Blog: http://Aurora86.ilcannocchiale.it

TANGENTI IN ABRUZZO: ARRESTATO DEL TURCO

Il presidente della Regione Abruzzo, Ottaviano del Turco, è stato arrestato questa mattina dalla Guardia di finanza nell’ambito dell’inchiesta sulla sanità condotta dalla procura della Repubblica di Pescara.
Il numero complessivo delle persone sottoposte ad indagine allo stato è di 35 persone. Oltre al presidente della Regione Abruzzo che - secondo quanto si è appreso è stato condotto in carcere - sono in carcere il segretario generale della presidenza della Giunta regionale Lamberto Quarta, il capogruppo del Pd in Consiglio regionale Camillo Cesarone, l'assessore al Commercio Antonio Boschetti, Gianluca Zelli (ex funzionario del gruppo di cliniche private di Vincenzo Angelini), l'ex manager della Asl di Chieti Luigi Conga. Agli arresti domiciliari, invece, si trovano l’ex presidente della Fira (Finanziaria regionale abruzzese) Giancarlo Masciarelli, l’ex assessore alla Sanità del centrodestra Vito Domenici, l’assessore alla Sanità Bernardo Mazzocca e il suo segretario particolare Angelo Bucciarelli. Al direttore generale dell’azienda sanitaria regionale, Francesco Di Stanislao, è stata applicata la misura del divieto di dimora a Pescara.
Associazione per delinquere, concussione, corruzione, riciclaggio, truffa, falso e abuso d'ufficio: questi i principali reati ipotizzati. L'inchiesta sarebbe la seconda parte di quella avviata due anni fa sulla cartolarizzazione dei crediti vantati dalle case di cura private nei confronti delle Asl abruzzesi per la quale finì in carcere Masciarelli, ex presidente della Finanziaria regionale ritenuto l'artefice di un sistema per un pagamento di tangenti. Secondo l'accusa vi sarebbero stati movimenti di denaro per circa 14 milioni di euro, di cui 12,8 già consegnati.
Alla base degli arresti ci sarebbe infatti proprio la collaborazione importante di Angelini imprenditore della sanità, amministratore della casa di cura Villa Pini d'Abruzzo di Chieti e proprietario della Sanatrix dell'Aquila.
Le somme provento della presunta corruzione e delle presunte concussioni sono 200mila euro per Del Turco e Cesarone; 5.800.000 euro per Del Turco, Cesarone e Quarta (oltre a tentativo per altri 250 mila euro); 110 mila euro per Cesarone e Boschetti; 15 mila euro per Cesarone; 500 mila euro per Domenici e Masciarelli ( oltre al tentativo per altri 500 mila euro); 6.250.000 (oltre a 550 mila euro promessi ma non versati) per Conga. Altre ingenti somme sarebbero state inutilmente pretese o riscosse - secondo quanto accertato dalle indagini - da indagati nei confronti dei quali non sono state richieste o applicate misure cautelari.
Anche Silvio Berlusconi da Parigi,dove si trova in occasione del vertice Euromed è intervenuto sulla vicenda: ''Mi sembra una cosa molto strana che ci sia una decapitazione completa, quasi una retata di un intero governo di una Regione",ho sentito anche il teorema accusatorio e conoscendo l'attuale situazione dell'accusa in Italia...
"Non ha nessuna importanza per me, colpisca questo o quest’altro, ma molto spesso - osserva Berlusconi - i teoremi accusatori sono teoremi che alla fine non vengono confermati.
Il premier cita, per esempio, l’esito del processo riguardo ad un’accusa di reato ambientale commesso in Sardegna: "Secondo l’esito del tribunale di Tempio Pausania sono stato assolto perché il fatto non sussiste. La stessa cosa è successa per Telecinco in Spagna: anche in quel caso la Corte suprema ha assolto tutti i nostri dirigenti perché il fatto non sussiste".
Adnkronos

Un vero e proprio terremoto dunque,che ha completamente decapitato il vertice della regione Abruzzo, io però continuo a domandarmi se la misura dell’arresto in carcere per Del Turco e gli altri colpiti da questa misura cautelare era proprio necessaria, se infatti sono acquisite le prove della corruzione è molto difficile inquinarle, se invece sono solo sospetti allora perché questa spettacolarizzazione dell’operazione di indubbia portata mediatica e che sicuramente causa ingiusta sofferenza agli indagati?
Questo indifferentemente dal fatto che le accuse vengano dimostrate e provate, poi per quanto mi riguarda Del Turco e gli altri sono presunti innocenti sino a sentenza definitiva inappellabile, così come prevede la costituzione e lo stato di diritto, ma questa giustizia spettacolo mi crea un senso di fastidio e disgusto.





Pubblicato il 14/7/2008 alle 17.51 nella rubrica Immagini del giorno.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web