Blog: http://Aurora86.ilcannocchiale.it

BERLUSCONI AI GIOVANISSIMI: ABBIATE CORAGGIO

"Leggete 'Il libro nero del comunismo' perché il comunismo non ha cessato di esistere". E ancora: "Bisogna sempre essere coraggiosi e osare". Silvio Berlusconi è salito in cattedra per mezz'ora. Nel parlamentino di Palazzo Grazioli ha infatti incontrato un gruppo di studenti della scuola media 'Raffaele Resta' di Turi, in provincia di Bari.
I ragazzi, impegnati in un progetto di "educazione alla legalità" sono stati stamane, come racconta il loro preside, la prima scolaresca ad essere ricevuta in Campidoglio dal neosindaco della Capitale Gianni Alemanno.
Giunti a Via del Plebiscito,di ritorno dal Campidoglio, i ragazzi della scuola pugliese hanno riconosciuto la residenza del Cavaliere ed hanno chiesto al Preside ed ai professori di incontrare il Presidente,hanno quindi iniziato ad intonare un coro 'Silvio, Silvio',qualcuno, nello staff, si fa latore della richiesta.
Ed eccoli, i ragazzi, che varcano la soglia della residenza di Berlusconi. Una mezz'ora, strappata alla messa a punto del mosaico esecutivo. Mezz'ora nella quale, raccontano insegnanti e studenti, il leader del PDL ricorda l'importanza della mamma nella sua discesa in campo.
Sapendo che la scolaresca veniva dalla Puglia, ha confermato che l'ex governatore della Regione, Raffaele Fitto, sarà ministro agli Affari regionali. "Io lo avrei voluto come vicepresidente della Camera - avrebbe detto Berlusconi - ma lui ha preferito far parte della compagine di governo".
Ma siccome Silvio Berlusconi è anche il patron del Milan, inevitabile che il discorso cadesse anche sul calcio. Il Cavaliere ha ribadito che ai rossoneri non serve Ronaldinho, mentre ha esaltato il neo acquisto Mathieu Flamini. Alla fine Berlusconi ha salutato i ragazzi donando loro un cd con foto e con gli inni di FI e PDL in versione karaoke dal titolo 'A Silvio' e una foto con dedica. Prima di congedarsi il premier in pectore ha detto: "Scusate ora devo lasciarvi, devo mettere a punto gli ultimi tasselli della squadra di governo".
Adnkronos

Credo che ci siano pochissimi leader e personaggi pubblici al mondo in grado di mettere d’accordo tutte le generazioni e tutti i ceti sociali, giovanissimi, adulti e anziani,uomini e donne, poveri,ricchi e ceto medio, Berlusconi è uno di questi pochi eletti, teniamocelo stretto.



Pubblicato il 7/5/2008 alle 2.10 nella rubrica Silvio Berlusconi.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web