Blog: http://Aurora86.ilcannocchiale.it

SONO DIVENTATA OMOFOBA.

Non ho mai avuto antipatia per  gay o lesbiche,anzi ho alcuni amici che lo sono,e ho avuto sempre comprensione per i loro problemi quando qualcuno si è confidato con me.

Ero d’accordo a migliorare  leggi già esistenti per facilitare loro convivenza e tanti aspetti della vita quotidiana,ma non certo i DI.CO. che rappresentano un submatrimonio , questo fino a qualche giorno fa.

Adesso però non li sopporto più,hanno stufato, questo voler a tutti i costi imporre i loro diritti come cosa buona e giusta, quasi fossero un’etnia da tutelare o una specie da proteggere, con la tipica saccenteria di chi crede di essere “illuminato e all’avanguardia” e chi la pensa diversamente invece additato come “barbaro e troglodita” ,per non parlare del Papa e degli altri  esponenti della chiesa cattolica a cui si vorrebbe addirittura chiudere la bocca ,supportati in tutto ciò  da pseudo-intellettuali, capi e capetti di partito,giornalisti  d’assalto  e chi più ne ha più ne metta.

Sono rimasta disgustata dalla trasmissione AnnoZero ,dove a parte il fatto che si voleva a tutti i costi zittire il ministro Mastella ,e al solito denigrare chi come lui la pensa diversamente,sono state mostrate scene in una fascia di orario protetto di gay&lesbiche che definire vomitevoli è riduttivo.

Mi chiedo e vi chiedo: “sarà mai possibile agli utenti che pagano il canone, avere una televisione pubblica con giornalisti imparziali e professionali,e non “PROTESI E CIABATTE DI PARTITO”?

Ma la goccia che in me ha fatto traboccare il vaso è stata la manifestazione o meglio la carnevalata di sabato scorso a Roma dove si è deriso il Papa e la chiesa cattolica, per non parlare delle salve di fischi al ministro Mastella,  a cui assistevano compiaciuti colleghi di governo e esponenti di partiti della maggioranza.

Il peggio è stato dato quando addirittura è stato fischiato e contestato l’On. Benedetto Della Vedova, un liberal-radicale che secondo questi pagliacci ha il torto di stare con la CDL e quindi con Berlusconi.

Ebbene io a tutto questo DICO NO , basta con il voler imporre la dittatura delle minoranze, se esiste l’orgoglio gay, da oggi in poi in me c’è l’orgoglio dell’” Italia becera,integralista e fondamentalista “ , esprimo tutta la mia solidarietà a Benedetto Della Vedova, con la consapevolezza che adesso ha avuto la conferma che lui e i Riformatori Liberali stanno dalla parte giusta.

Da oggi in poi,per quanto mi è possibile mi batterò affinché non passi nessuna legge di regolamentazione di convivenze omo o eterosessuali che siano, per prima cosa scriverò ai principali esponenti dell’area liberale e dell’area liberalsocialista di Forza Italia,ovvero Martino,Biondi , Boniver , Prestigiacomo, Moroni, Vizzini, Cicchitto, ecc.ecc., chiedendo loro di non appoggiare,anzi affossare ,qualsiasi legge tendente a regolamentare le convivenze di cui sopra.

Preannuncio sin d’ora piena solidarietà a Mastella e al suo partito,così come alla sen. Binetti e a tutti coloro che nella Margherita e nella sinistra si batteranno per impedire a questi pagliacci di imporre alla maggioranza degli italiani i loro “capricci”.

Lo stato ha il dovere di tutelare la “famiglia naturale” così come prevede l’art.29 della Costituzione,chi si unisce in matrimonio ha dei diritti perché si assume degli obblighi e dei doveri verso lo stato e la società, a questa dunque devono essere destinate le risorse pubbliche.

Chi vuole convivere quali obblighi si assume verso lo stato e la società per avere dei diritti?

Oggi è già prevista per legge la convivenza anagrafica,chi vuole convivere senza distinzione  di omo o eterosessuale, faccia una scrittura privata davanti a un notaio  e se la regolamenti come meglio crede e ritiene opportuno, purchè non in contrasto con nessuna delle leggi vigenti, per gli aspetti economici si possono usare anche le polizze vita reciproche,ma non tocca allo stato regolamentare queste singole scelte.

Se a costoro non gli va bene che emigrino pure in qualche altro “stato civile”, non sentiremo la loro mancanza.

E che vadano tutti al diavolo.




Pubblicato il 12/3/2007 alle 17.17 nella rubrica Immagini del giorno.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web