Blog: http://Aurora86.ilcannocchiale.it

TRASFERITELI TUTTI,LA VERA CASTA.

Come ampiamente previsto, la puntata di ieri sera di AnnoZero dedicata al caso Catanzaro con, tra gli altri, il pm De Magistris e il gip di Milano Forleo, ha scatenato nuove polemiche tanto che persino il sonnecchiante Prodi si è sentito di intervenire : “Credo che la trasmissione non abbia avuto quelle doti di concretezza e serenità che deve avere una trasmissione che riguarda i problemi della giustizia.” e se lo dice lui…
Mastella è scatenato,stamane ha convocato una conferenza stampa nella sede dell’ UDEUR denunciando l’ennesimo attacco mediatico con contorno di “pesanti minacce personali”, e ha puntato l’indice contro i silenzi della maggioranza e l’atteggiamento di una sinistragaudente e intellettualmente corrosiva” (quella del nascente PD ,N.D.A.), poi l’attacco frontale : “O il Consiglio di amministrazione della Rai si dà una regola di comportamento, o attiveremo strumenti parlamentari sfiduciando questo Cda, non abbiamo alternative”, e ancora “"La gente sa quanto guadagniamo noi politici, ma nessuno sa davvero quanto guadagnano, ad esempio, Travaglio e Santoro”.  

Ieri Santoro&C hanno dato il peggio , un caso più unico che raro, un PM , De Magistris sulla cui attività gli ispettori del ministero,magistrati anche loro, hanno rilevato pesanti irregolarità sulla gestione delle inchieste e dell’ufficio,nonché violazioni di segreti d’ufficio, interviste non autorizzate alla stampa, intercettazioni di politici non autorizzate ecc. ecc. , si difende non nel Csm, a cui come per legge sono stati trasmessi gli atti per le eventuali sanzioni e trasferimento d’ufficio, ma dal Csm in televisione e nelle piazze dove guitti&giacobini da operetta, spalleggiati egregiamente da “giustizialisti con vantaggi editoriali”,tirano fuori il peggio del paese,che non si può ricondurre a un ceto o una categoria in particolare,è una categoria dello spirito,sono i bruti e gli informi di Nietzsche,ignoranti nell'anima e invidiosi sociali ,arruolando anche i ragazzi della Locride contro la mafia il cui slogan è diventato TRASFERITECI TUTTI, beata ingenuità, insomma un tentativo nemmeno troppo nascosto di intimidazione dell’organo di autogoverno dei magistrati,e colpevole di tutto viene additato il povero Mastella.

Questo De Magistris deve essere un altro di quei magistrati in “crisi di autostima” perché non compariva sulle prime pagine dei media, o si sentiva in colpa perché non aveva fatto nulla”per meritarsi un ispezione ministeriale”, adesso che le  ha ottenute,se il CSM  lo riterrà non idoneo a proseguire le sue inchieste, lasci libero il campo a qualche altro collega che magari lavorerà professionalmente e  in silenzio  rispettando tutti i crismi di legge.

A dar manforte a De Magistris in trasmissione è intervenuto il GIP di Milano Clementina Forleo, anche lei “autoeletta rappresentante della società civile”(Sic) per le note vicende relative a UNIPOL-BNL.

Insomma per costoro il codice deontologico dei magistrati che prevede equità,professionalità, sobrietà e soprattutto “terzietà” in ogni occasione a causa del delicato ruolo che svolgono, deve essere diventato “un optional”, ma si può capirli,hanno avuto buoni maestri.

Sarebbe stato molto utile inserire nella riforma della giustizia i "test attitudinali obbligatori" per i magistrati così come sono previsti per tutti i dipendenti pubblici,ma non è detto che a breve si faccia con un altro governo,anche tra i magistrati,purtroppo ci possono essere "disturbati mentali".
E’ questa “LA VERA CASTA” altro che i politici, come racconta Bruno Tinti,procuratore di Torino “Gruppi legittimi ma di natura privata, cioè le correnti, decidono su un bene pubblico, la giustizia con i propri rituali, i propri compromessi e le proprie spartizioni, c’è anche un blog
, al quale lo stesso Tinti partecipa, che racconta il malessere per «il male che le toghe fanno a se stesse».

Basta con questo "verminaio" e questo "cancro" che è dentro la magistratura,quando sarà estirpato,sarà sempre tardi per i danni che avrà provocato al sistema giustizia e alla fiducia dei cittadini nella stessa.

Naturalmente è doveroso dire che una buona parte dei magistrati non partecipa a questo scempio,sono tutti coloro che lavorano bene e fanno il loro dovere in silenzio,magari in qualche oscura procura a rischio della loro vita,ed è a questi appunto che i cittadini devono essere grati.

Se proprio si deve manifestare,lo si faccia per "ridurre lo stipendio ai magistrati", poichè i loro emolumenti si adeguano automaticamente a quelli dei parlamentari,che senso ha chiederne la riduzione per un migliaio di onorevoli e poi concederli senza battere ciglio per oltre ottomila toghe?

Bisogna ristabilire il primato della politica e dei politici!
Nella Costituzione proprio per questo è prevista la separazione dei poteri,chi è stato eletto deve poter svolgere il suo mandato senza remora alcuna.
I Magistrati sono giudicati dai magistrati, i politici devono essere giudicati dai loro pari,altrimenti non se ne esce più.

Bisogna ristabilire subito integralmente tutte le prerogative previste dall'art.68 della Costituzione.

Se i Padri Costituenti hanno previsto queste norme ci sarà pure un motivo.

Servono magistrati preparati e professionali,non quelli che si "autoeleggono" rappresentanti della società civile, quelli che sono "frustrati e in crisi di autostima" perchè non compaiono sulle prime pagine dei media, quelli che vogliono "governi condivisi" (Sic), quelli che che si rimproverano perchè non hanno fatto nulla per meritarsi un'ispezione del ministero, quelli che vogliono imporre al parlamento leggi e calendario dei lavori delle camere dimenticandosi che a loro tocca solo applicarle, quelli che "vogliono cambiare la società da dentro le istituzioni", quelli che sono 3 volte resistenti,quelli che dialogano tra diversi tribunali e associazioni tramite mailing-list per discutere su come isolare e fargliela pagare a quei colleghi che sono favorevoli alle riforme e collaborano con il ministero,  quelli che magistrato e PM si sentono telefonicamente per accordarsi(Sic) su come gestire il caso del cittadino-imputato,ovvero la versione riveduta e corretta del "giudice terzo", quelli che ecc. ecc.

Questi  TRASFERITELI TUTTI !!!


Pubblicato il 5/10/2007 alle 21.33 nella rubrica Politica.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web