Blog: http://Aurora86.ilcannocchiale.it

DI PIETRO ETICA E VALORI

Il trebbiatore di Montenero di Bisaccia , alias Antonio Di Pietro, è stato sospeso dall’esercizio della funzione di avvocato per tre mesi dal Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Bergamo per violazione dei doveri di lealtà,correttezza , fedeltà e illecito deontologico nei confronti di un assistito.
Pare che,dopo aver assunto le difese di un amico di infanzia, parte lesa in seguito all’omicidio della moglie, quest’ultimo finisce indagato e si ritrova con Di Pietro nelle vesti di accusatore come rappresentante delle “parti civili” (Sic).
Qualcosa di moralmente ignobile e deontologicamente scorretto, in quanto è un atto illecito previsto dall’articolo 51 del codice deontologico forense, una norma che fa espresso divieto al legale di «assumere incarico contro un ex cliente, in particolare quando il nuovo incarico è inerente lo stesso procedimento nel quale è stato espletato l’incarico precedente».
Interpellato dalla stampa sui fatti, Di Pietro si è trincerato dietro un “no comment” e “risponderò solo in tribunale”.
Nessuna meraviglia, è noto che l’ex PM , per dimostrare di stare sempre dalla partegiusta” e guadagnare qualche straccio di voto è disposto a tutto, persino a passare sopra il codice deontologico, del resto lo aveva già fatto da magistrato, non a caso è il leader dell’Italia dei favori e dei valori immobiliari.
Quello che meraviglia e fa un po’ pena, è vedere come una varia umanità di sfigati & frustrati, forcaioli e giacobini, si facciano titillare da un personaggio del genere, sono davvero senza speranza.

 



Pubblicato il 5/3/2009 alle 23.59 nella rubrica Politica.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web