.
Annunci online

  Aurora86 AZZURRA LIBERTA' - * BLOG MORALMENTE INFERIORE *
 
Diario
 





   


HOME PAGE BLOG

AZZURRA LIBERTA'-ASCOLTA
 

INNO FORZA ITALIA-ASCOLTA
 



In una democrazia è il popolo
che sceglie i leader, non sono
i leader che scelgono il popolo.
Silvio Berlusconi 02/12/2006

MENO MALE CHE SILVIO C'E'



PROGRAMMA DI GOVERNO
2008-2013


TUTTI I CANDIDATI DEL
POPOLO DELLA LIBERTA'





Vota Berlusconi

 




...andremo avanti con la forza
della gente contro i parrucconi
della politica.-Silvio Berlusconi
P.zza S.Babila Milano 18/11/2007





Vota Berlusconi
 






"Lightmysite.it promuove il tuo blog  
sui motori di ricerca con
Promoblog
- fai luce sul tuo blog..."                  


"La difesa della libertà è la
missione più alta,più nobile,
più entusiasmante che      
ciascuno di noi possa avere
l'avventura di fare."     
Silvio Berlusconi  
























"E' sorta in questi anni 
un'altra Italia, umile e  
tenace , orgogliosa e    
onesta, moderata  ma   
ferma  nel  difendere   
i  principi  di  libertà,   
che  non  ha  nessun    
passato da nascondere 
e  che  soprattutto non 
ha paura di sperare e di
credere. Questa  Italia 
siamo  noi,  si  chiama  
FORZA  ITALIA  "     
Silvio Berlusconi





STO LEGGENDO:
CAMBIARE REGIME
La sinistra e gli ultimi
45 dittatori(Einaudi)


"Cos'altro dovrebbe fare
la sinistra,se non lottare
contro  le dittature  e
battersi per liberare i
popoli oppressi?"



LA GRANDE BUGIA 
"Le sinistre italiane e
il sangue dei vinti".
 


GRAZIE ORIANA: PENSIERI
E PAROLE INEDITI DOPO
L'11 SETTEMBRE.



Technorati Profile

Add to Technorati Favorites

Save This Page
del.icio.us my del.icio.us
Registra il tuo Blog
I am Aurora86 on del.icio.us
Add me to your network




Aurora86
? Grab this Headline Animator

Enter your email address:

Delivered by FeedBurner

Subscribe in a reader


Add to Google Reader or Homepage
Subscribe in NewsGator Online
Subscribe in Rojo
Add to My AOL
Add to netvibes
Subscribe in Bloglines
Add to The Free Dictionary

Add to Plusmo
Subscribe in NewsAlloy
Add to Excite MIX
Add to netomat Hub
Add to fwicki
Add to flurry
Add to Webwag
Add to Attensa
Receive IM, Email or Mobile alerts when new content is published on this site.
Add Aurora86 to ODEO
Subscribe in podnova

Add to Pageflakes

Subscribe to Aurora86

I heart FeedBurner

Visit the Widget Gallery
View blog reactions


Liquida



BlogItalia.it - La directory italiana dei blog

Blog Aggregator 3.3 - The Filter

Elenco dei Blog italiani blog Directory, inserisci il tuo

Blog-Show la vetrina italiana dei blog!












































PUBBLICIZZA GRATUITAMENTE
IL TUO SITO CON FREE -      
PUBBLICITA' GRATIS ! ! !      
CLICCA QUI...










"Troppo spesso è stata dimenticata   
la moralità del fare, la moralità del    
realizzare il programma annunciato  
agli elettori, la moralità dell’operare  
per mantenere gli impegni e per         
mantenere la parola data.                  
Per noi, la moralità nella politica        
consiste soprattutto nel mantenere  
gli impegni."   Silvio Berlusconi 


ARCHIVIO
SETTEMBRE 2008
AGOSTO 2008
LUGLIO 2008
GIUGNO 2008

MAGGIO 2008
APRILE 2008
MARZO 2008
FEBBRAIO 2008
GENNAIO 2008
DICEMBRE 2007
NOVEMBRE 2007
OTTOBRE 2007
SETTEMBRE 2007
AGOSTO 2007
LUGLIO 2007 

GIUGNO 2007
MAGGIO 2007
APRILE 2007
MARZO 2007
FEBBRAIO 2007
GENNAIO 2007
DICEMBRE 2006
NOVEMBRE 2006
OTTOBRE 2006
SETTEMBRE 2006
AGOSTO 2006
LUGLIO 2006
GIUGNO 2006
MAGGIO 2006







who's online


      

AURORA86
FEED IMAGES








28 febbraio 2008

RIFIUTI,TASSE,ICI E STRAORDINARI.

Riduzione delle tasse, abolizione completa dell'Ici, la detassazione degli straordinari, sostegni per la famiglia con il bonus bebè. Sono alcuni dei punti che Silvio Berlusconi cercherà di realizzare nei primi 100 giorni di governo, qualora vincesse le elezioni. "Meno tasse alle famiglie, sul lavoro, sulle imprese", sintetizza l'ex premier. Il problema, però, che sarà subito affrontato - spiega Berlusconi a 'Radio anch'io - e' quello dell'emergenza rifiuti a Napoli. "Sto studiando di notte come risolvere questa situazione", dice il leader azzurro, "i danni che questa situazione ci ha procurato sono incalcolabili. Un collega di governo straniero - racconta il Cavaliere - mi ha chiamato dicendo: 'stai studiando il programma con la mascherina sulla bocca?'".
"Il piano per un'edilizia rivolta ai giovani e' già stato preparato nei dettagli",un piano - spiega il leader azzurro - che sarà sostenibile per le finanze pubbliche, in quanto i proprietari di terreni che saranno requisiti saranno risarciti e avranno la possibilità di edificare.
Chiameremo le imprese italiane e le banche per dar vita a mutui trentennali, per i giovani che si stanno per sposare ci sarà a disposizione una casa anche di dimensioni limitate.
Dovrebbe essere - ipotizza Berlusconi - una spesa anche inferiore agli affitti che oggi si pagano nelle città italiane i giovani sono il nostro futuro.
Vorremmo innalzare il livello di preparazione scolastica, abbiamo la previsione di totale esenzione fiscale per le iniziative dei giovani e poi c'e' il bonus per le locazioni.
Per quanto riguarda l'abolizione dell'Ici, dice il Cavaliere, "i soldi arriveranno grazie alla modernizzazione dello Stato, ci sono degli spazi di risparmio enormi".
"Io non ho parlato male di Casini, la realtà e' che hanno possibilità di vincere solo due forze politiche: il PDL con il 46% nei sondaggi e il 36% il Pd. Le altre formazioni politiche hanno solo il problema di superare la soglia per avere deputati e senatori. Noi pensiamo che i voti dati in quella direzione favoriscano la frammentazione e non la possibilità di governare. E' una cosa ovvia che non può essere discussa ne' negata". Lo ha detto Silvio Berlusconi a 'Radio anch'io'. "Forza Italia e' un partito anarchico, su molte cose noi lasciamo la libertà di coscienza", spiega l'ex premier.
"Alla sinistra il programma non importa nulla. Il programma di Veltroni non ha nessuna credibilità. Anche la corsa in solitaria annunciata appare come una finta, nelle elezioni amministrative si va avanti come prima. Questi signori cercano di far capire che tutto e' cambiato, ma una persona di medio buonsenso non può cadere in questa illusione".
Poi non risparmia una frecciata al leader dell’IDV alleato di Veltroni. “Io ho orrore di di Pietro e lo dico alto e forte”, ha affermato Berlusconi aggiungendo che il simbolo di Mani pulite e’ “il campione delle manette”.
AGI 27/02/2008

Queste dunque le prime anticipazioni del programma di governo del Popolo Della Libertà che sarà presentato ufficialmente nel prossimo week end ai cittadini attraverso diecimila gazebo in tutte le principali piazze d’Italia, i quali inoltre potranno indicare attraverso la compilazione di apposito questionario le priorità urgenti di governo e altri suggerimenti programmatici.
Ai gazebo che saranno presenti sino al giorno delle elezioni,si aggiungeranno duecento camper in cui i candidati del PDL incontreranno gli elettori in tutte le province , mentre già in questo fine settimana Berlusconi,Fini e altri leader del PDL saranno presenti su alcune piazze da nord a sud per visitare i gazebo.
Berlusconi sarà capolista in tutte le circoscrizioni alla camera e Fini sarà il numero due, le manifestazioni ufficiali inizieranno l’8 Marzo al Pala Lido di Milano e si chiuderanno l’11 Aprile a Palermo.
Il motore azzurro è partito, verso la vittoria.

I CARE,WE CAN, THEY WIN !

MENO MALE CHE SILVIO C’E’








5 febbraio 2008

LE BARZELLETTE DI REPUBBLICA.

…una pacificazione mai raggiunta finora tra il fisco e alcuni milioni di piccoli e medi contribuenti con nuovi studi di settore e nuove semplificazioni burocratiche; infine una riduzione cospicua dell’evasione fiscale. Le tasse? Il gettito è aumentato senza una sola nuova imposta né modifica e rialzo di aliquote, anzi con sei miliardi di euro in favore delle imprese con l’abbattimento dell’Irap e dell’Ires.
Eugenio Scalfari - Repubblica 03/02/2008

Incredibile, non riesco a capacitarmi di come si possono scrivere simili corbellerie e sperare di essere pure creduti,evidentemente l’ex fascista Scalfari con l’età che avanza si deve essere rincoglionito del tutto, e adesso racconta barzellette.
Per smentire queste tesi da “second lifeagli italiani basta mettersi le mani in tasca per scoprire che sono ogni giorno desolatamente più vuote a causa di tasse,addizionali, aumenti di tariffe e balzelli vari, e chi più ne ha più ne metta.
Nemmeno l’Unità è arrivata a tanto quando scriveva della “meravigliosa vita nelle zone liberate” da Pol Pot e i khmer rossi.
Poi ci si lamenta che in Italia si leggono pochi quotidiani e giornali, ma come si fa…




Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. barzellette tasse repubblica scalfari

permalink | inviato da Aurora86 il 5/2/2008 alle 1:12 | Versione per la stampa


11 gennaio 2008

RIDUZIONE TASSE: UNA BARZELLETTA…

In quello che si era annunciato,da parte della maggioranza e di Prodi, come il vertice decisivo sui salari e sulle tasse,si è rivelato come al solito una barzelletta.
Ormai tutti gli italiani hanno imparato a loro spese e sulle loro tasche che questo è il “governo degli annunci”, chiacchiere a volontà ma fatti zero.
In pratica Prodi e una cinquantina di persone sedute attorno a un tavolo hanno continuato a promettere una genericariduzione di tasse per i lavoratori” , ma soltanto dopo la trimestrale di cassa di Marzo per valutare l’entità delle risorse, subito dopo il vertice il ministro dell’economia Padoa-Schioppa dichiarava che non prima di giugno-luglio ci sarà la possibilità di un intervento,risorse permettendo, e che gli interventi più significativi ci saranno con la finanziaria del 2009.
Insomma per il momento non se ne fa nulla, ma c’è da dire che la somma prevista per gli interventi 6-8 miliardi è poca cosa,divisa tra i lavoratori dipendenti produrrebbe un aumento di reddito pari a 20-30 euro al mese, praticamente 70-80 cent. al giorno,senza contare che globalmente non si abbassa la pressione fiscale per la tassazione delle rendite finanziarie, e poi ancora bisognerà vedere se si tratta di un intervento strutturale o un bonus "una tantum",ma in ogni caso si tratta di un "ELEMOSINA" che non risolve nulla, basta solo considerare che quest'anno le famiglie pagheranno per rincari ed aumenti di alimentari,energia,gas, trasporti ecc. circa 1700 euro.
Un consistente taglio di tasse si può fare soltanto con un taglio di scure sulla spesa pubblica che ha raggiunto il record del 50,5% del PIL, ma chiedere questo a un governo del “ tassa e spendi” è come chiedere a un tacchino di anticipare il Natale.
L’ITALIA E’ POVERA E DEPRESSA
Prodi e il governo escano da Second Life e provino a fare la spesa,pagare le bollette, carburante,trasporti,rata del mutuo ecc. con un normale stipendio da impiegato,poi vediamo se raccontano ancora barzellette come “l’Italia è ripartita dopo una sosta ai box” (Sic).
E’ tutto da ridere se non ci fosse da piangere.




27 novembre 2007

SARA’ PIU’ POVERO IL NATALE 2007 .

Sarà un Natale molto freddo sotto il profilo dei consumi,è quanto emerge da un indagine sulle tredicesime e gli acquisti di fine anno condotta dalla Confesercenti-Publica Res.
In particolare, testimonia la ricerca, l'ammontare complessivo delle tredicesime sarà di 36,596 miliardi di euro, ma poco meno di 18 miliardi verranno utilizzati per gli acquisti natalizi con una diminuzione dell'1,8%, pari a 336 milioni di euro, rispetto all'anno scorso. Due le voci di maggior risparmio: 88 milioni di euro in meno saranno per la casa e la famiglia, mentre 248 milioni verranno tagliati dal portafoglio per i regali (-5%).
Insomma, osserva Confesercenti, anche "i consumi di Natale riflettono l'andamento di un anno economicamente difficile, con molti balzelli e poche illusioni nel quale sono aumentati (dal 61% al 67%) coloro che hanno tagliato diverse spese del loro bilancio. Durante il 2007 ne hanno pagato le conseguenze soprattutto i settori dell'abbigliamento (quasi la metà degli italiani ha ridotto il budget per questi acquisti), delle vacanze, della casa, ma anche quello dei beni alimentari".
23/11/2007

Nessuna meraviglia,dopo che la pressione fiscale ha raggiunto i livelli record dal dopoguerra ad oggi, i generi alimentari anche quelli di prima necessità come pasta,pane,latte ecc. sono ormai diventati beni di lusso e gli aumenti dei mutui,energia,gas, trasporti,carburante e chi più ne ha più ne metta,sarà già tanto se la stragrande maggioranza delle famiglie potrà permettersi un panettone a Natale e Capodanno,la tredicesima servirà per le bollette arretrate rate e tasse,altro che regali.
Gli incapienti però possono dormire sonni tranquilli, il governo ha destinato loro un bonus di 150 euro,ovvero 41 cent. al giorno,c’è di che scialacquare.
Si,non ci sono dubbi, deve essere proprio questa la felicità promessa da Prodi&C .




Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. governo prodi tasse natale povero alimentari tredicesime

permalink | inviato da Aurora86 il 27/11/2007 alle 2:55 | Versione per la stampa


14 ottobre 2007

MENO TASSE PIU' SICUREZZA

 












Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. manifestazione tasse sicurezza immagini an

permalink | inviato da Aurora86 il 14/10/2007 alle 18:17 | Versione per la stampa


11 ottobre 2007

TASSE MAI COSI ALTE DAL DOPOGUERRA.

Indovinate un po’ chi ha fatto questa incredibile scoperta? Visco,si proprio lui davanti alla commissione finanze al senato ha candidamente dichiarato: “La pressione fiscale in Italia ha ormai raggiunto il massimo dal dopoguerra. Impensabile fare ricorso a nuove tasse”.
Attenzione però a non prenderlo troppo sul serio, da un “ 3 volte bugiardo” come lo ha definito la procura di Roma, è lecito aspettarsi di tutto e di più.




Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. tasse visco pressione fiscale massimo

permalink | inviato da Aurora86 il 11/10/2007 alle 15:40 | Versione per la stampa


8 ottobre 2007

LA FELICITA E’ PAGARE LE TASSE !!!

«La polemica anti tasse è irresponsabile. Dovremmo avere il coraggio di dire che le tasse sono una cosa bellissima e civilissima, un modo di contribuire tutti insieme a beni indispensabili come la salute, la sicurezza, l'istruzione e l'ambiente».
Così si è espresso il ministro dell’economia Padoa-Schioppa intervistato da Lucia Annunziata nella trasmissione In mezz’ora di Rai 3.
Deve essere proprio questa la felicità che Prodi aveva promesso agli italiani in campagna elettorale,questo discorso può essere condivisibile in paesi come l’Inghilterra dove ci sono welfare e servizi degni di questo nome e l’aliquota massima è del 31% ,ma non in Italia dove il cittadino lavora per lo stato fino al 10 giugno, la pressione fiscale è tornata al record di dieci anni fa,e non scenderà neppure l’anno prossimo,così come è record per  la spesa pubblica che ha abbondantemente superato il 50% del Pil e i servizi se non sono da terzo mondo poco ci manca, e i cittadini dovrebbero essere pure contenti di tanta grazia,di un governo per cui non servono 280 inutili pagine per spiegare il programma, ne bastano solo due: “Tassa&Spendi”.
E così dopo i bamboccioni arriva la felicità delle tasse, Prodi deve essere seriamente preoccupato, il suo primato di impopolarità è seriamente a rischio, Padoa-Schioppa  avanza minaccioso alle sue spalle,ormai a un incollatura.
Certo che Tafazzi era un dilettante in confronto a costoro…..




Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. prodi tasse felicità padoa-schioppa

permalink | inviato da Aurora86 il 8/10/2007 alle 0:24 | Versione per la stampa


18 settembre 2007

FINANZIARIA :NIENTE RIDUZIONE TASSE.

Intervistato da Bruno Vespa,Prodi ha dichiarato candidamente che per il momento non ci sarà alcuna riduzione di imposte, è qualcosa che “stiamo studiando” ma non per l’immediato.
Eppure non era lo stesso Prodi che solo qualche settimana fa annunciava trionfalmente che “l’emergenza è finita, si possono ridurre le tasse”?
Fortunatamente nessuno l’ha preso sul serio, ormai tutti hanno capito che questo è il “governo degli annunci”, del resto con la spesa pubblica che ha superato abbondantemente il 50% del PIL,battendo ogni record da diversi lustri, il “tassa&spendiè fisiologico,anzi ci sarebbe da meravigliarsi se l’imposizione fiscale non aumentasse,cosa niente affatto da escludere,si accettano scommesse. 

 




Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. governo prodi tasse finanziaria annunci

permalink | inviato da Aurora86 il 18/9/2007 alle 16:0 | Versione per la stampa


8 settembre 2007

ALTRIMENTI CI ARRABBIAMO.

 E' possibile "riarticolare la tassazione in modo distributivo, con un sostegno soprattutto alle categorie piu' deboli": cosi' Visco. Il vice ministro dell'Economia sottolinea che "aumentare la tasse non puo' piu' accadere, con una economia ancora cosi' debole sarebbe insostenibile una pressione fiscale che cresce". "Il problema in Italia e' che la gente si arrabbia se gli fai pagare le tasse" ha aggiunto Visco ammettendo che una tassazione "al 42-42,5% del pil e' enorme.
Ansa 07/09/2007

La scoperta dell’acqua calda, è normale che la gente si arrabbi soprattutto se in cambio di una imposizione fiscale,a dir poco esorbitante,riceve servizi da terzo mondo e constata che lo stato e gli enti locali non sono altro che degli enormi carrozzoni mangia soldi per lo più improduttivi.
Poi ci si meraviglia che chi può evade o trasferisce la residenza in Inghilterra,dove l’aliquota massima è del 31% e i servizi sono di uno standard decisamente superiore all’Italia.
Ci voleva un genio come Visco per scoprirlo, si occupi di trasferire o rimuovere ufficiali “scomodi” della GDF, gli riesce decisamente meglio.

         


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. tasse visco pressione fiscale

permalink | inviato da Aurora86 il 8/9/2007 alle 15:31 | Versione per la stampa


4 agosto 2007

MENO MALE CHE C'E' LA PAUSA ESTIVA...

 Il caldo e lo stress fanno particolarmente male a Romano Prodi,dopo aver tentato di dettare l’omelia domenicale alla chiesa cattolica, chiedendo di parlare di tasse ed evasione fiscale,attirandosi contro l’ira e la derisione dei cattolici e non,ha tentato di sostenere la sua tesi commettendo un’altra colossale gaffe: “il premier ha attribuito il richiamo all’obbedienza nei confronti dei padroni, «quoque discolis» (anche a quelli severi) alla Lettera di San Paolo ai Romani. Il Professore però è caduto in un’imbarazzante gaffe, visto che la frase non è di San Paolo ma è riportata nella Prima Lettera di San Pietro ai Romani, nella quale peraltro vi è scritto etiam, non quoque.
Cosa fatta notare per primo dall’on. Angelino Alfano coordinatore di Forza Italia in Sicilia.
Se anche in Chiesa si parla di tasse,va a finire che credenti e praticanti diserteranno le funzioni del tutto.
Non pagare le tasse non è peccato, e la Chiesa non può trasformarsi in una succursale dell’agenzia delle entrate, e perseguire la via spirituale del controllo fiscale, così ha replicato Don Gianni Baget Bozzo, consigliere spirituale di Silvio Berlusconi e Forza Italia.
Evidentemente Prodi non sa più a che santo votarsi
.
A dimostrazione di ciò, ha dell’incredibile quello che racconta Piero Sansonetti direttore di Liberazione,quotidiano di Rifondazione Comunista, Prodi ha spedito una sua lettera con “obbligo di pubblicazione immediata” sia a lui che a Gabriele Polo direttore del Manifesto,nella quale si criticano alcune scelte della sinistra radicale - e l'eccesso di polemica verso il governo che viene dai suoi giornali - si difendono le scelte essenziali dell'esecutivo sui temi sociali, sindacali, dell'economia, dell'ambiente, e alla fine si rivolge un appello a scendere in piazza, in autunno, non per criticare il governo ma per difendere le sue scelte e sostenere la sua azione.
Ho risposto a Sircana che noi eravamo molto contenti di pubblicare una lettera del presidente del Consiglio, ma che proprio per oggi avevamo programmato - noi e il manifesto , insieme , con una scelta non usuale nella storia delle nostre testate - di farci promotori di una manifestazione della sinistra contro le scelte moderate e centriste del governo, che non condividiamo, e per chiedere una svolta politica a sinistra.Più tardi abbiamo parlato Polo ed io, ed eravamo perfettamente d'accordo. I giornali - si dice tante volte - non sono una buca delle lettere, e quindi Prodi avrebbe dovuto aspettare 24 ore, come spesso capita a tanti nostri collaboratori o amici o giornalisti. Ho comunicato a Sircana questa decisione. Lui mi ha detto invece che insisteva, chiedeva la pubblicazione subito. Gli ho detto di no.
Un paio d'ore dopo, la lettera è stata resa pubblica da Sircana attraverso internet, e invece di essere indirizzata a il manifesto e a Liberazione era indirizzata ad amiche e amici.
E' grave l'idea che un presidente del Consiglio possa dare ordini ai giornali e dirgli cosa pubblicare e quando, e non debba essere contraddetto,conclude Sansonetti.
Vi risparmio per carità di patria, la conferenza stampa odierna di Prodi, ha  blaterato di "maggioranza coesa", ha spacciato l'elemosina di un euro al giorno ai pensionati per "un'ingente intervento in contrasto all'indigenza e alla povertà"(Sic), e altre amenità di questo tipo, roba che naturalmente vede solo lui che vive su "Second Life".
Insomma aspettando un autunno caldo,i colpi di calore hanno già colpito Prodi,mai come in questo momento,arriva provvidenziale la pausa estiva, e meno male.






26 luglio 2007

L'EUROPA CORRE,L'ITALIA AL PALO.

Il fondo monetario internazionale rivede al rialzo le stime di crescita dell'economia mondiale e europea,ma non dell'Italia.
In particolare la stima di crescita per Eurolandia è del 2,6% per l'anno in corso,l'Italia rimane fanalino di coda tra i grandi paesi industrializzati con una crescita del 1,8% nel 2007 e del 1,7% nel 2008.
In pratica si rischia seriamente di peggiorare il trend di differenza che ci separa dall'Unione Europea,che è rimasto invariato negli ultimi dieci anni.

1996-2000 MEDIA PIL UE  2,80% MEDIA PIL ITALIA  1,90%  DIFFERENZA -0,9%
2001-2005 MEDIA PIL UE  1,54% MEDIA PIL ITALIA   0,70% DIFFERENZA -0,8%
2006         MEDIA PIL UE  2,70%             PIL ITALIA  1,90% DIFFERENZA -0,8%
Dati Eurostat

Intanto la "zavorra" di governo che ci ritroviamo prosegue nella politica degli annunci,dopo aver offerto un cappuccino al giorno ai pensionati,  favoleggia di nuovo di riduzione delle tasse e nuovi tesoretti(Sic), mentre contemporaneamente si richiede urgentemente l'approvazione di una nuova tassazione delle rendite finanziarie, e non si conosce ancora in che modo saranno finanziati 21 miliardi di nuove spese previste per il 2008,ma questa non è una novità,non a caso si è battuto ogni record di spesa pubblica che è arrivata dopo oltre 10 anni a superare il 50% del PIL.
Si continuerà dunque con la sola politica possibile con questo governo,ovvero quella del "tassa e spendi".



17 luglio 2007

SPESA PUBBLICA SENZA FRENI.

 Nel giorno del "tax freedom day" ,ovvero il giorno dell'anno in cui il cittadino cessa di lavorare per lo stato e lavora finalmente per se stesso,l'anno scorso era il 24 giugno,quest'anno secondo stime attendibili è stato spostato di venti giorni più avanti,il governatore della Banca D'Italia,Mario Draghi ha tenuto la consueta relazione al senato sul DPEF.
Il governatore non ha avuto mezze misure nel sottolineare come la spesa pubblica sia fuori controllo,che la riforma delle pensioni va fatta aumentando l'età pensionabile nell'interesse delle giovani generazioni, e la pressione fiscale,ormai a livelli record,va abbassata per favorire la ripresa e lo sviluppo.
Un'altro allarme viene anche dalla Corte dei Conti, che conferma l'incontrollabilità della spesa pubblica,attraverso il Presidente Tullio Lazzaro,in audizione parlamentare al senato,il magistrato contabile nel suo intervento ha rilevato che il miglioramento dei conti pubblici è ascrivibile solo all'aumento della pressione fiscale e delle entrate,ma non c'è nessun rilevante taglio alla spesa pubblica,anzi la prossima manovra finanziaria dovrà prevedere risorse per circa 21 miliardi, non ci sono dubbi che continuando di questo passo,la maggior parte di queste risorse sarà reperita con nuove tasse.
Si conferma insomma il governo del "tassa e spendi".
Il tutto mentre il governo incurante dei moniti della UE e del FMI si appresta a ridurre l'età minima pensionabile con disastrosi effetti sui conti pubblici e sul sistema previdenziale,effetti che saranno pagati per intero dalle giovani generazioni,alle quali si sottraggono risorse preziose per il futuro.
Un accordo che mira a placare la sinistra radicale e la trimurti sindacale,ma che rischia di innescare uno scontro generazionale senza precedenti.


Update:17/07/07- A conferma di quanto sopra, oggi il Presidente dell'ISTAT, Biggeri, in audizione davanti alle commissioni Bilancio di Camera e Senato,ha dichiarato che dopo dieci anni la spesa pubblica italiana ha superato il 50% del PIL, ogni altro commento mi sembra inutile e superfluo.


9 giugno 2007

ANCORA ANNUNCI .

Il ministro Padoa Schioppa si è accorto (quale sorpresa) , che la pressione fiscale in Italia è molto elevata e che quindi sarà necessario ridurre progressivamente le aliquote di prelievo.
Altro non è dato sapere,se non che,è necessario continuare con il consolidamento delle finanze pubbliche e nel contenimento della spesa,con il Dpef il Tesoro fornirà un «atto di indirizzo» che impegnerà le amministrazione a definire le priorità e gli obiettivi da conseguire.
Ormai siamo abituati,è il governo degli annunci, non passa giorno che qualche esponente dell'esecutivo dica la sua sulle priorità e su come si debbano spendere i soldi dell'extragettito.
Solo chiacchiere, divisi su tutto,ognuno tira l'acqua al proprio mulino, con il risultato che per cercare di accontentare tutti, i cittadini sarà un miracolo se vedranno qualche briciola.
Di certo se quei soldi rimanevano nelle tasche dei contribuenti,sapevano certo,meglio del governo, come utilmente impiegarli.

                


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. governo tasse padoa schioppa pressione fiscale

permalink | inviato da Aurora86 il 9/6/2007 alle 2:29 | Versione per la stampa


24 aprile 2007

ESPERIMENTI DI POLITICA FISCALE.

Supponiamo che ogni giorno, dieci uomini escano a bere una birra e che il conto complessivo sia di €100. Se pagassero il conto come paghiamo le tasse, andrebbe più o meno così:
I primi quattro (i più poveri) non pagherebbero niente.
Il quinto pagherebbe €1.
Il sesto pagherebbe €3.
Il settimo pagherebbe €7.
L'ottavo pagherebbe €12.
Il nono pagherebbe €18.
Il decimo (il più ricco) pagherebbe € 59.
E così decisero di fare.
I dieci continuarono a bere al bar ogni giorno e sembravano piuttosto contenti dell'accordo, finchè un giorno, il proprietario fece loro un'offerta.
"Dal momento che siete tutti così buoni clienti," disse, "vi riduco il costo delle vostre birre giornaliere di €20."
Le birre per i dieci ora costano solo €80.
Il gruppo voleva continuare a pagare il conto con lo stesso sistema con cui si pagano le tasse, quindi i primi quattro non furono influenzati dallo sconto. Avrebbero continuato a bere gratis. Ma cosa sarebbe successo per gli altri sei clienti che pagano?
Come potevano dividere i €20 di sconto in modo che ognuno ottenesse la propria "parte equa"? Calcolarono che €20 diviso per sei equivaleva a € 3.33. Ma se avessero sottratto quell'importo dalla quota di ognuno, allora il quinto ed il sesto avrebbero finito con l'essere addirittura pagati per bere la loro birra.
Allora, il barista suggerì che sarebbe stato equo ridurre il conto di ciascuno all'incirca di una quota uguale, e procedette nel calcolo degli importi che ciascuno avrebbe dovuto pagare. E dunque:
Il quinto, come i primi quattro, ora avrebbe bevuto gratis (risparmio: 100%)
Il sesto, avrebbe pagato €2 invece di €3 (risparmio: 33%)
Il settimo €5 invece di €7 (risparmio 28%)
L'ottavo €9 invece di €12 (risparmio 25%)
Il nono €14 invece di €18 (risparmio 22%)
Il decimo €49 invece di €59 (risparmio 16%).
Ognuno dei sei era in condizioni migliori di prima, E i primi quattro continuavano a bere gratis. Ma una volta usciti dal bar, i dieci iniziarono a confrontare il risparmio di ciascuno.
"Ho ottenuto solo un euro su dieci", dichiarò il sesto. E indicando il decimo "ma lui ne ha avuti dieci!".
"Sì, infatti" esclamò il quinto. "Anche io ho risparmiato un solo euro. Non è giusto che lui abbia avuto dieci volte più di me!"
"E' vero" gridò il settimo. "Perchè lui dovrebbe ricevere €10 quando io ne ho avuti solo due? Il ricco si prende tutto lo sconto!"
"Scusate un attimo," urlarono all'unisono i primi quattro. "Noi non abbiamo preso niente del tutto. Il sistema sfrutta i poveri!"
I nove circondarono il decimo e presero a picchiarlo.
La sera successiva, il decimo non si presentò al bar a bere, pertanto i nove si sedettero e presero da bere senza di lui. Ma quando fu il momento di pagare il conto, scoprirono qualcosa di importante. Non avevano abbastanza soldi tra tutti loro per pagare neanche la metà del conto!
E quello, ragazzi e ragazze, giornalisti e professori universitari, è come funziona il nostro sistema fiscale, quelli che pagano più tasse ricevono i maggiori benefici da una riduzione delle tasse. Tassateli troppo, attaccateli per il fatto che sono ricchi, e potrebbero iniziare a non farsi più vedere. In effetti, potrebbero iniziare a bere all'estero dove l'atmosfera è più amichevole.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. tasse politica fiscale esperimenti

permalink | inviato da il 24/4/2007 alle 14:50 | Versione per la stampa


26 marzo 2007

LA BEFFA DEL GAS, PIU' TASSE SPACCIATI PER TAGLI ! ! !

Aumenta nuovamente il gas.
Lo stabilisce il decreto del 23 febbraio del ministero dell’Economia, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 20 marzo, e intitolato Riduzione per l’anno 2007 delle aliquote di accisa sul metano per combustione per usi civili per i consumi nei territori diversi da quelli di cui all’articolo 1 del decreto del Presidente della Repubblica 6 marzo 1978 n. 218, ossia al testo unico delle leggi sugli interventi per il Mezzogiorno.
La Finanziaria 2002 ha stabilito che ogni anno il ministero dell’Economia emani un decreto per armonizzare le tariffe e ridurre gli squilibri esistenti tra le varie zone del Paese. In particolare per la cosiddetta tariffa T2 agevolata, cioè il metano per riscaldamento individuale fino a 250 metri cubi annui di consumo. Il decreto legislativo del 1995 prevedeva un'aliquota di 78,85 euro per mille metri cubi. Nel 2006 il governo di centrodestra l'ha abbassata a 41,40 euro. Mentre il provvedimento dell'Unione l'ha riportata a 46,30 euro per mille metri cubi. Tagliando i 78,85 euro del 1995 ma aumentando la soglia fissata l'anno scorso.

(Adnkronos)


Dopo il raddoppio dell’IVA sul Gas dal 10 al 20% stabilito con il decreto Visco arriva un nuovo aumento almeno per il 70% dei cittadini italiani.
La norma del governo infatti comporta un aggravio dell'11,8% su quella che per qualcuno è la totalità, per tutti la prima fetta delle spese annue per il riscaldamento (escluse le regioni del Mezzogiorno, dove l’aliquota per la stessa tariffa è attualmente di 38,65 euro per mille metri cubi).

Chi si era illuso che,con la stagione mite si potessero effettuare significativi risparmi e compensare l’aumento dell’IVA si è dovuto ricredere.

Probabilmente l’aumento è stato deciso proprio per compensare il calo dei consumi e mantenere invariato il gettito fiscale.

E meno male che il governo aveva promesso in primavera bollette più leggere per i consumatori, come al solito parole, ma questa ormai non è più una novità.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. aumento gas beffa tasse tagli governo

permalink | inviato da il 26/3/2007 alle 16:44 | Versione per la stampa


11 marzo 2007

IL DISASTRO DEI CONTI PUBBLICI? ERA TUTTO UNO SCHERZO.....

Egregio Direttore finalmente, con due mesi di ritardo, il governo si è deciso a dire che sì, il Picozzi di Legnano aveva ragione ai primi di gennaio a contestare il merito degli incrementi di cassa e degli avanzi del fabbisogno e poi, ai primi di febbraio, anche le entrate totali. Diceva, il ragioniere di provincia, che gli effetti della manovra di luglio Prodi-Visco-Bersani hanno causato nell’ultimo trimestre 2006 un calo degli avanzi del fabbisogno, un minore incremento delle entrate, e infine un minore incremento del Pil (Prodotto interno lordo) di soli 0,2 punti cioè un terzo rispetto alla media dei nove mesi precedenti, che era stato dello 0,6% al trimestre. Dato poi confermato dall’Istat nei giorni scorsi quando ha segnalato, sempre nell’ultimo trimestre, un rallentamento della produzione rispetto ai primi nove mesi. Non solo. Fino a giovedì il presidente del Consiglio Romano Prodi lamentava in tv la faccenda dei conti disastrati ricevuti dal duo Berlusconi-Tremonti, quindi non era nemmeno il caso di parlare di ribasso delle tasse almeno per un altro paio d’anni. E i suoi giornali, tutti proni. Da venerdì invece, è tutto un peana: gloria al suo governo che ha mietuto l’abbondante raccolto, un buffetto a quel tal Tremonti che l’aveva preceduto, ma non aveva capito niente.
Lo stato dei conti: Rivediamo rapidamente i conti e gli equilibrismi dell’analisi che per tutti fa il Sole24Ore che, con due ex direttori del Corriere della Sera in plancia, plaude al mietitor cortese ma non sa più che fare: i dubbi della politica, i nuovi equilibri. Non resta che dire: prima la sorpresa, poi le conferme. La strana analisi che presenta lascia intendere: si sapeva tutto fin da prima ma era opportuno non fidarsi dei conti disastrati avuti in eredità, soprattutto se non venivano guardati. Infatti anche il Professore li aveva definiti «gravissimi» e del resto, chi mai li guarda i conti? Solo qualche fissato...
La commissione: La commissione di esperti insediata a fine maggio da  Padoa-Schioppa rilevava subito che le entrate di cassa del primo trimestre, per il venir meno delle sanatorie e altre una tantum di tremontiana memoria, delineava per il 2006 una prospettiva disastrosa in un contesto di crescita economica destinata a rimanere bassa. Infatti i movimenti di cassa dei primi tre mesi segnalavano un fabbisogno migliorato solo del 4% sul 2005. Pur ignorando i tre indicatori dell’incremento della produzione e dell’economia del trimestre segnalati dal professor Forte (aumento degli occupati, del consumi energetici e delle esportazioni) la commissione ricognitiva rilevava che le entrate di cassa dai primi quattro mesi non erano più disastrose ma soltanto discrete, però consigliava di non proiettarle per l’intero anno perché condizionate da versamenti straordinari. L’analista conferma che la relazione è dei primi di giugno, ma ignora del tutto anche i dati di cassa di maggio (che portavano il fabbisogno a un miglioramento del 20%, fissato poi a giugno a poi meno del 30%: un avanzo di 15 miliardi sullo stesso periodo del 2005). Non c’era il tempo per guardare i dati della ragioneria di Stato, per cui il governo si buttava a corpo morto ad inventare la stangata di luglio, riservando alle coop rosse alcuni delicati settori ma dimenticando di aggiornare il tanto vituperato Dpef berlusconiano. La relazione veniva esaminata dal governo soltanto ad autunno inoltrato, cioè a dicembre (sempre senza nemmeno guardare i conti dello Stato da aprile in poi).
I meriti del Polo: I risultati sono questi. Il fabbisogno è calato di 25 miliardi a settembre (fonte: Relazione provvisionale di ottobre) per restare inalterato a dicembre (sempre 25 miliardi). Le entrate tributarie sono aumentate: di 16 miliardi nel primo trimestre, di 9 nel secondo e di altri 9 nel terzo e fanno 34 miliardi nei primi nove mesi. Ma a dicembre sono soltanto 36: l’aumento di soli 2 miliardi: è un sesto dei trimestri precedenti ed è l’effetto Visco-Bersani. Una seconda conferma del blocco imposto nel quarto trimestre viene pure dai dati del Pil: tralasciando per comodità i presunti debiti per la sentenza Ue sui rimborsi della Iva sulle auto e la copertura del deficit delle Ferrovie inseriti in ritardo nel bilancio 2007, il deficit sul Pil ordinario si ferma a 1,9. Si era fermato a settembre a 1,7 (fonte: Istat: 0,8 nel primo trimestre, 0,6 nel secondo e 0,3 nel terzo trimestre: fanno 1,7 a settembre), quindi nel quarto trimestre è aumentato solo di 0,2 punti: ossia un terzo della media dei primi nove mesi. La terza conferma è venuta venerdì con i segnali della produzione industriale, pure essa calata nel quarto trimestre rispetto alla media dei primi nove mesi. Tant’è vero che nessun analista governativo ha avuto il coraggio di commentarli. Cosa che faremo dopo aver anche verificato i primi dati di quest’anno.
La Finanziaria:Ribadiamo i concetti. Lo sforzo impresso dal governo Berlusconi-Tremonti ha dato i frutti nei primi nove mesi perché il decreto Bersani di luglio, approvato a settembre, ha dato i suoi effetti solo a partire da ottobre. E i risultati si sono visti; il merito delle maggiori entrate è dovuto soltanto ai tributi sui redditi del 2005 e sugli acconti del 2006 ma calcolati in percentuale sui redditi del 2005; le misure antievasione, che Visco misura adesso in 2,4 miliardi, non possono essere frutto di attività svolte nel terzo trimestre per la semplice ragione che, lo sanno tutti, le verifiche comportano i pagamenti quando va bene almeno un anno dopo, non un anno prima; che la tax compliance, calcolata da Visco in 9,8 miliardi, sia merito suo è una frottola colossale perché da gennaio a settembre i suoi decreti erano inefficaci: non c’erano ancora! E da ottobre a dicembre, quando si pagano gli acconti di novembre sui redditi e dell’Iva a dicembre, il maggior introito è stato di soli 2 miliardi: meno di quelle che il governo cita come «misure antievasione»! Da quale buco salta fuori la tax compliance, cioè versamenti volontari in più rispetto al dovuto fatti dai contribuenti evasori?

Piergiorgio Picozzi-06/03/2007

 

Nessuna meraviglia,almeno da parte mia, già da maggio dello scorso anno avevo scritto della “bufala del disastro dei conti pubblici” , allarmismo e catastrofismo a piene mani per far digerire agli italiani una finanziaria tutta tasse che è servita per fare spesa pubblica e “assistenzialismo industriale”.

Se c’è un disastro dei conti pubblici non si fa una manovrina a luglio per apportare una ridicola correzione dello 0,1%, del resto anche il commissario UE Almunia , sempre a maggio dichiarava che i conti erano in ordine e per tenerli sotto controllo serviva una finanziaria nello stesso solco di quella 2006,ma questo avrebbe impedito come detto di allargare i cordoni della spesa pubblica e fare assistenzialismo alla grande industria penalizzando la piccola media impresa da sempre motore dell’economia italiana.

Il vero buco è quello che ha ricevuto in eredità il governo Berlusconi nel 2001,certificato da Eurostat e dalla Ue in 38.000 miliardi di lire .

Non fa piacere in questo caso essere stata facile profeta, basta andare a rileggere quanto ho scritto sull’argomento l’anno scorso: Occhio ai risparmi, Effetti retroattivi del governoMa quali tasse , Quelli che: ci hanno lasciato un disastro, Fine delle menzogneUn buco da 33,8 mld di euro , questo solo per citarne alcuni.

Questo dunque chiude definitivamente la questione,il disastro dei conti pubblici  non c’è , non c’era, non c’è mai stato, sembra però che anche gli italiani lo abbiano capito bene, se è vero come è vero che, tutti gli istituti di sondaggio pur con la dovuta cautela, indicano univocamente che : “ 2/3 degli italiani sono letteralmente schifati da questo governo”, e non sarà certo per caso.


10 marzo 2007

ADESSO SE NE ACCORGE.....

"Bisogna intervenire ancora sul reddito dal lavoro dipendente perche' gli sgravi promessi, in realta', hanno funzionato solo per i carichi familiari e perche' le addizionali hanno peggiorato le attese e le speranze: Con 1.200, 1.300 euro netti al mese si pagano piu' tasse di prima. Lo ha detto il segretario della Cgil, Guglielmo Epifani, a margine di un'inizativa della Filtea-Cgil tenuta a Firenze e rispondendo ad una domanda sul surplus fiscale.
"Intanto - ha spiegato Epifani - vorrei capire il quanto di questo surplus: un conto e' se si tratta di 8 miliardi, un conto se si tratta di 10 o di 6". Stiamo parlando di un tesoretto strutturale, cioe' qualcosa che puo' essere restituito senza contraccolpi. "In questo contesto le priorita' sono quei problemi che la Finanziaria non ha affrontato, come la condizione dei pensionati, il problema degli incapienti, di coloro che sono in condizioni difficili".

Repubblica 09/03/2007

 

Toh che sorpresa,se ne è accorto anche Epifani, ma come non era stato lui a dire che la finanziaria “sembrava scritta dalla CGIL”?

E del cuneo fiscale che i lavoratori dipendenti hanno preso solo in quel posto,non ci dice niente?

A quando una gita a Roma,comprensiva anche di cestino pranzo, per protestare contro queste ingiustizie?

Eppure non molto tempo fa  i trinariciuti scendevano in piazza per protestare finanche contro l’istituzione della no-tax area, adesso che fanno subiscono e tacciono?

Strano che gli stessi lavoratori non prendano a calci questi pseudo-sindacalisti che fanno politica e difendono tutt’altri interessi che i loro,ma del resto bisogna comprenderli, oltre che koglioni  sono anche masochisti.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. tasse addizionali epifani cgil finanziaria reddito lavoro dipendente

permalink | inviato da il 10/3/2007 alle 22:37 | Versione per la stampa


27 maggio 2006

IL MANUALE DI RESISTENZA FISCALE.

Lo sciopero o “resistenza fiscale” ipotizzato dal leader della CDL  Silvio Berlusconi  contro i previsti e probabili aumenti di tasse del governo e per “salvaguardare le tasche dei cittadini”, è una forma di protesta estrema,intelligente, funzionale e  soprattutto  legale, poiché  prevede  il pagamento delle imposte dovute non alla scadenza,ma differito nel tempo accollandosi i costi delle penali e accessori che sono del tutto irrisori, nell’ordine del 6% annuo sul dovuto.

Giusto per fare un esempio,su 100 euro dovuti al fisco,il ritardo nel pagamento di un anno costa 6 euro,praticamente molto meno di un centesimo al giorno.

A grandi linee si prevede questo:

 

-nessun acquisto o rinnovo di titoli di stato,scegliere forme di investimento alternativo secondo la tassazione vigente più conveniente e che magari rendano di più ad esempio immobili;

 

-Indirizzare il 5 per mille alle nuove associazioni;

 

-Non fare rifornimento di benzina ai distributori Agip,controllati dall’ENI che garantiscono al ministero dell’economia qualche miliardo di dividendi annui;

 

-Non pagare alla scadenza tutti i tipi di  imposte dovute all’erario,quali ad esempio IVA,IRE(EX IRPEF) E ADDIZIONALI, IRAP, IRPEG, CONTRIBUTI INPS  ecc.ecc.,ma effettuare il pagamento in ritardo di mesi o addirittura anni come sarà concordato;

 

Basta che  più o meno la metà degli elettori  e contribuenti della  CDL aderiscano alla protesta,circa 9 milioni,ciò sarebbe fatale per l’erario e  causerebbe mancati introiti per 30 miliardi di euro annui,questo provocherebbe l’implosione del sistema,salterebbe tutto.

Naturalmente si spera di non arrivare a questo,i cittadini sono stufi di essere spremuti da uno stato DIRIGISTA e ASSISTENZIALISTA, e CARROZZONI MANGIASOLDI  che finanziano notti bianche a go-go, scuole per veline, terroristi che fanno i consulenti, assessorati alla pace e al perdono, e chi più ne ha,più ne metta.

C’è un’altra Italia,noi non siamo così…..



                                  


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. sciopero fiscale silvio-berlusconi tasse

permalink | inviato da il 27/5/2006 alle 2:20 | Versione per la stampa

sfoglia     gennaio        marzo
 

 rubriche

Diario
Immagini del giorno
Trinariciuti
Politica
Miseria,Terrore e Morte
Silvio Berlusconi
Parole in libertà

 autore

Ultime cose
Il mio profilo

 link

MARA CARFAGNA
IDEAZZURRA
NON SOLO NAPOLI
AG BELLUNO
KOMUNISTELLI
PER IL POPOLO DELLA LIBERTA'
FILIPPO
IL BERRETTO A SONAGLI
FAZIOSO LIBERALE
PENSIERI IN VOLO
VOCERIBELLE
MARALAI
AMPIORESPIRO
F. STORACE
LA DESTRA NEWS
IL VELINO
YOUTUBE
CASA DELLE LIBERTA':
FORZA ITALIA
FORZA ITALIA GIOVANI
FORZA ITALIA SENATO
FORZA ITALIA CAMERA
FORZA ITALIA GRUPPO EUROPEO
ALLEANZA NAZIONALE
LEGA NORD
UDC
NUOVA DEMOCRAZIA CRISTIANA
NUOVO PSI
MOVIMENTO PER L'AUTONOMIA
PARTITO LIBERALE
PARTITO REPUBBLICANO
RIFORMATORI LIBERALI
STEFANIA CRAXI
ALESSANDRA MUSSOLINI
PENSIONATI
MOVIMENTO SOCIALE-FIAMMA TRICOLORE
PARTITO POPOLARE EUROPEO
CIRCOLO DELLA LIBERTA'
CIRCOLO GIOVANI
MEDIA:
ADNKRONOS
ANSA
AVVENIRE
CORRIERE DELLA SERA
DAGOSPIA
FAMIGLIA CRISTIANA
IL FOGLIO
IL GIORNALE
IL LEGNO STORTO
IL MANIFESTO
IL MESSAGGERO
IL SECOLO XIX
ILSOLE24ORE
IL TEMPO
ITALIA LIBERA
LA 7
LA DISCUSSIONE
L'ESPRESSO
LIBERAZIONE
LIBERO
L'OPINIONE
L'OSSERVATORE ROMANO
LA PADANIA
LA STAMPA
LA TV DELLA LIBERTA'
L'UNITA'
MEDIASET
NOI PRESS
PANORAMA
POTERE SINISTRO
QUOTIDIANONAZIONALE
RAGIONPOLITICA
RAI
RAI TELEVIDEO
RASSEGNA STAMPA
REPUBBLICA
SONDAGGI POLITICO-ELETTORALI
TGCOM
THINK-TANK:
FONDAZIONE LIBERAL
FREE FOUNDATION
IDEAZIONE
ISTITUTO BRUNO LEONI
MAGNA CARTA
WEB JOURNAL:
BLOG-SHOW
BOOKCAFE
LIQUIDA
DICEVI? BLOGS JOINER
TOCQUEVILLE-LA CITTA' DEI LIBERI
FORUM:
ALFEMMINILE
CORRIERE FORUM
DONNA MODERNA
FORUM NUOVO PSI
FUORI DI TESTA
GIOVANI IT.- POLITICA
L’UNITA’
LA STAMPA FORUM
MARCO TRAVAGLIO FORUM
POLITICA ON LINE
REPUBBLICA
ULIVO/PD
SITI…ONOREVOLI:
ANTONIO PALMIERI
BENEDETTO DELLA VEDOVA
CLEMENTE MASTELLA
CARLO GIOVANARDI
GIULIO TREMONTI
RENATO BRUNETTA
PAOLO GUZZANTI
TOTO’ CUFFARO
AURORA86 CONSIGLIA:
!!:::GOVERNO PRODI
123 BETA
A CONSERVATIVE MIND
ACROSS THE BORDER
ADESTRA
AD SIDERA
AG AVERSA
AGE-VERNACOLESE
AKELA THE WOLF
ALEPUZIO
ALESSANDRA FONTANA
A LOOK TO THE RIGHT
ALTERNATIVA POPOLARE
AMANDACCO
AMERICAMERCATOINDIVIDUO
AMERICA THE BEAUTIFUL
ANNI DI SANGUE
ANTIKOMUNISTA
ANTIEUROPEO
ARCHEOPTERIX
ARMONIA DEI SENSI
ASTROLABIO
ATROCE PENSIERO
AZIONE GIOVANI
BALESTRATESI
BANDO ALL'IPOCRISIA
BARNEY PANOFSKY
BARRY GOLDWATER
BATTITORE LIBERO
BIETTO(ANCHE SE NON CI SEI PIU')
BIG DOGS WEBLOG
BLAKNIGHTS
BLOGIORNALE
BLOG PER SILVIO
BOTTOMLINE
C'E' WALTER
CALAMITYJANE
CALIMERO
CALVIN
CAMELOT DESTRA IDEALE
CAMILLO
CANTOR
CAPPERI
CARLO MENEGANTE
CATEPOL
CASTELLO BIANCO
CENSURAROSSA
CENTRODESTRA
CIRCOLO DELLA LIBERTA’ GOLFO DEL TIGULLIO
CIRCOLO GIOVANI FIRENZE CENTRO STORICO
CIRCOLO DELLA LIBERTA’ IL CAMINETTO
CIRCOLO LIBERTA’ TORINO
CHE CI DEVI FARE
CIVILTA'
COMMERCIALISTA
CONTROCORRENTE
C'E' POCO DA RIDERE
DALL’ALTRA PARTE
DAVERIK
DAW
DEBORAH FAIT
DEEARIO
DEIMM
DESTRA LAB
DIETRO LE LINEE NEMICHE
DILLA TUTTA
DORIA
DUMBS OX DAILY
EL BOARO
FABIO SACCO
FACE THE TRUTH
FATTI&MISFATTI
FENOMENI IN GIRO NON C’E’ NE
FREEDOMLAND
FREE THOUGHTS
FORT
FORZA FRIULI
FORZA ITALIA-BLOG
FULVIA LEOPARDI
GABIBBO
GAETANO SAGLIMBENI
GAWFER
GEMELLE GLITTER
GERMANYNEWS
GIANNI DE MARTINO
GIANFRANCO FINI PREMIER
GIANGIACOMO’S THINK THANK
GINO
GIOVANNI VAGNONE
GIOVANI AZZURRI VENETO
GIOVANI CON SILVIO
GIULIA NY
GRAZIE BERLUSCONI
GRENDEL FROM THE MOOR
HARRY
HARRY'S WORLD
HURRICANE
I DIAVOLI NERI
IGNAZIO ARTIZZU
IN GOD WE TRUST
ING.GAS NEO CON WEBLOG
INGEGNERBLOG
INNOVAZIONE GIOVANI
IL BARONE NERO
IL BLOG DELL'ANARCA
IL CAMPER
IL CASTELLO
IL CIELO SOPRA KABUL
IL FILO A PIOMBO
IL GIOVINE OCCIDENTE
IL GIULIVO
IL GRANDE GABBIANO
IL GRINCH
IL MANGO DI TREVISO
IL MASCELLARO
IL MIO MONDO
IL MISCREDENTE
IL NANO
IL RE DELLA MONNEZZA
IL REAZIONARIO
IL SIGNORE DEGLI ANELLI
IL SORVEGLIATO SPECIALE
IN ETERE
INYQUA
IL MOTEL DEI POLLI ISPIRATI
IL RUMORE DEI MIEI VENTI
IO&LUI
ITALIA LAICA
ITALIAN LIBERTARIANS
ITURADASTRA
JIHADI DU JOUR
JOYCE
KAGLIOSTRO
KATTOLICO
KRILLIX
L'USSARO
LA CASA DELLE LIBERTA' BLOG
LA CITTADELLA
LADYJADINA
LA GRANDE FORZA DELLE IDEE
LA LIBERTA’ VA CONQUISTATA OGNI GIORNO
LA RISCOSSA
LA TAVOLA ROTONDA
LA TERRA DI MEZZO
LA TESTATA
LA VOCE DEL PADRONE
LE BARRICATE
LEFTKILLER
LE GUERRE CIVILI
LIBERALIDEA
LIBERALI PER ISRAELE
LIBERIAMO MASSA
LIBERTA' AZZURRA(LA)
LIBERTARIAN POST
LISISTRATA
LOGICA
LUCAP.
LUCARIELLO.TK
LUXOR
M&A
MANOLO
MAODDI
MARCOPAOLOEMILI
MARINIELLO
MATTEO SANNA
MELANDRINA
MEMORIE DI UN TERRONE
MEZZOGIORNOEUROPEO
MIKEREPORTER
MITHRANDIR
MISSIONARIO
MONDIAL POST
MONDOPICCOLO
MUSICAEPOLITICA
NNHOCAPITO
NEBBIA IN VALPADANA
NE QUID NIMIS
NEOCON ITALIANI
NON PORGIAMO L'ALTRA GUANCIA
NON SI ABBIA TIMORE DI PUNIRE CAINO
NEXTCON
OGGI
OLIFANTE
ORPHEUS
OTIMASTER
PARBLEU
PARLA PER TE
PAROLIBERO
PARTIGIANO WILLIAM
PASSAGGIO A NORD EST
PASSAGGIO AL BOSCO
PAROLE&PENSIERI
PATRIOTI SI NASCE
PEGGIO SORU
PENDENTE A DESTRA
PERLAS
PESCARA LIBERA
POLITICALLY-SCORRECT
POLITICANDO
PORNOROMANTICA
POSIZIONE AUTARCHICA
PRO AMERICAN MOVEMENT
PROVOCAZIONE
PSEUDOSAURO
QUALCOSA DI DESTRA
QUID TUM?
RADICI E LIBERTA'
REJECT THE UN
ROBI
ROBINIK
ROLLI
SALVATORE LAURO
SARA-90
SARA PETELLA
SAURA PLESIO
SCHEGGE DI VETRO
SCHELETRI-SINISTRI
SCIOPENAUER
SGS
SICILIA RADICALE
SIETE PROPRIO COGLIONI
SIGLOBAL
SILVIOBERLUSCONIFANSCLUB
SILVIO NON FARMI ASTENERE PIU'
SINISTRERIA
SLIVERS OF MY SOUL
SONGCODES
SOSTIENI LANDRIANO
STARSAILOR
STATO MINIMO
STUDENTI PER LA LIBERTA'-MI
STUDIO LEGALE FIORIN
SUPERUOMO
SVULAZEN
TBLOG
TEXAS FRED
TEOCON
THANK YOU AMERICA
THE BRAIN WASH
THE HOLE IN THE WALL
THE JUST CHOICE
THE MOTE IN GOD’S EYE
THE NEW OBJECTIVIST
THE REAL CONSERVATIVE
THE RIGHT NATION
THUMBRIA
UGO MARIA CHIRICO
UPL
USER 2501
VALEFORN
VALERIO METRONIO
VELVET
VEXILLA
VIRGILIO FALCO
VITA E PASSIONI
VIVENDO E IMPARANDO
VOCIRPINE
VOTA SILVIO
W LA LIBERTA'
WALKING CLASS
WIND ROSE HOTEL
ZANZARA

Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0

Feed ATOM di questo blog Atom