Blog: http://Aurora86.ilcannocchiale.it

UNA FARSA AL SENATO.

«Il Senato, udite le comunicazioni del Governo, le approva», questo era tutto il contenuto dell’ordine del giorno presentato dal centrodestra al senato sull’ampliamento della base USA a Vicenza, il viceministro Ugo Intini  in rappresentanza del governo ha espresso “parere contrario” e accoglieva l’ordine del giorno della maggioranza pieno di distinguo e contraddizioni dopo la relazione del ministro della difesa Parisi.

E’ passato l’odg del centrodestra (152 sì, 146 no e 4 astenuti) che approvava le comunicazioni del governo contro la volontà del governo stesso,precludendo ogni altro voto sulla questione.

A questo punto abbiamo un governo con “maggioranze variabili” che ,contraddicendo se stesso,non approva neppure i suoi atti.

E’ tutto da ridere,se non ci fosse da piangere…..   



Update:"Sono sinceramente dispiaciuto per il comportamento della maggioranza ieri in Senato su una decisione strategica di politica estera. Ma credo, in tutta sincerità e onestà, che, dopo il risultato di questo voto, non ci sia altra possibilità che quella che il Presidente del Consiglio rassegni le dimissioni. Sono costretto a richiederlo nel  mio ruolo di leader dell’opposizione. Un Governo che non ha una maggioranza in politica estera non è un governo politicamente legittimato a governare.
Non è mai avvenuto nella storia della Repubblica che una maggioranza di governo, addirittura su indicazione di un suo Sottosegretario, rifiuti la solidarietà e il consenso a ciò che ha fatto il ministro della Difesa a nome del Governo nella sua collegialità. Qui non è in ballo la costruzione a Vicenza di qualche centinaio di appartamenti ma il rapporto dell’Italia con la più grande democrazia del mondo, gli Stati Uniti d’America. Dopo il voto dei parlamentari del centrosinistra al Senato il ministro degli Esteri e il ministro della Difesa rischiano di non avere più alcuna credibilità internazionale perché non hanno alle spalle una maggioranza parlamentare degna di questo nome. Le dimissioni del Governo sono dunque un atto dolorosamente dovuto per togliere il Paese da una condizione che è insieme grave e paradossale".
Lo ha dichiarato in una nota il Presidente Silvio Berlusconi.

Pubblicato il 1/2/2007 alle 18.22 nella rubrica Politica.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web