Blog: http://Aurora86.ilcannocchiale.it

SE QUESTO E’ UN LEADER

Ormai non fa più nemmeno ridere, leggendo e ascoltando le dichiarazioni quotidiane di Veltroni si capisce perfettamente perché lui e il PD non sono alla frutta,ma al caffè e all’ammazzacaffè.
Il democratico all’amatriciana,reduce dalla trasferta alla convention dei democratici americani( a proposito chissà se Obama ha almeno ricevuto i Qui,Quo,Qua nostrani), parlando, dell'entusiasmo in Usa per Barack Obama, ha sottolineato che mentre lì c'e' la fila per prendere le magliette di Obama, e' difficile in Italia immaginare gente che compra le magliette di Gasparri.
Ora a parte che Gasparri non ha mai avuto velleità di leadership, e non si capisce quindi che ci azzecca il paragone, tanto che dopo avergli consigliato un bagno di umiltà,il capogruppo del PDL al senato lo ha liquidato con solo tre parole: “bollito,perdente e politico scadente”, se proprio voleva citare qualche leader poteva fare il nome di Berlusconi e chiedersi se la gente avrebbe fatto la fila per le t-shirt con il nome e la faccia di Silvio, anzi avrebbe potuto produrle direttamente e fare un colossale affare,almeno per una volta nella sua vita,avrebbe fatto un po’ di lavoro.
Oltre al bagno di umiltà consigliato da Gasparri,Veltroni dovrebbe fare tesoro anche e soprattutto dei consigli di Arturo Parisi, che dal palco della festa del PD di Firenze lo ha esortato a “imparare da Berlusconi, un grande leader e un grande politico”.
L’ex ministro della Difesa motiva il suo giudizio con il fatto che Berlusconi ha avuto la tenacia e la coerenza di “tenere un filo nel tempo, questo filo lo sta tenendo da 15 anni , e ci ha dimostrato di sapere imparare da vittorie e anche dagli errori”.
Un buon governo ha bisogno di una seria opposizione ,anche dura, ma che sappia confrontarsi e quando ci sono le condizioni condividere alcune scelte, nonché leader degni di questo nome con idee e programmi chiari, che quando parlano o prendono posizione non vengono smentiti un giorno si e l’altro pure da capi e capetti del loro partito,
e non sparano una cazzata al giorno,giusto per dimostrare che ancora esistono.
Per il bene dell’Italia rottamate subito Veltroni, aridatece Fassino o D’Alema, magari anche Rutelli, ma toglieteci questo strazio.



Pubblicato il 6/9/2008 alle 8.30 nella rubrica Parole in libertà.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web