Blog: http://Aurora86.ilcannocchiale.it

A PROPOSITO DI PIL....

Premesso che in un mercato globale come il nostro il 90% dell’economia è fatto dalle aziende e dai cittadini, trovo sorprendente che alcuni possano esultare perché il dato definitivo del PIL italiano nel 2006 si attesterà tra 1,9% e il 2%,con una differenza rispetto al PIL UE  che si attesterà tra il 2,7% e 2,8%, del -0,8%.

L’economia italiana ha seguito e continua a seguire l’andamento dell’economia europea,come è naturale,con lo stesso gap rimasto inalterato da oltre un decennio,per rendersene conto basta guardare i dati degli ultimi lustri:

-Nel quinquennio 1996-2000 la media di crescita europea è stata del 2,8% quella italiana del 1,9%=-0,9%;

-Nel quinquennio 2001-2005 la media di crescita europea è stata del 1,5% quella italiana del 0,7%=-0,8%;

dati ufficiali di cui si può prendere visione nel sito eurostat, tutto nella norma dunque.

Del tutto inutili quindi le discussioni di questi giorni su meriti e demeriti dei governi Prodi e Berlusconi,il dato di fatto è uno solo: “l’economia italiana è in ripresa perché lo è quella europea”, e d’altronde non può essere il contrario.
E per quanto riguarda il 2006 è la finanziaria del governo Berlusconi che ha posto le basi per agganciare la ripresa e il gettito fiscale.

Già da quest’anno invece,si vedranno gli effetti sull’economia del governo Prodi,vedremo se una finanziaria “tutta tasse” consentirà di colmare il gap che ci separa dalla UE,io ne dubito, e anche se ciò accadesse dubito che cittadini e contribuenti possano essere soddisfatti di un economia dirigista e statalista,con denaro prelevato dalle loro tasche, che fa assistenzialismo industriale a pseudo grandi imprenditori capaci soltanto di privatizzare utili e profitti e socializzare perdite,cassaintegrati e prepensionati scaricandoli sul groppone dei contribuenti,così sono capaci tutti.

All’italiano medio interessa solo e soprattutto la microeconomia, i dati del PIL non gli servono per “fare la spesa”, problema reso ancora più stringente dal salasso dell’ultima finanziaria e da quello che ci sarà nei prossimi mesi,e di “masochisti” in giro se ne vedono davvero pochi.

Pubblicato il 16/2/2007 alle 17.46 nella rubrica Politica.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web