.
Annunci online

  Aurora86 AZZURRA LIBERTA' - * BLOG MORALMENTE INFERIORE *
 
Parole in libertà
 





   


HOME PAGE BLOG

AZZURRA LIBERTA'-ASCOLTA
 

INNO FORZA ITALIA-ASCOLTA
 



In una democrazia è il popolo
che sceglie i leader, non sono
i leader che scelgono il popolo.
Silvio Berlusconi 02/12/2006

MENO MALE CHE SILVIO C'E'



PROGRAMMA DI GOVERNO
2008-2013


TUTTI I CANDIDATI DEL
POPOLO DELLA LIBERTA'





Vota Berlusconi

 




...andremo avanti con la forza
della gente contro i parrucconi
della politica.-Silvio Berlusconi
P.zza S.Babila Milano 18/11/2007





Vota Berlusconi
 






"Lightmysite.it promuove il tuo blog  
sui motori di ricerca con
Promoblog
- fai luce sul tuo blog..."                  


"La difesa della libertà è la
missione più alta,più nobile,
più entusiasmante che      
ciascuno di noi possa avere
l'avventura di fare."     
Silvio Berlusconi  
























"E' sorta in questi anni 
un'altra Italia, umile e  
tenace , orgogliosa e    
onesta, moderata  ma   
ferma  nel  difendere   
i  principi  di  libertà,   
che  non  ha  nessun    
passato da nascondere 
e  che  soprattutto non 
ha paura di sperare e di
credere. Questa  Italia 
siamo  noi,  si  chiama  
FORZA  ITALIA  "     
Silvio Berlusconi





STO LEGGENDO:
CAMBIARE REGIME
La sinistra e gli ultimi
45 dittatori(Einaudi)


"Cos'altro dovrebbe fare
la sinistra,se non lottare
contro  le dittature  e
battersi per liberare i
popoli oppressi?"



LA GRANDE BUGIA 
"Le sinistre italiane e
il sangue dei vinti".
 


GRAZIE ORIANA: PENSIERI
E PAROLE INEDITI DOPO
L'11 SETTEMBRE.



Technorati Profile

Add to Technorati Favorites

Save This Page
del.icio.us my del.icio.us
Registra il tuo Blog
I am Aurora86 on del.icio.us
Add me to your network




Aurora86
? Grab this Headline Animator

Enter your email address:

Delivered by FeedBurner

Subscribe in a reader


Add to Google Reader or Homepage
Subscribe in NewsGator Online
Subscribe in Rojo
Add to My AOL
Add to netvibes
Subscribe in Bloglines
Add to The Free Dictionary

Add to Plusmo
Subscribe in NewsAlloy
Add to Excite MIX
Add to netomat Hub
Add to fwicki
Add to flurry
Add to Webwag
Add to Attensa
Receive IM, Email or Mobile alerts when new content is published on this site.
Add Aurora86 to ODEO
Subscribe in podnova

Add to Pageflakes

Subscribe to Aurora86

I heart FeedBurner

Visit the Widget Gallery
View blog reactions


Liquida



BlogItalia.it - La directory italiana dei blog

Blog Aggregator 3.3 - The Filter

Elenco dei Blog italiani blog Directory, inserisci il tuo

Blog-Show la vetrina italiana dei blog!












































PUBBLICIZZA GRATUITAMENTE
IL TUO SITO CON FREE -      
PUBBLICITA' GRATIS ! ! !      
CLICCA QUI...










"Troppo spesso è stata dimenticata   
la moralità del fare, la moralità del    
realizzare il programma annunciato  
agli elettori, la moralità dell’operare  
per mantenere gli impegni e per         
mantenere la parola data.                  
Per noi, la moralità nella politica        
consiste soprattutto nel mantenere  
gli impegni."   Silvio Berlusconi 


ARCHIVIO
SETTEMBRE 2008
AGOSTO 2008
LUGLIO 2008
GIUGNO 2008

MAGGIO 2008
APRILE 2008
MARZO 2008
FEBBRAIO 2008
GENNAIO 2008
DICEMBRE 2007
NOVEMBRE 2007
OTTOBRE 2007
SETTEMBRE 2007
AGOSTO 2007
LUGLIO 2007 

GIUGNO 2007
MAGGIO 2007
APRILE 2007
MARZO 2007
FEBBRAIO 2007
GENNAIO 2007
DICEMBRE 2006
NOVEMBRE 2006
OTTOBRE 2006
SETTEMBRE 2006
AGOSTO 2006
LUGLIO 2006
GIUGNO 2006
MAGGIO 2006







who's online


      

AURORA86
FEED IMAGES








11 luglio 2009

LA DEMOCRAZIA IN PERICOLO

C’è davvero di che preoccuparsi se il trebbiatore di Montenero di Bisaccia,alias Antonio Di Pietro, acquista due pagine a pagamento sul Guardian e sull’ Herald Tribune per denunciare il pericolo che corre la democrazia italiana a causa del Lodo Alfano (Sic) .

A parte che non si capisce quali siano questi pericoli , visto che il Lodo Alfano sospende e non annulla i processi per la durata delle alte cariche dello stato, l’unico scopo dichiarato sarebbe quello di far processare Berlusconi per il caso Mills, ma anche questo sarebbe un clamoroso buco nell’acqua, considerato che il processo, quando sarà, ricomincerà dall’inizio e senza la “pasionaria” Nicoletta Gandus, magistrale esempio di “terzietà del giudice”,  un processo fondato sul nulla, come già appurato dalla magistratura inglese, con l’unico risultato certo che non potrà mai arrivare a sentenza prima della prescrizione per decorrenza dei termini.

Ma non solo,emerge prepotentemente, ancora una volta, la mostruosa ignoranza giuridica e istituzionale del trebbiatore molisano che, con questo atto, praticamente delegittima di fatto un parlamento democraticamente e liberamente eletto che ha approvato la legge in questione, il presidente della repubblica che l’ha controfirmata senza rilevare palesi vizi di incostituzionalità, e infine la stessa Corte Costituzionale chiamata a pronunciarsi sullo stesso.
Insomma costui si arroga il diritto di stabilire cosa è costituzionale e cosa non lo è, e se non è come pensa lui la democrazia è in pericolo (Sic), un vero e proprio concentrato di “autostima” , finirà che presto lo vedremo con uno scolapasta in testa, in Italia mancano soltanto i caschi blu dell’ONU e poi siamo a posto.
 
Se poi a tuonare contro il Lodo Alfano è un “Re della Casta”, un “campione della legalità” a chiacchiere  come Di Pietro, che protesta contro il Lodo Alfano e contemporaneamente si fa scudo dell’immunità dell’europarlamento per sottrarsi al processo intentato dal giudice Filippo Verde contro di lui per diffamazione con richiesta di risarcimento danni pari a 210.000 euro, non c’è davvero nulla da prendere sul serio, c’è solo da scompisciarsi dalle risate, soprattutto pensando a tutti quei frustrati e sfigati titillati da questo piccolo  tribuno ignorante e presuntuoso, in nome della giustizia e della legalità.
 
 

 

 


8 luglio 2009

NESSUNA SANATORIA

Il sottosegretario Giovanardi e altri esponenti della maggioranza, l’opposizione, la CEI, l’associazionismo cattolico ecc. , che si preoccupano per l’assistenza alle famiglie dopo l’approvazione del DL sicurezza che prevede tra gli altri il reato di “immigrazione clandestina”, e chiedono una sanatoria per le colf e le badanti , possono dormire sonni tranquilli,  non ci sarà nessuna sanatoria perché non serve a nulla, le leggi infatti non possono essere retroattive ma valgono per il futuro, quindi colf e badanti che danno il loro valido contributo alle famiglie italiane non hanno nulla da temere anche se entrarono in Italia irregolarmente.

E poi se si fa una sanatoria per queste categorie di lavoratori, bisognerebbe estenderla anche ad altre categorie, senza contare comunque che è la stessa UE che le vieta tassativamente.

Chissà perché in Italia c’è questo vizio di perdere tempo a discutere su questioni che alla fine si rivelano del tutto insussistenti.

Così come a  proposito dell’approvazione del “pacchetto sicurezza” , sul quale lo stesso Berlusconi ha espresso profonda soddisfazione : “ una legge fortemente voluta da tutto il governo e in particolare dal presidente del consiglio” ,   si è parlato soltanto dell’introduzione del reato di immigrazione clandestina, delle ronde e del trattenimento sino a 180 giorni nei centri di identificazione e di espulsione dei clandestini e non dell’aumento di quattro anni del carcere duro per chi è accusato di mafia o il vincolo per gli imprenditori di denunciare il “pizzo”, e del fatto che vengono allontanati non solo sindaci e consigli comunali in odor di mafia, ma anche singoli dirigenti tecnici o amministrativi se risultanti collusi.

Ma si sa, gli sponsor dei clandestini in Italia, sono poi i migliori alleati dei mercanti di carne umana.

 

 


13 giugno 2009

NON SI PUO' UCCIDERE CHI E' GIA' MORTA

Dopo l’approvazione alla camera dei deputati del DDL sulle intercettazioni, con voto finale a scrutinio segreto e con la sorpresa di una ventina di voti in più non previsti da parte dell’opposizione, a dimostrazione che è una buona legge, come previsto si sono subito levati gli alti lai oltre che dell’opposizione, anche della federazione della stampa, dei giornalisti , di guitti che “campano” parlando male di politici e VIP , altri autoeletti rappresentanti della società civile per grazia di Dio e volontà della nazione e naturalmente non poteva mancare al coro l’associazione nazionale magistrati, la quale attraverso il presidente Palamara , dichiara che l’approvazione definitiva della legge sulle intercettazioni provocherà “ la morte della giustizia penale” (Sic).
Ora a parte il fatto che la giustizia in Italia è morta da un pezzo, e dunque non si può uccidere di nuovo chi è già morta, quando l’ANM e la “cloaca correntizia” del CSM prendono posizione contro i provvedimenti del governo, significa che siamo sulla strada giusta, è come avere un marchio DOC o il “bollino blu” di qualità, adesso l’importante è giungere al più presto all’approvazione definitiva.
A proposito di CSM , sono semplicemente patetiche le dimissioni di alcuni membri togati da una commissione sull’assegnazione degli incarichi che scadrà tra 15 giorni, per protesta contro il ministro Alfano che ha semplicemente detto quello che tutti sanno, ovvero che gli incarichi nelle procure sono attribuiti con logiche spartitorie di correnti all’interno del CSM.
Ecco se proprio vogliono protestare davvero, e se hanno gli attributi si dimettano da consiglieri del CSM, c’è da scommettere che non lo faranno mai.








11 giugno 2009

QUELLI CHE HANNO BATTUTO BERLUSCONI

Mentre sto approntando una riflessione sul voto europeo e amministrativo, ho scoperto che in Italia c’è un nuovo leader nel partito democratico, tale Debora Serracchiani , che dopo un intervento alla direzione nazionale del PD è stata candidata alle europee nel collegio Nord – Est , il PD e la stessa Serracchiani esultano poiché in un sottocollegio creato apposta per l’occasione, il Friuli Venezia Giulia , ha battuto Berlusconi nelle preferenze personali, esattamente 73.910 contro 64.286 del Cavaliere , naturalmente poco conta che in tutta la circoscrizione nel suo insieme Berlusconi ha largamente surclassato tutti.
Con questo sistema dei sottocollegi creati per l’occasione , la Serracchiani non è l’unica a potersi vantare di aver battuto Berlusconi, lo può fare di più e meglio l’assessore calabrese Pirillo che nella sua regione ha preso più preferenze di Berlusconi, idem come sopra nell’insieme della circoscrizione, così come nel sottocollegio di Avellino - Nusco De Mita ha avuto più preferenze del Cavaliere e come tacere del sottocollegio di Benevento – Ceppaloni dove persino Mastella può vantarsi di aver surclassato Berlusconi, 5680 contro 5.175 ?  e potrei continuare fino a domani mattina.
Io mi domando e vi domando “ma questi ci sono o ci fanno”?


                  


15 maggio 2009

D'ALEMA:I RESPINGIMENTI DEI CLANDESTINI NON LI HA INVENTATI MARONI







16 aprile 2009

PASSERELLA MEDIATICA

Probabilmente Franceschini non ha ben chiaro il concetto di “passerella mediatica” che evoca per stigmatizzare la riunione del consiglio dei ministri convocata all’Aquila la prossima settimana.
Il consiglio dei ministri si tiene in Abruzzo per dimostrare solidarietà, sensibilità e vicinanza del governo e del paese tutto alla popolazione vittima del terremoto, e perché in quel contesto verranno adottati provvedimenti che la riguardano.
Analoga iniziativa del resto fu fatta a Napoli in occasione dell’emergenza rifuti.
Le passerelle mediatiche sono altra cosa, a titolo di esempio sono quelle fatte non molto tempo fa dal governo nella reggia di Caserta, con la sola motivazione di “ fare ammuina” e discettare su un programma di governo di 300 pagine che conteneva tutto e il contrario di tutto senza decidere nulla, come è prassi costante di questa sinistra italianaparolaia e inconcludente”.
Qualcuno spieghi la differenza a Franceschini ,farà un opera meritoria che impedirà al segretario del PD di dire ulteriori sciocchezze.





3 marzo 2009

UNA BOUTADE

E’ un autentica boutade, la proposta del vice disastro del PD, Franceschini, di corrispondere un assegno a tutti coloro che perdono o hanno perso il lavoro, senza specificare per quanto tempo o il massimale di tale assegno.
La migliore risposta alle esternazioni del vice disastro l’ha data il sen. ed economista del PD Nicola Rossi: “ è solo un iniziativa mediatica, ci sono ragioni di finanza pubblica che sconsigliano caldamente manovre in disavanzo”, Franceschini imperterrito continua a sostenere che il provvedimento si può finanziare con il potenziamento della lotta all’evasione fiscale, ed è del tutto evidente che il poverino,oltre ad ignorare cosa sia il PIL, come dimostrò qualche tempo fa nella trasmissione Ballarò, ignora che l’eventuale accertamento di evasione non viene certo incassato subito dall’agenzia delle entrate, bensì dopo un contenzioso che a volte dura anni, e magari anche rateizzato.
Detto questo il governo ha fatto tutto il possibile per dare un sussidio a chi perde il lavoro in questa congiuntura globalizzata, oltre ad aver raddoppiato l’importo a disposizione per la cassa integrazione ordinaria, in accordo con le regioni ha messo in campo altri fondi per la tutela dei lavoratori delle piccole imprese e dei precari, che erano esclusi da questi ammortizzatori, per un totale di 8 miliardi in due anni, che certo non sono tantissimo ma neppure poco.
Siccome non si vede ancora l’uscita dal tunnel della crisi e nessuno può azzardare previsioni attendibili per la ripresa, è quantomeno inopportuno fare manovre in disavanzo, qualche altra manovra come il ripristino dello scalone pensionistico, inopportunamente abolito dal governo Prodi che costa alle finanze pubbliche 10 miliardi , è meglio riservarla per altri momenti se le circostanze lo richiederanno.
E a proposito del vice disastro Franceschini, oggi a parlando di future alleanze ha affermato che è “possibile riformare una coalizione, ma non certo coalizioni di 12 partiti litigiosi” (Sic) , insomma l’andiamo da soli dopo pochi mesi è stato già messo in soffitta, adesso cosa si farà un nuovo Ulivo?
E a seconda di quanti partiti e partitini ne faranno parte si vedrà se sarà Ulivo,Ulivetto o Ulivone, mah.
Tranquilli compagni, nulla è perduto, lo spettacolo continua
.







5 febbraio 2009

UNO SCOLAPASTA PER DI PIETRO

Il trebbiatore di Montenero di Bisaccia, Di Pietro, se prima faceva ridere , adesso fa dubitare del pieno possesso delle sue facoltà mentali e francamente comincia ad annoiare.
E’ assolutamente condivisibile infatti, quando detto dal senatore Gasparri, a proposito delle ultime farneticazioni del leader dell’Italia dei favori e dei valori immobiliari : “Ho acquistato uno scolapasta che manderò a Di Pietro, che potrà agevolmente utilizzarlo come cappello alla sera quando rientra nella clinica psichiatrica dove certamente risiede”.
Dopo gli improperi di Piazza Farnese, l’ex PM ha ulteriormente alzato il tiro contro il Quirinale, e in una lettera aperta al presidente Napolitano, consiglia di non firmare la nuova legge in arrivo sulle intercettazioni e di intervenire in difesa della costituzione, vomitando poi ulteriori sciocchezze sui provvedimenti messi in cantiere dal governo, sulle prerogative del parlamento e arrivando addirittura a paragonare il governo al nazismo tedesco.
Ora che un personaggio del calibro del trebbiatore di Montenero, possa giudicare cos’è costituzionale oppure no, e sindacare i provvedimenti (che possono piacere o no) votati da un parlamento eletto democraticamente dal popolo sovrano come “scempio della democrazia” , fa solo sbellicare dalle risate.
Io invece mi preoccupo molto di più per i frustrati,sfigati, forcaioli e giacobini, che titillati da questo mediocre tribuno e dai suoi compagni di merende credono di essere la “parte sana della nazione” nel nome della giustizia e della legalità (Sic), che è tale però solo quando va bene a loro.
Questi rischiano davvero di arrivare con il fegato a pezzi sino alle prossime elezioni politiche tra 4 anni, ecco è della loro salute che io mi preoccuperei, probabilmente tra costoro che, presi uno ad uno sono delle amebe informi e tutti insieme sono una “canaglia urlante” di tipo squadrista che insultano e odiano scaricando così le colpe del loro fallimento e della loro mediocrità, ci saranno senz’altro tanti che, se non materialmente almeno idealmente, parteciparono alle invettive e al lancio di monetine contro Bettino Craxi , chissà quando capiranno che sudditi erano, tali sono rimasti e sempre lo saranno, a prescindere da chi governa, “ coltivino pure l’indignazione” se ciò gli aggrada,che intanto Berlusconi governa e così chi verrà dopo di lui.








28 gennaio 2009

NAPOLITANO MAFIOSO?

Il trebbiatore di Montenero,alias il coniglio Di Pietro, che imperturbabile continua a sfuggire al confronto tv con Gasparri che l’ha sfidato a spiegare agli italiani le malefatte sue,del figlio Cristiano, e dell’Italia dei favori e dei valori immobiliari, questa mattina, arringando un migliaio di “frustrati e sfigati” a Roma,in piazza Farnese, dove era esposto uno striscione poi sequestrato : “ Napolitano dorme, l’Italia insorge” , ha accusato il Presidente della Repubblica, Napolitano, di parzialità e di silenzio mafioso (Sic), rispetto a presunte leggi incostituzionali e alla vicenda dello scontro tra le procure di Catanzaro e Salerno, che, come richiesto del ministro della giustizia, Alfano, e approvato dal CSM, ha determinato pesanti sanzioni disciplinari e trasferimenti per i magistrati coinvolti, nonché la sospensione dalle funzioni e dallo stipendio per il procuratore capo di Salerno,Apicella.
Il Quirinale in un comunicato ha giudicato le parole di Di Pietro e i fischi a Napolitano rivolti dai manifestanti, ingiuriose e offensive,in quanto il capo dello stato si attiene, nelle sue funzioni, scrupolosamente alle prerogative della costituzione.
Ogni ulteriore commento è inutile e superfluo, in piazza oltre a Di Pietro c’era Beppe Grillo, il campione del taglia e cuci, copia incolla e “omissioni dolose” , Travaglio, e altri vari radical chic che vi risparmio per carità di patria.
E’ incredibile come costoro, in nome appunto della legalità e dalla giustizia, pretendano, loro, di stabilire cos’è costituzionale oppure no, e sindacare l’operato del CSM e del Presidente della Repubblica, sostituendosi di fatto agli organismi preposti, roba da scompisciarsi dalle risate.
E così come i sudditi del medioevo che acclamavano e si esaltavano quando cadeva nel paniere qualche testa importante, ma sempre sudditi rimanevano, i “frustrati e sfigati” odierni, ignoranti nell’anima e invidiosi sociali, che odiano il politico e chiunque spicca , poiché nell’altrui compiutezza e appariscenza scaricano le colpe della loro mediocrità, mentre da soli sono della amebe, in gruppo diventano squadristi, insultano e fanno mucchio, godono per chiunque rotoli nella polvere, ma anche loro sempre frustrati,sfigati e sudditi rimarranno, a prescindere da chi governa.
Sono proprio costoro, il peggio del paese,che, opportunamente titillati, garantiscono lauti guadagni ai vari Grillo,Travaglio ecc. , che gli rifilano libri, serate,dvd e altri prodotti editoriali, nonché portano voti al trebbiatore di Montenero.
In fondo bisogna anche ringraziarli, sono i migliori alleati del Popolo della Libertà, poiché come è stato ampiamente dimostrato questi portano via soltanto voti alla sinistra, neppure uno al centrodestra o aumentano l’astensionismo, e alle prossime elezioni Berlusconi passerà ad incassare il dividendo di spettanza, avanti così,fateci godere.







19 gennaio 2009

ASINI CHE RAGLIANO/2

Chissà se Veltroni e il PD si rendono almeno conto del ridicolo nel quale stanno sprofondando, il povero Walter preoccupato per i consensi del PD ormai in caduta libera, non lascia passare giorno senza dire amenità e castronerie senza costrutto, l’importante è attaccare Berlusconi e il governo sperando, se non di recuperare,almeno di arginare l’emorragia.
E così il “perdente di successoieri ha attaccato il governo, reo a suo dire, di non aver inviato un adeguata rappresentanza alla cerimonia di insediamento del neo presidente degli USA, Barack Obama, il meschino evidentemente ignora che il protocollo della cerimonia prevede per motivi di sicurezza, soltanto la presenza dei capi missione accreditati negli Stati Uniti.
Ma la cosa più strana è che lo staff del neo presidente non si cura di far pervenire una newsletter o una e-mail ai “democratici all’amatriciana nostrani” in modo da tenerli informati ed evitare loro di aprire bocca soltanto per dare aria ai denti, forse Veltroni pensa che riproporre in Italia I Care e We Can sia sufficiente per essere considerato una “costola dei democratici americani”, roba da scompisciarsi dalle risate.
E’ proprio vero, quando pensi che a sinistra si è toccato il fondo, imperterriti continuano a scavare, compagni rassegnatevi,con questi dirigenti non vincerete mai.






12 dicembre 2008

MAESTRO UNICO:NON CAMBIA NULLA

L’arte della disinformazione, della verità che va adattata alle circostanze, da parte dei campioni della menzogna e del ribaltamento della realtà della sinistra italiana, ha toccato in queste ultime ore,ancora una volta, delle punte notevoli di eccellenza,con la complice ignoranza o malafede, fate voi, della gran parte della stampa e dei media.
E’ successo dunque che, dopo l’incontro di ieri tra governo e sindacati per l’attuazione della riforma scolastica, questi ultimi hanno emesso un comunicato in cui si annunciava che, tra le altre cose “ slitta al primo settembre 2010 l'applicazione della riforma della scuole superiori, inizialmente prevista per settembre 2009” cosa esatta poiché il rinvio servirà a «dare modo alle scuole e alle famiglie di essere correttamente informate sui rilevanti cambiamenti e sulle innovazioni degli indirizzi del secondo ciclo” e che “ il maestro unico sarà facoltativo a richiesta delle famiglie” , cosa del tutto falsa, e così stampa e media in queste ore parlano di “ marcia indietro del governo” , “riforma bocciata” e altre castronerie di questo genere, e non solo, uno “zombie politico” come Veltroni afferma che avevamo ragione noi, le nostre critiche erano fondate, e persino Epifani si entusiasma: “ retromarcia della Gelmini”.
E così il ministro dell’istruzione Maria Stella Gelmini per fare definitiva chiarezza sulle cazzate che circolano in queste ore ha emesso una nota :
Nessuna retromarcia del governo è tutto confermato, chiunque affermi in queste ore che è cambiato qualcosa - aggiunge il ministro dell'Istruzione - sta semplicemente dicendo una falsità e cerca in maniera strumentale di mettere in discussione la linea del governo che non è mai cambiata e che non cambia”.
Infatti le famiglie hanno la possibilità di scegliere l’orario più idoneo alle loro esigenze, ovvero il tempo parziale a 24,27,30 ore, oppure il tempo pieno a 40 ore, ma in tutti i casi sarà soltanto uno il maestro responsabile della didattica e riferimento educativo del bambino.
E’ chiaro che sia in caso di tempo parziale sia in caso di tempo pieno un solo maestro non basta a coprire tutto l’orario e si alternerà con i docenti di materie specifiche come religione,lingua e informatica, o un secondo maestro nel tempo pieno prolungato, come previsto nel piano e ribadito nella conferenza stampa a Palazzo Chigi del 2 Ottobre scorso che tutti possono andare a riguardarsi.
Parole chiare e definitive dunque,tanto che si confermano tutte le economie previste nel piano triennale nonché la riduzione degli organici di 87.000 unità che si realizzeranno attraverso la non sostituzione del personale in pensione,insomma se ne facciano una ragione, i moduli e le compresenze sono definitivamente morti e sepolti.
Infine credo che gli elettori della sinistra siano molto più intelligenti dei loro pseudo leader , questa considerazione mi è venuta leggendo le dichiarazioni di quel buontempone di Franceschini che ha affermato : “ i tagli rimangono e resta in campo l’arma del referendum” , e capiscono dunque che è una presa per i fondelli,visto che sulle leggi di bilancio i referendum non sono ammessi come recita l’art.87 della costituzione, su Franceschini,Veltroni e il resto di questa sinistra “parolaia e inconcludente”, non rimane che dare ragione a Berlusconi, il quale da profondo conoscitore di uomini non a caso li ha definiti

EMERITI COGLIONI ! ! !









3 dicembre 2008

MACCHE’ PERDERE LA FACCIA

Dopo le ammissioni Prodi: «Le sollecitazioni dell'Unione europea perché fosse risolta l'asimmetria delle aliquote Iva per le televisioni in Italia ci furono. Una posizione assolutamente condivisibile, tanto che ci impegnammo a provvedere. Ma poi non entrammo mai nel merito», sono arrivate anche le precisazioni della UE : «Se le autorità italiane avessero insistito nel non cambiare le aliquote Iva sulla tv a pagamento - ha fatto sapere Maria Assimakopoulou, portavoce del Commissario Ue alla Fiscalità Laszlo Kovacs - la commissione Ue avrebbe dovuto aprire una procedura di infrazione. Ma nel momento in cui le autorità italiane informano di avervi riposto rimedio con decisioni adeguate, il caso è chiuso, nella direttiva Ue sull'Iva c'è un allegato che dice che si può applicare un'aliquota ridotta per le tv satellitari, ma devono essere applicate le stesse aliquote per gli stessi tipi di servizi. L'aliquota andava perciò resa uguale per tutti. Quindi il governo italiano doveva decidere se tutti al 10% o tutti al 20%: è il Paese che decide».
Dunque il dilemma era se abbassare l’aliquota IVA al 10% a Mediaset e Rai allineandola a quella attuale di Sky oppure portare anche Sky al 20% , non si può riconoscere che quest’ultima è la soluzione migliore, si immagini se arrivava in parlamento un provvedimento che riduceva l’IVA al 10% a Mediaset, le strumentalizzazioni sul conflitto di interessi dove sarebbero arrivate, altro che aumentare le tasse a una tv concorrente.
La battaglia di Sky è comprensibile,difendono i loro interessi come farebbe qualunque altra azienda, quello che non è comprensibile, anzi fa scompisciare dalle risate, è il fatto che Veltroni e la sinistra difendano un “povero miliardariocome Murdoch e i “nuovi proletari” abbonati della tv a pagamento,pensate a cosa sono ridotti.
Quando saranno resi noti i motivi del provvedimento “ la sinistra perderà la faccia dalla vergogna” aveva detto ieri Silvio Berlusconi, prendendosela anche con alcuni giornali che titolavano “Berlusconi contro Sky”, oggi dopo i chiarimenti della UE il Premier ha detto: “hanno fatto una figuraccia enorme e gli italiani potranno trarre un giudizio definitivo su questi signori”.
Non sono d’accordo con Berlusconi, nel senso che non si può perdere ciò che non si ha, se mai ne hanno avuto una, Veltroni e la sinistra “ HANNO LA FACCIA COME IL CULO” , da buoni allievi della vecchia scuola comunista, sono campioni “ della menzogna e del ribaltamento della realtà” e della “verità che bisogna adattare alle circostanze”, pertanto visto che il Presidente ha il dono della comunicazione , della chiarezza e della sintesi , può riassumere tutto in una sola parola

COGLIONI ! ! !










1 dicembre 2008

I NUOVI PROLETARI

Ci mancava anche questa, adesso nel celebre dipinto di Pelizza da Volpedo che raffigura i proletari del quarto stato bisognerà inserire di diritto gli abbonati di Sky e della Pay Tv .
Il provvedimento del governo che “normalizza” l’IVA delle TV Satellitari , passando dal 10% al 20% , viene aspramente contestato in primis da Sky Tv , che lamenta un temuto calo dei pacchetti di abbonamenti , ma anche Mondadori e Mediaset lamentano danni.
Onestamente non si capisce perché le pay tv devono avere l’IVA agevolata, a che titolo?
Chi acquista per esempio, un pacchetto di abbonamento al calcio, oggi spende 50 euro al mese, 600 all’anno, e sicuramente non ha problemi ad arrivare a fine mese, quindi qualche euro in più al mese,poiché di questo si tratta,non gli cambia certo la vita, il governo in questa delicatissima congiuntura ha il dovere di preoccuparsi di coloro che non possono permettersi l’abbonamento alla Pay Tv, e sono molti di più.
E’ veramente patetico vedere conduttrici come Ilaria D’Amico sponsorizzare la causa dei “nuovi proletari” dagli schermi di Sky, sarebbe stata certamente più credibile se lo avesse fatto quando l’anno scorso il governo del partito democratico abolì l’IVA agevolata per il gas ,danneggiando così davvero la povera gente.
Protestino pure dunque,chissenefrega.
Nessuna meraviglia invece che Veltroni e la sinistra difendano i “ poveri abbonati” (Sic) , del resto loro che hanno cooptato tra i nuovi proletari e sostenitori “ingegneri tangentisti rei confessi” e “illustri calzolai” , banchieri e finanzieri d’assalto ,non potevano fare a meno dei tifosi di calcio abbonati a Sky, poi se qualcuno spiegasse perché un abbonamento alla Pay Tv deve essere tassato come un bene di prima necessità e non come un normale bene voluttuario, magari farebbe cosa gradita.
Ah e naturalmente non poteva mancare il solito riferimento al trito e ritrito “ conflitto di interessi” di Berlusconi, a parte che anche le aziende di cui il presidente del consiglio è un semplice azionista vengono danneggiate da questa norma, l’unico conflitto di interessi di cui è lecito parlare è quello tra i neuroni dei loro cervelli.
I cittadini e gli elettori sanno e sapevano chi era e di quali attività si occupava Berlusconi prima di entrare in politica e hanno accettato legittimandolo ad ogni elezione con milioni e milioni di voti perché vogliono essere governati da lui, ad esempio negli USA con simili ragionamenti miliardari come Roosevelt o Kennedy non sarebbero mai diventati presidenti e un magnate dei media come Steve Forbes non si sarebbe mai potuto candidare.
E’ il modello americano bellezza,così è se vi pare.








18 novembre 2008

SI ALL’IMMUNITA PER D’ALEMA

Nell'esame del caso Unipol non potranno essere utilizzate le intercettazioni delle conversazioni telefoniche nelle quali compare la voce di Massimo D'Alema. Il Parlamento Europeo ha infatti negato oggi la revoca dell'immunità parlamentare necessaria visto che all'epoca dei fatti l'ex ministro degli Esteri aveva un seggio a Strasburgo.
La decisione dell'Europarlamento è stata presa in sessione plenaria a stragrande maggioranza: 543 voti a favore, 43 contro e 90 astensioni.
Adnkronos

Bene così , chi mi legge sa che io non sono certo una “garantista” a corrente alternata, e che l’uso eccessivo di intercettazioni da parte della magistratura , magari per uso politico , rappresenta un grave problema di libertà e tutto ciò mi indigna, chiunque ne sia vittima.
Pertanto prendo atto con soddisfazione di questa decisione che convalida l’orientamento emerso in commissione giustizia dell’europarlamento, presieduta tra l’altro dall’Avv. Gargani di Forza Italia.
Però secondo me, per uno come D’Alema che ha chiesto e si avvale dell’immunità dell’europarlamento, dire in occasione dell’approvazione del “ Lodo Alfano” alla camera dei deputati : “ Presidente Berlusconi si faccia processare serenamente” rappresenta una contraddizione in termini e una rovinosa caduta di stile,non convenite?




11 novembre 2008

ESSERE UMANO ?

Chissà come soffre, quanta bile deve essersi riversata nel suo corpo dalla discesa in campo di Silvio Berlusconi, che in aggiunta all’arteriosclerosi e al rincoglionimento proprio di quell’età, alla frustrazione di aver tenuto per tutta una vita orgogliosamente in tasca la tessera di “comunista” e poi aver visto i suoi sogni svanire nel nulla, è quasi giustificato quindi uno come Andrea Camilleri, quando si unisce ad allegri girotondi insieme a “porche con le ali” , pseudo intellettuali e guitti&giacobini da operetta, oppure va arringando liceali nelle loro assemblee.
Non credo che il ministro Maria Stella Gelmini si sia offesa perché uno come Camilleri durante un arringa agli studenti di un liceo ha detto che “non è un essere umano”, non credo proprio, casomai gli avrà suscitato sentimenti di umana pietà, comprensione e compatimento, non può offendere infatti chi, a proposito di esseri umani, a voler essere buoni, è “poco più di un vecchio verme munito di gambe e braccia” , sempre che i vermi non si offendano naturalmente.






10 novembre 2008

LA FELICITA' E' TUTTA NOSTRA

«Quando sento Berlusconi prendere questa cosa alla leggera e scherzare sul fatto che Obama è "sempre abbronzato", mi fa strano. Lo si metterà sull'umorismo... Ma spesso, sono molto felice di essere diventata francese», ha dichiarato Carla Bruni, moglie del presidente francese Sarkozy in un'intervista apparsa domenica su Le Journal du Dimanche.
Madame Bruni si rilassi e stia serena, il sentimento è perlomeno reciproco, la stragrande maggioranza del popolo italiano infatti,non ama certo chi come lei, è pappa e ciccia con criminali assassini, brigatisti e terroristi come Marina Petrella e usa la sua influenza con il marito per impedire alla giustizia di fare il suo corso.
Pertanto, possiamo affermare,pacatamente e serenamente,senza tema di essere smentiti che:
LA FELICITA’ E’ TUTTA NOSTRA ! ! !






6 novembre 2008

UNA ROSA BIANCA PER LA CARFAGNA

'Una rosa bianca in segno di pace è sempre ben accetta. Prendo pertanto atto delle scuse che mi presenta il collega Paolo Guzzanti e ritengo che questa vicenda debba considerarsi chiusa'. Lo fa sapere Mara Carfagna, ministro delle Pari Opportunità, dopo che il deputato PDL Paolo Guzzanti ha offerto dal suo blog le sue scuse al ministro. Guzzanti aveva parlato nei giorni scorsi di "calendarista delle pari opportunità" alludendo a presunte intercettazioni a sfondo sessuale.
Adnkronos

Insomma tanto rumore per nulla, va bene che il carattere sanguigno di Paolo Guzzanti è quello e non si può cambiare, prendere o lasciare,va bene anche che è comprensibile essere emotivamente coinvolti a livello famigliare, ma a volte prima di parlare bisognerebbe contare fino a cento.
Mara Carfagna non ha bisogno di essere difesa da nessuno, poiché ha ampiamente dimostrato di saperlo fare benissimo da sola, sarebbe molto più utile giudicarla e criticarla se è il caso, per come svolge il suo ruolo di ministro e per i provvedimenti che assume, tipo la legge sulla prostituzione, lo stalking, osservatorio nazionale sui minori ecc. ecc. , e non su pettegolezzi da rotocalco di infimo ordine.





24 ottobre 2008

I FALSI CLAMOROSI DI ANNO ZERO

Di solito non mi occupo di Anno Zero, Santoro, Travaglio&C , questa come altre trasmissioni RAI pagate con il canone di tutti i contribuenti è talmente giacobina e faziosa, così evidente agli occhi di tutti, che discuterne è tempo perso.
Un servizio pubblico, pagato appunto dai contribuenti tutti con il canone, ha bisogno di conduttori e giornalisti preparati,professionali e soprattutto imparziali, non di “protesi e ciabatte di partito”, ma non sono mai stata d’accordo per esempio con Giuliano Ferrara quando afferma che in un servizio pubblico, giornalisti come Biagi,Santoro e Luttazzi andavano e vanno “cacciati a calci in culo”, per il semplice motivo che così si fornisce loro l’alibi per il “martirio” , invece data appunto l’evidente faziosità, queste trasmissioni non fanno altro che portare l’acqua al mulino del centrodestra, e così mentre una minoranza di “frustrati & sfigati” si esaltano con questo tipo di trasmissioni, sperando che qualche procura riesca a sconfiggere chi non riesce ad essere sconfitto per via politica, così come successo nella scorsa primavera,anche alla fine di questa stagione televisiva Berlusconi e il PDL incasseranno il “dividendo di spettanza”, con tanti ringraziamenti a Santoro&C.
Pertanto anche Gasparri lasci perdere se hanno allontanato gli studenti del PDL per non farli parlare, è tutto normale, lasci correre, tutti i telespettatori hanno potuto farsi un idea, ed è tutto “grasso che cola” per il centrodestra.
Meno male poi che finalmente domani ci sarà la manifestazione del PD, il “perdente di successoVeltroni, presente anche lui, come una trottola impazzita passa da uno studio televisivo all’altro, una vera e propria bulimia da apparizioni, ma se le poteva risparmiare, la Cgil e Achille Passoni hanno lavorato molto e bene, non tema la piazza sarà piena,ma questo non risolverà i problemi ed il vuoto di idee del PD, ne tantomeno la leadership dello stesso, tanto che la testa di Veltroni,senza aspettare le europee del prossimo anno,sarà chiesta già il mese prossimo dopo le elezioni regionali in Abruzzo.
Comunque ogni tanto un eccezione si può anche fare, e quindi di fronte alle palesi falsità propinate nella trasmissione di ieri sera, vi propongo questa nota diffusa oggi dal PDL, che mi sembra non abbia bisogno di ulteriori commenti.
Nella puntata di AnnoZero andata in onda giovedì sera , che aveva tutti gli effetti speciali per definirsi epocale (la scuola, i tagli del governo, i maestri buoni a far lezione in piazza, Veltroni in studio, la Granbassi che ha scovato una “giovane ricercatrice” che però, poi si è scoperto, era solo una studentessa…), segnaliamo tre chicche probabilmente sfuggite alla concitazione – ma diciamo pure alla santoriana gravitàdel momento.

Uno. Gli slogan “Il governo dà alle banche e toglie alla scuola”. Il governo in realtà non ha erogato neppure cento euro alle banche in difficoltà. A differenza di Francia, Germania, Gran Bretagna e Usa, si è limitato (saggiamente) a mettere a disposizione risorse “per quanto necessario” e non certo gratis ma in cambio di garanzie economiche (delle banche) e sul management (sempre delle banche: chi sbaglia paga). I 40 miliardi di euro ai quali ha fatto riferimento uno studente – anche lui “scoperto” da Margherita Granbassi – sono della Banca d’Italia, la quale a sua volta li preleva dalla Banca centrale europea. E si riferiscono ad uno scambio (anche questo a pagamento) tra titoli di Bankitalia e titoli a rischio degli istituti di credito: uno swap. Invece il governo ha esteso la garanzia dello Stato sui conti correnti, sui depositi, sui risparmi dei cittadini. Quindi non aiuti alle banche, ma ai risparmiatori. Compresi, presumibilmente, Santoro, Granbassi, maestri, professori e studenti in piazza, o loro genitori. Una linea assai apprezzata anche dal Pd: peccato che Veltroni, che pare che del Pd sia il segretario, sia stato colto da improvvisa amnesia.

Due. Il “maestro buono” di Bologna, quello che faceva lezione in piazza Maggiore, nonché unico abilitato a parlare ad Anno Zero, ha spiegato come il maestro unico fosse stato abolito negli anni Settanta, dopo un attento studio da parte “dei migliori cervelli e pedagogisti italiani, ispirati da Don Milani”. Ad una domanda di Michele Santoro, che forse qualche dubbio ce l’aveva, ha chiarito che autrice dell’introduzione del maestro plurimo fu Franca Falcucci, ministra della Dc. Chiariamo. La riforma delle elementari – con l’abolizione del maestro unico – è del 1990. Presidente del Consiglio Andreotti, ministro dell’Istruzione Mattarella. Dal 1985 al 1989 i ministri Falcucci e poi Galloni avevano proposto il maestro plurimo. Aspramente contestati dalla sinistra di allora, in prima fila Repubblica. E don Lorenzo Milani? Era purtroppo scomparso nel lontano 1967.

Tre. Ad un certo punto – per contestare la proposta delle classi d’ingresso per i bambini immigrati che non conoscono l’italiano, del leghista Roberto Cota (in studio) - Michele Santoro ha citato un caso personale: “Mia figlia va a una scuola straniera e si integra perfettamente con i compagni”. Spieghiamo, visto che non l’ha fatto nessuno, e nei limiti della tutela della privacy. La figlia di Santoro frequenta lo Chateaubriand, l’esclusivo e privato liceo francese di Roma. Nulla di male, per carità. Anche Nanni Moretti ha iscritto il proprio figlio ad una scuola americana (l’Ambritt). Anche Anna Finocchiaro e Giovanna Melandri hanno scelto per la progenie scuole a pagamento. E così Bianca Berlinguer; e così i nipoti di Fausto Bertinotti e Luciana Castellina. Siamo sicuri, anzi sicurissimi che la stessa cosa avvenga anche nel centrodestra. Però qui il caso è diverso: Santoro e la sinistra non si sono calati in trincea contro gli “iniqui tagli alla scuola pubblica”? Contro lo “smantellamento deciso da Gelmini e Tremonti”? Non è forse per questo che la ditta Santoro & Travaglio ha ieri sera mobilitato mamme part time, maestri consapevoli, studenti, ricercatori e addirittura rettori (!) pronti alla lotta? E allora come la mettiamo con lo Chateaubriand? O forse stiamo parlando del filetto?

24/10/2008





16 ottobre 2008

I MAGISTRATI NON APPREZZANO LA SATIRA

La condanna del tribunale di Roma a 8 mesi di reclusione (pena sospesa) e al risarcimento di 20.000 euro a Cesare Previti per diffamazione in relazione a un articolo pubblicato sull’Espresso nel 2002 dal titolo : “ Patto scellerato tra mafia e Forza Italia”, non è una novità, nel senso che non è la prima e non sarà certamente l’ultima.
Travaglio infatti è stato già condannato dal tribunale di Torino al risarcimento di 12.000 euro a Fedele Confalonieri, 14.000 euro a Mediaset S.p.A. oltre alle spese di giudizio e alle spese di pubblicazione della sentenza sul Corriere della Sera e prima ancora condannato a risarcire Cesare Previti di circa 80 milioni,somma che gli venne decurtata mensilmente dal suo stipendio di dipendente di Repubblica.
Ora quello che preoccupa non sono tanto le condanne e i risarcimenti, Travaglio infatti dichiara un reddito annuo di circa 280.000 euro, e questo significa che c’è un buon numero di “sfigati & frustratia cui vende libri, dvd, spettacoli e altri prodotti editoriali, fedele e costante nel tempo, pertanto anche un eventuale risarcimento milionario come quello richiesto dal Presidente del Senato Schifani che l’ha querelato, può essere affrontato con relativa disinvoltura,magari rateizzato, preoccupa invece il rigetto delle tesi difensive di Travaglio.
Travaglio infatti sostiene in massima parte nelle sue tesi difensive, che i suoi articoli e le sue rubriche sono di “carattere satirico”, più che giornalista è un “satiro”, un “comico”.
E’ evidente a questo punto che i magistrati non apprezzano la satira , insomma non fa nemmeno ridere, lo scrivono i giudici, per sentenza.




12 ottobre 2008

FRUSTRATI & SFIGATI/2

Con la depressione incombente a causa della crisi finanziaria mondiale, ci volevano proprio due belle manifestazioni come quelle di ieri, il raduno della sinistra radicale e quello dei frustrati & sfigati di Piazza Navona guidati dal trebbiatore di Montenero di Bisaccia, qualche sana risata , soprattutto in questi momenti non guasta,anzi.
La sinistra radicale(Rifondazione comunista, Comunisti italiani, Verdi e Sinistra democratica) ha manifestato contro le politiche economiche del governo Berlusconi e di Confindustria,questi che per qualche mese erano scomparsi dalla scena politica, riappaiono all’improvviso, ci si immaginava almeno un restyling, macché, invece gli stessi vecchi slogan triti e ritriti, e soprattutto le stesse facce, da Bertinotti a Ferrero, da Diliberto alla Francescato e poi Ferrando,Fava ecc.ecc. , tanto che, anche coloro che ormai li avevano completamente rimossi dalla memoria, si sono improvvisamente ricordati del perché il popolo italiano li ha cacciati a calci in culo dal governo e dal parlamento.
Ma ancora più divertente è stata la nuova manifestazione di Piazza Navona,dove il neo Masaniello, Di Pietro arringava e titillava qualche migliaio di frustrati & sfigati, ignoranti nell’anima, presi da soli sono delle amebe insignificanti, in gruppo diventano squadristi insultano e godono per chiunque rotoli nella polvere, odiano politici, vip e chiunque spicca, perché nell’altrui compiutezza scaricano la colpa della loro mediocrità.
Io certo non vorrei essere nei panni di costoro, da anni e anni,constatata ormai l’impossibilità di eliminare Berlusconi per via democratica e politica,sono costretti a sperare in qualche tribunale e qualche magistrato compiacente, e gli va sempre male, il loro fegato deve essere a pezzi, tra poco la bile gli uscirà anche dalle orecchie, e altri cinque anni sono lunghi,molto lunghi…
E così tra il solito allarme “dittatura” , lodo Alfano e altre castronerie che vi risparmio per carità di Patria, il neo Masaniello Di Pietro, imitando un bastardo procuratore capo che voleva governi condivisi(Sic), ha lanciato alla folla di forcaioli e giacobini la parola d’ordine : “ resistere, resistere, resistere “ .
Dopo una sonora risata, un dubbio è sorto spontaneo: in che modo Di Pietro farà resistenza?
Si barricherà in qualche immobile acquistato con i rimborsi elettorali del partito ma intestato a lui o a qualcuno di famiglia?
Se ne andrà alla macchia in incognito su qualche Mercedes prestata da compiacenti partigiani e manderà messaggi segreti nelle scatole di scarpe?
Si è perso completamente il senso del ridicolo, in ogni caso di queste manifestazioni ce ne vuole almeno una al giorno, è il modo migliore per aumentare ulteriormente i consensi del governo e di Silvio Berlusconi.

CONTINUATE PURE COSI’

FATECI GODERE












29 settembre 2008

E’ UNA CRISI DI AUTOSTIMA

Non credevo ai miei occhi quando ho letto qualche passo dell’intervista che Veltroni ha rilasciato al Corriere della Sera, in Italia con Berlusconi si corre il rischio di autoritarismo, modello Putin, svuotamento della democrazia e altre corbellerie che vi risparmio per carità di patria, non solo, mentre sorridevo incredula, mi è toccato leggere che questo governo è solo dedito alla presa del potere, il che detto da uno che ha sostenuto un governo di 100 e più poltrone,che ha lottizzato persino il cancro,vedi il caso del Prof. Cognetti al Regina Elena, è semplicemente ridicolo, per non dir di peggio.
Senza contare poi che in fatto di autoritarismo e “modello Putin” lui è un vero esperto, non a caso andava ai festival della gioventù comunista a Berlino Est, a discutere di “rivoluzione proletaria” e “eurocomunismo” con i tetri e sanguinari burocrati di Breznev.
Io credo che quello di cui soffre Veltroni, è una pesante crisi di autostima, unita alla frustrazione di non contare nulla, anche e soprattutto all’interno del suo partito,dove è contestato quotidianamente da una ventina di correnti sino all’ultimo militante, esemplare la vicenda Alitalia,dopo aver cercato di far fallire la trattativa con l’appoggio di Epifani, è stato costretto a fare marcia indietro da alcuni big “pensanti” del partito, i quali si erano accorti che si rischiava di scottarsi di brutto,visto che l’opinione pubblica, a stragrande maggioranza incolpava del fallimento la CGIL e il Partito Democratico.
Veltroni faccia tesoro dei consigli che gli ha rivolto dal palco della festa del PD di Firenze, l’ex ministro Parisi : “ Prenda esempio da Berlusconi su come fare il leader” , invece di confondere la fantascienza con la realtà, oscillando tra il modello Obama e Di Pietro rimarrà solo con un pugno di mosche in mano, ma forse ormai è troppo tardi, presto sarà rottamato dai suoi stessi compagni.










23 settembre 2008

EVVIVA SCENDE IN CAMPO VELTRONI

Il leader del Pd ha inviato una lettera al premier Berlusconi con tre possibili soluzioni per uscire dall’impasse e salvare la compagnia. "Ci sono tre strade possibili - afferma il leader democratico - che la CAI faccia un passo in avanti verso le posizioni espresse dai sindacati, come le indubbie condizioni di vantaggio ad essa offerte dal decreto del governo consentono e richiedono". Oppure, "che ci si attivi per riprendere i fili di quei negoziati con soggetti esteri, che, da soli o con CAI, potrebbero acquisire, rispondendo al bando tardivamente pubblicato dal commissario, un ruolo rilevante nella salvezza e nello sviluppo di Alitalia". Infine, scrive Veltroni, "che il commissario, in rappresentanza di Alitalia, e su preciso mandato del Governo, concluda immediatamente e positivamente una intesa con tutti i sindacati consentendo così poi a CAI o a compagnie aeree straniere di acquisire Alitalia, garantendone la sopravvivenza".
Adnkronos

Oh meno male, adesso che è sceso in campo Veltroni siamo tutti più tranquilli in merito alla difficile vertenza dell’Italia, bene,dopo la scoperta dell’acqua calda, Veltroni chiami i suoi amici della CGIL e gli dica pacatamente e serenamente di tornare sui loro passi come hanno già detto in questi giorni autorevoli esponenti del suo partito per rilanciare Alitalia, o altrimenti ci sarà il fallimento di cui dovranno assumersi piena responsabilità davanti al paese.
Che poi per dire tali ovvietà e banalità una lettera è pure troppo.




22 settembre 2008

PERLE AI PORCI

Non credo ai miei occhi, a Leoluca Orlando, portavoce dell' Italia dei valori, è stato conferito il premio della città di Colonia intitolato a Konrad Adenauer. Orlando è stato scelto, in particolare per la sua azione come sindaco di Palermo, «quale personalità che ha dato contributi coraggiosi e innovativi allo sviluppo di una grande città e alla politica di integrazione europea», e che ha «restituito vivibilità e coraggio alla propria realtà» (Sic).
Probabilmente Giovanni Falcone,che era stato denunciato al CSM, accusato di “tenere le carte nei cassetti” da questo ciarlatano demagogo, si starà rivoltando nella tomba.
Così come il maresciallo dei Carabinieri ,Lombardo, morto suicida, di cui questo cialtrone è perlomeno “moralmente responsabile”, avendolo ingiustamente accusato, pubblicamente in una trasmissione televisiva, mentre la sua smania di visibilità e protagonismo lo portavano a distribuire patenti di legalità a destra e a manca, novello “autoeletto rappresentante della società civile”.
Chissà se di questo sono a conoscenza nella municipalità di Colonia, fortunatamente per tutti, la “primavera palermitana” è durata appunto lo spazio di una stagione, altrimenti la smania di protagonismo di questo giacobino da operetta,chissà quali altri danni avrebbe prodotto.
Ogni altro commento mi sembra superfluo e inopportuno, con permesso,vado a vomitare…




9 settembre 2008

ANCORA SUL FASCISMO E I RAGAZZI DI SALO’

Non mi sembra davvero il caso di discutere di nuovo sul fascismo e i ragazzi di Salò, nella pretestuosa polemica che ha visto opposti in questi giorni Alemanno,Veltroni, La Russa e Napolitano ,vi è qualcosa di vecchio,stantio,trito e ritrito che si pensava ormai superato da un pezzo.
Il martire Veltroni rinuncia alla sua poltrona nel comitato del museo della Shoah poiché a suo dire non può sedersi allo stesso tavolo con Alemanno che propone una doppia lettura del fascismo, chissà perché mai invece gli altri dovrebbero sedersi allo stesso tavolo con lui che se ne andava ai festival della gioventù comunista a Berlino Est ad applaudire i tetri e sanguinari burocrati di Breznev in nome dell'eurocomunismo, e che indicava nei suoi scritti a quale modello di società dovevano tendere i giovani :“Fare politica significa edificare mattone su mattone una società nuova e partecipare al progetto ambizioso di una grande vittoria della rivoluzione proletaria in Occidente, di quella rivoluzione che noi portiamo avanti e che tutti i giovani devono vivere”.
E a proposito di Shoah sarei una facile indovina se scommettessi sulla partecipazione del “giovane Veltroni” alle manifestazioni dei “nazisti rossi” guidati da Luciano Lama e Chiara Ingrao contro le sinagoghe e l’ambasciata israeliana, con i loro ghigni coperti dalle kefiah che marciavano col pugno chiuso trasportando bare nere,bruciando bandiere al grido di “A Morte Israele” , e non erano quattro deficienti, ma dirigenti del partito seguiti da mandrie intere di deficienti, era semplicemente il PCI e la sinistra intera razzista e antisemita.
Che adesso si vergogni o neghi addirittura di essere “mai stato comunista” è un problema suo, ma sicuramente non ha nessun titolo per impedire una serena lettura e valutazione della recente storia italiana senza pregiudizi di nessun tipo.
Che pena questa sinistra italiana che cerca di coprire il vuoto di idee,programmi e leadership, evocando fantasmi del passato, gridando al pericolo del regime , al razzismo e chi più ne ha più ne metta, spiacente signori,ma il popolo italiano è molto meno sprovveduto di quanto possa sembrare,si agitano questi fantasmi da 14 anni, sono vaccinati,non ci credono più, tanto che puntualmente ad ogni appuntamento elettorale vi prendono a ceffoni, così come non credono più da un pezzo a una magistratura imparziale.
Il Popolo Della Libertà è contro tutti i totalitarismi, senza se e senza ma, figuriamoci se potrebbe avallare od approvare un regime fascista, la sinistra italiana non solo è in minoranza in parlamento e nel paese, ma è anche una “minoranza culturale” , nella società che cambia e si evolve sono rimasti ai vecchi schemi e alle vecchie parole d’ordine, ormai vivono in una realtà virtuale e residuale.
Sono come i gamberi,fanno un passo avanti e due indietro, Alemanno e La Russa hanno fatto dei ragionamenti sul fascismo e sui ragazzi di Salò, molto meno impegnativi di altri autorevoli esponenti di sinistra, giubilati e applauditi, ne cito solo due a caso, ogni altro commento è francamente superfluo e inopportuno.

Abbiamo sempre presente, nel nostro operare quotidiano, l'importanza del valore dell'unità dell'Italia. Questa unità che sentiamo essenziale per noi, quell'unità che, in fondo oggi, a mezzo secolo di distanza, dobbiamo pur dirlo, era il sentimento che animò molti dei giovani che allora fecero scelte diverse; che le fecero credendo di servire ugualmente l'onore della propria Patria.
Questa unità preserviamola e in ogni nostra azione essa sia il punto e il riferimento insieme con la difesa dei valori di democrazia, di libertà e di pace.
Carlo Azeglio Ciampi 14/10/2001

Mi chiedo se l’Italia di oggi - e quindi noi tutti - non debba cominciare a riflettere sui vinti di ieri; non perché avessero ragione o perché bisogna sposare, per convenienze non ben decifrabili, una sorta di inaccettabile parificazione tra le parti, bensì perché occorre sforzarsi di capire, senza revisionismi falsificanti, i motivi per i quali migliaia di ragazzi e soprattutto di ragazze, quando tutto era perduto, si schierarono dalla parte di Salò e non dalla parte dei diritti e delle libertà.
Luciano Violante 10/05/1996









6 settembre 2008

SE QUESTO E’ UN LEADER

Ormai non fa più nemmeno ridere, leggendo e ascoltando le dichiarazioni quotidiane di Veltroni si capisce perfettamente perché lui e il PD non sono alla frutta,ma al caffè e all’ammazzacaffè.
Il democratico all’amatriciana,reduce dalla trasferta alla convention dei democratici americani( a proposito chissà se Obama ha almeno ricevuto i Qui,Quo,Qua nostrani), parlando, dell'entusiasmo in Usa per Barack Obama, ha sottolineato che mentre lì c'e' la fila per prendere le magliette di Obama, e' difficile in Italia immaginare gente che compra le magliette di Gasparri.
Ora a parte che Gasparri non ha mai avuto velleità di leadership, e non si capisce quindi che ci azzecca il paragone, tanto che dopo avergli consigliato un bagno di umiltà,il capogruppo del PDL al senato lo ha liquidato con solo tre parole: “bollito,perdente e politico scadente”, se proprio voleva citare qualche leader poteva fare il nome di Berlusconi e chiedersi se la gente avrebbe fatto la fila per le t-shirt con il nome e la faccia di Silvio, anzi avrebbe potuto produrle direttamente e fare un colossale affare,almeno per una volta nella sua vita,avrebbe fatto un po’ di lavoro.
Oltre al bagno di umiltà consigliato da Gasparri,Veltroni dovrebbe fare tesoro anche e soprattutto dei consigli di Arturo Parisi, che dal palco della festa del PD di Firenze lo ha esortato a “imparare da Berlusconi, un grande leader e un grande politico”.
L’ex ministro della Difesa motiva il suo giudizio con il fatto che Berlusconi ha avuto la tenacia e la coerenza di “tenere un filo nel tempo, questo filo lo sta tenendo da 15 anni , e ci ha dimostrato di sapere imparare da vittorie e anche dagli errori”.
Un buon governo ha bisogno di una seria opposizione ,anche dura, ma che sappia confrontarsi e quando ci sono le condizioni condividere alcune scelte, nonché leader degni di questo nome con idee e programmi chiari, che quando parlano o prendono posizione non vengono smentiti un giorno si e l’altro pure da capi e capetti del loro partito,
e non sparano una cazzata al giorno,giusto per dimostrare che ancora esistono.
Per il bene dell’Italia rottamate subito Veltroni, aridatece Fassino o D’Alema, magari anche Rutelli, ma toglieteci questo strazio.




4 settembre 2008

NDO' STA' STA CORDATA?

 

E’ proprio il caso di dire meno male che in Italia abbiamo questa sinistra,questo partito democratico e soprattutto Walter Veltroni, altrimenti la tipica depressione post ferie che inevitabilmente ci assale dopo le vacanze estive, non sparirebbe così facilmente senza le quotidiane e umoristiche castronerie, il vuoto assoluto di idee e proposte, lo smarrimento e l’assenza dalla realtà della sinistra e dei suoi leader.
E così dopo aver dubitato e ironizzato per settimane sulla cordata di imprenditori italiani, promessa da Berlusconi in campagna elettorale per il salvataggio di Alitalia, il materializzarsi di quest’ultima, con un serio piano industriale e di rilancio della compagnia di bandiera, con alla guida uno dei “capitani coraggiosi” di D’Alema, Guido Colannino, ha avuto l’effetto di un autentico shock per il PD , Veltroni ha balbettato di “soluzione incerta e pasticciata” , e che forse era meglio vendere ad Air France,dimenticandosi che la trattativa con i francesi fu interrotta a causa delle rigidità dei sindacati, come dichiarò senza esitazioni lo stesso Prodi e che, anche in caso di successo, nessuno sa a tutt’oggi cosa prevedeva esattamente il piano industriale dei francesi in materia di esuberi e sulla passività della compagnia,mentre era certo che l’Alitalia avrebbe mantenuto solo i voli nazionali, con conseguente smantellamento delle sedi e degli uffici all’estero, che per un paese a vocazione turistica e immensa offerta di beni culturali come il nostro, sono indispensabili come biglietto da visita e di presentazione, a meno che non si pensi che Air France, che tra l’altro è adesso interessata ad un alleanza strategica con la nostra compagnia di bandiera, indirizzasse i flussi turistici proprio nel nostro paese anziché in Francia.
Ma la cosa più divertente è stata leggere come Guido Colannino spiegava ai zucconi di Repubblica che “gli affari sono affari” e non hanno colore politico, e il figlio Matteo deputato e ministro ombra del PD, criticava pubblicamente le scelte del governo e di conseguenza quelle del padre nonché suo socio di affari, roba da scompisciarsi dalle risate.
Ormai non passa giorno che Veltroni e il PD non si manifestino in tutta la loro pochezza e il loro vuoto, pur di dimostrare che ancora esistono, non esitano a sparare quotidianamente commenti e dichiarazioni, che definire comiche è riduttivo.
Ieri ad esempio Veltroni ha accusato il governo della scarcerazione di alcuni teppisti al seguito della squadra del Napoli , responsabili dei tafferugli alla stazione di Roma, invece di prendersela con i magistrati che li hanno rimessi in libertà, viene da chiedersi se ci è o ci fa.
L’altro giorno invece ha definito “falsa” la solidarietà di Berlusconi espressa a Prodi dopo la pubblicazione di alcune intercettazioni che lo riguardavano su Panorama :"La dichiarazione di solidarietà del Presidente del Consiglio a Romano Prodi è un esercizio non utile, sarebbe bastato che i giornali di sua proprietà non pubblicassero quelle intercettazioni. La sua è una solidarietà evidentemente falsa e non ispirata a principi e pensieri reali" (Sic).
Capito? Dopo decenni passati a pontificare sulla libertà di stampa e dei giornalisti, si chiede ad editori e azionisti di intervenire per non far pubblicare determinate notizie,evidentemente loro usano così.
Insomma dopo aver toccato il fondo si continua a scavare.




31 luglio 2008

IL SINDACATO DEI FANNULLONI

Incredibile,ma vero, è nato il “sindacato dei fannulloni operosi” ( COFO) ,contro le norme anti assenteismo e la riforma della Pubblica Amministrazione voluta dal ministro Brunetta.
Il primo atto del neonato comitato è un mega ricorso , lo afferma la stessa associazione, spiegando che migliaia di dipendenti pubblici in tutta Italia si stanno organizzando per ricorrere al Tar del Lazio contro "l'illegittimità delle nuove norme messe a punto dal governo", il ricorso tra l’altro sarà appoggiato anche dal Codacons.
Sarà che il ministro Brunetta sta toccando “nervi sensibili e privilegi considerati acquisiti e intoccabili, ma qualcuno mi può spiegare come fanno dei fannulloni a definirsi operosi?
Certe cose possono succedere solo in Italia,è tutto da ridere,se non ci fosse da piangere.




26 luglio 2008

GLI ASINI CONTINUANO A RAGLIARE

Dopo l’Unità e Di Pietro,un altro pseudo leader dei frustrati e degli sfigati, ha attaccato il Presidente Napolitano.
L’asino in questione,alias Beppe Grillo, sul suo blog scrive di dubitare della buona salute del capo dello stato,di voler esaminare la sua cartella critica perché “la sua salute non è un fatto privato”, Giorgio Napolitano e' in apparente buona salute, ma ricordando il suo passato, non trovano giustificazioni le sue prese di posizione e le sue azioni, dice il guitto, si e' pronunciato contro la spettacolarizzazione dei processi quando le procure sono sotto l'attacco del governo, ha firmato senza battere ciglio il lodo Alfano,una legge incostituzionale, ha trascorso un sereno compleanno in piazzetta a Capri tra musicanti e inquisiti, tra cui la moglie di Mastella e Bokassa Bassolino, e altre amenità che vi risparmio.
Ogni commento è superfluo, ma come si fa a non ridere a crepapelle a pensare che l’opposizione è affidata a questi “apprendisti stregoni” , e a tutti i fessi che li seguono e ci credono,che fanno a gara tra di loro a chi le “spara più grosse”?
La sinistra riformista risulta non pervenuta, sopraffatta tra il timore di mettersi contro costoro e la magistratura politicizzata, e soprattutto l’incapacità di elaborare e mantenere un progetto di governo alternativo che sia perlomeno condiviso tra le correnti del partito democratico.





25 luglio 2008

COME SOFFRONO

Nel giorno in cui la Corte di Cassazione spagnola conferma definitivamente l’assoluzione di Silvio Berlusconi e di tutto il management Fininvest,perchè il fatto non sussiste, per il caso Telecinco, e un altro processo spazzatura va in archivio, L’Unità, esprimendo forte disagio, attacca il “compagno” Presidente Napolitano, reo di aver promulgato a tempo di record il “Lodo Alfano” che sancisce la sospensione dei processi che riguardano le alte cariche dello stato, e pensare che lo stesso giornale nei confronti di Pol Pot e dei khmer rossi non ne ha avuto nemmeno un po’, di disagio, descriveva anzi “la gioiosa vita nelle zone liberate”(Sic).
Sentimenti condivisi naturalmente da tutti i guitti & giacobini da operetta e da coloro che per “campare” titillano frustrati,sfigati e tutti i fessi che ci credono, il peggio del paese insomma, vendendo loro libri, spettacoli ,DVD e quant’altro, mi sembra significativa in questo senso un espressione sfuggita a Di Pietro : “ quanto ci piace vederli con il sangue agli occhi”.
Poveretti,come soffrono, io dico che tutti costoro non arriveranno a fine legislatura con il “fegato integro”, cinque anni sono lunghi da passare, accetto scommesse.
Si rilassino, dopo l’ampio ed esclusivo mandato ricevuto dal “popolo sovrano” cinque anni di Berlusconi non ce li toglierà nessuno,perlomeno ci guadagneranno in salute.
Solo nel pomeriggio, con un comunicato “tardivo e imbarazzato”,Veltroni non ha preso le distanze dal quotidiano del suo partito,ne da Di Pietro, ha lodato l’equilibrio del capo dello stato per un atto dovuto,ricordando che al Presidente della Repubblica compete solo la valutazione di “manifesta incostituzionalità” del provvedimento,cosa già esclusa dal Quirinale all’atto della presentazione in parlamento, insomma come al solito ne carne ne pesce.
E’ paradossale tutto ciò visto che non si parla certo di cancellare responsabilità o giudizi, ed è ancora più avvilente pensare come si è ridotto questo paese, in balia del primo PM che una mattina si sveglia pensando di fare qualcosa per arrivare sulle prime pagine dei media o per sovvertire il voto popolare a fini ideologici,tanto se sbaglia poi non paga mai, basta citare per tutti il caso Mastella.
Ed è del tutto inutile anche continuare a fare paragoni con le altre democrazie occidentali, basti pensare alle tutele dei parlamentari europei, dopo un anno l’europarlamento non ha ancora nemmeno risposto in merito all’utilizzo delle intercettazioni che riguardano D’Alema, figuriamoci sottoporre un parlamentare a giudizio da parte della magistratura.
Comunque la determinazione di Silvio Berlusconi e Angelino Alfano,dopo la pausa estiva, di voler riformare dalle fondamenta il sistema giudiziario fa ben sperare, in un tempo ragionevolmente breve forse si riuscirà ad “estirpare questo cancro” e a ripulire la cloaca del CSM.






14 luglio 2008

THE SHOW MUST GO ON

Lo spettacolo deve continuare, cento, mille piazza Navona, il circo Barnum dei beoti, il Travaglino dei frustrati non si ferma, regalando un po’ di sollazzo e sano divertimento anche a noi, cittadini comuni che, storditi e confusi dal regime videocratico, non abbiamo avvertito nessun “prolasso morale” nel votare Berlusconi e la sua cricca, insensibili agli appelli di eminenti artisti, professori di grido, e personalità eccellenti della cultura, abbiamo consentito a questo paese di scivolare nel degrado e nell'emergenza democratica, e loro, i girotondini, saranno li nelle piazze a ricordarcelo, quasi per contrappasso.
La buona notizia è stata annunciata dal manettaro del Molise,alias Di Pietro : «Faremo una, cento, mille piazze, perché nella piazze c’è la politica dell’impegno mentre nelle stanze del potere c’è la politica dello scandalo, del compromesso del do ut des».
Ma non è tutto,il trebbiatore di Montenero in un crescendo tra l’ossessione e il delirio e denotando inquietanti sintomi di un “disturbo ossessivo compulsivo” ha anche preconizzato l’assassinio del Presidente della Repubblica,Napolitano,da parte di Berlusconi, per prenderne il posto, poiché coperto dal “lodo Alfano” ,parole che si commentano da sole e fanno riflettere,molto, sugli effetti perversi della legge Basaglia.
Ed ecco infine,ciliegina sulla torta, il nuovo leader del centrosinistra : “ No al dialogo con Berlusconi, non siamo ospiti, ma costruttori del nuovo centrosinistra,non stiamo col centrodestra perché non sono liberali, ma centralisti, quasi dittatoriali”.
E sul dibattito in merito ad un alleanza del PD con l’UDC : “ Voglio proprio vedere la Finocchiaro fare campagna elettorale insieme a Cuffaro”.
Avanti così dunque,una al giorno di piazze Navona, grandi spot per Berlusconi e il governo, i frustrati potranno sfogarsi con qualche insulto, e gli unici a guadagnarci saranno i guitti che vendono, spettacoli teatrali, libri,dvd, e altri prodotti editoriali a tutti i fessi che ci credono.
Il tutto mentre la procura di Roma ha aperto un fascicolo sulla manifestazione di Piazza Navona e sta valutando se ci siano gli estremi per procedere per vilipendio.
Il resto dell’opposizione è un cumulo di macerie fumanti, la sinistra radicale dopo l’esclusione dal parlamento si sta scindendo in mini particelle, il partito democratico stretto tra i giustizialismo di Di Pietro e l’UDC, vive alla giornata, con il suo leader contestato anche dall’ultimo degli iscritti e in balia delle 17 correnti interne, dopo che gli elettori lo hanno preso a ceffoni dal Friuli alla Sicilia,passando per Roma, Veltroni adesso lancia una raccolta di firme illudendosi di sostituire con queste il consenso che gli elettori gli negano ad ogni passaggio elettorale, per andare in piazza in autunno,magari aiutato da qualche compiacente leader sindacale che fa politica a manifestare contro la pioggia, l’UDC sta nel guado, dopo che Berlusconi gli ha chiuso la porta in faccia, è tentato dalle lusinghe di una alleanza con il PD, ma Casini per primo sa che la maggioranza degli elettori che gli sono rimasti non lo seguirebbe in questa avventura e ancora spera, magari dopo le europee dell’anno prossimo, in un accordo con il PDL per le regionali del 2010, ma il “vitello grasso” è già stato ucciso e mangiato, l’ultima speranza è affidata a nuova legge elettorale sul modello tedesco che gli aprirebbe nuove possibilità.
Su tutto questo governa,anzi no, regna Berlusconi, pacatamente e serenamente, non si vede ne a medio ne a lungo termine chi e cosa possa impensierirlo.
L’Italia ha finalmente un governo che governa e decide, è proprio vero, si è voltato pagina, è la nuova stagione.







sfoglia     giugno       
 

 rubriche

Diario
Immagini del giorno
Trinariciuti
Politica
Miseria,Terrore e Morte
Silvio Berlusconi
Parole in libertà

 autore

Ultime cose
Il mio profilo

 link

MARA CARFAGNA
IDEAZZURRA
NON SOLO NAPOLI
AG BELLUNO
KOMUNISTELLI
PER IL POPOLO DELLA LIBERTA'
FILIPPO
IL BERRETTO A SONAGLI
FAZIOSO LIBERALE
PENSIERI IN VOLO
VOCERIBELLE
MARALAI
AMPIORESPIRO
F. STORACE
LA DESTRA NEWS
IL VELINO
YOUTUBE
CASA DELLE LIBERTA':
FORZA ITALIA
FORZA ITALIA GIOVANI
FORZA ITALIA SENATO
FORZA ITALIA CAMERA
FORZA ITALIA GRUPPO EUROPEO
ALLEANZA NAZIONALE
LEGA NORD
UDC
NUOVA DEMOCRAZIA CRISTIANA
NUOVO PSI
MOVIMENTO PER L'AUTONOMIA
PARTITO LIBERALE
PARTITO REPUBBLICANO
RIFORMATORI LIBERALI
STEFANIA CRAXI
ALESSANDRA MUSSOLINI
PENSIONATI
MOVIMENTO SOCIALE-FIAMMA TRICOLORE
PARTITO POPOLARE EUROPEO
CIRCOLO DELLA LIBERTA'
CIRCOLO GIOVANI
MEDIA:
ADNKRONOS
ANSA
AVVENIRE
CORRIERE DELLA SERA
DAGOSPIA
FAMIGLIA CRISTIANA
IL FOGLIO
IL GIORNALE
IL LEGNO STORTO
IL MANIFESTO
IL MESSAGGERO
IL SECOLO XIX
ILSOLE24ORE
IL TEMPO
ITALIA LIBERA
LA 7
LA DISCUSSIONE
L'ESPRESSO
LIBERAZIONE
LIBERO
L'OPINIONE
L'OSSERVATORE ROMANO
LA PADANIA
LA STAMPA
LA TV DELLA LIBERTA'
L'UNITA'
MEDIASET
NOI PRESS
PANORAMA
POTERE SINISTRO
QUOTIDIANONAZIONALE
RAGIONPOLITICA
RAI
RAI TELEVIDEO
RASSEGNA STAMPA
REPUBBLICA
SONDAGGI POLITICO-ELETTORALI
TGCOM
THINK-TANK:
FONDAZIONE LIBERAL
FREE FOUNDATION
IDEAZIONE
ISTITUTO BRUNO LEONI
MAGNA CARTA
WEB JOURNAL:
BLOG-SHOW
BOOKCAFE
LIQUIDA
DICEVI? BLOGS JOINER
TOCQUEVILLE-LA CITTA' DEI LIBERI
FORUM:
ALFEMMINILE
CORRIERE FORUM
DONNA MODERNA
FORUM NUOVO PSI
FUORI DI TESTA
GIOVANI IT.- POLITICA
L’UNITA’
LA STAMPA FORUM
MARCO TRAVAGLIO FORUM
POLITICA ON LINE
REPUBBLICA
ULIVO/PD
SITI…ONOREVOLI:
ANTONIO PALMIERI
BENEDETTO DELLA VEDOVA
CLEMENTE MASTELLA
CARLO GIOVANARDI
GIULIO TREMONTI
RENATO BRUNETTA
PAOLO GUZZANTI
TOTO’ CUFFARO
AURORA86 CONSIGLIA:
!!:::GOVERNO PRODI
123 BETA
A CONSERVATIVE MIND
ACROSS THE BORDER
ADESTRA
AD SIDERA
AG AVERSA
AGE-VERNACOLESE
AKELA THE WOLF
ALEPUZIO
ALESSANDRA FONTANA
A LOOK TO THE RIGHT
ALTERNATIVA POPOLARE
AMANDACCO
AMERICAMERCATOINDIVIDUO
AMERICA THE BEAUTIFUL
ANNI DI SANGUE
ANTIKOMUNISTA
ANTIEUROPEO
ARCHEOPTERIX
ARMONIA DEI SENSI
ASTROLABIO
ATROCE PENSIERO
AZIONE GIOVANI
BALESTRATESI
BANDO ALL'IPOCRISIA
BARNEY PANOFSKY
BARRY GOLDWATER
BATTITORE LIBERO
BIETTO(ANCHE SE NON CI SEI PIU')
BIG DOGS WEBLOG
BLAKNIGHTS
BLOGIORNALE
BLOG PER SILVIO
BOTTOMLINE
C'E' WALTER
CALAMITYJANE
CALIMERO
CALVIN
CAMELOT DESTRA IDEALE
CAMILLO
CANTOR
CAPPERI
CARLO MENEGANTE
CATEPOL
CASTELLO BIANCO
CENSURAROSSA
CENTRODESTRA
CIRCOLO DELLA LIBERTA’ GOLFO DEL TIGULLIO
CIRCOLO GIOVANI FIRENZE CENTRO STORICO
CIRCOLO DELLA LIBERTA’ IL CAMINETTO
CIRCOLO LIBERTA’ TORINO
CHE CI DEVI FARE
CIVILTA'
COMMERCIALISTA
CONTROCORRENTE
C'E' POCO DA RIDERE
DALL’ALTRA PARTE
DAVERIK
DAW
DEBORAH FAIT
DEEARIO
DEIMM
DESTRA LAB
DIETRO LE LINEE NEMICHE
DILLA TUTTA
DORIA
DUMBS OX DAILY
EL BOARO
FABIO SACCO
FACE THE TRUTH
FATTI&MISFATTI
FENOMENI IN GIRO NON C’E’ NE
FREEDOMLAND
FREE THOUGHTS
FORT
FORZA FRIULI
FORZA ITALIA-BLOG
FULVIA LEOPARDI
GABIBBO
GAETANO SAGLIMBENI
GAWFER
GEMELLE GLITTER
GERMANYNEWS
GIANNI DE MARTINO
GIANFRANCO FINI PREMIER
GIANGIACOMO’S THINK THANK
GINO
GIOVANNI VAGNONE
GIOVANI AZZURRI VENETO
GIOVANI CON SILVIO
GIULIA NY
GRAZIE BERLUSCONI
GRENDEL FROM THE MOOR
HARRY
HARRY'S WORLD
HURRICANE
I DIAVOLI NERI
IGNAZIO ARTIZZU
IN GOD WE TRUST
ING.GAS NEO CON WEBLOG
INGEGNERBLOG
INNOVAZIONE GIOVANI
IL BARONE NERO
IL BLOG DELL'ANARCA
IL CAMPER
IL CASTELLO
IL CIELO SOPRA KABUL
IL FILO A PIOMBO
IL GIOVINE OCCIDENTE
IL GIULIVO
IL GRANDE GABBIANO
IL GRINCH
IL MANGO DI TREVISO
IL MASCELLARO
IL MIO MONDO
IL MISCREDENTE
IL NANO
IL RE DELLA MONNEZZA
IL REAZIONARIO
IL SIGNORE DEGLI ANELLI
IL SORVEGLIATO SPECIALE
IN ETERE
INYQUA
IL MOTEL DEI POLLI ISPIRATI
IL RUMORE DEI MIEI VENTI
IO&LUI
ITALIA LAICA
ITALIAN LIBERTARIANS
ITURADASTRA
JIHADI DU JOUR
JOYCE
KAGLIOSTRO
KATTOLICO
KRILLIX
L'USSARO
LA CASA DELLE LIBERTA' BLOG
LA CITTADELLA
LADYJADINA
LA GRANDE FORZA DELLE IDEE
LA LIBERTA’ VA CONQUISTATA OGNI GIORNO
LA RISCOSSA
LA TAVOLA ROTONDA
LA TERRA DI MEZZO
LA TESTATA
LA VOCE DEL PADRONE
LE BARRICATE
LEFTKILLER
LE GUERRE CIVILI
LIBERALIDEA
LIBERALI PER ISRAELE
LIBERIAMO MASSA
LIBERTA' AZZURRA(LA)
LIBERTARIAN POST
LISISTRATA
LOGICA
LUCAP.
LUCARIELLO.TK
LUXOR
M&A
MANOLO
MAODDI
MARCOPAOLOEMILI
MARINIELLO
MATTEO SANNA
MELANDRINA
MEMORIE DI UN TERRONE
MEZZOGIORNOEUROPEO
MIKEREPORTER
MITHRANDIR
MISSIONARIO
MONDIAL POST
MONDOPICCOLO
MUSICAEPOLITICA
NNHOCAPITO
NEBBIA IN VALPADANA
NE QUID NIMIS
NEOCON ITALIANI
NON PORGIAMO L'ALTRA GUANCIA
NON SI ABBIA TIMORE DI PUNIRE CAINO
NEXTCON
OGGI
OLIFANTE
ORPHEUS
OTIMASTER
PARBLEU
PARLA PER TE
PAROLIBERO
PARTIGIANO WILLIAM
PASSAGGIO A NORD EST
PASSAGGIO AL BOSCO
PAROLE&PENSIERI
PATRIOTI SI NASCE
PEGGIO SORU
PENDENTE A DESTRA
PERLAS
PESCARA LIBERA
POLITICALLY-SCORRECT
POLITICANDO
PORNOROMANTICA
POSIZIONE AUTARCHICA
PRO AMERICAN MOVEMENT
PROVOCAZIONE
PSEUDOSAURO
QUALCOSA DI DESTRA
QUID TUM?
RADICI E LIBERTA'
REJECT THE UN
ROBI
ROBINIK
ROLLI
SALVATORE LAURO
SARA-90
SARA PETELLA
SAURA PLESIO
SCHEGGE DI VETRO
SCHELETRI-SINISTRI
SCIOPENAUER
SGS
SICILIA RADICALE
SIETE PROPRIO COGLIONI
SIGLOBAL
SILVIOBERLUSCONIFANSCLUB
SILVIO NON FARMI ASTENERE PIU'
SINISTRERIA
SLIVERS OF MY SOUL
SONGCODES
SOSTIENI LANDRIANO
STARSAILOR
STATO MINIMO
STUDENTI PER LA LIBERTA'-MI
STUDIO LEGALE FIORIN
SUPERUOMO
SVULAZEN
TBLOG
TEXAS FRED
TEOCON
THANK YOU AMERICA
THE BRAIN WASH
THE HOLE IN THE WALL
THE JUST CHOICE
THE MOTE IN GOD’S EYE
THE NEW OBJECTIVIST
THE REAL CONSERVATIVE
THE RIGHT NATION
THUMBRIA
UGO MARIA CHIRICO
UPL
USER 2501
VALEFORN
VALERIO METRONIO
VELVET
VEXILLA
VIRGILIO FALCO
VITA E PASSIONI
VIVENDO E IMPARANDO
VOCIRPINE
VOTA SILVIO
W LA LIBERTA'
WALKING CLASS
WIND ROSE HOTEL
ZANZARA

Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0

Feed ATOM di questo blog Atom