni sulla diversità morale dei compagni.
Oppure cosa pensare dei miliardi di Gardini e Panzavolta che, per dirla con Di Pietro, entrarono a Botteghe Oscure, ma non si è mai saputo a quale piano e quale porta hanno bussato?
Del resto il sistema lo ha illustrato non molto tempo fa Giovanni Donigaglia , già leader della Coopcostruttori, in un intervista al Corriere della Sera : “C'era un accordo con le grandi società legate all'Iri per la spartizione delle opere pubbliche del Paese, alle cooperative veniva garantita una quota diversa da zona a zona. Ognuno secondo le proprie amicizie politiche... e io avevo le mie”.
Garantivo il sostegno elettorale con i miei 3000 soci... e poi pagavo la pubblicità, le inserzioni, finanziavo interventi nei modi più diversi.
Guardi, per 43 anni, quando il Partito chiedeva, io eseguivo, perché pensavo avesse degli interessi superiori. E poi c'era il fatto che lavoravo solo per l'ente pubblico, e gli enti pubblici sono amministrati da politici; se andavo in contrasto con la politica, come facevo ad avere lavori per i soci e i miei lavoratori?
Intanto Di Pietro ha annunciato che l’IDV uscirà da tutte le giunte della regione Campania, e se continua così il PDL e Berlusconi presto gli dovranno fare un monumento, sta lavorando davvero bene, sottrae voti e consensi al PD e alla sinistra radicale, in più divide e destruttura l’opposizione, meglio di così non gli si può chiedere.
Si rivelò fatale per la gauche al caviale la questione morale…








8 agosto 2008

IL PRESIDENTE ECOLOGISTA














19 luglio 2008

GRAZIE SILVIO

«Abbiamo mantenuto la promessa in 58 giorni: Napoli e la Campania tornano ad essere pulite e occidentali senza il disastro che ha rovinato la nostra immagine nel mondo. In molti hanno scommesso che il governo non ce l’avrebbe fatta, ma hanno avuto torto. Siamo riusciti in una missione impossibile».
E’ soddisfatto Silvio Berlusconi al termine del consiglio dei ministri che si è tenuto a Napoli e ha sancito il termine della fase acuta dell’emergenza rifiuti.
È finita la fase drammatica dell'emergenza, ma ora comincia un'altra fase che è sempre di emergenza e che prevede la messa a regime di tutto il sistema dei rifiuti con la realizzazione dei termovalorizzatori. I tempi per uscire dall'emergenza sono previsti in tre anni, ma noi speriamo di farcela in due» ha detto Berlusconi.
Il premier ha poi annunciato per il mese di agosto una grande campagna per «l'educazione civica di base» alla raccolta differenziata, con l'arrivo in Campania «di migliaia di volontari da tutta Italia» e il sostegno della Chiesa.
Berlusconi ha ringraziato il sottosegretario Guido Bertolaso, che ha illustrato ai ministri le linee del piano, e «tutti coloro che hanno lavorato alla fine dell'emergenza», compreso il ministro all'Ambiente Prestigiacomo che definisce «gracile e dolce all'apparenza, ma con un carattere di ferro».

Adnkronos

Un magnifico risultato, è vero che in alcune aree periferiche di Napoli e provincia c’è ancora della spazzatura da raccogliere, e soprattutto ci sono duemila tonnellate di rifiuti speciali il cui smaltimento è competenza delle ASL che devono provvedere tassativamente entro la fine del mese, ma sono assolutamente marginali rispetto alle 50.000 tonnellate di rifiuti che sino a qualche settimana fa sommergevano Napoli e la Campania.
E’ la migliore dimostrazione della “moralità del fare” del governo Berlusconi, dopo che la sinistra in tutti questi anni ha evidenziato per intero la sua natura “parolaia e inconcludente” .
Adesso è necessario non abbassare la guardia e proseguire con il programma e i piani stabiliti, ma non c’è dubbio che anche Napoli e la Campania hanno voltato pagina, è la nuova stagione.







17 luglio 2008

NAPOLI PRIMA E DOPO






















Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. napoli rifiuti prima dopo immagini

permalink | inviato da Aurora86 il 17/7/2008 alle 2:36 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (12) | Versione per la stampa


26 giugno 2008

DOPO LA DISCARICA DI CHIAIANO IL TERMOVALORIZZATORE AD AGNANO

Dopo che è stata ufficializzata l’idoneità del sito di Chiaiano come discarica per i rifuti, sarà pronta tra 3 mesi e verrà presidiata dall’esercito, il sindaco di Napoli Iervolino ha comunicato nei tempi stabiliti, la scelta dell’area cittadina dove sorgerà il nuovo termovalorizzatore, si tratta di Agnano precisamente nell’aerea dell’ex spaccio della NATO.
E così anche Napoli si allinea ad altre città e metropoli italiane ed europee come Brescia,Parigi, Montecarlo, Vienna ecc. , tutte con termovalorizzatori nel centro cittadino.
Una cosa del genere era impensabile soltanto un anno fa, addirittura il sindaco Iervolino ha proposto alla giunta di andare a Brescia per rendersi conto di come funziona il termovalorizzatore locale, adesso vogliono andare a Brescia, solo adesso, dopo che si parla di termovalorizzatori da oltre un decennio, si è perso completamente il senso del ridicolo.
Bisogna sottolineare che la decisione è stata favorita dal decreto del governo che ha dato un tempo limitato all’amministrazione comunale per indicare l’area altrimenti la decisione sarebbe spettata al sottosegretario Bertolaso.
Vuoi vedere che per davvero nel giro di qualche anno si risolve definitivamente la questione rifiuti in Campania?
Certo le proteste delle minoranze si stanno organizzando anche ad Agnano , ma forse non si è ancora capito del tutto che “ l’aria è cambiata” , non saranno consentite derive anarchiche e si userà la forza dello stato contro chi si opporrà alle legittime decisioni delle autorità democraticamente elette, esercito e forze dell’ordine garantiranno la legalità.






31 maggio 2008

NESSUN PASSO INDIETRO

Sull'emergenza rifiuti a Napoli e in Campania lo Stato non farà passi indietro, troppe volte decisioni assunte non sono state imposte da organi democraticamente eletti ,non accadrà più che “piccole minoranze organizzate” possano bloccare opere pubbliche, parola di Silvio Berlusconi che è tornato a Napoli per fare il punto sull’emergenza rifiuti insieme al sottosegretario Bertolaso e ai ministri Maroni e Prestigiacomo, dopo il vertice in prefettura con le autorità locali, ha tenuto una conferenza stampa.
Il governo intende risolvere definitivamente il problema rifiuti in Campania,per far questo ci vorranno tre anni ha detto il premier, senza nessun passo indietro verso una “pericolosa anarchia” come è successo negli ultimi anni, Berlusconi confida di avere anche il pieno appoggio dell’opposizione sul decreto rifiuti, per un veloce iter parlamentare.
Il leader del PDL è tornato a difendere il decreto sui rifiuti. «Non esistono profili di incostituzionalità» ha spiegato il Cavaliere commentando il documento di 70 magistrati della procura di Napoli per i quali il decreto varato per risolvere l'emergenza rifiuti sarebbe incostituzionale. E a proposito della procura partenopea il premier ha anche fatto riferimento all'inchiesta che ha colpito lo staff del capo della Protezione civile. «Bertolaso è un uomo vero, non si è fatto intimidire e demotivare» ha detto il premier dando pieno appoggio al sottosegretario all'Emergenza per i rifiuti.
Per il presidente del Consiglio è importante che ci sia «un'unica responsabilità in grado di prendere decisioni». Per questo «nel decreto legge c'è la nascita di una Superprocura» così da evitare «che singoli magistrati locali possano rompere il circuito positivo, spezzando l'anello per risolvere la situazione rifiuti».
«Useremo l'esercito per garantire giorno e notte la possibilità di accedere ai siti: Chiaiano sarà definita zona militare e la discarica sarà protetta. Chi si opporrà sarà perseguibile come autore di un reato» ha aggiunto Berlusconi, specificando che le relazioni già effettuate dai tecnici danno al governo la sicurezza della «idoneità di Chiaiano» a fare da sito alla contestata discarica.
Ansa

Bene,come promesso, mettendoci personalmente la faccia,Berlusconi si sta occupando quasi a tempo pieno dell’emergenza rifiuti in Campania, conoscendo la sua determinazione mi sento di poter dire che siamo sulla strada giusta, proveranno certamente ancora a mettergli i bastoni tra le ruote, ma alla fine il problema si risolverà, avanti così.






27 maggio 2008

RIFIUTI CAMPANIA 25 ARRESTI

Arresti domiciliari per 25 funzionari e imprenditori che hanno operato nella gestione dell’emergenza e nel commissariato rifiuti in Campania, sono accusati di truffa allo Stato e traffico illecito di rifiuti, tra gli arrestati, anche la responsabile del settore sanitario della Protezione civile Marta Di Gennaro, in passato il vice di Bertolaso all'epoca in cui era stato già commissario straordinario per l'emergenza rifiuti, risulta indagato e destinatario di un avviso di garanzia anche il prefetto di Napoli Alessandro Pansa.
I giudici sospettano che durante le scorse gestione dell'emergenza, le cosiddette "ecoballe" di immondizia, anziché essere trattate in impianti termici opportuni, siano finite per essere frantumate e gettate in discariche comuni. In pratica si sarebbero persi tempo e quattrini per produrre "finte" ecoballe, che in realtà sono state trattate come spazzatura comune.
A coordinare le indagini sono gli stessi pm, Giuseppe Noviello e Paolo Sirleo, che già avevano svolto l'inchiesta che ha portato al rinvio a giudizio il presidente della giunta regionale della Campania Antonio Bassolino, Pier Giorgio Romiti, ex ad Impregilo e Armando Cattaneo, ex ad di Fibe.
A questo punto una domanda sorge spontanea: considerato che questo malaffare è iniziato ormai da più di un decennio, come mai la magistratura campana si sveglia solo adesso dal lungo sonno in cui è stata in tutti questi anni,visto che le “notizie di reato” ,oltre che venirne a conoscenza si possono anche cercare e tutti, proprio tutti,sapevano delle finte ecoballe negli impianti di CDR?






26 maggio 2008

TREGUA A CHIAIANO

Dopo il corteo pacifico dei cittadini che ha fatto seguito ai duri scontri tra gli abitanti di Chiaiano, quartiere di Napoli dove dovrebbe essere ubicata una delle discariche previste dal decreto legge per l’emergenza rifiuti in Campania, e la polizia provocando diversi feriti sia tra i manifestanti che le forze dell’ordine e l’arresto di 3 manifestanti che saranno processati per direttissima, il sottosegretario per l’emergenza rifiuti Bertolaso ha incontrato i sindaci interessati dal decreto e pare che sia stato raggiunta una tregua di  24 ore per permettere ai tecnici di effettuare i rilievi nel sito di Chiaiano, anche se i presidi dei manifestanti non verranno tolti così come quelli delle forze dell’ordine.
"La realizzazione della discarica di Chiaiano, come di qualsiasi altra discarica individuata è subordinata a tutte le indagini tecniche, nel pieno rispetto della normativa comunitaria di settore, nonché di tutte le prove tecniche che il tavolo tecnico riterrà necessarie sempre nel rispetto della normativa europea", così si è espresso Bertolaso, la decisione definitiva ci sarà tra 20 giorni dopo il completamento delle procedure.
Ora va bene cercare il dialogo come si chiede da più parti,ma il dialogo non può e non deve significare inaccettabili mediazioni, il dialogo ci deve essere nel senso che ai cittadini vanno date le più ampie spiegazioni e rassicurazioni per la tutela della loro salute, e se il sito individuato risponde a tutte le esigenze previste dalle leggi in materia si deve procedere senza indugio, usando la forza se necessario altrimenti non se ne esce più.
La linea della fermezza assoluta è stata comunque confermata ieri, sia da Berlusconi che dal ministro dell’interno Maroni, anzi due feriti negli scontri di ieri hanno lanciato un appello ai manifestanti affinché cessino le proteste: "Questa partita è diventata troppo pericolosa, la polizia attacca gente disarmata che manifesta pacificamente e Berlusconi ha fatto capire chiaramente che userà le maniere forti. Non c'è modo di evitare la discarica".
Certo che dopo anni di discussione,in una regione dove nessuno vuole ne discariche ne termovalorizzatori, la voglia di lasciarli affogare nei loro rifiuti è grande, ma con il nuovo governo l’aria è cambiata, e gli abitanti di Napoli e della Campania prima ne prendono atto e meglio sarà per tutti.




UPDATE 27/05/2008 : Sono iniziati questa mattina i rilievi nella discarica di Chaiano,dopo che i blocchi dei manifestanti sono stati rimossi, il responso sulla possibilità di utilizzazione ci sarà tra venti giorni.










22 maggio 2008

LA MORALITA' DEL FARE

Il primo consiglio dei ministri operativo del nuovo governo Berlusconi, che si è tenuto a Napoli come promesso in campagna elettorale ha prodotto rilevanti novità in materia di sicurezza, rifiuti, fisco.
-EMERGENZA RIFUTI : Un decreto legge di 17 articoli. La nomina di Bertolaso a sottosegretario, la secretazione dell'elenco delle nuove discariche, la loro equiparazione alle aree di interesse strategico nazionale (una sorta di militarizzazione) e l'arresto per chi le blocca, l'ordine al sindaco di Napoli di individuare entro 30 giorni un'area urbana in cui costruire un termovalorizzatore cittadino. Inoltre alla direzione distrettuale antimafia di Napoli sono trasferiti tutti i procedimenti per reati in materia ambientale e di rifiuti, mentre la competenza sui sequestri passerà da un pm a un organo collegiale.
In pratica oltre ai tre termovalorizzatori in progetto e costruzione Acerra, S. Maria La Fossa e Salerno, se ne aggiunge un quarto a Napoli : "Il sindaco avrà 30 giorni per indicare un sito in cui realizzarlo, altrimenti deciderà direttamente Bertolaso”, le discariche saranno protette dall’esercito e scatterà l’arresto immediato per disordini e boicottaggio.
Tutti i comuni che non si adegueranno alle nuove norme e alla gestione differenziata dei rifiuti saranno commissariati d’autorità,i rifiuti saranno tolti al più presto dalle strade grazie alle nuove discariche che saranno ubicate una in ciascuna provincia della Campania.
Trenta mesi per tornare alla normalità, per dare vita nuova a Napoli, perché tornino i fiori al posto della monnezza, così Berlusconi nella conferenza stampa che ha seguito il consiglio dei ministri.
-PACCHETTO SICUREZZA : Il pacchetto si compone di un decreto legge con "misure urgenti in materia di sicurezza pubblica", a operatività immediata; di due ddl sempre con "disposizioni in materia di sicurezza pubblica", in vigore entro un mese; di una serie di decreti legislativi in materia di "ricongiungimenti familiari dei cittadini stranieri", "riconoscimento e revoca dello status di rifugiato" e "libera circolazione dei cittadini comunitari".
Dunque lotta alla criminalità organizzata e giro di vite su clandestinità e micro delinquenza. Saranno ampliati i casi giudicabili per direttissima. Non verrà ammesso il patteggiamento nei processi di mafia.
Quanto agli altri reati, verranno soprattutto prevenuti attraverso l'espulsione immediata dei clandestini e l'istituzione della banca dati del Dna. Il tutto "nel rispetto delle direttive comunitarie". E sarà proprio anticipando una norma europea che i clandestini potranno essere trattenuti nei CPT fino a diciotto mesi. Verranno inoltre confiscati gli appartamenti fittati a clandestini "quando sia accertato lo scopo di lucro". Verrà imposto uno stop ai così detti matrimoni di convenienza, quelli cioè finalizzati a una più rapida acquisizione della cittadinanza italiana: i due aspiranti coniugi dovranno prima convivere per due anni.
Viene introdotto il reato di accattonaggio e verrà tolta la patria potestà a chi utilizza i bambini per chiedere l'elemosina. Qualunque pena sarà aumentata di un terzo se chi delinque è un clandestino.
Saranno sottoposti a controlli anche i cittadini comunitari: ne verranno verificati il reddito e l'assicurazione sulle malattie, "per evitare che abbiano a gravare sulla comunità". I poteri dei sindaci verranno estesi "
Il reato di clandestinità è stato varato all'interno di uno dei disegni di legge. La norma, nella stesura del testo entrata nel Consiglio dei ministri, prevede che "lo straniero che fa ingresso nel territorio dello Stato in violazione delle disposizioni" di legge "è punito con la reclusione da sei mesi a quattro anni".
PACCHETTO FISCO: Come previsto dal programma di governo,abolizione totale dell’ICI sulla prima casa, e detassazione di straordinari e premi aziendali su cui si pagherà un aliquota fissa del 10% , l’aliquota agevolata si applicherà per i redditi non superiori ai 30.000 euro annui, esclusi per il momento i lavoratori statali e forze dell’ordine che potranno beneficiare di norme successive che sono allo studio.
MUTUI : Onde evitare gli inasprimenti fiscali alle banche , promessi dal ministro Tremonti ,è stata raggiunta un intesa tra l’ABI e il governo per la rinegoziazione dei mutui a tasso variabile che stanno strangolando migliaia di famiglie.
La convenzione, secondo quanto ha spiegato il presidente Silvio Berlusconi, consentirà di pagare con le stesse modalità del 2006. L'intesa, secondo quanto è stato illustrato contemporaneamente dall'Abi in una conferenza stampa a Milano, prevede che la differenza rispetto all'importo attuale delle rate dei mutui venga addebitata su un conto del cliente al quale si applicherà un tasso fisso a 10 anni maggiorato di uno spread dello 0,50 per cento. I clienti potranno chiedere quindi alle banche la rinegoziazione entro il prossimo 31 dicembre.
L'accordo, secondo alcune stime diffuse dall'Abi, potrebbe riguardare circa 1.250.000 famiglie: considerando un mutuo ventennale di 80.000 euro, il minor esborso previsto ammonterebbe a circa 850 euro su base annua.
Questi dunque sommariamente i provvedimenti approvati oggi nel primo consiglio dei ministri a pochi giorni dall’insediamento del nuovo esecutivo, a dimostrazione,casomai se ne fosse ancora bisogno, che c’è un “governo che governae che ha le idee chiare, non sono miracoli ma cose che messe tutte insieme danno sollievo alle famiglie preoccupate dall’emergenza economica e dal futuro.

Ed è questa principalmente la differenza tra un governo di centrodestra e uno di centrosinistra, ovvero tra chi adopera la “moralità del fare” per realizzare i programmi presentati agli elettori e mantenere gli impegni e la parola data, e chi invece fa di programmi e impegni “carta straccia” immediatamente dopo il voto, tutti ricordano gli impegni e le promesse fatte dalla sinistra nella campagna elettorale del 2006, in particolare “noi non aumenteremo le tasse,le abbasseremo” e tutti hanno potuto constatare come questi impegni siano stati mantenuti.












19 maggio 2008

DA MISURE GOVERNO FINO A 950 EURO PER FAMIGLIA

Secondo uno studio della CGIA di Mestre le misure del governo sull’abolizione totale dell’ICI sulla prima casa e la detassazione degli straordinari porteranno nei bilanci delle famiglie italiane da un minimo di 257 a 951 euro annui.
Si tratta di una prima risposta del governo Berlusconi,coerentemente con quanto promesso in campagna elettorale, per dare ossigeno a stipendi e salari falcidiati dal caro vita e impoveriti da tasse e balzelli vari, regali quest’ultimi del governo Prodi.
Le misure saranno approvate nel consiglio dei ministri di mercoledì prossimo a Napoli, il costo dei provvedimenti, 4 miliardi, sarà coperto interamente da tagli alle spese ministeriali e stretta fiscale su banche, assicurazioni e industria petrolifera.






10 aprile 2008

GRAZIE BASSOLINO

Io voglio ringraziare Antonio Bassolino per tutto quello che ha fatto per questa città e per questa regione. Fin dal primo giorno come sindaco ha lavorato nell'interesse della città.
Walter Veltroni 09/04/2008

Ogni ulteriore commento penso sia superfluo e inopportuno,basti pensare che mentre Veltroni pronunciava queste parole dal palco di Piazza Plebiscito a Napoli , il governatore della Campania, Don Antonio O’ Cacaglio , così affettuosamente lo chiamano i suoi concittadini, era sotto ad applaudire come normale spettatore di un comizio, per la troppa vergogna ne lui ne il sindaco di Napoli, Iervolino sono stati fatti salire sul palco, tanto che impietosito da questo discrimine,Giulio Tremonti che teneva un comizio a Benevento , ha fatto issare due gigantografie di Bassolino e Iervolino sul suo palco, “noi abbiamo rispetto istituzionale per loro ecco perché li facciamo salire sul palco”.
Chissà se dopo Veltroni e il PD anche gli operatori turistici ed economici della Campania vorranno ringraziarlo, io penso di si, anche perché onestamente una tale classe dirigente solo un popolo come quello campano se la può permettere,in qualsiasi altro posto, a prescindere dal colore politico,
simili amministratori sarebbero stati cacciati a calci da un pezzo a furor di popolo.
Ah dimenticavo Bassolino ha preannunciato le sue dimissioni(meglio tardi che mai),ma le ha posticipate al prossimo anno,giusto in tempo per avere una poltrona da parlamentare europeo.









Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. veltroni tremonti napoli grazie campania bassolino iervolino

permalink | inviato da Aurora86 il 10/4/2008 alle 17:45 | Versione per la stampa


6 aprile 2008

IL PARTITO DEMOCRATICO SI DEVE VERGOGNARE

Nemmeno la pioggia ha fatto desistere migliaia e migliaia di persone (oltre cinquantamila secondo gli organizzatori) dalla manifestazione del Popolo della Libertà con Silvio Berlusconi e Gianfranco Fini in piazza Plebiscito a Napoli.
Dopo Fini, che ha iniziato il comizio parlando di sicurezza e della necessità di mandare all’opposizione la sinistra per farla “riposare e riflettere sui propri errori”, ha preso la parola Berlusconi che ha immediatamente attaccato Veltroni e il PD: “Il Partito democratico ci accusa di non parlare di mafia e camorra , devono vergognarsi, la metà dei consiglieri della Regione Campania sono indagati e purtroppo la Campania ha il più alto numero di consigli comunali che sono stati sciolti per infiltrazioni camorristiche, ma restano attaccati al loro potere”, con l’amara constatazione di aver “umiliato l’Italia con la vergogna delle cataste di rifiuti riprese dalle tv di tutto il mondo”, Berlusconi ha quindi promesso che il primo consiglio dei ministri da lui presieduto si svolgerà a Napoli “avrò qui una sede operativa e mi interesserò direttamente, fisicamente, personalmente della situazione fino a quando si troverà una soluzione al problema”.
Dai rifiuti alle mozzarelle è lungo l’elenco dei disastri del centrosinistra, non manca un’altra stoccata a Veltroni definito “Walterino sette doppiezze”, che “ha disatteso tutti gli impegni presi” ed a cui consiglia di cambiare slogan in “si può bluffare”.
Avevano promesso che sarebbero andati da soli e si sono alleati con i Radicali e con Di Pietro, il peggio del peggio del peggio del giustizialismo.
“Avevano detto che sarebbero presentati alle elezioni distinti dalla sinistra ed invece sono presenti nelle amministrative con candidati unici”,ricorda anche che “avevano promesso di dare vita ad una nuova classe dirigente ed invece hanno candidato nelle liste tutti i ministri ed i sottosegretari del governo Prodi”.
Berlusconi ha poi ribadito che il primo provvedimento che prenderà in Consiglio dei ministri sarà l'abolizione dell'Ici, il leader del Pdl ha spiegato che oltre ad abolire l'imposta sulla prima casa, «detasseremo tutti i premi e gli incentivi di produzione, compresi gli straordinari. In questo modo i capifamiglia, lavorando di più, potranno avere al cento per cento ciò che l'impresa gli dà, in modo da avere più soldi da destinare ai consumi della famiglia».
Se la piazze rappresentano il termometro della situazione,non c’erano e non ci sono dubbi su chi governerà l’Italia dopo il 14 Aprile, la vittoria è nell’aria ma non bisogna abbassare la guardia,soprattutto vigilando ai seggi,la beffa del 2006 brucia ancora.






15 gennaio 2008

MONNEZZA

 


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. immagine napoli monnezza

permalink | inviato da Aurora86 il 15/1/2008 alle 14:14 | Versione per la stampa


12 gennaio 2008

VEDI LA SPAZZATURA E POI MUORI.

Dopo che si è occupato dell’Italia povera e depressa, il prestigioso settimanale britannico “The Economist” si occupa dei rifiuti della Campania, e non poteva essere altrimenti visto che le immagini del degrado sono arrivate in ogni angolo del pianeta.

I rifiuti accumulati nelle strade della città non sono solo poco salutari, ma soprattutto rappresentano un azzardo politico. Ricordano agli elettori la fragilità della loro civiltà - il che può indurli a ribellarsi ai propri rappresentanti politici. La spazzatura non raccolta aiutò a indebolire il governo Labour di James Callaghan nel famoso «inverno del malcontento» nel 1978-79.
Così a prima vista sorprende che il governo di centrosinistra di Romano Prodi abbia lasciato impuzzolentire la situazione dei rifiuti in Campania, la regione di Napoli. Dall’8 gennaio qualcosa come 60mila tonnellate di spazzatura sono state accumulate in strada, circa 5mila delle quali nella sola Napoli. I residenti si sono opposti alla riapertura di una discarica fuori dalla città affrontando scontri notturni con la polizia.
Questa crisi è tanto contro il governo quanto contro la spazzatura. Non è scoppiata in una notte. La Campania è afflitta dalla piaga dei rifiuti da circa 14 anni. Circa 8 miliardi di euro (11 miliardi di dollari) sono stati già spesi. I camion della nettezza urbana si sono fermati il 21 dicembre, perché le discariche intorno a Napoli erano piene e un inceneritore che doveva essere pronto non lo era. Entrambi gli sviluppi erano prevedibili. Il sindaco di centrosinistra di Napoli, Rosa Russo Iervolino, aveva avvisato Prodi della crisi all’orizzonte un anno fa. Ma niente è stato fatto. Il problema principale è che la Campania non ha inceneritori moderni. Il motivo è che i piani per costruirli hanno incontrato la determinata, e spesso aggressiva, contrarietà degli abitanti del luogo. La loro protesta è stata spesso sostenuta, se non orchestrata, dalla potente organizzazione criminale, la camorra, che realizza succulenti profitti dallo stoccaggio dei rifiuti in discariche illegali. Ma molti napoletani sono sinceramente preoccupati delle emissioni degli inceneritori proposti alla città. C’erano state critiche sul loro progetto. E poiché meno di un ottavo dei rifiuti della città è differenzato prima di essere raccolto, c’è il timore che materiale tossico possa essere bruciato insieme a materiale innocuo.
Prodi prima ha mandato l’esercito per togliere la spazzatura dalle strade intorno agli edifici scolastici, affinché le scuole riaprissero dopo le vacanze. Poi, l’8 gennaio, ha annunciato una serie di misure. Ha nominato un commissario speciale, l’ex capo della Polizia Gianni De Gennaro, con potere di spazzare via la montagna di rifiuti, un mandato di 120 giorni e un aiuto continuato e garantito da parte dell’esercito. Prodi ha anche promesso tre nuovi inceneritori e «sufficienti» nuovi siti per le discariche. Ha dato alle autorità locali 4 mesi per la raccolta differenziata, pena il commissariamento. Prodi in precedenza aveva detto di voler risolvere in maniera definitiva il problema dei rifiuti a Napoli. Il suo piano potrebbe funzionare se venisse applicato. Ma a tal proposito c’è certamente molto scetticismo. De Gennaro è almeno il settimo «zar dei rifiuti» campani. Il premier non ha stabilito una scadenza per completare gli inceneritori, la cui realizzazione richiede almeno tre anni. Né ha detto come ha intenzione di superare l’opposizione degli abitanti alla creazione di discariche, che potrebbe addirittura essere più feroce rispetto a quella opposta alla costruzione di inceneritori.
Almeno una delle misure annunciate da Prodi ha avuto un impatto immediato. Le altre regioni italiane dovranno farsi carico di una parte dei rifiuti della Campania. Ma questo contrasta sia con la normativa italiana sia con quella europea (l’Unione europea ha già minacciato un intervento contro l’Italia sui rifiuti di Napoli). Prodi lo ha definito un espediente a breve termine per consentire misure di più lungo respiro. Ma nella crisi dei rifiuti della Campania niente si è dimostrato più inutile di soluzioni a lungo termine.

The Economist 11/01/2008






4 gennaio 2008

PIU’ IMMONDIZIA PER TUTTI ! ! !



E’ un autentica vergogna che si ripete ciclicamente ormai da 15 anni, Napoli e la Campania sono letteralmente sommerse dai rifiuti che vengono puntualmente incendiati dai cittadini con grave pericolo per la salute a causa della diossina che si sprigiona dagli stessi.
Soltanto nella scorsa notte gli interventi dei vigili del fuoco sono stati un centinaio con diversi feriti tra gli stessi operatori,l’Unione Europea intanto minaccia pesanti sanzioni dopo che già nello scorso giugno è stato avviato l’iter per una procedura di infrazione a carico dell’Italia.
La premiata ditta Bassolino & Iervolino che da oltre un decennio amministra Napoli e la regione Campania non ha saputo produrre altro che una condanna della Corte dei Conti al risarcimento di 3,2 milioni di euro perché lo stesso Bassolino in qualità di commissario straordinario per l’emergenza rifiuti costituiva una società per gestire un call center del tutto inutile allo scopo di favorire assunzioni clientelari.
Continua la guerra delle discariche con i cittadini di diversi comuni che presidiano i siti di stoccaggio impedendo la riapertura degli stessi e istituiscono blocchi stradali.
Non si può addebitare il tutto alla camorra e alla delinquenza organizzata che pure ha il suo tornaconto dall’affare rifiuti,in altre realtà simili amministratori della cosa pubblica sarebbero stati cacciati a calci a furor di popolo invece nel paese di Pulcinella vengono riconfermati con ampio consenso, è proprio vero allora che ogni popolo ha il governo che si merita.
Ci sarà pure un motivo se la Campania è la sola regione d’Italia alle prese con questo cancro.
Con migliaia di tonnellate di immondizia abbandonati sulle strade il rischio epidemia è altissimo,l’unica soluzione praticabile sarebbe quella di commissariare la regione Campania nominando persone di riconosciuta esperienza e competenza, anche per salvaguardare l’immagine dell’Italia all’estero che dopo mafia e spaghetti rischia di aggiungere la spazzatura.
Il capo dello stato, per ironia della sorte anche lui napoletano, e il governo avranno la determinazione di farlo?


12 dicembre 2007

SUBITO GLI ISPETTORI ALLA PROCURA DI NAPOLI.

La Procura della Repubblica di Napoli è un luogo ameno, come del resto tutta la città. Scopriamo che in assenza di reati, in città e nel circondario, e in presenza di una sicurezza pubblica molto prossima alla quiete di un ospizio per vecchi, e di un ambiente fra i più accoglienti in Italia (tanto che non deve indagare nessuno per le fragranze che invadono le vie di Napoli da oltre 10 anni), quella Procura ha trovato il tempo di intercettare alcune telefonate che chiamerebbero in causa il presidente di Forza Italia ed ex premier, Silvio Berlusconi, per un tentativo di comprare voti. Naturalmente è una bolla di sapone, una delle tante gonfiate dalle procure al solo scopo di recar danno alla vita politica. Senza consumare l'orecchio del solito maresciallo costretto a stare ore e ore ad ascoltare le conversazioni altrui, la Procura di Napoli perché non legge qualche atto pubblico, tipo la Finanziaria, per capire se certi incrementi vertiginosi di spese, come i 30 milioni di euro per gli italiani all'estero, non configurino ipotesi di reato? Non sono forse questi i voti di scambio? Il governo Prodi è la sentina di una corruzione complessiva della vita politica nel nostro Paese. La Finanziaria all'esame della Camera è essa stessa corpo di reato per moltissimi suoi articoli, viste le spese folli e inutili impegnate al solo scopo di accontentare le varie lobby indispensabili per garantire la maggioranza al governo. Si dà il caso che ancora una volta, mentre la politica affronta un tornante cruciale nella vita del Paese, la magistratura entra a gamba tesa per farsi attore politico. Non è un'accusa, ma solo una constatazione".
Così l’On. Osvaldo Napoli membro del direttivo di Forza Italia,commenta la notizia pubblicata dal quotidiano Repubblica,secondo la quale Silvio Berlusconi sarebbe indagato dalla procura di Napoli “per la corruzione di Agostino Saccà, presidente di RaiFiction e - seconda ipotesi di reato - per istigazione alla corruzione del senatore Nino Randazzo e di altri senatori della Repubblica, 'in altri episodi non ancora identificati'”.
“Confermo di non aver mai ricevuto nessun provvedimento giudiziario dalla procura di Napoli e di aver sempre svolto la mia attività alla luce del sole, sento odore di elezioni visto che l’armata rossa della magistratura si è rimessa in moto” così lo stesso Berlusconi ha commentato la notizia,mentre l’avvocato Ghedini,uno dei legali di fiducia del leader di Forza Italia parla di” notizie destituite di ogni fondamento” e di aver ricevuto mandato dallo stesso Berlusconi per le “ opportune azioni sul piano penale e quello civile”.
Di tutte le accuse piovute addosso a Berlusconi questa è senz’altro la più ridicola e strampalata, tanto che non varrebbe nemmeno la pena commentarla,caso mai si prefigura il “tentativo della magistratura di intromettersi nella sua attività politica”, non ho alcun dubbio che nella procura napoletana ci sarà qualche PMin crisi di autostima ansioso di avere il suo quarto d’ora di gloria mediatica per utilizzarlo nell’ottica di future carriere in magistratura o in politica”.
In attesa di capire come sia possibile " intercettare un parlamentare senza autorizzazione della camera di appartenenza” e a questo sicuramente risponderanno gli ispettori che il ministro della giustizia invierà subito alla procura di Napoli, così come nel caso De Magistris,vero ministro Mastella? non rimane che farsi delle grosse risate pensando a cosa si sono ridotti delle “schegge impazzite della magistratura” che “vogliono governi condivisi” e “vogliono cambiare la società da dentro le istituzioni”, è tutto da ridere se non ci fosse da piangere.
Non si è capito ancora che tutto questo fa proprio il gioco di Berlusconi?
Non si è capito ancora che più la magistratura attacca Berlusconi e più aumenta il suo consenso?
Eppure l’esperienza di 13 anni di micidiali attacchi,che avrebbero stroncato qualunque altro politico o imprenditore ma non Berlusconi non ha insegnato nulla?
Infine c’è da registrare la “totale solidarietà” di Forza Italia e tutto il centrodestra a Silvio Berlusconi:
-Bonaiuti : portavoce di Berlusconi, paragona l'Italia al «Cile del generale Pinochet» con «telefoni intercettati continuativamente, parlamentari sotto controllo e filmati mentre si recano ad un appuntamento, cittadini privati del loro diritto fondamentale alla privacy».
-Bondi : «Questa violazione sistematica della legge e i veleni che periodicamente vengono inoculati nel corpo della nostra democrazia , spingono l'Italia verso uno stato di cronica inciviltà dalle conseguenze devastanti e incalcolabili».
-Cicchitto : «attacco politico-giudiziario-giornalistico che ha il preciso obiettivo di ripristinare il clima di rissa che ha caratterizzato la vita politica italiana prima nel '92-'94 e poi dal '94 ad oggi».
-Buttiglione : «in una parte importante della pubblica opinione italiana si è ingenerata la convinzione che ci siano dei giudici che hanno deciso che Berlusconi deve essere colpevole, non sanno di che cosa, ma deve essere colpevole. E quando un'azione giudiziaria contro Berlusconi finisce allora ne comincia un'altra. Il sospetto che questo sia in qualche modo legato alla volontà di esercitare un ricatto politico verso il capo della maggiore forza di opposizione è forte».
-Capezzone : «Com'era fin troppo facile prevedere, è ripartita la solita, assurda jihad giudiziaria. Berlusconi è il bersaglio di sempre, l'obiettivo preferito da chi pensa di risolvere per via giudiziaria le contese politiche».
-Rotondi : «Se è vero che la storia ricorre la prima volta in tragedia e la seconda in commedia, l'inchiesta napoletana contro Berlusconi arriva puntuale. Processare Berlusconi perché offre un posto nel suo futuro governo è una commedia da far invidia a Eduardo».
-La Russa : «Mi pare il solito dejà vu. Tutte le volte che c'è una situazione politica particolare interviene un provvedimento giudiziario. Esprimo a Berlusconi, che è innocente fino a prova contraria, tutta la mia solidarietà».
-Matteoli: «Siamo di fronte ad un'altro atto della lunga sequela di veleni , che vengono spruzzati ad orologeria sulla politica attraverso la pubblicazione di conversazioni telefoniche sottoposte al vaglio della magistratura».
-Cossiga : «Oggi in Italia conviene colpire Silvio Berlusconi, sotto questo aspetto, credo sia giusto parlare di un complotto ai danni del leader di Forza Italia, ed il presidente della Repubblica farebbe bene a tornare dalla sua inutile gita negli Usa per svolgere qui, sempre che ne abbia la volontà ed i poteri, la sua funzione di garante della democrazia».
Questi per citarne solo alcuni tra i più significativi.




Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. berlusconi napoli corruzione indagato procura ispettori

permalink | inviato da Aurora86 il 12/12/2007 alle 17:30 | Versione per la stampa


6 dicembre 2007

BERLUSCONI A NAPOLI.

Giovedi’ 6 dicembre Silvio Berlusconi sarà a Napoli. Lo ha affermato il coordinatore regionale campano azzurro, Nicola Cosentino, che ha annunciato la presenza in citta’ nel tardo pomeriggio di Berlusconi per sostenere la campagna di adesioni al partito del Popolo della Liberta’. "Il suo arrivo - ha spiegato Cosentino- dara’ ancora piu’ impulso alla prova di democrazia diretta che Forza Italia ha voluto anche nelle piazze della Campania. Ad attendere il presidente ci sara’ il popolo dei militanti e dei simpatizzanti di Forza Italia, ma anche i tantissimi napoletani delusi da Prodi e da Bassolino". La visita di Berlusconi in citta’ si concentrerà prevalentemente in piazza dei Martiri dove ci sono gazebo per la sottoscrizione ed i moduli di preiscrizione al nuovo partito.
5/12/2007




5 dicembre 2007

TOPOLINO E PAPERINO CONVOCATI IN TRIBUNALE.

I Sig. Topolino , Paperino, Titti e Paperina sono pregati di comparire in tribunale davanti al giudice monocratico il 7 Dicembre per deporre “ quali testi nel procedimento penale n° 6342/05”.
Sembra l’incipit fantasioso di una delle tante storie a fumetti del popolarissimo giornalino della Disney , invece no è tutto vero, tanto che i legali della Warner Bros e appunto della Walt Disney hanno ricevuto regolare notifica giudiziaria da parte della Procura di Napoli.
Ma come è possibile tutto ciò? Tutto ha origine perché un imputato cinese è accusato a Napoli di aver contraffatto giochi e adesivi con l’immagine di Topolino&C e in questi casi è il legale rappresentante dell’azienda danneggiata ad essere chiamato dal PM per confermare la proprietà del marchio contraffatto, ma in questo caso per uno scherzo tragicomico della burocrazia ad essere iscritti nell’atto giudiziario sono stati i nomi dei personaggi dei capi contraffatti.
E’ tutto da ridere,se non ci fosse da piangere.




Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. napoli tribunale topolino paperino convocati

permalink | inviato da Aurora86 il 5/12/2007 alle 2:31 | Versione per la stampa


11 luglio 2007

NIENTE IMMONDIZIA,E' TUTTO UN COMPLOTTO.

E' tutto un complotto,sono notizie false,tendenziose e inopportune, così il sindaco di Napoli,Rosa Russo Iervolino,commenta l'allarme dell'ambasciata americana che mette in guardia i propri cittadini dai rischi per la salute a causa dei rifuti.
La città è pulita e i cumuli di rifiuti non ci sono più,ogni allarmismo è destituito di qualunque fondamento e si basa unicamente su effetti emozionali amplificati dai media a livello internazionale,dice ancora il sindaco,e quindi sia lei che il presidente Bassolino pretendono le scuse ufficiali e una smentita sul sito dell'ambasciata americana.
Si deve essere proprio così, e il Corriere e gli altri quotidiani che danno notizie di decine di interventi nella notte fatte dai vigili del fuoco per spegnere gli incendi che si levano dai cumuli di rifuti nei cassonetti? Tutto falso,complici anche loro del complotto, così come i blocchi stradali che rappresentano probabilmente soltanto un aspetto folkloristico di Napoli e della Campania.
Cosa importa poi che anche un uomo preparato alle emergenze,attivo e decisionista come Bertolaso abbia dovuto gettare la spugna di fronte ai "diktat" del ministro dell'ambiente,il campano Pecoraro Scanio?
Evidentemente si è perso del tutto il senso del ridicolo, in altre realtà amministratori della cosa pubblica, colpevoli di tanto disastro,sarebbero stati cacciati a calci a furor di popolo, ma ogni popolo ha i rappresentanti che si merita,evidentemente ai Napoletani e ai Campani va bene così.
Chi dovrebbe scusarsi con i Campani e con l'Italia intera per l'immagine devastante che danno del nostro paese nel mondo, è la premiata ditta Bassolino,Iervolino&C, ma nel paese di Pulcinella funziona tutto al contrario.





sfoglia     giugno       
 

 rubriche

Diario
Immagini del giorno
Trinariciuti
Politica
Miseria,Terrore e Morte
Silvio Berlusconi
Parole in libertà

 autore

Ultime cose
Il mio profilo

 link

MARA CARFAGNA
IDEAZZURRA
NON SOLO NAPOLI
AG BELLUNO
KOMUNISTELLI
PER IL POPOLO DELLA LIBERTA'
FILIPPO
IL BERRETTO A SONAGLI
FAZIOSO LIBERALE
PENSIERI IN VOLO
VOCERIBELLE
MARALAI
AMPIORESPIRO
F. STORACE
LA DESTRA NEWS
IL VELINO
YOUTUBE
CASA DELLE LIBERTA':
FORZA ITALIA
FORZA ITALIA GIOVANI
FORZA ITALIA SENATO
FORZA ITALIA CAMERA
FORZA ITALIA GRUPPO EUROPEO
ALLEANZA NAZIONALE
LEGA NORD
UDC
NUOVA DEMOCRAZIA CRISTIANA
NUOVO PSI
MOVIMENTO PER L'AUTONOMIA
PARTITO LIBERALE
PARTITO REPUBBLICANO
RIFORMATORI LIBERALI
STEFANIA CRAXI
ALESSANDRA MUSSOLINI
PENSIONATI
MOVIMENTO SOCIALE-FIAMMA TRICOLORE
PARTITO POPOLARE EUROPEO
CIRCOLO DELLA LIBERTA'
CIRCOLO GIOVANI
MEDIA:
ADNKRONOS
ANSA
AVVENIRE
CORRIERE DELLA SERA
DAGOSPIA
FAMIGLIA CRISTIANA
IL FOGLIO
IL GIORNALE
IL LEGNO STORTO
IL MANIFESTO
IL MESSAGGERO
IL SECOLO XIX
ILSOLE24ORE
IL TEMPO
ITALIA LIBERA
LA 7
LA DISCUSSIONE
L'ESPRESSO
LIBERAZIONE
LIBERO
L'OPINIONE
L'OSSERVATORE ROMANO
LA PADANIA
LA STAMPA
LA TV DELLA LIBERTA'
L'UNITA'
MEDIASET
NOI PRESS
PANORAMA
POTERE SINISTRO
QUOTIDIANONAZIONALE
RAGIONPOLITICA
RAI
RAI TELEVIDEO
RASSEGNA STAMPA
REPUBBLICA
SONDAGGI POLITICO-ELETTORALI
TGCOM
THINK-TANK:
FONDAZIONE LIBERAL
FREE FOUNDATION
IDEAZIONE
ISTITUTO BRUNO LEONI
MAGNA CARTA
WEB JOURNAL:
BLOG-SHOW
BOOKCAFE
LIQUIDA
DICEVI? BLOGS JOINER
TOCQUEVILLE-LA CITTA' DEI LIBERI
FORUM:
ALFEMMINILE
CORRIERE FORUM
DONNA MODERNA
FORUM NUOVO PSI
FUORI DI TESTA
GIOVANI IT.- POLITICA
L’UNITA’
LA STAMPA FORUM
MARCO TRAVAGLIO FORUM
POLITICA ON LINE
REPUBBLICA
ULIVO/PD
SITI…ONOREVOLI:
ANTONIO PALMIERI
BENEDETTO DELLA VEDOVA
CLEMENTE MASTELLA
CARLO GIOVANARDI
GIULIO TREMONTI
RENATO BRUNETTA
PAOLO GUZZANTI
TOTO’ CUFFARO
AURORA86 CONSIGLIA:
!!:::GOVERNO PRODI
123 BETA
A CONSERVATIVE MIND
ACROSS THE BORDER
ADESTRA
AD SIDERA
AG AVERSA
AGE-VERNACOLESE
AKELA THE WOLF
ALEPUZIO
ALESSANDRA FONTANA
A LOOK TO THE RIGHT
ALTERNATIVA POPOLARE
AMANDACCO
AMERICAMERCATOINDIVIDUO
AMERICA THE BEAUTIFUL
ANNI DI SANGUE
ANTIKOMUNISTA
ANTIEUROPEO
ARCHEOPTERIX
ARMONIA DEI SENSI
ASTROLABIO
ATROCE PENSIERO
AZIONE GIOVANI
BALESTRATESI
BANDO ALL'IPOCRISIA
BARNEY PANOFSKY
BARRY GOLDWATER
BATTITORE LIBERO
BIETTO(ANCHE SE NON CI SEI PIU')
BIG DOGS WEBLOG
BLAKNIGHTS
BLOGIORNALE
BLOG PER SILVIO
BOTTOMLINE
C'E' WALTER
CALAMITYJANE
CALIMERO
CALVIN
CAMELOT DESTRA IDEALE
CAMILLO
CANTOR
CAPPERI
CARLO MENEGANTE
CATEPOL
CASTELLO BIANCO
CENSURAROSSA
CENTRODESTRA
CIRCOLO DELLA LIBERTA’ GOLFO DEL TIGULLIO
CIRCOLO GIOVANI FIRENZE CENTRO STORICO
CIRCOLO DELLA LIBERTA’ IL CAMINETTO
CIRCOLO LIBERTA’ TORINO
CHE CI DEVI FARE
CIVILTA'
COMMERCIALISTA
CONTROCORRENTE
C'E' POCO DA RIDERE
DALL’ALTRA PARTE
DAVERIK
DAW
DEBORAH FAIT
DEEARIO
DEIMM
DESTRA LAB
DIETRO LE LINEE NEMICHE
DILLA TUTTA
DORIA
DUMBS OX DAILY
EL BOARO
FABIO SACCO
FACE THE TRUTH
FATTI&MISFATTI
FENOMENI IN GIRO NON C’E’ NE
FREEDOMLAND
FREE THOUGHTS
FORT
FORZA FRIULI
FORZA ITALIA-BLOG
FULVIA LEOPARDI
GABIBBO
GAETANO SAGLIMBENI
GAWFER
GEMELLE GLITTER
GERMANYNEWS
GIANNI DE MARTINO
GIANFRANCO FINI PREMIER
GIANGIACOMO’S THINK THANK
GINO
GIOVANNI VAGNONE
GIOVANI AZZURRI VENETO
GIOVANI CON SILVIO
GIULIA NY
GRAZIE BERLUSCONI
GRENDEL FROM THE MOOR
HARRY
HARRY'S WORLD
HURRICANE
I DIAVOLI NERI
IGNAZIO ARTIZZU
IN GOD WE TRUST
ING.GAS NEO CON WEBLOG
INGEGNERBLOG
INNOVAZIONE GIOVANI
IL BARONE NERO
IL BLOG DELL'ANARCA
IL CAMPER
IL CASTELLO
IL CIELO SOPRA KABUL
IL FILO A PIOMBO
IL GIOVINE OCCIDENTE
IL GIULIVO
IL GRANDE GABBIANO
IL GRINCH
IL MANGO DI TREVISO
IL MASCELLARO
IL MIO MONDO
IL MISCREDENTE
IL NANO
IL RE DELLA MONNEZZA
IL REAZIONARIO
IL SIGNORE DEGLI ANELLI
IL SORVEGLIATO SPECIALE
IN ETERE
INYQUA
IL MOTEL DEI POLLI ISPIRATI
IL RUMORE DEI MIEI VENTI
IO&LUI
ITALIA LAICA
ITALIAN LIBERTARIANS
ITURADASTRA
JIHADI DU JOUR
JOYCE
KAGLIOSTRO
KATTOLICO
KRILLIX
L'USSARO
LA CASA DELLE LIBERTA' BLOG
LA CITTADELLA
LADYJADINA
LA GRANDE FORZA DELLE IDEE
LA LIBERTA’ VA CONQUISTATA OGNI GIORNO
LA RISCOSSA
LA TAVOLA ROTONDA
LA TERRA DI MEZZO
LA TESTATA
LA VOCE DEL PADRONE
LE BARRICATE
LEFTKILLER
LE GUERRE CIVILI
LIBERALIDEA
LIBERALI PER ISRAELE
LIBERIAMO MASSA
LIBERTA' AZZURRA(LA)
LIBERTARIAN POST
LISISTRATA
LOGICA
LUCAP.
LUCARIELLO.TK
LUXOR
M&A
MANOLO
MAODDI
MARCOPAOLOEMILI
MARINIELLO
MATTEO SANNA
MELANDRINA
MEMORIE DI UN TERRONE
MEZZOGIORNOEUROPEO
MIKEREPORTER
MITHRANDIR
MISSIONARIO
MONDIAL POST
MONDOPICCOLO
MUSICAEPOLITICA
NNHOCAPITO
NEBBIA IN VALPADANA
NE QUID NIMIS
NEOCON ITALIANI
NON PORGIAMO L'ALTRA GUANCIA
NON SI ABBIA TIMORE DI PUNIRE CAINO
NEXTCON
OGGI
OLIFANTE
ORPHEUS
OTIMASTER
PARBLEU
PARLA PER TE
PAROLIBERO
PARTIGIANO WILLIAM
PASSAGGIO A NORD EST
PASSAGGIO AL BOSCO
PAROLE&PENSIERI
PATRIOTI SI NASCE
PEGGIO SORU
PENDENTE A DESTRA
PERLAS
PESCARA LIBERA
POLITICALLY-SCORRECT
POLITICANDO
PORNOROMANTICA
POSIZIONE AUTARCHICA
PRO AMERICAN MOVEMENT
PROVOCAZIONE
PSEUDOSAURO
QUALCOSA DI DESTRA
QUID TUM?
RADICI E LIBERTA'
REJECT THE UN
ROBI
ROBINIK
ROLLI
SALVATORE LAURO
SARA-90
SARA PETELLA
SAURA PLESIO
SCHEGGE DI VETRO
SCHELETRI-SINISTRI
SCIOPENAUER
SGS
SICILIA RADICALE
SIETE PROPRIO COGLIONI
SIGLOBAL
SILVIOBERLUSCONIFANSCLUB
SILVIO NON FARMI ASTENERE PIU'
SINISTRERIA
SLIVERS OF MY SOUL
SONGCODES
SOSTIENI LANDRIANO
STARSAILOR
STATO MINIMO
STUDENTI PER LA LIBERTA'-MI
STUDIO LEGALE FIORIN
SUPERUOMO
SVULAZEN
TBLOG
TEXAS FRED
TEOCON
THANK YOU AMERICA
THE BRAIN WASH
THE HOLE IN THE WALL
THE JUST CHOICE
THE MOTE IN GOD’S EYE
THE NEW OBJECTIVIST
THE REAL CONSERVATIVE
THE RIGHT NATION
THUMBRIA
UGO MARIA CHIRICO
UPL
USER 2501
VALEFORN
VALERIO METRONIO
VELVET
VEXILLA
VIRGILIO FALCO
VITA E PASSIONI
VIVENDO E IMPARANDO
VOCIRPINE
VOTA SILVIO
W LA LIBERTA'
WALKING CLASS
WIND ROSE HOTEL
ZANZARA

Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0

Feed ATOM di questo blog Atom