Blog: http://Aurora86.ilcannocchiale.it

PASSA LA FINANZIARIA MA NON IL GOVERNO.

Il Senato ha approvato la finanziaria 2008 con 161 si e 157 no,contro la manovra ha votato anche il sen. a vita Cossiga in aperto dissenso con il governo per la volontà di istituire una commissione parlamentare di inchiesta sul G8 di Genova nel 2001.
E’ passata dunque la finanziaria, ma non il governo,i dissidenti Dini e Bordon nelle dichiarazioni di voto hanno annunciato il voto favorevole solo per “etica di responsabilità” chiamandosi apertamente fuori dalla maggioranza,giudicando l’attuale quadro politico non idoneo a risolvere i problemi del paese che avrebbe bisogno di ben altro, a cominciare da un nuovo governo e un’altra maggioranza.
"C'è un Paese allo sfascio ha osservato Dini,e bisogna rimediare. Noi faremo le nostre proposte nelle prossime settimane".
"L'attesa e prevista implosione del centrosinistra si è verificata: le dichiarazioni del presidente Dini e del senatore Bordon hanno sancito la fine di questa maggioranza e di questo governo".
Con questa finanziaria la sinistra ha dispensato denaro pubblico effettuando un gigantesco voto di scambio per cercare di tenere insieme una maggioranza esausta che da tempo non esiste più nè moralmente nè politicamente. Domani, sabato e domenica Forza Italia chiama i cittadini a manifestare in tutte le città d'Italia per esprimere la loro sfiducia e la loro indignazione nei confronti di questo governo".
Così il leader di Forza Italia Silvio Berlusconi commenta l'approvazione al Senato della Finanziaria, tornando quindi a chiedere il ritorno alle urne.
 

Pubblicato il 16/11/2007 alle 1.51 nella rubrica Politica.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web