Blog: http://Aurora86.ilcannocchiale.it

ANCHE IL FINANCIAL TIMES DA RAGIONE A BERLUSCONI

Il "Financial Times" si schiera con Silvio Berlusconi nel nuovo, durissimo scontro aperto con i magistrati. In un editoriale intitolato "L'Italia fa bene a tenere a freno i giudici", il quotidiano britannico sottolinea la necessita' di introdurre una legge sull'immunita' -come e' gia', per esempio, nell'ordinamento di Spagna, Francia, Germania e dell'Unione Europea- che "non da' ai funzionari eletti mano libera, ma serve a proteggere il diritto dell'elettorato di essere governato da persone che hanno scelto democraticamente". Tra l'altro, secondo l'editorialista Christopher Caldwell, la domanda da porsi e' se "le accuse contro Berlusconi nascono da una disinteressata richiesta di giustizia o dal desiderio una certa parte dell'elite italiana di rovesciare una scelta popolare che non le piace". Per il Ft, e' un dato di fatto che in Italia, da oltre 15 anni, "i giudici godono di un livello di potere unico in Occidente". "Nei primi anni Novanta -ricorda il giornale- quando gli italiani avvertirono che non avrebbero piu' avuto bisogno di tollerare la corruzione che rientrava in un patto regolare della politica della guerra fredda, giudici ambiziosi destituirono le leadership dei principali partiti in processi corruzione...C'e' stata, in effetti, una reggenza giudiziaria sui funzionari eletti, con i giudici che hanno passato al setaccio la classe dirigente della generazione successiva".

Adnkronos

Di solito la stampa estera non è mai tenera nei nostri confronti ed è pronta a bacchettarci ad ogni occasione , così è anche in questo caso , dove l’editorialista evidenzia i guasti che ha provocato la deriva giustizialista e forcaiola dei primi anni novanta che non si è mai sopita del tutto, una parte della magistratura e procure eccellenti continuano nel provare ad attuare il disegno di cambiare la società da dentro le istituzioni, come prevede lo statuto associativo di alcune correnti, tentando di sovvertire la sovranità popolare, in pratica la ricerca dei “governi condivisi” (Sic) ,che chiedeva il tre volte resistente Borrelli in una famosa intervista, senza nessun ritegno, al Corriere Della Sera.
Se il disegno con Berlusconi non è riesce,è perché gli italiani sono stati ormai vaccinati proprio da questa parte della magistratura militante con le loro accuse che si sono dimostrate infondate, basta citare per tutti il processo SME, dieci anni di veleni e inquinamento della vita democratica italiana conclusi con l’assoluzione in cassazione di Silvio Berlusconi per “non aver commesso il fatto” e perché “il fatto non sussiste”.
Un ulteriore dimostrazione,caso mai ce ne fosse ancora bisogno, dell’urgenza di una legge sull’immunità per le alte cariche dello stato, così come è prevista in tutte le grandi democrazie occidentali, come opportunamente evidenziato dall’editoriale del Financial Times.



Pubblicato il 21/6/2008 alle 16.26 nella rubrica Silvio Berlusconi.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web