Blog: http://Aurora86.ilcannocchiale.it

TREMONTI PRESENTA LA SOCIAL CARD

Mentre si lavora al decreto anti crisi che dovrebbe essere approvato venerdì dal consiglio dei ministri, di cui ho ritenuto del tutto superfluo parlare, visto che, quelle circolate in questi giorni sono solo ipotesi allo studio, meglio quindi aspettare e vedere cosa c’è di concreto, il ministro dell’economia Tremonti in conferenza stampa a Palazzo Chigi ha presentato una delle cose certe , ovvero la social card per i meno abbienti.
A beneficiarne saranno, per il momento, 1,3 milioni di italiani. La carta è "anonima" e servirà anche per accedere alle tariffe sociali,un bancomat azzurro, del valore di 40 euro mensili più gli sconti delle catene commerciali convenzionate, chi lo riceverà entro il 31 dicembre avrà già un credito di 120 euro per i mesi di ottobre, novembre e dicembre.
E’ destinata ai cittadini ultrasessantacinquenni e famiglie con figli piccoli (fino a 3 anni) che abbiamo un reddito Isee (Indicatore della situazione economica equivalente) fino a 6000 euro, non più di una casa, non più di un'auto. Per chi ha più di 70 anni, la soglia di reddito Isee che dà accesso alla carta acquisti è fino a 8000 euro, nel caso di più figli sotto i 3 anni, gli accrediti si sommano.
Siccome a sinistra hanno delle facce di bronzo degne di miglior causa e già straparlano di “intervento caritatevole” e altre castronerie del genere, cioè fanno quello che gli riesce meglio, la menzogna e il ribaltamento della realtà, è utile ricordare che nell’ultima finanziaria del governo Prodi e del partito democratico l’intervento per i meno abbienti è stato un “una tantumdi 150 euro annui in un'unica soluzione e un intervento per le pensioni minime pari a circa 20 euro mensili, e poiché se ne vergognavano, hanno preferito erogarli tutti in un'unica soluzione e si sono inventati la cd quattordicesima che non corrisponde nemmeno alla metà di una normale mensilità.
Questo giusto per la precisione, poiché i cittadini italiani sanno fare benissimo le loro valutazioni, proprio per questo li hanno mandati a casa senza appello.






Pubblicato il 27/11/2008 alle 22.31 nella rubrica Politica.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web