.
Annunci online

  Aurora86 AZZURRA LIBERTA' - * BLOG MORALMENTE INFERIORE *
 
Diario
 





   


HOME PAGE BLOG

AZZURRA LIBERTA'-ASCOLTA
 

INNO FORZA ITALIA-ASCOLTA
 



In una democrazia è il popolo
che sceglie i leader, non sono
i leader che scelgono il popolo.
Silvio Berlusconi 02/12/2006

MENO MALE CHE SILVIO C'E'



PROGRAMMA DI GOVERNO
2008-2013


TUTTI I CANDIDATI DEL
POPOLO DELLA LIBERTA'





Vota Berlusconi

 




...andremo avanti con la forza
della gente contro i parrucconi
della politica.-Silvio Berlusconi
P.zza S.Babila Milano 18/11/2007





Vota Berlusconi
 






"Lightmysite.it promuove il tuo blog  
sui motori di ricerca con
Promoblog
- fai luce sul tuo blog..."                  


"La difesa della libertà è la
missione più alta,più nobile,
più entusiasmante che      
ciascuno di noi possa avere
l'avventura di fare."     
Silvio Berlusconi  
























"E' sorta in questi anni 
un'altra Italia, umile e  
tenace , orgogliosa e    
onesta, moderata  ma   
ferma  nel  difendere   
i  principi  di  libertà,   
che  non  ha  nessun    
passato da nascondere 
e  che  soprattutto non 
ha paura di sperare e di
credere. Questa  Italia 
siamo  noi,  si  chiama  
FORZA  ITALIA  "     
Silvio Berlusconi





STO LEGGENDO:
CAMBIARE REGIME
La sinistra e gli ultimi
45 dittatori(Einaudi)


"Cos'altro dovrebbe fare
la sinistra,se non lottare
contro  le dittature  e
battersi per liberare i
popoli oppressi?"



LA GRANDE BUGIA 
"Le sinistre italiane e
il sangue dei vinti".
 


GRAZIE ORIANA: PENSIERI
E PAROLE INEDITI DOPO
L'11 SETTEMBRE.



Technorati Profile

Add to Technorati Favorites

Save This Page
del.icio.us my del.icio.us
Registra il tuo Blog
I am Aurora86 on del.icio.us
Add me to your network




Aurora86
? Grab this Headline Animator

Enter your email address:

Delivered by FeedBurner

Subscribe in a reader


Add to Google Reader or Homepage
Subscribe in NewsGator Online
Subscribe in Rojo
Add to My AOL
Add to netvibes
Subscribe in Bloglines
Add to The Free Dictionary

Add to Plusmo
Subscribe in NewsAlloy
Add to Excite MIX
Add to netomat Hub
Add to fwicki
Add to flurry
Add to Webwag
Add to Attensa
Receive IM, Email or Mobile alerts when new content is published on this site.
Add Aurora86 to ODEO
Subscribe in podnova

Add to Pageflakes

Subscribe to Aurora86

I heart FeedBurner

Visit the Widget Gallery
View blog reactions


Liquida



BlogItalia.it - La directory italiana dei blog

Blog Aggregator 3.3 - The Filter

Elenco dei Blog italiani blog Directory, inserisci il tuo

Blog-Show la vetrina italiana dei blog!












































PUBBLICIZZA GRATUITAMENTE
IL TUO SITO CON FREE -      
PUBBLICITA' GRATIS ! ! !      
CLICCA QUI...










"Troppo spesso è stata dimenticata   
la moralità del fare, la moralità del    
realizzare il programma annunciato  
agli elettori, la moralità dell’operare  
per mantenere gli impegni e per         
mantenere la parola data.                  
Per noi, la moralità nella politica        
consiste soprattutto nel mantenere  
gli impegni."   Silvio Berlusconi 


ARCHIVIO
SETTEMBRE 2008
AGOSTO 2008
LUGLIO 2008
GIUGNO 2008

MAGGIO 2008
APRILE 2008
MARZO 2008
FEBBRAIO 2008
GENNAIO 2008
DICEMBRE 2007
NOVEMBRE 2007
OTTOBRE 2007
SETTEMBRE 2007
AGOSTO 2007
LUGLIO 2007 

GIUGNO 2007
MAGGIO 2007
APRILE 2007
MARZO 2007
FEBBRAIO 2007
GENNAIO 2007
DICEMBRE 2006
NOVEMBRE 2006
OTTOBRE 2006
SETTEMBRE 2006
AGOSTO 2006
LUGLIO 2006
GIUGNO 2006
MAGGIO 2006







who's online


      

AURORA86
FEED IMAGES








29 settembre 2007

AUGURI PRESIDENTE.

I migliori auguri di buon compleanno al Presidente Silvio Berlusconi,unica speranza di salvezza di questo maltrattato paese,grazie per tutto quello che hai fatto e che ancora farai.





Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. berlusconi auguri

permalink | inviato da Aurora86 il 29/9/2007 alle 15:34 | Versione per la stampa


29 settembre 2007

CIAO ZANZARA, CI MANCHERAI.

Oggi passando su  Tocqueville , giusto il tempo di notare con effimero piacere  che un mio post risultava tra i più votati, quando alzando lo sguardo, ho visto la testata listata a lutto: Zanzara ci ha lasciato.
Una persona stupenda, piena di humor e gioia di vivere,che io non ho avuto la fortuna di conoscere personalmente,l’ho conosciuta e apprezzata soltanto attraverso il suo blog.
Era già da un po’ che non scriveva più,una malattia fulminea l’ha tolta troppo presto da questo mondo, ci aveva illusi qualche mese fa lasciando 2 o 3 commenti.
Ciao Luisa,io continuerò a passare dal tuo blog,soprattutto quando sarò malinconica e avrò pensieri tristi,sarà il miglior modo per sentirti ancora tra noi.
Ciao Zanzarina,kiss



         


Perché la vita è un velo,
fatto di stelle in cielo
fino a confondersi le mani.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. ciao zanzara

permalink | inviato da Aurora86 il 29/9/2007 alle 0:32 | Versione per la stampa


28 settembre 2007

ANCORA RINCARI PER PANE E PASTA.

Si conferma il rincaro degli alimentari, in particolare della pasta e del pane. Secondo i dati Istat, a settembre, il prezzo del pane e' aumentato del 7,3% e quello della pasta del 4,5%. Aumento considerevole anche per la frutta, che registra un +5,6%. Il latte e' aumentato del 3,4%. Nella differenziazione tra i beni alimentari lavorati e non lavorati, l'Istat ha indicato un maggiore rincaro per i lavorati, che registrano un +2,7% rispetto al +2% di agosto. Per i non lavorati l'aumento e' del 3,2% rispetto al 3% del mese scorso. Per una sola voce si segnala un ribasso: le tariffe aeree sono diminuite del 9,6%.
AGI 28/09/2007

Tra gli aumenti dei prezzi al consumo sale anche il costo riservato a chi fa la pausa pranzo fuori casa. Secondo l'Osservatorio di Federconsumatori il pasto della pausa pranzo, composta da un piatto di pasta, acqua, gelato e caffé, può costare circa 9,35 euro al giorno, il 6,2% in più rispetto al 2006. Il consumatore spende 206,80 euro al mese. Per l'Osservatorio molti consumatori si portano ormai il cibo da casa.
Una cifra che, se raffrontata con uno stipendio medio di 1.150 euro al mese, è pari a circa il 17,9% della retribuzione, il 7% piu' rispetto al 2006.
Nessuna meraviglia,visto che ormai pane,pasta,latte ecc. ,con gli ultimi aumenti, se non sono diventati beni di lusso, ci manca poco.
Un altro salasso per le famiglie italiane sta per arrivare dagli aumenti di luce e gas, rispettivamente del 2,4% e 2,8% ,che incideranno per altri 36 euro annui nel bilancio familiare. 
Io mi domando e vi domando: “le solenni promesse di controllo di prezzi e tariffe fatte dal governo,che fine hanno fatto”?



Update 29/09/2007 : Prezzi:rincari, 800 euro a famiglia
Per aumenti di alimentari, luce e gas, libri e trasporti
Per le famiglie italiane l'autunno sara' all'insegna di una vera e propria stangata da 800 euro l'anno. A fare i conti sono i Consumatori.
Adusbef, Codacons, Adoc e Federconsumatori, tabelle alle mano, fanno una ricognizione dei rincari, tra quelli gia' scattati e quelli in arrivo, spingendosi a quantificare il maggiore impatto - nel caso di famiglie con il mutuo - fino a quasi mille euro l'anno. Solo per la spesa le famiglie italiane devono mettere in conto '420 euro in piu' l'anno'.
ROMA, 29 SET (ANSA)
Che aggiungere? Ogni altro commento è superfluo.


27 settembre 2007

VOLANO GLI STRACCI.

Più persone entrano ,più bestie si vedono” , così recita un vecchio slogan circense, che ben si adatta alla farsa della riunione di maggioranza??? che si è svolta a Palazzo Chigi presieduta da Romano Prodi, oltre una quarantina i presenti infatti tra ministri,segretari di partito, e capigruppo  parlamentari,un vero “Circo Barnum”.
Nel disperato tentativo di tamponare le falle che si aprono quotidianamente nella dissestata compagine di governo,Prodi aveva pensato persino di invitare singoli gruppuscoli e senatori dissenzienti, tentativo fallito perché questi ultimi hanno risposto picche, evidentemente non possono promettere quello che non intendono mantenere, così si spiega l’assenza dei vari Dini,Bordon, Manzione, Rossi ecc., altra assenza di spicco quella del ministro Mastella,ufficialmente per motivi di salute,in realtà seccatissimo per la mancata solidarietà della coalizione agli attacchi ricevuti ultimamente.
Si era comunque capito che non tirava aria buona,prima Di Pietro dichiarava che il caso Visco in discussione la settimana prossima al senato,con un conseguente passo indietro del vice ministro dell’economia, è un occasione da non perdere per procedere velocemente a un rimpasto che snellisca l’elefantiaca compagine di governo, cosa vista come il fumo negli occhi dal resto della coalizione, poi Lamberto Dini annunciava la fuoriuscita dal gruppo dell’Ulivo,ritenendo pertanto di avere le mani libere e che quindi ogni emendamento sarà valutato senza disciplina di coalizione e sibillinamente chiosava: “i governi non sono eterni” ,successivamente il neo acquisto del Partito Democratico,Follini, consigliava Prodi di blindare la finanziaria e poi dimettersi: “qui non si riescono ad approvare i verbali delle sedute precedenti,figuriamoci la finanziaria”, nel contempo l’ex senatore del PDCI Rossi, convocava una conferenza stampa per presentare la nuova forza rappresentata in parlamento:” Movimento politico dei cittadini”, infine il Corriere rivelava un nuovo sondaggio riservato che da l’Unione in caduta libera, quattordici punti di distacco dalla CDL.
Non ha sorpreso più di tanto quindi il secco no della sinistra radicale alla finanziaria,che ne chiede la riscrittura totale,affidandosi comunque alla mediazione di Prodi.
Ma da mediare rimane ben poco,e qualunque mediazione provocherà comunque un pasticcio.
Sembrano gli ultimi giorni di Pompei, ognuno cerca di portare via quanto più possibile, la migliore dimostrazione,caso mai ce ne fosse ancora bisogno, che l'Italia attualmente non ha un governo, ammesso che questo lo sia mai stato.
Se si continuerà ancora con questa agonia, con un governo senza alcuna capacità decisionale e sottoposto ai ricatti di questo o quel partito o gruppetto politico,le conseguenze di questo accanimento terapeutico per il paese e i cittadini non potranno che essere negative, è uno spettacolo francamente imbarazzante, ogni vertice peggiora i rapporti tra le componenti della coalizione, se proprio nessuno si vuole assumere la responsabilità di staccare la spina, l’iniziativa la prenda lo stesso Prodi, per il bene del paese si dimetta, la migliore risposta che si può dare all’antipolitica è un governo che decida,che sappia dire si e no.




26 settembre 2007

MA TU ARRIVI A FINE MESE?

Ha fatto sensazione la notizia del pensionato sorpreso a rubare in un negozio di generi alimentari  un pacco di pasta e un pezzo di formaggio, la cosa più triste è la giustificazione addotta per quel gesto: “avevo fame”,cosa che ha commosso la proprietaria del negozio che ha organizzato una colletta per assicuragli le provviste per le prossime settimane.
Quella che potrebbe  sembrare a prima vista un eccezione, è invece la dura realtà per la maggior parte dei  pensionati e per il 50% delle famiglie italiane, grazie ai recenti aumenti, anche pane,pasta,latte e formaggio sono diventati beni di lusso.
Secondo un recente studio dell’ Eurispes infatti, metà delle famiglie italiane hanno la sindrome della “terza settimana”,già al venti del mese non riescono a far quadrare il magro bilancio,mentre circa un quarto ci riesce con qualche capriola, solo il 24% delle famiglie non ha difficoltà.
Aumentano sempre di più coloro che bussano alle mense della Caritas ,sempre meno immigrati,sempre più italiani.
In deciso aumento anche gli indebitamenti con banche e finanziare, e di conseguenza gli insolventi.
Insomma non si arriva a fine mese,e questo ormai non è più uno slogan pubblicitario, è la triste realtà,il governo invece si preoccupa su come far quadrare e mantenere le poltrone, nessuna meraviglia,loro vivono su “second life”.
Che sia questa la felicità che Prodi&C avevano promesso?




25 settembre 2007

IL PROGRAMMA ERA SOLO UNA PRESA IN GIRO…..

Dopo le esternazioni di qualche sera fa in tv, del sen. Polito della Margherita, il quale candidamente ammetteva che “ il programma di governo era stato fatto per cercare di racimolare più voti possibili”, un ulteriore conferma è arrivata da Prodi, che ha “categoricamente escluso” la tassazione delle rendite finanziarie,previste a pag. 283 del programma, e che addirittura erano previste nel DPEF approvato solo qualche mese fa, il tutto per cercare di evitare fughe verso destra da parte di Dini e altri centristi della maggioranza.
Questo però ha immediatamente provocato la reazione della sinistra radicale che chiede senza mezzi termini “l’applicazione del programma”,gli impegni presi vanno rispettati attacca Giordano, “il programma è valido,altrimenti cosa si scrive a fare?” chiosa Bertinotti.
E così i partiti della sinistra radicale si sono autoconvocati in un pre-vertice prima di quello della maggioranza previsto per domani, per mettere a punto strategie e iniziative per il rispetto del programma di governo.
Emerge drammaticamente ,caso mai ce ne fosse ancora bisogno, tutta l’inconsistenza e il pressapochismo di un governo,il cui capo è costretto a mediare ogni giorno su tutto, e impossibilitato a decidere, da qualunque parte la si tiri, la coperta è sempre troppo corta.
Non è certo questo il solo punto di programma disatteso, basti pensare ai DI.CO. di cui ormai non parla più nessuno,oppure all’autentica presa in giro dei lavoratori dipendenti che non hanno visto neppure un euro, sulla riduzione del cuneo fiscale, i benefici sono andati tutti alle imprese mentre in campagna elettorale e nel programma,si promettevano “incrementi sostanziosi” (Sic) nelle buste paga dei lavoratori,questo solo per citarne qualcuno.
Insomma è tutto l’opposto della “moralità del fare” e della “moralità della politica” che consiste principalmente nel mantenere gli impegni e la parola data.




25 settembre 2007

VISCO SE NE DEVE ANDARE.

 Mentre al Senato si avvia la calendarizzazione della mozione presentata da D’Onofrio(UDC) a nome di tutta la CDL, che torna a chiedere a gran voce le dimissioni del viceministro Visco dopo gli sviluppi dell’inchiesta della procura di Roma afferenti alla rimozione del Gen. Speciale comandante generale della Guardia di Finanza, anche Di Pietro con una lettera al Corriere chiede “un passo indietro” all’esponente di governo,anzi secondo l’ex PM,questa sarebbe una buona occasione per incominciare l’operazione di “snellimento “ di ministri e sottosegretari.
A questo punto sono proprio curiosa di vedere chi, e soprattutto con quali argomenti, difenderà l’operato di un “tre volte bugiardo”, così come scrivono a chiare lettere i magistrati della Procura di Roma.



Update 25/09/2007: La mozione sul ritiro delle deleghe a Visco è stata calendarizzata, e sarà discussa e votata in senato mercoledì 3 ottobre prossimo.


24 settembre 2007

NIENTE GINO STRADA STAVOLTA.

Niente Gino Strada stavolta,sono stati liberati da un blitz delle forze NATO i due sottufficiali italiani che sabato erano stati rapiti in Afghanistan mentre viaggiavano in auto nella zona "calda" a un centinaio di chilometri da Herat.
L’operazione è stata condotta dai commandos britannici, in coordinamento con le unità italiane,nel blitz i rapitori 8-9 sono stati uccisi,ma hanno avuto comunque il tempo di far fuoco sui nostri militari che sono stati feriti,uno in modo grave.
I rapitori erano già d’accordo già d'accordo con un comandante talebano, Maulvi Abdul Hamid Ishaqzai, per consegnare gli ostaggi e fare del rapimento un sequestro politico.
Finalmente qualcosa di cui non vergognarci di fronte ai nostri alleati e al mondo intero, è significativo che la parte più rischiosa è stata affrontata dalle truppe inglesi,eppure i nostri incursori della marina rappresentano uno dei migliori reparti al mondo.
Con i terroristi non si tratta.




Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. gino strada italiani rapiti militari liberati

permalink | inviato da Aurora86 il 24/9/2007 alle 16:17 | Versione per la stampa


23 settembre 2007

VERTICE DI MAGGIORANZA ALL’ERGIFE?

Mastella chiede insistentemente che,al vertice di maggioranza previsto per mercoledì prossimo,partecipino anche Dini,Bordon,Manzione e tutti gli altri “microorganismi” che si sono formati al senato,poiché dice il Ministro della Giustizia è con loro che Prodi si deve chiarire,dicano quello che hanno intenzione di fare sulla finanziaria,altrimenti è inutile l’accanimento terapeutico.
Considerato che al vertice, oltre ai microorganismi in aumento costante,partecipano anche i segretari di 11 o 12 altri partiti,non ricordo bene è difficile tenere il conto,nonché i capigruppo parlamentari, suggerisco di affittare per l’occasione le sale congressi dell’Hotel Ergife,Palazzo Chigi potrebbe non bastare a contenere una tale folla.




Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. prodi maggioranza mastella bordon manzione dini vertice

permalink | inviato da Aurora86 il 23/9/2007 alle 20:14 | Versione per la stampa


22 settembre 2007

UN BUGIARDO CON LA BAVA ALLA BOCCA.

 C’è da rimanere basiti nel leggere le carte della procura di Roma in cui i PM chiedono l’archiviazione del procedimento contro il vice ministro Visco, a cui viene contestato un comportamento illegittimo,ma non illecito perché non si è realizzato il dolo.
E ti credo,l’illiceità si sarebbe manifestata con l’effettiva rimozione degli ufficiali dalla sede di Milano,cosa impedita appunto dal Gen. Speciale,che ha pagato con la sua rimozione il fatto di aver difeso i suoi uomini.
Le conclusioni dell’indagine dei PM romani non lasciano adito ad alcun dubbio:
La condotta tenuta - scrivono - è illegittima, perché in violazione di specifiche norme di legge che non gli conferiscono il potere di disporre o di ordinare il trasferimento di ufficiali del Corpo" (si trattava della catena di comando della Guardia di Finanza di Milano). Visco ne "aveva la consapevolezza" e "volontariamente ha tenuto comportamenti antigiuridici".
Sulle ragioni di tale comportamento Visco "ha reso dichiarazioni non solo poco plausibili, ma completamente smentite dagli accertamenti svolti, dagli stessi testimoni da lui indicati, dalla documentazione acquisita".
Visco è un bugiardo,ha mentito almeno tre volte,scrivono i PM romani: 
“Visco - censurano - non dice il vero sull'origine della storia. Perché non è vero che la decisione di trasferire i quattro ufficiali di Milano maturò dopo un incontro del 13 luglio 2006 con l'allora comandante in seconda Pappa e il capo di Stato maggiore Favaro. E' vero semmai il contrario. "In quell'incontro il viceministro si presentò già con un appunto sugli ufficiali in questione". Come è altrettanto vero che "dalla documentazione prodotta dal generale Speciale è emerso che tentativi di interferenza siano emersi anche in altre occasioni". E' - sostengono - la prima bugia di Visco. Non l'ultima.
La seconda riguarda "l'attività e professionalità dei quattro ufficiali di Milano di cui aveva ordinato il trasferimento". Non è vero che mostrassero lassismo nel contrasto all'evasione fiscale. E' vero se mai il contrario. "I quattro ufficiali godevano di giudizi lusinghieri". La terza ha a che vedere con la circostanza che i quattro "da troppo tempo fossero a Milano". Perché, scrivono i pm, è lo stesso Visco, durante il suo interrogatorio del 28 giugno, ad ammettere di "non avere la più pallida idea di cosa facessero". Di essere a conoscenza soltanto "del loro rapporto molto stretto con i vertici della Guardia di Finanza e, presumibilmente, con la precedente gestione governativa". "Dichiarazione - chiosano i due magistrati - che sicuramente confligge con i principi che nel nostro ordinamento regolano il rapporto tra autorità politica e autorità amministrativa".
Altre chicche sulla statura morale e professionale di Visco emergono dalla lettura dei verbali di interrogatorio
Sono io il vero ministro». Una premessa. Visco sostiene a verbale d’essere vice di Tommaso Padoa-Schioppa solo sulla carta. In realtà è lui il vero ministro: «No non sono neanche viceministro - si legge a verbale - se non formalmente, cioè io sono una persona che avendo fatto il ministro delle Finanze, ministro del Tesoro, si è prestato a fare questa cosa, perchè serviva alla Camera e dato che il ministro dell’Economia è un mio vecchio amico e non è un politico io l’ho fatto per dovere..».
«io ho diretto la Guardia di Finanza per quattro anni».
Visto che gli ufficiali erano stimati, portavano i risultati, qual è il vero motivo della rimozione? «A me serviva avere lì gente - sibila - che riprendesse a controllare l’economia milanese».
Ammette: «Quando telefonai a Speciale con la bava alla bocca... per il resto l’ho trattato a pesci in faccia».
Come tutti facilmente possono evincere,è finalmente chiaro nella vicenda tra Visco e l’ex comandante della Guardia di Finanza chi ha mentito,e la storia non finisce certo qui, il Gen. Speciale ha annunciato di voler andare fino in fondo, e già a Novembre ci sarà la deliberazione del TAR che si pronuncerà sul decreto di rimozione impugnato dall’alto ufficiale.
Io mi domando e vi domando, come si fa a tenere sulla poltrona di ministro un’arrogante bugiardo che non ha avuto nemmeno il buon senso di fare gli interessi suoi e dei suoi “compagni di merende”,con un minimo di tatto,accortezza e diligenza?
Altri si sono dimessi per molto meno, come si può chiedere poi al cittadino di avere fiducia nelle istituzioni e nella politica?
Ai tempi del vecchio PCI uno come Visco, che arrecava tali danni di immagine e credibilità al partito sarebbe stato cacciato a calci in culo dalla mattina alla sera, ma qui è una storia diversa,questi la dignità non sanno nemmeno dove sta di casa.
E’ proprio vero,non ci sono più i compagni di una volta.




21 settembre 2007

ALLEANZE DI NUOVO CONIO/2

"Per quanto mi riguarda il governo non corre pericoli i suoi nemici vengono da altre parti ci vuole un chiarimento con questi microrganismi".
“Voglio ripetere quello che ho ufficialmente detto a Telese. Siamo leali con Prodi, con questo governo e questa maggioranza finché Prodi rimane in piedi. Se saltasse, e non salterebbe per le nostre mine, è evidente che per chi parla di 'nuovo conio' noi saremmo preavvertiti e potremmo battere 'nuova moneta'".
Clemente Mastella 21/09/2007

E così coloro che nel Partito Democratico pensavano di avere l’esclusiva per le “alleanze di nuovo conio” sono serviti, anche il buon Clemente da Ceppaloni si prepara a battere “nuova moneta”.
Della serie “la precarietà al governo”.




Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. governo prodi mastella moneta alleanze nuovo conio

permalink | inviato da Aurora86 il 21/9/2007 alle 15:48 | Versione per la stampa


20 settembre 2007

DI PIETRO: PRODI SE NE VADA…..

 ''Prodi deve fare un passo indietro: la gente non ha piu' stima di questo governo.
Emerge chiaramente anche dal mio blog'. Lo afferma Antonio Di Pietro, leader dell'Idv e ministro per le Infrastrutture, in un'intervista a 'Panorama'. "Gli elettori - dice Di Pietro - non hanno piu' fiducia, sono disgustati dai politici e lo dimostra il successo di Grillo. Prodi deve fare un passo indietro. E capire perche' le cose non funzionano piu', l'ingranaggio s'e' rotto. Serve un ricambio generazionale, ci vogliono facce nuove, aria nuova. I ministri sono troppi e inutili'' ''Saro' il primo - aggiunge Di Pietro - a tirarmi indietro se dovesse servire. Ma qualcosa deve cambiare. Perche' dividere Trasporti ed Infrastrutture? Basta un ministero. E siamo invasi di sottosegretari inutili e incapaci. Vanno dimezzati''. Infine Di Pietro dice di condividere ''tutto cio' che ha detto in piazza Grillo, ma non sono di quelli che attacca cappello'', anche perche' ''non vuole uccidere i partiti, dice soltanto che mantengono una classe dirigente di cui non abbiamo piu' fiducia''.
20/09/2007

Ma se ne vadano tutti, è proprio vero che quando la nave sta per affondare i topi sono i primi a scappare, non serve certo Di Pietro per constatare che questo governo ha schifato la stragrande maggioranza degli italiani.
Intanto durante la nuova passione al senato, dove sono in corso le votazioni sulla vicenda RAI anche Mastella è sbottato: “ abbiamo constatato che non c’è una maggioranza, o c’è un chiarimento altrimenti in primavera si vada al voto,non si può andare avanti così”.
Mentre sto seguendo la diretta, il governo,constatata l'impossibilità di approvarla, annuncia il ritiro della sua mozione,si fugge per salvarsi, che vergogna.
Qualcuno si prenda finalmente la responsabilità di staccare la spina al governo, è del tutto inutile prolungare questa agonia.




20 settembre 2007

CATTURATO IL BRACCIO DESTRO DI POL POT.

Nuon Chea, soprannominato "Fratello Numero Due", ossia il Khmer rosso storicamente considerato il braccio destro del capo degli Khmer, Pol Pot, è stato arrestato oggi dalla polizia e dalle guardie del tribunale Onu dopo trent’anni di libertà indisturbata.Sul capo dell’ottantenne Nuon Chea pende l’accusato di essere stato il boia responsabile delle torture perpetrate nei famigerati "Killing Fields", campi di sterminio dove si ritiene che siano stati barbaramente trucidati un milione e 700mila veri o presunti oppositori del regime comunista cambogiano, regime abbattuto dalle truppe vietnamite nel 1979. Lo scorso luglio il tribunale delle Nazioni Unite aveva ufficializzato l’accusa di ‘crimini contro l'umanità’ all'ex magistrato degli Khmer rossi, Duch. Quell’atto ha segnato la prima vera azione giudiziaria contro un leader del regime di Pol Pot, dittatore che morì indisturbato nel 1998, in quella che rappresentava l'ultima ‘roccaforte’ Khmer, Anlong Veng. Insieme a Duch, i magistrati dell’Onu hanno incriminato altri quattro ex gerarchi del regime.I nomi di costoro sono però coperti da segreto, anche se si presume che siano l'ex presidente Khieu Samphan, l'ex ministro degli Esteri Ieng Sary, il funzionario Meas Muth, oltre al già citato Nuon Chea, catturato in una casupola di legno, vicino al confine con la Thailandia e trasferito nella capitale per gli interrogatori, anche se il figlio dell’ottuagenario leader comunista ha riferito a Reuters come già almeno tre occidentali abbiano interrogato l'anziano Nuon Chea.
Agenzia Radicale 19/07/2007
 

Quando i criminali vengono assicurati alla giustizia,anche se con notevole ritardo, è sempre un bel giorno per l’umanità intera.
Mi chiedo se il nostro Presidente della Repubblica,dopo Nagy e i martiri D’Ungheria,le Foibe ecc. ,farà l’ennesimo atto di “pubblica contrizione” , rendendo omaggio alle centinaia di migliaia di vittime di Pol Pot e dei macellai rossi, chiedendo scusa alle famiglie e ai superstiti per la “complicità morale” con questi assassini.
L’ 11 Aprile 1975, il comitato centrale del PCI approvò e controfirmò un documento ufficiale in cui si esprimeva solidarietà al popolo cambogiano, e si magnificava “l’eroica resistenza” di Pol Pot e dei khmer rossi, invitando a sviluppare un grande movimento di solidarietà e di appoggio ai combattenti,“ogni democratico, ogni comunista, sia, come sempre e più di sempre, al loro fianco”.
Quel documento veniva firmato tra gli altri,oltre che da Napolitano,anche da Nilde Iotti, Cossutta, Petruccioli,Bassolino,D’Alema ecc. ecc.
Il tutto mentre dalle colonne dell’Unità,l’inviato Massimo Loche,raccontava “la gioiosa vita nelle zone liberate” (Sic).
Chissà forse dovremo aspettare fino a quando ci sarà una visita ufficiale nel sud-est asiatico, per prendere atto della dissociazione di Napolitano dai suoi ex “compagni di merende”.

              


19 settembre 2007

NON MANCA PIU' NESSUNO…

 Il ministro dell’istruzione Fioroni è stato accolto a fischi e a pernacchie dai disabili che accusano il governo di aver complicato loro la vita con il complesso iter per la certificazione disabilità, elevando il numero degli alunni per classe e riducendo gli insegnati di sostegno.
A protestare insieme ai disabili anche insegnati e precari del mondo della scuola,ma questa non è una novità.
Dopo i disabili mi sembra che siamo al completo,non manca più nessuno, non c’è nessuna categoria che non abbia protestato contro questo governo.
Può darsi che io ricordi male,qualcuno mi corregga se sbaglio.




Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. governo fioroni fischi disabili

permalink | inviato da Aurora86 il 19/9/2007 alle 16:24 | Versione per la stampa


19 settembre 2007

IL SOLITO CRETINO…

Fassino non capisce un cazzo,così il sen.Nicola La Torre si esprimeva a proposito del segretario dei DS nelle intercettazioni acquisite dalla procura di Milano a proposito della vicenda Unipol-BNL, anche io lo penso da un pezzo, però è bello avere delle conferme.
Un ulteriore dimostrazione si è avuta oggi, Fassino evidentemente preoccupato da vari sondaggi che indicano chiaramente come circa il 60% del popolo del Vaffa-Day siano elettori del futuro partito democratico, tentando di mostrare di condividere i sentimenti dei “grillini”, ha scritto una lettera al presidente della camera Bertinotti chiedendo testualmente di “congelare tutte le forme di incremento automatico dei trattamenti economici dei parlamentari”(Sic), a stretto giro di posta è arrivata la risposta di Bertinotti: “La Camera dei deputati ha già congelato gli aumenti automatici delle indennità dei parlamentari per l’anno in corso, come tu sai, essendo deputato, questi aumenti non sono stati erogati”.
Una meschina figura dunque, una lettera per chiedere qualcosa già in atto e già a conoscenza del “deputato Fassino”, giusto per tentare di rabbonire e dare un contentino alla piazza urlante,semplicemente patetico.
Ma c’è qualcosa di molto più grave,Fassino finge di dimenticare che meno di due mesi fa,esattamente il 27 Luglio, il parlamento ha approvato con il voto favorevole dei DS e di tutta la sinistra, e quello contrario di Forza Italia e di tutta l’opposizione , l’articolo 2 della riforma dell’ordinamento giudiziario che prevede l’aumento degli emolumenti ai magistrati, che è legato automaticamente a quello dei parlamentari, si sono già pentiti?
Qualcuno mi spiega che senso ha negare “ temporaneamente” l’adeguamento degli emolumenti a circa novecento parlamentari e concederlo invece a oltre ottomila magistrati senza battere ciglio?
Sarebbe questo il risparmio?
Nulla da eccepire, un vero “genio”,nonchè re delle facce di bronzo.
Qualcuno spieghi a Fassino che: “QUANDO SI CAVALCA LA TIGRE, E’ LA TIGRE CHE GUIDA”! ! !




18 settembre 2007

FINANZIARIA :NIENTE RIDUZIONE TASSE.

Intervistato da Bruno Vespa,Prodi ha dichiarato candidamente che per il momento non ci sarà alcuna riduzione di imposte, è qualcosa che “stiamo studiando” ma non per l’immediato.
Eppure non era lo stesso Prodi che solo qualche settimana fa annunciava trionfalmente che “l’emergenza è finita, si possono ridurre le tasse”?
Fortunatamente nessuno l’ha preso sul serio, ormai tutti hanno capito che questo è il “governo degli annunci”, del resto con la spesa pubblica che ha superato abbondantemente il 50% del PIL,battendo ogni record da diversi lustri, il “tassa&spendiè fisiologico,anzi ci sarebbe da meravigliarsi se l’imposizione fiscale non aumentasse,cosa niente affatto da escludere,si accettano scommesse. 

 




Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. governo prodi tasse finanziaria annunci

permalink | inviato da Aurora86 il 18/9/2007 alle 16:0 | Versione per la stampa


17 settembre 2007

TE LO DO IO IL BOLLINO...

Dopo il V-Day, Grillo invitato dai DS per la festa dell’Unità a Milano, non si è fatto sfuggire l’occasione per prendere a “pesci in faccia” proprio il partito che lo ospitava.
Ne ha avuto per tutti: D'Alema, Baffino, quello che mi accusa di derive fasciste ma che qualche tempo fa telefonava a Fiorani in mutande, chiedendogli se facevano insieme una banca”, il Partito Democratico: “Una roba che nasce morta”, del resto “come fai a credere a un partito che in Campania, come tutor dei giovani, sceglie De Mita?”,c’è ne anche per la moglie di Berlusconi, alla quale dice "te la prendi con le veline ma hai sposato un puttaniere",e via di questo passo.
Ma il bello doveva ancora venire, poiché Grillo annunciava attraverso il suo blog che :"I cittadini devono entrare in politica direttamente. Per la loro tutela e per quella dei loro figli. I Comuni decidono della vita quotidiana di ognuno di noi".
"Dai Comuni - spiega Grillo- si deve ripartire a fare politica con le liste civiche. Le liste che aderiranno ai requisiti che pubblichero' sul blog tra qualche giorno avranno la certificazione di trasparenza 'beppegrillo.it'. Tra i requisiti ci saranno, ad esempio, il non essere iscritti a partiti ed essere incensurati. Le liste potranno comunque chiamarsi come gli pare ed essere autonome nella loro azione.
In effetti si sentiva il bisogno di avere in Italia un altro “autoeletto rappresentante della società civile” che assegna bollini blu e patenti di democraticità a destra e a manca, come se non bastassero quelli che già ci sono, l’unico errore che può fare la politica è quello di prenderlo troppo sul serio.
L’Italia ha bisogno si di una politica fatta in mezzo alla gente e per la gente, e su questo,tranne poche lodevoli eccezioni deve recitare il “mea culpa”, ma quello di cui non ha certamente bisogno sono i “guitti&giacobini da operetta”, forcaioli da strapazzo, giustizialisti con vantaggi editoriali, nani e ballerine ,che venderebbero anche la madre per apparire sulle prime pagine dei media.
La politica è una cosa troppo seria per lasciarla nelle mani di costoro,ne va del nostro futuro.




Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. partito democratico d'alema ds grillo liste civiche

permalink | inviato da Aurora86 il 17/9/2007 alle 15:50 | Versione per la stampa


16 settembre 2007

LE CONSULENZE D'ORO DI BASSOLINO.

Una catena umana ha accerchiato il palazzo della Regione Campania per protestare contro l’ennesimo scandalo della giunta Bassolino: consulenze d’oro per decine di milioni di euro, da assegnare in gran parte con nomine “fiduciarie” e nella totale discrezionalità. Non una manifestazione dell’opposizione, che pure si è associata, ma della società civile. Un centinaio di associazioni senza bandiera politica, che hanno espresso la loro indignazione per uno sperpero di denaro pubblico che è ormai la cifra del governo bassoliniano della Regione.
Il “blitz” clientelare del Governatore è partito, come si conviene, in pieno periodo agostano, nella speranza che il solleone, con i politici in ferie, mettesse la sordina alla nuova “campagna acquisti” di architetti, giornalisti, professionisti, imprenditori. Riguarda il Paser, il piano di sviluppo nella Regione che spalmerà la bellezza di 750 milioni, con un fiorire di consulenze e contratti a tecnici di fiducia.
Per una sola delle linee di azione in cui è diviso il progetto, sono previsti 17 milioni destinati a incarichi esterni e studi di settore. Più di dieci milioni solo per consulenze e contratti non sottoposti ad alcun vincolo e controllo. Per alcune nomine esiste un bando di gara (varato il 3 agosto!) costruito per dare la più ampia discrezionalità di scelta all’assessore alle Attività produttive, Cozzolino, attraverso una commissione di valutazione nominata ad hoc la quale, incredibilmente, deciderà prima dell’apertura delle buste quali parametri determineranno i vincitori. Una procedura opaca e, per questo, trasparente nella sua discrezionalità.
Ma ci sono poi le nomine fiduciarie: 3,6 milioni di euro per una “unità tecnica” della quale non è neppure indicato il numero dei componenti; due milioni per progettare il logo del Paser, per il sito Internet, per convegni e congressi; 1,5 milioni per un piano di comunicazione. E via dicendo. Fuori da ogni regola e da ogni controllo.
Completamente esautorato il personale in forza alla Regione, il cui impegno sarebbe a costo zero e che, evidentemente, non viene ritenuto in grado di svolgere il proprio compito. Nessun coinvolgimento di associazioni di categoria, della camera di commercio, dell’Università.
E’ la “ragnatela Bassolino” efficacemente dipinta da un settimanale in una recente inchiesta: “I pm lo incriminano, il turismo è in crisi, l’economia langue, ma il presidente è sempre più forte”. Grazie a “un controllo capillare su nomine e fondi pubblici che gli garantiscono il consenso”. La Campania simbolo e metafora dell’Italia governata da questa sinistra.
Thanks a Potere Sinistro.




14 settembre 2007

RITORNA IL POPOLO DELLA LIBERTA’.

«Coltivo l'idea di una grandissima manifestazione che sia due-tre volte quella del 2 dicembre: ho visto che il 2 dicembre quest'anno è una domenica e spero di riunire quel giorno tutte le donne e gli uomini delle libertà».
Così si è espresso Silvio Berlusconi alla festa di Azione Giovani di Alleanza Nazionale.
L’intervento del leader della CDL,che ha dialogato a lungo con i giovani di AN ha toccato diversi temi, dalla federazione delle forze del centrodestra che deve portare al Partito delle Libertà, all’occupazione della RAI e delle Istituzioni, e al dialogo sulle riforme.
Su quest’ultimo punto Berlusconi è stato perentorio :”con questa sinistra non si può discutere”,confermando così la chiusura ad ogni dialogo.
"E' come negli ultimi giorni di Pompei...". Silvio Berlusconi per spiegare l'"assalto" alla Rai ha usato questa metafora: come gli abitanti della citta campana cercarono di scappare portando con se' tutto quello che potevano, cosi' il centrosinistra prima di cadere "sta occupando ogni spazio possibile. E' una vera e propria caccia al potere".
"Hanno finito per mettere le mani sulla Rai, così hanno tutte le istituzioni del Paese. Adesso hanno anche lo strumento per poter fare la comunicazione che vogliono al Paese, che peraltro non reagisce come loro desidererebbero a ciò che viene dal governo".
E pretendono anche di mantenere la Presidenza,ma non solo, pretendono anche di nominare un loro esponente alla Corte Costituzionale in sostituzione di Romano Vaccarella che era stato nominato dal centrodestra.
«Sarebbe per me ha detto Berlusconi, una grande soddisfazione se il mio passaggio in politica lasciasse in eredità una grande e compatta forza liberale». Insomma, ha concluso, bisogna andare «dalla federazione verso il partito unico» del centrodestra.
E subito dopo il leader di An Gianfranco Fini si è detto visibilmente compiaciuto e soddisfatto dalla risposta positiva di Berlusconi sul progetto di aggregazione nel centrodestra. Al termine della festa del movimento giovanile di An, Fini spiega che se «il problema politico è quello di arrivare a una federazione delle libertà, a un comitato delle libertà, chiamatelo come volete, nell'ambito del centrodestra», allora «mi sembra che Silvio Berlusconi abbia dato una risposta positiva».





14 settembre 2007

E IL CONTROLLO DEI PREZZI?

Ha fatto scalpore lo sciopero della pasta contro il carovita organizzato dalle associazioni dei consumatori per protestare contro l’aumento spropositato dei generi di prima necessità quali pane,pasta,latte ecc. , la BCE addirittura parla di aumento del 30% rispetto allo scorso anno,mentre l’ISTAT rivela un aumento del 4,2% e del 3% rispettivamente per pane e pasta.
A questo punto qualche domanda sorge spontanea: cosa fa il governo?
Non ci avevano spiegato che l’aumento dei prezzi era dovuto alla mancata vigilanza sugli stessi dal governo Berlusconi soprattutto nella fase di passaggio dalla lira all’euro?
Quali provvedimenti si intendono prendere per evitare che le famiglie italiane,dopo la sindrome della terza settimana come ha certificato qualche settimana fa l’EURISPES ,arrivino a quella della seconda?
Non sarà per caso che in un economia di mercato i prezzi li fanno aziende e consumatori e non si possono imporre per decreto?
E’ sempre così, a chiacchiere sono bravi tutti.....





Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. berlusconi governo sciopero chiacchiere pasta eurispes

permalink | inviato da Aurora86 il 14/9/2007 alle 15:12 | Versione per la stampa


12 settembre 2007

POLTRONIFICIO PRODI .

 Ci sono almeno tre buoni motivi per aspirare legittimamente a una poltrona ben remunerata e partecipare con qualche speranza alla grande lotteria delle nomine del premiato “poltronificio Prodi”: aver contribuito con il premier al disastro dell’Iri, essere transitati almeno una volta dalle parti di Bologna, aver subito una sonora trombatura elettorale. A queste condizioni almeno uno strapuntino, se non una comoda poltrona, è garantita per chi voglia (e chi non vuole?) partecipare della grande abbuffata alla ricca tavola imbandita dal governo dell’Unione.

La nomina dell’inossidabile Fabiani, che i paleontologi ricordano essere stato nel Pleistocene instancabile mediatore tra il segretario Dc De Mita e il presidente dell’Iri Prodi, è soltanto l’ultima perla inanellata dal premier. Le cronache ci rammentano che al professore resta soltanto il rammarico, al quale porrà al più presto rimedio, di non avere ancora piazzato l’ultimo dei suoi fedelissimi rimasto a digiuno, Alessandro Ovi.

Si prendono tutto, con una spartizione senza precedenti”. Chi l’ha detto? Gennaro Migliore, di Rifondazione, all’indomani dell’ultima infornata di nomine all’Enav, alle autorità portuali, all’Anas, alla Cassa Depositi e Prestiti. E se lo dicono loro.

Era cominciata come era cominciata. Con Massimo D’Alema che, all’indomani della risicata vittoria elettorale, con la sua aria da maestrino leggeva a Porta a Porta la tesi numero nove del programma: “Ridurre ministri e ministeri”.

Risultato: la “carica dei 102”, record mondiale assoluto di affollamento governativo.

Poi l’assalto alle istituzioni: due comunisti alla Camera e al Quirinale, Marini presidente con i voti dei senatori a vita. Strada facendo, l’azzeramento dei vertici dei servizi senza un minimo di condivisione delle scelte con l’opposizione, e il vergognoso siluramento del generale della Finanza Speciale, colpevole di aver messo il naso nello scandalo Unipol.

Infine, l’assalto all’arma bianca a tutti gli enti e a tutte le posizioni di sottogoverno. Ecco spuntare così tutti i vecchi amici di Prodi all’Iri: Maurizio Prato all’Alitalia, l’ex direttore generale dell’Iri Ciucci all’Anas, Nicolò Piazza a Sviluppo Italia, Dominedò alla Patrimonio spa.
Non poteva mancare una “spruzzatina” di bolognesi (ad esempio alla Consob) e di “figli di”: primo fra tutti Filippo Andreatta, nel cda di Finmeccanica.

Gli alleati di Prodi non si sono fatti mancare nulla:

  • Pecoraro Scanio ha firmato una raffica di decreti di nomina alla presidenza dei parchi, non dimenticando Leo Autelitano, segretario dei verdi trombato alle elezioni in Calabria;
  • Rutelli si è appropriato del cinema, con nomine a Cinecittà, all’Istituto Luce, a Filmitalia;
  • Di Pietro ha sistemato anche il suo avvocato personale, Sergio Scicchitano;
  • il viceministro De Piccoli si è occupato delle autorità portuali di Bari, Trieste e Livorno, ma scalpita per sistemare un altro autorevole trombato, l’ex sindaco di Civitavecchia, Tidei.

Tra i grandi enti, le Poste sono già nel mirino. Purtroppo per Prodi Enel, Eni e Finmeccanica sono quotate in Borsa e dovrà aspettare le assemblee societarie del 2008. Ma non vede l’ora di arraffare anche queste: per Finmeccanica scalpita Zappa che, chi l’avrebbe mai detto, lavorava con il premier all’Iri.

L’unico colpo che non gli riuscito del tutto: la direzione generale della Rai, dove pure c’è un certo Cappon, che l’Iri ce l’ha nel sangue per paternità e per averci lavorato.

Prodi avrebbe voluto Perricone, che è andato alla Rcs. Ma il premier è stato ampiamente risarcito: è un settimanale rizzoliano Oggi, il cui direttore ha acquistato a peso d’oro le foto di Sircana e le ha tenute sapientemente sottochiave. Favori che non si dimenticano.
Thanks a Potere Sinistro

L'unico commento che si può fare a tutto ciò,è riconoscere fondate e motivate le preoccupazioni di Mastella,quando durante la fase di formazione del governo sbottò : " nemmeno la democrazia cristiana nel 1948 si sognava di occupare tutti gli spazi ,è in atto un arraffa arraffa mai visto",che purtroppo aggiungo io, non si fermerà certo qui.




12 settembre 2007

ADDORMENTATO? NO PENSA...

 


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. prodi immagine grillo addormentato valium

permalink | inviato da Aurora86 il 12/9/2007 alle 16:26 | Versione per la stampa


11 settembre 2007

ALLEANZE DI NUOVO CONIO...

Piero Fassino,a proposito delle alleanze di “nuovo conio” del Partito Democratico, e convinto come tutti del resto,che con una maggioranza risicatissima non si possa più andare avanti a lungo, invita a ristrutturare la squadra di governo e ad aprire a nuove alleanze con UDC e la Lega Nord.
L’UDC non ha i numeri per sostituire la sinistra radicale nella maggioranza,inoltre qualche giorno fa lo stesso Casini citando un sondaggio da lui stesso commissionato,osservava che il 60% degli elettori dell’UDC non voterebbero mai il partito,ove questo si spostasse a sinistra, e ribadiva quindi di essere alternativo all’attuale maggioranza.
Solo qualche giorno fa lo stesso Fassino insieme a Rutelli , chiedeva a Berlusconi di “espellere” la Lega Nord dal centrodestra dopo le dichiarazioni di Bossi, forse perché ci si vogliono alleare loro?
Mi sembra molto difficile che si possa rompere l’asse Bossi-Berlusconi-Tremonti, e in ogni caso nemmeno la Lega Nord ha i numeri per sostituire la sinistra radicale, il tutto senza tener conto del fuoco di sbarramento che arriva dal governo e da molti partiti della maggioranza.
L’ipotesi di alleanza della sinistra con la Lega Nord,ricompare ciclicamente ogni volta che ci sono difficoltà, memorabile l’intervento di D’Alema durante il congresso della Lega al Palatrussardi di Milano il 12 Febbraio 1995 :” LA LEGA NORD E' UN MOVIMENTO DEMOCRATICO POPOLARE,IL MAGGIOR PARTITO OPERAIO DEL NORD, UNA COSTOLA DELLA SINISTRA", e se non ci si allea con le costole…
Della serie, disposti a tutto,pur di salvare le poltrone.

         


11 settembre 2007

11 SETTEMBRE,NON DIMENTICHIAMO...




Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. immagini 11 settembre

permalink | inviato da Aurora86 il 11/9/2007 alle 15:29 | Versione per la stampa


10 settembre 2007

DUE ITALIANI SU TRE “SCHIFATI” DAL GOVERNO.

Questa comunque non è certo una novità, urne,sondaggi,fischi e pernacchie che accompagnano esponenti del governo e presidente del  consiglio non appena mettono il naso fuori dai ministeri o Palazzo Chigi, ne sono la testimonianza più eclatante da un anno a questa parte, un ulteriore conferma,caso mai ce ne fosse ancora bisogno,arriva da un sondaggio di Mannheimer sul Corriere di oggi, il quale ci informa che gli italiani che dicono no a questo governo sono ormai al 68%.
Cattive notizie arrivano anche dal fronte economico-finanziario, con il PIL in frenata,l'Italia si conferma vagone di coda nella crescita in Europa, e la stagnazione dei consumi, addirittura,udite udite “contrazione della spesa nei consumi alimentari”.
Era forse questa la felicità promessa da Prodi e dalla sinistra? E’ proprio vero che al peggio non c’è mai fine.

               


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. governo pil corriere consumi sondaggio contrazione

permalink | inviato da Aurora86 il 10/9/2007 alle 17:40 | Versione per la stampa


9 settembre 2007

V-DAY: IGNORANZA&VERGOGNA.

 Onestamente Grillo lo preferivo quando faceva il comico, adesso che ha sposato l’antipolitica, e lui e suoi accoliti sono disposti a tutto pur di apparire sulle prime pagine dei media, mi è cordialmente antipatico.
La manifestazione,tanto conclamata e attesa,del V-DAY di certo non ha ottenuto l’attenzione dei media, e coloro che vi hanno partecipato,dubito che abbiano capito effettivamente di cosa si tratta e cosa si chiede alle istituzioni.
Prima di tutto però non posso a fare a meno di esprimere profondo sdegno per il vile attacco che è stato fatto al compianto Prof. Marco Biagi nella piazza di Bologna,attraverso un video e le successive ingiurie del pubblico,tanto che l’ex magistrato Libero Mancuso, sdegnato,ha abbandonato la manifestazione.
Uno come Biagi andrebbe santificato e non insultato,se la disoccupazione in Italia è  a un livello mai raggiunto prima,nemmeno negli anni del boom economico, si deve anche al suo impegno e ai suoi studi,da cui è stata prodotta la legge che porta il suo nome.
In  un crescendo di ignoranza,rozzezza, e stupidità, Grillo&C chiedono che il parlamento legiferi su tre punti, a loro dire fondamentali(Sic) :
-La non eleggibilità dei parlamentari che hanno riportato condanne penali a qualunque titolo;
-Il divieto agli stessi parlamentari di essere candidati e rieletti per più di due legislature;
-Il ripristino delle preferenze o dei collegi uninominali per la scelta dei candidati;
Sul primo punto Grillo&C. dimenticano una cosa fondamentale, e cioè che la sovranità appartiene al popolo,le leggi in vigore già disciplinano l’eleggibilità o meno dei parlamentari a seconda del tipo di reato per il quali sono stati condannati.
ll diritto di eleggere o non eleggere i rappresentanti che più gli aggrada, che siano stati condannati o meno,direttamente o attraverso i partiti di riferimento, spetta solo ed esclusivamente al “popolo sovrano”, non a “guitti&giacobini da operetta”.
Sul secondo punto non vale la pena nemmeno di discutere, basterebbe una superficiale conoscenza di un manuale di diritto pubblico o costituzionale,per capire la differenza tra governi ad elezione diretta con limite di mandato, e rappresentanza parlamentare senza limite di mandato, sarà un caso che questa norma non esiste e non è mai esistita in nessun parlamento democratico?
Studiare almeno le nozioni fondamentali di diritto pubblico e costituzionale eviterebbe di proporre  simili castronerie.
Sul terzo punto,forse in qualche modo e con tutti i distingui del caso, si potrebbe essere anche d’accordo, ma bisogna ricordare che le preferenze sono state additate nel passato, come causa di corruzione e voto di scambio, non è chiaro quindi quali correttivi vanno adottati per evitare il ripetersi di tali fenomeni.
E mi fermo qui per carità di patria.




Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. grillo biagi vergogna mancuso ignoranza v-day

permalink | inviato da Aurora86 il 9/9/2007 alle 20:57 | Versione per la stampa


9 settembre 2007

GRANDI OPERE SOLO GRAZIE ALLA CDL.

 Per una volta anche Antonio Di Pietro è costretto a riconoscere quella che è una incontestabile verità, e cioè che le infrastrutture e le grandi opere si fanno e si possono fare solo grazie alla CDL.
''Io appartengo alla coalizione del fare e quando giro il Paese non domando ai miei interlocutori se sono di destra o di sinistra. Anzi, visto che il centrosinistra ha problemi sulle infrastrutture, sto raggiungendo molti accordi con l'opposizione''.
Visti i contrasti con la sinistra radicale su alcune grandi opere pubbliche come la Tav ''stiamo realizzando grandi opere grazie al centrodestra ,e devo dire che molto e' stato fatto dal governo Berlusconi con la legge obiettivo sulle grandi opere che ha indicato le priorita' per il Paese''.
Questo ha dichiarato il ministro ai microfoni di Sky TG 24.
E così mentre i NO TAV si apprestano a portare la loro protesta a Strasburgo,per ribadire all’Unione Europea che non  ci sarà mai il loro accordo per l’opera anche con un tracciato diverso,rischiando seriamente che i finanziamenti previsti vengano dirottati altrove, emerge prepotentemente il pressappochismo e l’inconsistenza esistenziale di questo governicchio.
La “cultura e la moralità del fare” appartengono  a Berlusconi e alla CDL, le infrastrutture moderne servono al nostro paese,che sconta un pesante  gap rispetto ai paesi europei più evoluti, per la competitività e lo sviluppo.
Con questo governo al massimo si può aspirare a costruire qualche sentiero o tratturo, e non è certo una bella prospettiva.




9 settembre 2007

DA AFFITTOPOLI A SVENDOPOLI .

 Nel ’95 l’inchiesta del "Giornale" sui canoni irrisori. Oggi i medesimi protagonisti hanno comprato abitazioni a prezzi scontati. Manca solo D’Alema: dopo le rivelazioni dovette lasciare l’appartamento. "Uno scandalo che si ripete ogni cinque anni" denuncia Sforza Fogliani, presidente Confedilizia. 
Casta continua e privilegio perenne. C’è un filo rosso che lega la prima inchiesta condotta dal Giornale dodici anni fa, nell’ormai lontano 1995, allo scandalo denunciato nell’ultimo numero dell’Espresso. Erano i tempi di «Affittopoli», ovvero delle clamorose rivelazioni sugli affitti irrisori, pagati dai potenti dell’epoca per occupare le case di proprietà degli enti, sparse per la capitale. Un ghiotto bottino immobiliare diventato appannaggio di una vasta schiera di potenti, quella che oggi viene identificata come «la casta», e dei loro parenti e amici.
L’indignazione popolare, di fronte a quella sequenza di conclamati privilegi, fu vibrante, tanto che perfino il Parlamento e la magistratura finirono per occuparsi di quella vicenda. Le conseguenze concrete, però, non furono molte. Certo ci fu chi, come Massimo D’Alema, decise di sfilarsi dal gioco e di lasciare la sua casa in affitto a Trastevere (600mila lire per un alloggio di 185 metri quadrati) per comprarsene poi una in Prati, accendendo un mutuo, come un qualsiasi comune mortale. Lo fece dopo un intervento nella trasmissione Samarcanda di Michele Santoro, in cui affermò che aveva bisogno della casa degli enti perché versava metà del suo stipendio di parlamentare al partito. Ma quello fu l’unico passo indietro, l’unico «scrupolo di coscienza». Gli altri inquilini Vip decisero di affidarsi al fisiologico oblio dettato dal trascorrere del tempo. E di rimuovere il proprio nome dal citofono.
Oggi quegli stessi immobili affittati per molti anni a equo canone (ovvero a prezzi stracciati) sono stati svenduti. E alcuni di coloro che furono protagonisti di «Affittopoli» tornano oggi a figurare negli elenchi dell’Espresso. Come dire che il privilegio da temporaneo è stato reso eterno. Tra i nomi che comparivano negli elenchi del ’95 c’è, innanzitutto, quello di Franco Marini, casa Inpdai di 150 metri quadrati ai Parioli allora in affitto prima a 700mila lire mensili e poi, dopo l’applicazione dei patti in deroga, a un milione e settecentomila lire. C’è Lamberto Cardia, oggi presidente della Consob, allora sottosegretario alla presidenza del Consiglio, che per il suo appartamento Inpdap all’Eur di 194 metri quadrati, pagava nel ’95 un milione e 94mila lire. E c’è quello di Armando Cossutta che a Via della Stazione di San Pietro pagava per 114 metri quadrati un milione e 8mila lire. Una casa acquistata oggi dalla figlia Maura a 165mila euro. Nella stessa via abitava anche Franca Chiaromonte, con un affitto di 534mila lire per 76 metri quadrati, anche lei oggi diventata proprietaria.
Spulciando negli elenchi si trovano altri nomi tra quelli venuti alla ribalta in questi giorni. C’è Walter Veltroni che per la casa Inpdai di Via Velletri da 140 metri quadrati (L’espresso parla, però, di 190 metri quadrati) pagava 800mila lire. C’è Raffaele Bonanni con un canone d’affitto di 492mila lire per la sua casa al Flaminio di 134 metri quadrati.
O, ancora, Nicola Mancino, in affitto a Corso Rinascimento, in una casa da 170 metri quadrati a un milione al mese (prima del passaggio dall’equo canone ai patti in deroga). Come dire che non c’è solo l’acquisto a prezzi spesso stracciati di oggi, ma anche l’affitto super-scontato di ieri. L’unica certezza è che con «Svendopoli» il pluridecennale assalto delle oligarchie italiane al patrimonio immobiliare degli enti pubblici sembra aver vissuto il suo ultimo atto. O forse il penultimo visto che le vie del potere, in Italia, sono infinite.
Thanks a Potere Sinistro




8 settembre 2007

ALTRIMENTI CI ARRABBIAMO.

 E' possibile "riarticolare la tassazione in modo distributivo, con un sostegno soprattutto alle categorie piu' deboli": cosi' Visco. Il vice ministro dell'Economia sottolinea che "aumentare la tasse non puo' piu' accadere, con una economia ancora cosi' debole sarebbe insostenibile una pressione fiscale che cresce". "Il problema in Italia e' che la gente si arrabbia se gli fai pagare le tasse" ha aggiunto Visco ammettendo che una tassazione "al 42-42,5% del pil e' enorme.
Ansa 07/09/2007

La scoperta dell’acqua calda, è normale che la gente si arrabbi soprattutto se in cambio di una imposizione fiscale,a dir poco esorbitante,riceve servizi da terzo mondo e constata che lo stato e gli enti locali non sono altro che degli enormi carrozzoni mangia soldi per lo più improduttivi.
Poi ci si meraviglia che chi può evade o trasferisce la residenza in Inghilterra,dove l’aliquota massima è del 31% e i servizi sono di uno standard decisamente superiore all’Italia.
Ci voleva un genio come Visco per scoprirlo, si occupi di trasferire o rimuovere ufficiali “scomodi” della GDF, gli riesce decisamente meglio.

         


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. tasse visco pressione fiscale

permalink | inviato da Aurora86 il 8/9/2007 alle 15:31 | Versione per la stampa


6 settembre 2007

DOPO LEGGE ELETTORALE SI VADA A VOTARE.

 "Onestamente non credo che arriveremo a fine legislatura.... credo che un governo che si regge sulla maggioranza di un solo voto è un governo che tira la monetina tutte le mattine quando va all'aula del Parlamento per chiedere che sia approvata una legge e questa situazione che ci è stata consegnata dal voto degli elettori determina in vari gruppi politici la necessità di riorganizzarsi pensando al futuro”.
Il governo Prodi si regge anche su come si sveglia e come decide di essere comprato o di vendersi un singolo parlamentare, è un governo che dice "io speriamo che me la cavo",nell'Unione esiste una dicotomia tra chi vuole spendere e chi vuole risparmiare. Due esigenze ugualmente giuste, ma per compierle occorrerebbe una maggioranza coesa e numericamente sufficiente.
"Va fatta una nuova legge elettorale e poi è opportuno andare alle elezioni".

Antonio Di Pietro-04/09/2007 Sky TG24

Quando anche i ministri non hanno fiducia nella tenuta dell’esecutivo,ogni altro commento è superfluo e inopportuno.




sfoglia     agosto   <<  1 | 2  >>   ottobre
 

 rubriche

Diario
Immagini del giorno
Trinariciuti
Politica
Miseria,Terrore e Morte
Silvio Berlusconi
Parole in libertà

 autore

Ultime cose
Il mio profilo

 link

MARA CARFAGNA
IDEAZZURRA
NON SOLO NAPOLI
AG BELLUNO
KOMUNISTELLI
PER IL POPOLO DELLA LIBERTA'
FILIPPO
IL BERRETTO A SONAGLI
FAZIOSO LIBERALE
PENSIERI IN VOLO
VOCERIBELLE
MARALAI
AMPIORESPIRO
F. STORACE
LA DESTRA NEWS
IL VELINO
YOUTUBE
CASA DELLE LIBERTA':
FORZA ITALIA
FORZA ITALIA GIOVANI
FORZA ITALIA SENATO
FORZA ITALIA CAMERA
FORZA ITALIA GRUPPO EUROPEO
ALLEANZA NAZIONALE
LEGA NORD
UDC
NUOVA DEMOCRAZIA CRISTIANA
NUOVO PSI
MOVIMENTO PER L'AUTONOMIA
PARTITO LIBERALE
PARTITO REPUBBLICANO
RIFORMATORI LIBERALI
STEFANIA CRAXI
ALESSANDRA MUSSOLINI
PENSIONATI
MOVIMENTO SOCIALE-FIAMMA TRICOLORE
PARTITO POPOLARE EUROPEO
CIRCOLO DELLA LIBERTA'
CIRCOLO GIOVANI
MEDIA:
ADNKRONOS
ANSA
AVVENIRE
CORRIERE DELLA SERA
DAGOSPIA
FAMIGLIA CRISTIANA
IL FOGLIO
IL GIORNALE
IL LEGNO STORTO
IL MANIFESTO
IL MESSAGGERO
IL SECOLO XIX
ILSOLE24ORE
IL TEMPO
ITALIA LIBERA
LA 7
LA DISCUSSIONE
L'ESPRESSO
LIBERAZIONE
LIBERO
L'OPINIONE
L'OSSERVATORE ROMANO
LA PADANIA
LA STAMPA
LA TV DELLA LIBERTA'
L'UNITA'
MEDIASET
NOI PRESS
PANORAMA
POTERE SINISTRO
QUOTIDIANONAZIONALE
RAGIONPOLITICA
RAI
RAI TELEVIDEO
RASSEGNA STAMPA
REPUBBLICA
SONDAGGI POLITICO-ELETTORALI
TGCOM
THINK-TANK:
FONDAZIONE LIBERAL
FREE FOUNDATION
IDEAZIONE
ISTITUTO BRUNO LEONI
MAGNA CARTA
WEB JOURNAL:
BLOG-SHOW
BOOKCAFE
LIQUIDA
DICEVI? BLOGS JOINER
TOCQUEVILLE-LA CITTA' DEI LIBERI
FORUM:
ALFEMMINILE
CORRIERE FORUM
DONNA MODERNA
FORUM NUOVO PSI
FUORI DI TESTA
GIOVANI IT.- POLITICA
L’UNITA’
LA STAMPA FORUM
MARCO TRAVAGLIO FORUM
POLITICA ON LINE
REPUBBLICA
ULIVO/PD
SITI…ONOREVOLI:
ANTONIO PALMIERI
BENEDETTO DELLA VEDOVA
CLEMENTE MASTELLA
CARLO GIOVANARDI
GIULIO TREMONTI
RENATO BRUNETTA
PAOLO GUZZANTI
TOTO’ CUFFARO
AURORA86 CONSIGLIA:
!!:::GOVERNO PRODI
123 BETA
A CONSERVATIVE MIND
ACROSS THE BORDER
ADESTRA
AD SIDERA
AG AVERSA
AGE-VERNACOLESE
AKELA THE WOLF
ALEPUZIO
ALESSANDRA FONTANA
A LOOK TO THE RIGHT
ALTERNATIVA POPOLARE
AMANDACCO
AMERICAMERCATOINDIVIDUO
AMERICA THE BEAUTIFUL
ANNI DI SANGUE
ANTIKOMUNISTA
ANTIEUROPEO
ARCHEOPTERIX
ARMONIA DEI SENSI
ASTROLABIO
ATROCE PENSIERO
AZIONE GIOVANI
BALESTRATESI
BANDO ALL'IPOCRISIA
BARNEY PANOFSKY
BARRY GOLDWATER
BATTITORE LIBERO
BIETTO(ANCHE SE NON CI SEI PIU')
BIG DOGS WEBLOG
BLAKNIGHTS
BLOGIORNALE
BLOG PER SILVIO
BOTTOMLINE
C'E' WALTER
CALAMITYJANE
CALIMERO
CALVIN
CAMELOT DESTRA IDEALE
CAMILLO
CANTOR
CAPPERI
CARLO MENEGANTE
CATEPOL
CASTELLO BIANCO
CENSURAROSSA
CENTRODESTRA
CIRCOLO DELLA LIBERTA’ GOLFO DEL TIGULLIO
CIRCOLO GIOVANI FIRENZE CENTRO STORICO
CIRCOLO DELLA LIBERTA’ IL CAMINETTO
CIRCOLO LIBERTA’ TORINO
CHE CI DEVI FARE
CIVILTA'
COMMERCIALISTA
CONTROCORRENTE
C'E' POCO DA RIDERE
DALL’ALTRA PARTE
DAVERIK
DAW
DEBORAH FAIT
DEEARIO
DEIMM
DESTRA LAB
DIETRO LE LINEE NEMICHE
DILLA TUTTA
DORIA
DUMBS OX DAILY
EL BOARO
FABIO SACCO
FACE THE TRUTH
FATTI&MISFATTI
FENOMENI IN GIRO NON C’E’ NE
FREEDOMLAND
FREE THOUGHTS
FORT
FORZA FRIULI
FORZA ITALIA-BLOG
FULVIA LEOPARDI
GABIBBO
GAETANO SAGLIMBENI
GAWFER
GEMELLE GLITTER
GERMANYNEWS
GIANNI DE MARTINO
GIANFRANCO FINI PREMIER
GIANGIACOMO’S THINK THANK
GINO
GIOVANNI VAGNONE
GIOVANI AZZURRI VENETO
GIOVANI CON SILVIO
GIULIA NY
GRAZIE BERLUSCONI
GRENDEL FROM THE MOOR
HARRY
HARRY'S WORLD
HURRICANE
I DIAVOLI NERI
IGNAZIO ARTIZZU
IN GOD WE TRUST
ING.GAS NEO CON WEBLOG
INGEGNERBLOG
INNOVAZIONE GIOVANI
IL BARONE NERO
IL BLOG DELL'ANARCA
IL CAMPER
IL CASTELLO
IL CIELO SOPRA KABUL
IL FILO A PIOMBO
IL GIOVINE OCCIDENTE
IL GIULIVO
IL GRANDE GABBIANO
IL GRINCH
IL MANGO DI TREVISO
IL MASCELLARO
IL MIO MONDO
IL MISCREDENTE
IL NANO
IL RE DELLA MONNEZZA
IL REAZIONARIO
IL SIGNORE DEGLI ANELLI
IL SORVEGLIATO SPECIALE
IN ETERE
INYQUA
IL MOTEL DEI POLLI ISPIRATI
IL RUMORE DEI MIEI VENTI
IO&LUI
ITALIA LAICA
ITALIAN LIBERTARIANS
ITURADASTRA
JIHADI DU JOUR
JOYCE
KAGLIOSTRO
KATTOLICO
KRILLIX
L'USSARO
LA CASA DELLE LIBERTA' BLOG
LA CITTADELLA
LADYJADINA
LA GRANDE FORZA DELLE IDEE
LA LIBERTA’ VA CONQUISTATA OGNI GIORNO
LA RISCOSSA
LA TAVOLA ROTONDA
LA TERRA DI MEZZO
LA TESTATA
LA VOCE DEL PADRONE
LE BARRICATE
LEFTKILLER
LE GUERRE CIVILI
LIBERALIDEA
LIBERALI PER ISRAELE
LIBERIAMO MASSA
LIBERTA' AZZURRA(LA)
LIBERTARIAN POST
LISISTRATA
LOGICA
LUCAP.
LUCARIELLO.TK
LUXOR
M&A
MANOLO
MAODDI
MARCOPAOLOEMILI
MARINIELLO
MATTEO SANNA
MELANDRINA
MEMORIE DI UN TERRONE
MEZZOGIORNOEUROPEO
MIKEREPORTER
MITHRANDIR
MISSIONARIO
MONDIAL POST
MONDOPICCOLO
MUSICAEPOLITICA
NNHOCAPITO
NEBBIA IN VALPADANA
NE QUID NIMIS
NEOCON ITALIANI
NON PORGIAMO L'ALTRA GUANCIA
NON SI ABBIA TIMORE DI PUNIRE CAINO
NEXTCON
OGGI
OLIFANTE
ORPHEUS
OTIMASTER
PARBLEU
PARLA PER TE
PAROLIBERO
PARTIGIANO WILLIAM
PASSAGGIO A NORD EST
PASSAGGIO AL BOSCO
PAROLE&PENSIERI
PATRIOTI SI NASCE
PEGGIO SORU
PENDENTE A DESTRA
PERLAS
PESCARA LIBERA
POLITICALLY-SCORRECT
POLITICANDO
PORNOROMANTICA
POSIZIONE AUTARCHICA
PRO AMERICAN MOVEMENT
PROVOCAZIONE
PSEUDOSAURO
QUALCOSA DI DESTRA
QUID TUM?
RADICI E LIBERTA'
REJECT THE UN
ROBI
ROBINIK
ROLLI
SALVATORE LAURO
SARA-90
SARA PETELLA
SAURA PLESIO
SCHEGGE DI VETRO
SCHELETRI-SINISTRI
SCIOPENAUER
SGS
SICILIA RADICALE
SIETE PROPRIO COGLIONI
SIGLOBAL
SILVIOBERLUSCONIFANSCLUB
SILVIO NON FARMI ASTENERE PIU'
SINISTRERIA
SLIVERS OF MY SOUL
SONGCODES
SOSTIENI LANDRIANO
STARSAILOR
STATO MINIMO
STUDENTI PER LA LIBERTA'-MI
STUDIO LEGALE FIORIN
SUPERUOMO
SVULAZEN
TBLOG
TEXAS FRED
TEOCON
THANK YOU AMERICA
THE BRAIN WASH
THE HOLE IN THE WALL
THE JUST CHOICE
THE MOTE IN GOD’S EYE
THE NEW OBJECTIVIST
THE REAL CONSERVATIVE
THE RIGHT NATION
THUMBRIA
UGO MARIA CHIRICO
UPL
USER 2501
VALEFORN
VALERIO METRONIO
VELVET
VEXILLA
VIRGILIO FALCO
VITA E PASSIONI
VIVENDO E IMPARANDO
VOCIRPINE
VOTA SILVIO
W LA LIBERTA'
WALKING CLASS
WIND ROSE HOTEL
ZANZARA

Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0

Feed ATOM di questo blog Atom